Posts by tag: imola sport live

Sport 4 Novembre 2018

Serie C: Imolese, con il Vicenza turnover per continuare la striscia positiva

L”Imolese che sfida il Vicenza in campionato cambia ancora interpreti dopo la vittoria in rimonta con la Lucchese nella sfida dei sedicesimi di Coppa Italia giocata alle Acque Minerali mercoledì 31 ottobre. La rosa ampia consente all”allenatore Dionisi di mantenere alto il livello agonistico della squadra. Torneranno in campo i giocatori che formano l”ossatura centrale, ovvero il portiere Rossi, il centrale difensivo Carini, il regista Carraro e il trequartista Belcastro, tutti a riposo in Coppa. Davanti lo show di Giovinco mercoledì scorso costringe Lanini e Rossetti, probabili titolari, ad alzare ancora il livello della loro prestazione per resistere alla concorrenza interna. Anche De Marchi potrebbe essere della partita dopo aver recuperato dall”infortunio che lo ha rallentato in allenamento da una decina di giorni. Non sarà comunque negli undici. A centrocampo Saber e Gargiulo dovrebbero completare il reparto, ma per il primo c”è un ballottaggio con Valentini. In difesa Garattoni e Sciacca saranno sulle fasce e Boccardi al centro con Carini. Fischio d”inizio alle 18.30 agli ordini del Sig. D”ascanio di Ancona, coadiuvato dagli assistenti Vitali di Brescia e Salvalaglio di Legnano. (Paolo Bernardi)

PROBABILE FORMAZIONE

IMOLESE (4-3-1-2): 22 Rossi; 18 Garattoni, 19 Boccardi, 26 Carini, 2 Sciacca; 24 Saber, 21 Carraro, 20 Gargiulo; 10 Belcastro; 17 Lanini, 27 Rossetti. (1 Zommers, 5 Checchi, 6 Tissone, 14 Zucchetti, 3 Sereni, 7 Tattini, 11 Giannini, 23 Rinaldi, 4 Bensaja, 8 Valentini, 29 Mosti, 28 Giovinco, 30 De Marchi). All. Dionisi.

Nella foto (dalla pagina facebook dell”Imolese): Luca Belcastro

Serie C: Imolese, con il Vicenza turnover per continuare la striscia positiva
Sport 3 Novembre 2018

Basket serie B, impresa da sogno per la Sinermatic Ozzano a Milano

Impresa della Sinermatic Ozzano che espugna 83-73 il campo di una favorita alla vittoria finale come Milano. Grande prova ancora una volta di Dordei, autore di 22 punti e 30 di valutazione.

Il pre-match, però, non è certo dei più tranquilli per i biancorossi che arrivano in ritardo al palazzetto lombardo a causa di un problema al pullman. L”inconveniente però carica Ozzano che già dalla palla a due mette alle corde gli avversari. Milano è tutta nei punti del trio Santolamazza-Paleari-Piunti, mentre la Sinermatic è un cecchino dall”arco, nonostante il tabellone alla prima sirena sorrida ai padroni di casa (22-17). Nel secondo quarto Ozzano continua a macinare il proprio gioco, chiudendo ogni spazio in difesa e concedendo davvero poco ai lombardi. Agusto, Dordei e Mastrangelo trascinano i compagni e all”intervallo lungo il sorpasso è realtà (34-33). Il terzo quarto vede Milano reagire da grande squadra ma senza fare i conti con l”ennesima gran serata di Dordei ed al miglior Ranocchi visto fin qui in stagione. Il distacco lievita fino alla doppia cifra, con i biancorossi che non staccano la spina e, nonostante l”uscita per falli di Chiusolo, nell”ultimo parziale sigillano la sfida con un finale da squadra matura.

Nel prossimo turno la Sinermatic affronterà, sabato 10 (ore 20.30), in casa Lecco. (d.b.)

Tabellino

Urania Milano-Sinermatic Ozzano 73-83 (22-17, 33-34, 49-55)

Milano: Negri, Simoncelli 7, Paleari 17, Riva 6, Santolamazza 15, Toffali 5, Scanzi ne, Rashed ne, Albique, Piunti 16, Eliantonio 7, Sedazzari. All. Villa.

Ozzano: Morara 8, Corcelli 5, Salvardi ne, Folli 10, Ranocchi 14, Klyuchnyk 2, Chiusolo 4, Giannasi ne, Agusto 10, Masrè, Mastrangelo 8, Dordei 22. All. Grandi. 

Nella foto (dalla pagina facebook dei New Flying Balls): il capitano Giovanni Agusto

Basket serie B, impresa da sogno per la Sinermatic Ozzano a Milano
Sport 3 Novembre 2018

Futsal B, tre punti che profumano di primo posto solitario per l'Imolese Kaos

E sono 5! Vince ancora l”Imolese Kaos che passa 4-1 in casa dello Sporting Altamarca. Con questo successo la squadra di Carobbi mantiene la sua imbattibilità e, complice la sconfitta del Maccan Prata, ora comanda in solitaria la classifica.

In terra trevigiana i rossoblù vanno avanti subito con Baroni e Gabriel, prima della rete dei padroni di casa che accorcia le distanze all”intervallo. Nel secondo tempo Liberti (alla seconda rete stagionale consecutiva) porta subito a tre le marcature imolesi e nel finale ci pensa Salas a fissare il risultato definitivo.

Nel prossimo turno, in programma domenica 10 alla Cavina (ore 15), Vignoli e compagni incontreranno i vicentini del Cornedo che oggi hanno battuto piuttosto nettamente l”Atesina e occupano il 6° posto in classifica con 7 punti. (d.b.)

Tabellino

Sporting Altamarca-Imolese Kaos 1-4 (0-2 p.t.)

Altamarca: Mattiola, Brancher, Toso, Er Raji, Malosso, Ait Cheikh, Kovacevic, Yabre, Nicolati, Bertollo, De Zen, Sabani. All. Donisi.

Imolese: Gabriel, Tiago, Castagna, Vignoli, Baroni, Salas, Bueno, Micheletto, Juninho, Radesco, Paciaroni, Liberti. All. Carobbi.

Marcatori: 3’ p.t. Baroni (I), 6’ Gabriel (I), 6’ Er Raji (S), 2’ s.t. Liberti (I), 17’ Salas (I).

Ammoniti: Castagna, Baroni.

Nella foto (dalla pagina facebook dell”Imolese Kaos): Juninho

Futsal B, tre punti che profumano di primo posto solitario per l'Imolese Kaos
Sport 2 Novembre 2018

Trekking col treno… ma anche senza alla scoperta de «I ponti sui calanchi»

Domenica 4 novembre, nell’ambito dell’iniziativa «Trekking col treno», organizzata dal Cai di Bologna, si terrà una escursione denominata «I ponti sui calanchi». Come recita il dottor Antonio Zambrini… «In Romagna, così come i passi stanno lungo i fiumi, è normale che i ponti stiano sulle creste dei monti. Per ponti, tra Bolognese e Romagna, si intende infatti una sottile cresta calanchiva resa transitabile con un minimo di artefatti».

Il gruppo iniziale si troverà all’autostazione di Bologna, ma è possibile partecipare anche aggregandosi alla partenza della camminata. A questo proposito, l’appuntamento è alle ore 8.15 a San Martino in Pedriolo per poi seguire il percorso che toccherà Case Tomba, La Collina, Fiagnano, Torrente Sellustra, Ronco, Croara e Borgo Tossignano. Il percorso è lungo 15 chilometri, definito facile e occorreranno 6 ore per terminarlo. Per i dettagli, nei tre giorni precedenti l’escursione, si può chiamare il numero 331-9184640: risponderà l’accompagnatore di turno.

Il costo di partecipazione è di 2 euro per i soci Cai e di 5 euro per i non soci. Occorre essere attrezzati con pranzo al sacco, pedule, zaino, giacca a vento e borraccia. Gli escursionisti non adeguatamente equipaggiati potrebbero, a giudizio dell’accompagnatore, non essere ammessi a partecipare all’escursione. (Redazione sportiva).

Nella foto (dal sito del trekking col treno): i «ponti» sui calanchi

Trekking col treno… ma anche senza alla scoperta de «I ponti sui calanchi»
Sport 1 Novembre 2018

Pallamano A2, Il Romagna U21 nel week-end cerca la qualificazione alle finali nazionali

Il campionato di A2 di pallamano non riprenderà neanche questo week-end, ma solo sabato 10 novembre, quando il Romagna ospiterà l’Ambra. Nell’immediato tutte le attenzioni si spostano sulla formazione Under 21. Da domani a domenica 4 è infatti in programma la prima fase delle qualificazioni alle finali nazionali. E’ cambiata la formula rispetto allo scorso anno e quindi non si gioca più un girone regionale, ma le 16 squadre iscritte sono state suddivise in quattro raggruppamenti in questa prima fase. Le due migliori di ogni girone saranno subito qualificate per le finali a 12 di fine maggio.

Sulla carta il Romagna ha buone chance di centrare subito o nella fase successiva la qualificazione. Certo giocando in casa questo primo turno Martelli e compagni si aspettano di archiviare subito la pratica, anche se non sarà facile. Alla Cavina si comincia già domani alle 17.30 con la sfida fra i lombardi del Cassano Magnago e i veneti del San Vito Marano, poi a seguire (ore 19.30) la sfida, probabilmente decisiva, fra la squadra di Tassinari e il Cologne. Decisiva, perché sulla carta il Cassano è squadra difficile da battere, essendo la favorita per il titolo assoluto. Il Romagna incontrerà il Cassano sabato alle 19.30, mentre chiuderà domenica mattina alle 11 col San Vito che sulla carta dovrebbe essere la partita più agevole. Se il portiere Martelli e i terzini Rotaru e Chiarini sono i leader, da seguire anche le prove di Amir Boukhris, delle ali Amaroli e Luppi e del pivot Bosi che dovrebbero partire inizialmente.

Per quanto riguarda invece la Nazionale maggiore, sono arrivate due prevedibili sconfitte in Russia e a Padova con l’Ungheria (2.500 presenti) in attesa della partita decisiva per il terzo posto di mercoledì 10 aprile a Faenza contro la Slovacchia che, come l’Italia, ha subìto due sconfitte. Ha giocato a lungo in entrambe le sfide Davide Bulzamini, segnando 3 reti in Russia e 2 a Padova, ma il meglio lo ha dato in difesa, risultando importante nel cercare di limitare i fortissimi avversari. Si è visto comunque che il 23enne terzino mordanese sta continuando a crescere nel campionato francese e ancora ha margini di miglioramento. (Carlo Andrea Tori)

Nella foto: Davide Bulzamini sulla Piazza Rossa a Mosca

Pallamano A2, Il Romagna U21 nel week-end cerca la qualificazione alle finali nazionali
Sport 1 Novembre 2018

Vela, settimo titolo italiano per il 47enne imolese Manuele Pasotti

Manuele Pasotti come Marc Marquez… Non sarà proprio così, però il 47enne imolese è arrivato al 7º titolo italiano di vela, nella specialità «match-race» (gli uno contro uno resi famosi in tutto il pianeta dalla Coppa America). Un percorso nato nel 2011 a Gaeta e tuttora aperto, finché ci sarà la voglia e il tempo di proseguire.

Dopo l’ultima vittoria a Marina di Ravenna nel 2015, l’evento non si è più tenuto fino a due week-end orsono (quello del 21 ottobre), quando la gara tricolore è stata organizzata a Marina di Scarlino, sul Tirreno, in provincia di Grosseto. «In effetti siamo stati due anni senza gareggiare. Ma bisogna tener conto che questi eventi non sono facili da organizzare. Servono barche tutte uguali per poter competere alla pari ed ogni volta lo scafo viene sorteggiato e assegnato ad un equipaggio diverso. Stavolta il nostro team, oltre a me, addetto alle scotte, era composto dal timoniere Jacopo Pasini, da suo fratello Federico Pasini a prua e da Michele Mazzotti alla randa, ma solamente io e lo skipper eravamo presenti in tutti e 7 i trionfi».

Così bravi da avere ottenuto anche una medaglia di bronzo dal Coni per meriti sportivi. Così bravi da essere partiti per l’ennesima volta come favoriti ed essere riusciti a far rispettare il pronostico. A due passi (anzi a due bracciate) da Follonica, i rappresentanti del Circolo Velico Ravennate hanno trovato tre giornate caratterizzate da un clima estivo con condizioni di vento leggero. Gli skipper Jacopo Pasini e Rocco Attili (campione italiano Under 23) hanno terminato il ciclo dei due «round robin» a pari punti, hanno vinto le rispettive semifinali, per poi trovarsi a confrontarsi in finale, dove la squadra del «Paso» è andata subito sul 2-0, guadagnandosi la vittoria senza bisogno di fare la terza regata. «Siamo molto contenti per questo settimo titolo italiano match-race; sono state tre giornate molto tecniche, abbiamo gestito bene l’ultima giornata imparando a sfruttare al meglio l’imbarcazione messa a disposizione per questa edizione». (Paolo Zanelli)

Nella foto: Manuele Pasotti durante una regata nel Tirreno

Vela, settimo titolo italiano per il 47enne imolese Manuele Pasotti
Sport 30 Ottobre 2018

Aperture autodromo, oggi pomeriggio il penultimo appuntamento dell'anno

All’autodromo Enzo e Dino Ferrari si avviano alla conclusione le date di apertura al pubblico. Il penultimo appuntamento in programma sarà oggi, martedì 30 ottobre, dalle 15.30 alle 17.30. E’ ovviamente consentito l’accesso alla pista a piedi e con mezzi meccanici non a motore.

r.s.

Nella foto: appassionati in pista

Aperture autodromo, oggi pomeriggio il penultimo appuntamento dell'anno
Sport 29 Ottobre 2018

L'anno dell'Atletica Sacmi Avis raccontato dal presidente Massimo Cavini

Una stagione non brillante nei propri migliori interpreti, ma il movimento non ne ha risentito. L’Atletica Imola Sacmi Avis resta una delle società più sane e competitive del panorama cittadino, nonostante nel 2018 non siano arrivati grandissimi acuti da parte dei talenti più fulgidi del vivaio imolese. «Lo scorso anno era più facile fare un bilancio, visti gli ottimi risultati dei nostri atleti di punta – conferma Massimo Cavini, presidente della Sacmi Avis -. Questa non è stata la loro migliore stagione, anche per problemi fisici: Francesco Conti si è operato ad una caviglia e Marta Morara è stata fortemente condizionata da un’ernia al disco, mentre Simone Bernardi non è riuscito ad esprimersi al meglio».

Ci sono stati risultati molto positivi, comunque?

«Sì, sono stati battuti tre record imolesi, un numero maggiore rispetto a quello degli altri anni. Il primo record migliorato è stato quello di Michele Brini nel decathlon con 7.036 punti. Considerando che è ancora una Promessa (ha appena compiuto 20 anni, nda), si tratta di un super risultato che lo colloca nei primi posti in Italia a livello assoluto. Continuando così, potrebbe migliorare anche dei record imolesi su singola specialità. Gli altri sono stati di Pietro Ravagli, una vera e propria sorpresa nel salto triplo con 14,70. Credo possa migliorare anche il primato cittadino nel salto in alto, visto che gli mancano 2 soli centimetri. L’altro, invece, l”ha firmato Alessio Costanzi nel lancio del disco (48,48)».

A livello di risultati societari, com’è andata?

«A fine giugno, a Sulmona, siamo giunti al 3º posto nella Finale Bronzo dei campionati di società Assoluti su pista. Un risultato strepitoso, che ci darà la possibilità di partecipare il prossimo anno alla seconda serie Fidal, ovvero quella Argento, dal 13º al 24º posto. Bravissimi anche gli Under 23: la nostra squadra si è piazzata al 13º posto nelle classifiche nazionali dei campionati di società su pista e per poco non ha centrato l’ultimo atto, che si è svolto a Pavia a fine settembre».

Annata non facile a livello organizzativo.

«Ci siamo un po’ fermati, visti i lavori di rifacimento della pista. Ora che è tutto sistemato, siamo ripartiti a testa bassa per l’organizzazione di nuove manifestazioni. La grande novità potrebbe essere rappresentata dagli eventi su strada, settore che stiamo cercando di rafforzare. Abbiamo cominciato con le prime corse: a settembre ci sono state le prime edizioni della Campestre Clai a Sasso Morelli e della Muro Dipinto Run a Dozza, mentre a luglio si è svolta la 2ª RunByNight a Imola».

Il numero di tesserati continua ad aumentare…

«…E la qualità cresce. Anche in specialità più tecniche, non solo tra i corridori. Questo ci riempie d’orgoglio perché è più difficile creare buoni saltatori o lanciatori: ci vogliono istruttori di qualità, con grandi competenze tecniche». 

an.cas.

L”articolo completo su «sabato sera» del 25 ottobre.

Nella foto (Isolapress): Massimo Cavini durante i recenti campionati regionali assoluti disputati al Romeo Galli

L'anno dell'Atletica Sacmi Avis raccontato dal presidente Massimo Cavini
Sport 29 Ottobre 2018

Lotta, l'Unione Sportiva Imolese e quel titolo regionale dal sapore anni '70

Negli anni Settanta la lotta olimpica di casa nostra viveva il suo periodo più roseo. Nonostante la nascita ufficiale dell’Unione Sportiva Imolese Lotta (Usil) risalga proprio al 2 gennaio 1970, la tradizione imolese legata alla lotta libera e grecoromana affonda le radici ben più lontano nel tempo, fin nei primi anni Venti del Novecento. Nell’ultimo periodo, invece, nonostante il titolo olimpico vinto da Andrea Minguzzi nel 2008, la lotta olimpica imolese ha attraversato un vero e proprio declino, soprattutto in termini di atleti che decidevano di dedicarsi ad una delle discipline più antiche della storia dell’uomo.

Poche settimane fa, però, la storia è cambiata: l’Usil è tornata ad essere la prima società per meriti sportivi nella lotta grecoromana a livello regionale, superando per risultati la rivale società di Faenza, che negli anni si era abituata ad una sorta di supremazia incontrastata. Ciliegina sulla torta, la società imolese si è laureata campionessa regionale nella sua casa, nel complesso sportivo «Chicco» Ravaglia, un ritorno di una competizione che da decenni non si vedeva a Imola. «Negli anni Settanta l’Usil vinceva tutto quello che si poteva vincere – ricorda Gianfranco Bernardi, storico presidente della società -. La squadra contava tanti atleti e grandi nomi, fra cui numerose medaglie assolute italiane».

Nel 1971 è proprio Imola ad ospitare il campionato italiano assoluto, aggiudicandosi il primo ed il secondo posto con Max Scaioli e Massimo Minguzzi (padre dell’olimpionico Andrea e della giovane promessa Mirco). Poi, come detto, le cose sono cambiate e lo sport della lotta olimpica ha perso in interesse, almeno ad Imola.«Negli ultimi due anni, grazie all’arrivo o al ritorno in società di numerosi giovani fra cui molti campioni, come l’olimpico Minguzzi che quale atleta delle Fiamme Oro si allena nella nostra palestra, il nome di Usil ha ricominciato ad essere presente nello scenario regionale, nazionale e perfino internazionale – racconta Renato Polgrossi, vicepresidente della società -. Grazie a loro la lotta grecoromana oggi riscuote più interesse, un merito che va comunque condiviso con la nostra voglia e capacità di restare aggiornati sulle nuove discipline di combattimento, quali grappling e mixed martial arts (Mma), che per la fama mondiale richiamano numerosi giovani. Ma visto che per queste nuove discipline servono nozioni e tecniche di lotta olimpica, tutti i nostri atleti si allenano nella lotta e partecipano alle gare».

mi.mo.

L”articolo completo su «sabato sera» del 25 ottobre.

Nella foto: gli italiani di lotta a Imola nel 1971. Da sinistra Max Scaioli (oro), Gianfranco Bernardi, Massimo Minguzzi (argento) e Gianni Sanna.

Lotta, l'Unione Sportiva Imolese e quel titolo regionale dal sapore anni '70
Sport 29 Ottobre 2018

Pallavolo B2 femminile, risultati opposti per Clai Csi Imola e Vtb Pianamiele Ozzano

Turno agrodolce per le nostre ragazze impegnate nella terza giornata del campionato di B2. Se la Csi Clai Imola liquida in casa con un netto 3-0 il Gramsci Reggio Emilia, dall”altra parte la Vtb Pianamiele Ozzano non conquista nemmeno un set sul campo dell”Arbor Reggio Emilia.

Supremazia netta per la squadra di Turrini che schianta le avversarie, mai veramente in partita e mai nelle condizioni di vincere un set. Le imolesi mantengono così l’imbattibilità stagionale e restano (a pari merito) al secondo posto in classifica ed ad una sola lunghezza di distanza dalla Rubierese. 

In casa Vtb, invece, c”è ancora molto da lavorare che, nonostante luci ed ombre,  mostrano un’ottimo potenziale che fa ben sperare per il proseguo del campionato.

Nel prossimo turno la Csi Clai Imola affronterà sabato 3 (ore 18) in trasferta la capolista Rubierese, mentre la Vtb Pianamiele Ozzano sarà di scena in casa domenica 4 (ore 18) contro il fanalino di coda Sant”Ilario.

d.b.

Tabellini

Csi Clai Imola – Gramsci Reggio Emilia 3-0 (25-20, 25-21, 25-20)

Imola: Piva 1, Devetag 9, Bombardi 1, Cavalli 2, Folli ne, Caboni ne, Zanotti ne, Dalmonte (lib), Ferracci 9, Ricci Maccarini (lib), Melandri 5, Collet 8, Tesanovic, Gherardi 13. All. Turrini.

Gramsci: Grassi 5, Gorreri (lib), Campi 1, Ronconi, Sghedoni, Gaiuffi 1, Conte 5, Righelli 3, Ronzoni ne, De Kunovich 6, Bratoni 6, Canossa. All. Caffagni.

Arbor Interclays-Vtb Pianamiele Ozzano 3-0 (25-21, 25-17, 25-18)

Vtb: Taiani 5, Pavani 3, Mazza 3 , Bughignoli 16, Volontè 0 Guerra 0 Tripoli 6, Costantini 5, Garagnani (lib), Muraca (lib), Palmese 0, Tesanovic 1. All. Casadio.

Classifica: Us Rubierese 9, Csi Clai Imola, Libertas Forlì e Us Arbor Re 8, Riviera Rimini, Gramsci Pool e Gs Fruvit 6, Esperia Cremona 5, Liverani Lugo 4, Vtb Ozzano 3, Caf Acli Rimini, My Mech Cervia, T&V Campagnola e Calerno S.Ilario 0.

Nella foto (di Annalisa Mazzini Photo): un”azione d”attacco della Csi Clai Imola

Pallavolo B2 femminile, risultati opposti per Clai Csi Imola e Vtb Pianamiele Ozzano

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA