Posts by tag: Imola

Sport 14 Aprile 2019

Basket A2: Le Naturelle onorano il PalaRuggi, Montegranaro si gioca il secondo posto

Montegranaro è più forte e motivata a rincorrere il secondo posto (comunque complicato, Udine è 2-0 nei confronti diretti), un obiettivo più pesante di quanto possa sognare Imola. Nell”ultima stagionale al PalaRuggi Le Naturelle cedono con l”onore delle armi contro la terza forza del campionato. Per Imola una stagione comunque positiva, vissuta nella porta girevole che entrava ai play-off e ancora ci potranno provare ad entrare. Conteranno i derby pasquali in programma sabato sera a Forlì (gioca Imola) e Ferrara (ospite Ravenna). L”intreccio è grande e anche l”Assigeco può cercare nell”uovo qualche sorpresa.
La cronaca
La «solita» coppa di Mvp del mese nella A2 Est (stavolta è per marzo) per Bj Raymond e si può partire. Le Naturelle vanno avanti 7-2 dopo 3 minuti. Poi Montegranaro entra in partita è mette un parziale di 8-0 in 90 secondi. La sfida torna equilibrio e diventa più ispida e nervosa. Imola si tiene a ruota di Montegranaro, ma sembra difficile possa fare altro contro una squadra che ad inizio secondo quarto ha già messo in campo 10 giocatori su 10. Pancotto ha la panchina lunga e la usa, mentre Di Paolantonio si ritrova Rossi con tre falli in meno di 2 minuti giocati. Magrini deve inventarsi il fisico che non ha e porta pure a casa un fallo di Simmons in attacco. Sono le piccole perline di una partita che non dà mai l”impressione di poter avere un destino diverso dalla vittoria ospite.
Il terzo quarto è un”altalena dove prima sale Montegranaro (30-47 dopo 22 minuti) poi tocca a Le Naturelle andare su (45-51 dopo 26 minuti). Fiammate di Imola che Corbett spegne con due triple consecutive corroborate da un tecnico a Bowers che Corbett trasforma in 2 punti (45-59). Dopo 30 minuti Imola è dietro di 13 (54-67).
Il divario si allarga nell”ultimo quarto poi Imola con orgoglio disegna un punteggio onorevole. Come lo è stata la stagione. (Paolo Bernardi)
Il tabellino
Le Naturelle Imola – Montegranaro 79-84 (16-20, 14-20, 24-27, 25-17).
Imola: Fultz 20, Bowers 11, Crow 8, Raymond 23, Simioni 10; Rossi 3, Magrini 4, Montanari.
Ne. Prato, Calabrese, Wiltshire, Ndaw. All. Di Paolantonio.
Montegranaro: Palermo 5, Corbett 20, Negri 7, Simmons 10, Amoroso 5; Traini, Mastellari 6, Treier 11, Testa 10, Petrovic 10. All. Pancotto.

Nella foto Isolapress la schiacciata di Alessandro Simioni.

Basket A2: Le Naturelle onorano il PalaRuggi, Montegranaro si gioca il secondo posto
Sport 7 Aprile 2019

Basket A2: i cinque minuti di Gasparin condannano Le Naturelle

Il Palasavena di San Lazzaro non è una trasferta lunga, ma è lunga la partita con Cento che Le Naturelle guidano per 35 minuti. Peccato che siano i primi e che alla Baltur prendano i 5 minuti quando serve davvero, cioè alla fine. Il protagonista della vittoria è un volto noto, Giovanni Gasparin che infila 23 punti, ma soprattutto ne mette 9 negli ultimi 4 minuti. Cento spera ancora nei play-out, Imola invece esce dai giochi e con Montegranaro e Forlì saranno le ultime fatiche di un gruppo che ha fatto il suo.
Taylor scatta dai blocchi come una molla (6 punti in 2 minuti) ma la partita è in equilibrio. Verso fine quarto Le Naturelle trovano punti da tre con Crow e Magrini e allungano fino a +6 (15-21) stabilizzandosi sul +5. Imola fa un altro scalino fino al +8 (18-26), ma anche Cento con Benfatto (9 punti alla pausa) si rimette a scalare e chiude alla sirena di metà partita con appena un canestro di debito (38-40).
In avvio di ripresa è un duello Taylor – Crow che non cambia gli equilibri (Imola sempre avanti di due o tre possessi). Bj Raymond si muove e Le Naturelle arrivano fino a +9 (57-65), ma ancora Taylor evita la fuga quando mancano ancora 10 minuti (61-67 all”ultima pausa).
L”ultimo tempo scorre liscio per 5 minuti con Imola sempre al comando. Cento poi ricorda di doverla vincere per salvarsi e passa quando mancano meno di 4 minuti (77-76 con due liberi di Chiumenti). L”ex Gasparin mette 7 punti di fila e tocca a Bowers tenere Le Naturelle in scia, ma il traguardo è troppo vicino e un altro ex, Moreno, mette il canestro del +6 (87-81) prima di due liberi finali della figurina più nitida di giornata, ovvero Gasparin. (Paolo Bernardi)
Il tabellino
Baltur Cento – Le Naturelle Imola 89-82 (15-23, 20-17, 23-27, 28-15)
Cento: Taylor 21, Taflaj 3, White 10, Gasparin 23, Benfatto 11; Moreno 8, Chiumenti 13. Ne Di Bonaventura, Ebeling, Invidia, Balducci. All. Bechi.
Imola: Fultz 5, Bowers 19, Crow 16, Raymond 23, Simioni 11; Magrini 3, Rossi 5, Montanari. Ne. Prato, Wiltshire, Ndaw. All. Di Paolantonio.
Nella foto Isolapress Bowers.

Basket A2: i cinque minuti di Gasparin condannano Le Naturelle
Ciucci (ri)belli 1 Aprile 2019

I Longobardi tornano a Imola domenica 7 aprile

Il prossimo appuntamento con Giocamuseo, la rassegna di laboratori, giochi e animazioni per bambini promossa dai Musei civici di Imola, sarà davvero speciale.

Longobardi Giocamuseo Imola

Accampamento longobardo (Bandum Freae)

Domenica 7 aprile 2019 i Longobardi arrivano al Museo San Domenico di Imola (via Sacchi 4) e con un tuffo nel passato permettono di riscoprire le loro usanze e abitudini quotidiane: come vivevano, come si vestivano e combattevano, le loro leggi e credenze, cosa mangiavano e come si curavano, come lavoravano i metalli e il legno, come andavano a caccia.

La loro egemonia sul territorio imolese è durata circa 200 anni, a partire dall’ultimo quarto del 500 fino alla seconda metà del 700 dopo Cristo.

Grazie all’animazione storica sarà possibile per tutti i visitatori vedere e “toccare con mano” fedeli riproduzioni degli oggetti e degli strumenti più rappresentativi dell’epoca Longobarda, esplorando il piccolo accampamento allestito negli spazi esterni del Museo di San Domenico.

Durante la mattinata, dalle ore 10.30 alle ore 13, adulti e bambini potranno visitare liberamente il piccolo accampamento allestito negli spazi esterni del Museo e muoversi tra le diverse postazioni dedicate alle attività artigianali e ai diversi aspetti della vita quotidiana al tempo dei Longobardi. L’ingresso è gratuito, non occorre la prenotazione.

Nel pomeriggio, alle ore 15.30, partirà il percorso didattico guidato dedicato ai bambini e alle loro famiglie, un grande evento di rievocazione storica all’aperto, inserito nel programma di Giocamuseo.

Gli esperti dell’associazione Bandum Freae, che da molti anni si occupa di progetti di rievocazione e ricostruzione storica dedicati al periodo longobardo nelle terre emiliane, guideranno i partecipanti a scoprire e sperimentare le tecniche e le usanze longobarde: si visiterà l’atelier del fabbro che spiegherà i segreti della fusione e svelerà tutti i dettagli delle armi da guerra; si andrà alla scoperta delle ricette per la preparazione dei cibi e si apprenderà la complessa arte della lavorazione dei tessuti. E al termine… due valorosi guerrieri si affronteranno in un epico duello!

Longobardi Imola (Bandum Freae)

Il cibo longobardo (Bandum Freae)

Per partecipare al percorso didattico del pomeriggio è necessaria la prenotazione (a partire dal 1 aprile) al numero 0542/602609. La quota di partecipazione è di 4 euro a bambino. I bimbi che possiedono o aderiscono alla Card cultura junior (5 euro) hanno diritto alla riduzione del biglietto di ingresso al laboratorio (3 euro anziché 4), mentre per gli accompagnatori adulti la partecipazione sarà gratuita.

In caso di maltempo l’evento verrà realizzato negli spazi interni del Museo.

I Longobardi tornano a Imola domenica 7 aprile
Sport 31 Marzo 2019

Basket A2: l'Andrea Costa butta via partita e play-off con 5 minuti da incubo

Un finale di gara tra i più incredibili della storia biancorossa condanna l’Andrea Costa ad una clamorosa sconfitta casalinga (82 a 85 il finale) al cospetto di un’Aurora Jesi coriacea e coraggiosa, abile nel non mollare pure quando i due punti sembravano in mano ai ragazzi allenati da Di Paolantonio, estromettendo di fatto Imola dalla corsa per un posto play-off. I biancorossi infatti hanno condottto a lungo, pure con la doppia cifra di vantaggio, prima di crollare miseramente nei 5’ finali. Pensare che Bowers e soci al 32’ si trovavano in vantaggio sul 75 a 60: da lì in poi, ha avuto inizio una nuova partita. Imola ha smesso di difendere ma soprattutto ha gettato alle ortiche una grande quantità di possessi offensivi, subendo un clamoroso parziale di 20 a 0 che ha consentito a Jesi di portare a casa due punti d’oro per la salvezza. Decisivo per i marchigiani il canestro da tre punti di Rayvonte Rice a poco più di 2 secondi dal gong. Non bastano all’Andrea Costa i 23 punti di Bowers e i 16 più 11 falli subiti dell’altro americano BJ Raymond.
Brutta partenza dei biancorossi che, come nella gara di andata, faticano a contenere l’esuberanza di Totè, autore di 6 punti in un amen. Imola reagisce con il solito BJ Raymond e mette per la prima volta il naso avanti sul 7 a 6, ma commette qualche leggerezza di troppo in attacco e non riesce a firmare il primo allungo. Di Paolantonio beneficia di un Fultz in versione deluxe e un Rossi in grado di fare la voce grossa nel pitturato e a meno di 120 secondi i padroni di casa vanno a +6 (19-13) costringendo coach Cagnazzo al time out. Il primo quarto si chiude sul 23 a 13 per i romagnoli, che tengono saldamente in mano le redini della gara. Nella seconda frazione, subito la reazione di Jesi, brava a sfruttare un piccolo calo di concentrazione di Imola. I marchigiani si portano ad un possesso pieno di distanza e coach Di Paolantonio si affida così al suo quintetto titolare: gli effetti però non sono quelli sperati, perché Rinaldi e Baldasso puniscono dai 6 e 75 e firmano il controsorpasso arancio blu sul 29 a 31 (16 minuti sul cronometro). La partita poi scorre sul filo dell’equilibrio fino all’intervallo lungo, con i biancorossi che ritrovano il vantaggio trascinati dal professor Bowers e chiudono i primi venti minuti sul 38 a 37. Al rientro dagli spogliatoi, Imola segna 10 punti in meno di 3 minuti che consentono a Rossi e compagni di andare sul +7. Un paio di scelte offensive poco lucide vanificano parzialmente l’ottimo lavoro anche difensivo dei biancorossi, Fultz inventa un canestro e fallo da campione ma sono ancora le palle perse il tallone d’Achille di Imola, che lascia colpevolmente Maspero e Totè liberi di segnare due triple che valgono il -1 marchigiano. Il rientro in campo di Bowers però è ossigeno puro per i padroni di casa che riescono a riprendere il controllo delle operazioni, chiudendo il terzo quarto in vantaggio sul 67 a 57. In apertura di quarto finale, Bowers inventa 8 punti di puro talento che fanno esultare il Ruggi, ma Jesi non molla l’osso e prova la clamorosa rimonta (75-65 al 33°). Quattro incredibili palle perse consecutive di Imola permettono a Jesi di rientrare a due sole lunghezze di distanza, costringendo Di Paolantonio a chiamare il secondo time out nel giro di pochi minuti. Bowers e compagni però sembrano aver perso definitivamente la bussola, tanto che Jesi scappa addirittura a +5. Rossi prova a fermare l’emorragia con due punti dal pitturato, Fultz segna ancora dalla lunga e trova il pari, ma Totè è un rebus per la difesa biancorossa e Jesi va ancora a +2. A 12 secondi dalla fine, Knowles perde ingenuamente il pallone, Crow si invola in contropiede e segna il pari. Ma è fuoco di paglia: Rice infatti, nell’ultimo possesso marchigiano del match, si inventa una tripla no sense che regala i due punti a Rinaldi e compagni. (Tommaso Mazza)
Le Naturelle Imola – Jesi 82-85 (23-13; 38-37; 67-57)
Imola: Ndaw NE, Montanari, Crow 12, Wiltshire NE, Fultz 13, Prato NE, Bowers 23, Rossi 8, Simioni 5, Raymond 16, Magrini 5. All. Di Paolantonio.
Jesi: Kouyate NE, Knowles 17, Mentonelli NE, Mascolo 4, Baldasso 5, Rinaldi 10, Maspero 3, Rice 23, Montanari NE, Totè 21, Lovisotto 2. All. Cagnazzo.

Nella foto Isolapress lo sconforto di Bowers e la gioia di Jesi.

Basket A2: l'Andrea Costa butta via partita e play-off con 5 minuti da incubo
Ciucci (ri)belli 21 Marzo 2019

I prodotti di Libera Terra nelle mense scolastiche di Imola

Oggi, 21 marzo, non è solo il primo giorno di primavera ma anche la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Per testimoniare la propria partecipazione concreta, per tutta la settimana che include il 21 marzo, la mensa scolastica del Comune di Imola così come le mense dei nidi comunali proporranno nel menù un prodotto di Libera Terra, coordinamento di cooperative sociali che gestiscono strutture produttive e centinaia di ettari di terreno sottratti alle mafie in Sicilia, Puglia, Calabria e Campania.

In totale sono circa 3.200 i pasti che la mensa scolastica del Comune sforna ogni giorno per bambini e bambine delle scuole dell’infanzia sia comunali sia statali, primarie a tempo pieno e a tempo ordinario nelle giornate e negli orari previsti dal calendario scolastico e al personale avente diritto al pasto, che presta la propria opera presso le scuole.

Nell’iniziativa sono coinvolti anche i bambini e le bambine, in totale 311, che frequentano i nidi d’infanzia comunali, nei quali i pasti vengono preparati direttamente all’interno di ogni singolo nido.

Come spiega Elisabetta Battilani, dietista del Servizio dietetico Scuole del Comune di Imola: “La pasta, i legumi, l’olio d’oliva extravergine, le conserve di pomodoro, sono alcuni dei prodotti realizzati da Libera Terra, per riscoprire i sapori tipici del territorio e valorizzare al tempo stesso le grandi qualità nutrizionali e i profili organolettici delle migliori materie prime provenienti da agricoltura biologica”.

Da parte sua, l’assessore alla Scuola, Claudia Resta, sottolinea “vogliamo valorizzare la mensa scolastica come momento educativo e questa iniziativa non solo vuole sensibilizzare alunni, insegnanti e genitori al tema delle vittime delle mafie e dei terreni sottratti alle mafie ma anche vuole far riscoprire sapori tipici del territorio e valorizzare le qualità nutrizionali di prodotti provenienti da agricoltura biologica delle regioni del sud proprio su terreni sottratti alle mafie”.

Prodotti Libera Terra inseriti nel Menù Nidi d’Infanzia Comunali
lunedì 18 marzo 2019: Carote grattugiate – penne Bio Libera Terra besciamella e prosciutto cotto – cavolfiore all’olio;
martedì 19 marzo: Passato di verdure con anelletti Bio Libera Terra  – Frittata – Purè di patate; mercoledì 20 marzo: Pasta olio extra vergine di oliva Bio Libera Terra e parmigiano – Polpettine di ceci – finocchio in pinzimonio con olio extra vergine di oliva Bio Libera Terra;
giovedì 21 marzo: Fusilli Bio Libera Terra alla verzaSovracoscia al limone – Insalata mista;
venerdì 22 marzo: Risotto alla crema di zucca – Pesce la sugo di pomodoro Bio Libera Terra – Fagiolini al vapore.

Prodotti Libera Terra inseriti nel Menù Scuole d’Infanzia e Primarie
Lunedì 18 marzo: Risotto alla zucca – rostì di patate e prosciutto crudo – insalata verde con olio extra vergine di oliva Bio Libera Terra;
martedì 19 marzo: Fusilli Bio Libera Terra olio e parmigiano – bocconcini di pollo panati – cavolo cappuccio e radicchio rosso;
mercoledì 20 marzo: Pasta e fagioli – pizza al pomodoro – finocchio a spicchi con olio extra vergine di oliva Bio Libera Terra;
giovedì 21 marzo: Rigatoni Bio Libera Terra al ragù – ciliegine di mozzarella – carotine baby all’olio – pane ai cereali;
venerdì 22 marzo: Gobbetti al pomodoro Bio Libera Terra (Scuola Infanzia: gobbetti con i broccoli -pesce arrosto saporito – insalata mista con olio extra vergine di oliva Bio Libera Terra).

I prodotti di Libera Terra nelle mense scolastiche di Imola
Cronaca 19 Marzo 2019

“Fridays For Future', le più belle immagini da Imola e Medicina. IL VIDEO

Anche alcuni ragazzi delle scuole di Imola e Medicina hanno aderito a «Fridays For Future» (venerdì per il futuro), la manifestazione internazionale nata con lo scopo di promuovere lo sviluppo sostenibile e sensibilizzare sui cambiamenti climatici.

In tutto il mondo, nella giornata di venerdì 15 marzo, migliaia di ragazzi si sono così riversati in piazza e nelle strade delle principali città per chiedere ai potenti di dare priorità alle questioni ambientali. Oltre, come detto, a Imola e Medicina anche altri ragazzi si sono spostati fino a Faenza e Bologna per dare voce alla protesta. (d.b.)

Nella foto: la performance della 3E della secondaria Orsini

“Fridays For Future', le più belle immagini da Imola e Medicina. IL VIDEO
Sport 17 Marzo 2019

Basket A2: il pirata Logan affonda Imola che si prende l'onore delle armi

Imola gioca bene, Treviso è più forte. La partita dura tre quarti e due minuti. Le Naturelle la guidano più degli avversari, ma quando conta la squadra di Menetti alza la voce. Logan, nome da pirata e mano da arrembaggio, affonda il galeone biancorosso nel mare aperto dell”ultimo quarto con tre cannonate consecutive da tre che fanno ammainare bandiera anche a Bj Raymond e Bowers, premiati come Mvp della serie A2 Est di gennaio e febbraio. A marzo non bastano nemmeno loro.
A metà primo quarto Le Naturelle sono avanti 13-9 (da tre Fultz) ma è il primo vantaggio oltre il possesso e dura poco (da tre Logan, 13-12). Fultz si ripete l”azione dopo, ma Treviso è vigile e ha la panca profonda. Burnett firma il nuovo pareggio (18-18) a 2 minuti dalla fine del quarto. Fultz fa tripletta da tre su quattro tentativi (21-18) e Bj dalla lunetta scrive il massimo vantaggio (23-18) che tiene alla fine del quarto.
Magrini allunga con tre liberi (26-18) dopo un minuto del secondo quarto. Menetti dalla panchina rimette Imbrò e alza la pressione in difesa per evitare la fuga di Imola. Chillo, Logan e Alviti infilano da tre in sequenza (32-31 dopo 16 minuti). Logan dalla lunetta firma il 32-33. Treviso è avanti, ma Simoni da tre la ricaccia indietro, e Logan ancora da tre lo imita. Bella partita.  
Nel terzo quarto tocca alla De Longhi provare la fuga (44-49 dopo 23 minuti). Le Naturelle tornano dentro (49-49) con Bj. Dagli italiani arriva poca roba (Rossi è l”unico segnalabile), dalla zona 2-3 di fine quarto arrivano un paio di palle da giocare in attacco che tengono Imola dentro al match (56-60 dopo 30 minuti).
L”ultimo quarto inizia con una difesa sbagliata e una palla persa di Imola che danno a Treviso il +8 (58-66). Treviso la vince qui. Raymond e Fultz erano in panca. A 8 minuti tondi dalla fine si arriva sul 58-69 grazie al solito Logan da tre. Ancora Logan due volte oltre l”arco. Sembra una sentenza senza appello (60-75 a 6 minuti dalla fine). Le Naturelle ci provano e arrivano a -7 con 110 secondi da giocare. De Longhi congela la partita. Imola si mangia anche al palla del -4. Il ferro spegne anche questo ultimo sogno. L”onore delle armi Le Naturelle se lo sono guadagnato. (Paolo Bernardi)
Il tabellino
Le Naturelle Imola – De Longhi Treviso 76-84 (23-18, 21-25, 12-17, 20-24)
Imola: Fultz 9, Bowers 15, Crow 9, Raymond 24, Simioni 9; Rossi 4, Magrini 6, Montanari. Ne. Ndaw, Whiltshire, Calabrese. All. Di Paolantonio.
Treviso: Imbrò 3, Burnett 4, Logan 32, Lombardi 11, Tessitori 14; Uglietti 4, Severini 6, Chillo 5, Alviti 5. Ne. Sarto, Barbante. All. Menetti.
Nella foto Isolapress, Bj Raymond contro Severini e Tessitori.

Basket A2: il pirata Logan affonda Imola che si prende l'onore delle armi
Sport 10 Marzo 2019

Basket A2: Le Naturelle naufragano e gli… squali di Roseto le divorano

Una partita che dura poco meno di 10 minuti. Roseto ha dato complessivamente 82 tiri, Imola appena 48. I numeri assoluti sconfessano quindi le percentuali (48,8% Roseto, 54,2% Imola). L”unica soddisfazione per Le Naturelle è aver tenuto sotto i 100 punti gli squali rosetani. Ovviamente è un paradosso per nascondere la deludente prova dei biancorossi.
Il primo quarto è equilibrato. Le Naturelle stanno anche davanti nell”altalena dei parziali ma negli ultimi due minuti e mezzo arriva il parziale di 11-3 che indirizza la partita con Pierich e Akele che mettono due coppie di canestri (da 3 per l”americano) mortifere per Imola. Nel secondo quarto Roseto continua a far male a Imola con Sherrod che guida una squadra capace di tirare il doppio delle volte degli avversari. Nel terzo quarto Imola annega nel mare e gli Shark azzannano la preda arrivando anche ad un +29 (71-42 dopo 25 minuti) che segna la virtuale fine della partita. L”ultimo quarto è un modo per assestare qualche numero personale. Imola alla fine avrà quattro giocatori in doppia cifra e fra questi non ci sarà Raymond, un termometro di una serata no.
Il tabellino
Roseto – Le Naturelle Imola 99-78 (31-24, 26-18, 22-17, 20-19)
Roseto: Eboua 8, Nikolic 5, Akele 20, Person 25, Sherrod 26; Pierich 5, Rodriguez 5, Bayehe 3, Iannelli 2, Pené. Ne. Pedicone, Cocciaretto. All. D”Arcangeli.
Imola: Fultz 22, Bowers 16, Crow, Raymond 9, Simioni 14; Rossi 6, Magrini 11, Montanari. Ne. Ndaw, Calabrese. All. Di Paolantonio.
Nella foto Isolapress, Di Paolantonio.

Basket A2: Le Naturelle naufragano e gli… squali di Roseto le divorano
Ciucci (ri)belli 28 Febbraio 2019

A Imola tre incontri… “Nella parte del genitore'

A Imola torna la rassegna di incontri Nella parte del genitore rivolti alle famiglie, ai docenti ed educatori, organizzati dal settore Scuole del Comune di Imola, nell’ambito dello Sportello psico-educativo, servizio realizzato con il contributo della Fondazione Santa Maria Goretti.

Nello specifico, il servizio Diritto allo studio e il Centro per le famiglie, in collaborazione e con il patrocinio dell’Ausl Imola,  propongono tre serate dedicate al tema dell’Intelligenza, o meglio delle intelligenze, e su quanto strategie educative improntate all’Intelligenza emotiva possano rivelarsi utili nel preparare bambini e ragazzi alla vita.

Gli incontri saranno occasione per potersi confrontare con esperti, per cercare assieme risposte a dubbi e interrogativi. Tre appuntamenti anche per dialogare con altri genitori ed educatori. Esempi pratici, testimonianze, letture e filmati, aiuteranno il confronto su come famiglia e scuola possono svolgere la loro funzione di soggetti educanti e sull’importanza dell’alleanza tra genitori e figure educative  per il benessere di bambini e ragazzi e la loro riuscita come adulti responsabili e felici.

Programma

I 3 incontri, a ingresso libero, si terranno nella sala San Francesco, della Biblioteca comunale (via Emilia 80), dalle ore 20.30 alle 22.

Per informazioni: Diritto allo Studio, tel. 0542 602177, email
Centro per le famiglie, tel. 0542 602415, email

  • Lunedì 11 marzo

Educare all’intelligenza emotiva

Cos’è l’intelligenza? Come si misura? Intelligenti si nasce o si diventa? Spunti di riflessione sulle molte sfaccettature dell’intelligenza: strumenti per riconoscere e valorizzare il potenziale in ciascuno. Cos’è l’intelligenza emotiva e come possiamo farne uno strumento educativo. Con Michele Di Felice, psicologo dello Sportello psico-educativo sulle difficoltà del comportamento e Alessandra Ronchi, neuropsicomotricista dell’età evolutiva (Ausl Imola).

  • Lunedì 25 marzo

Ripensare la disciplina

Nell’ottica di “Educare e insegnare, non rimproverare!” è possibile porre limiti e regole senza inasprire i conflitti ma rafforzando il legame educativo? Un confronto per ripensare una disciplina ad alto contenuto relazionale. Con Michele Di Felice, psicologo dello Sportello psico-educativo sulle difficoltà del comportamento.

  • Lunedì 8 aprile

Le parole per dirlo

Una serata dedicata ad affrontare tematiche quali: far sentire il proprio figlio una persona di valore oggi per aiutarlo ad essere un adulto che raggiungerà i suoi obiettivi e starà bene con se stesso. Le parole che sostengono, supportano, incoraggiano. Strumenti e strategie da applicare nella vita di tutti i giorni. Con Alessandra Ronchi, neuropsicomotricista dell’età evolutiva (Ausl Imola)

A Imola tre incontri… “Nella parte del genitore'
Ciucci (ri)belli 28 Febbraio 2019

Formazione gratuita per aspiranti baby sitter

C’è tempo fino al 7 marzo 2019 per iscriversi alla formazione teorico-pratica per baby sitter, organizzata dal Centro per le famiglie del Comune di Imola, al fine di creare un elenco di persone disponibili a essere contattate dalle famiglie del territorio.

Il corso prevede 20 ore di lezioni teoriche e 20 ore di stage presso i nidi e le scuole dell’infanzia comunali o convenzionati. La frequenza è gratuita. Al termine del corso è previsto un esame finale.

Requisiti per l’ammissione: maggiore età, residenza nel comune di Imola o in un comune del circondario imolese, cittadinanza italiana o comunitaria o extracomunitaria purché in possesso di regolare permesso di soggiorno; buona conoscenza della lingua italiana e non aver riportato condanne penali.

La candidatura va presentata entro il 7 marzo, utilizzando l’apposito modulo che può essere:

  • consegnato direttamente al Centro per le famiglie (presso l’ufficio Scuola del Comune, via Pirandello 12), dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle 13, e il martedì e giovedì anche dalle ore 15 alle 18

oppure

  • inviato via mail all’indirizzo email c.famiglie@comune.imola.bo.it

Ulteriori informazioni

Nel 2014 il Comune aveva organizzato un’iniziativa analoga, concretizzatasi in un albo comunale ancora consultabile online. Ogni contatto o tipo di accordo tra le parti, è strettamente privato.

Formazione gratuita per aspiranti baby sitter

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast