Posts by tag: mandato

Economia 21 Dicembre 2020

Bilancio di fine mandato per il CdA del Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale

Con le elezioni svolte nei giorni scorsi, a fine anno si conclude il mandato 2016-2020 del Consiglio d’Amministrazione del Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale, con Alberto Asioli a ricoprirne il ruolo di presidente. «Si è trattato di un quinquennio intenso, nel corso del quale il Consorzio di bonifica è stato costantemente impegnato nella programmazione, progettazione ed esecuzione di numerosissimi interventi infrastrutturali e di sistemazione idraulica, atti a dare stabilità ai suoli, a prevenire e consolidare le erosioni, a garantire una corretta regimazione delle acque e a ottimizzare la distribuzione dell’acqua per uso irriguo realizzando nuove condotte in pressione» ha dichiarato Asioli.

In totale, fra pianura e montagna. sono stati ben 114 gli interventi/progetti realizzati, per un importo complessivo di oltre 88 milioni di euro.Per quanto riguarda il comprensorio di pianura (33 progetti per oltre 54 milioni di euro) gli interventi principali sono stati quelli irrigui, per l”estensione della rete tubata in pressione per la distribuzione delle acque del Cer fino a bordo delle aziende agricole beneficiarie. I comuni interessati sono stati quelli di Faenza, Lugo, Cotignola, Massa Lombarda e Sant’Agata sul Santerno. Inoltre, dopo lunghi anni nei quali il Consorzio ha sollecitato vari enti, ha ricevuto nel 2020 da parte della Regione Emilia-Romagna il finanziamento delle opere la laminazione del Canale dei Mulini di Castel Bolognese (il progetto esecutivo, realizzato dagli uffici tecnici consorziali, è stato validato ed è ora in corso la gara d”appalto per l”aggiudicazione dei lavori). Con questi interventi, il Consorzio prosegue quella importante opera di infrastrutturazione irrigua del territorio agricolo romagnolo che consente di affrancare la distribuzione dell’acqua mediante l”uso promiscuo dei canale di scolo consorziali, eliminando così problemi relativi alle perdite di sistema, incentivandone nel contempo l”uso razionale grazie alla contabilizzazione in base ai volumi effettivamente utilizzati e fornendo una fonte alternativa ai pozzi (importante in un territorio soggetto a subsidenza).

Nel comprensorio montano gestito dal Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale (oltre 80 progetti, per un valore totale superiore ai 34 milioni di euro) una delle principali tipologie d’intervento, in questo quinquennio, è rappresentata dalla costruzione di impianti irrigui interaziendali e relative reti distributive per conto delle aziende agricole (380 nello specifico dislocate nei Comuni di Imola, Riolo Terme, Castel Bolognese, Faenza, Brisighella), oltre alla manutenzione e costruzione di briglie di bonifica, opere realizzate nei corsi d’acqua, in grado di ridurre la pendenza degli alvei e, quindi, la velocità della corrente, nonché di far sedimentare, a monte delle stesse, le materie trasportate. A queste tipiche attività di bonifica montana se ne aggiunge un’altra altrettanto importante nel campo della gestione della risorsa acqua, in cui gli interventi del Consorzio riguardano la gestione e manutenzione dell’acquedottistica rurale al servizio di oltre 1.700 utenze sparse.

Altro aspetto fondamentale dell’attività del Consorzio in questi ultimi 5 anni è stato, infatti, anche quello legato al far fronte alle emergenze, a partire dalla siccità di quest’anno ma anche quelle del 2017 e 2018. È infatti evidente il cambiamento nella distribuzione delle piogge che rende sempre più indispensabile l”irrigazione, anche per colture che dieci anni fa non ne necessitavano e in periodi che erano, solitamente, destinati al fermo e alle manutenzioni degli impianti e dei canali. 
Dalla siccità alla troppa acqua, il sistema di scolo del distretto di pianura gestito dal Consorzio, che è formato esclusivamente da canali artificiali di bonifica, viene ovviamente sollecitato anche dagli eventi meteorici intensi, che ormai hanno cadenza annuale. Eventi come quello di novembre 2019 si erano verificati anche a maggio dello stesso anno, a febbraio 2018, novembre 2017, settembre e marzo 2016 (senza dimenticare l’alluvione del 2015). Durante tali eventi il personale consortile, attraverso l”istituzione del servizio di piena, si occupa della messa in sicurezza dei canali e all”esercizio degli impianti idrovori per lo smaltimento delle acque meteoriche verso quello che è il recettore finale, ossia il Mare Adriatico, cercando di garantire nel miglior modo possibile la sicurezza idraulica di tutto il territorio coinvolto. (da.be.)

Nella foto: il presidente Asioli

Bilancio di fine mandato per il CdA del Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale
Cronaca 23 Aprile 2019

Il sindaco di Mordano Stefano Golini al termine dei due mandati: «Ascolto e determinazione, il paese è cambiato in meglio»

Cambiamento, ascolto e progettualità». Con queste parole il sindaco di Mordano Stefano Golini riassume i dieci anni passati alla guida della sua comunità, dal 2009 al 2019. Per legge non può ricandidarsi avendo fatto due mandati consecutivi. A giugno ritornerà al suo lavoro di dirigente del consorzio cooperativo Solco Imola, dal quale è in aspettativa. E’ tempo di bilanci. «Mordano è cambiata in meglio e anch’io mi accorgo di essere cambiato – esordisce -, perché come disse il Mahatma Gandhi “sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. Ho innanzitutto cercato di trasformare me stesso; sento di aver svolto un percorso importante e di aver acquisito maggior consapevolezza sui bisogni della comunità, oltre ad una maggiore attenzione alle persone. Il sindaco è anche chiamato “primo cittadino”, cioè prima di tutto una persona tra le persone. Nel 2009 siamo partiti a razzo – ricorda -, ma ci siamo accorti che la comunità non stava al passo con le nostre proposte. Da qui la scelta di intraprendere fin da subito la strada di informare, interpellare ed ascoltare attraverso il periodico E C’mon, le consultazioni con questionari, la ricerca per l’Opera Anziani e numerosi incontri pubblici».

Il riferimento è al costante impegno per ottenere la partecipazione e la condivisione delle scelte amministrative da parte dei cittadini, ad esempio con i sondaggi sulle opere più importanti, a costo di rallentare i percorsi o venire accusato di «perdere tempo». Due mandati vissuti intensamente secondo i resoconti dettagliati raccolti nelle oltre cento pagine che compongono il rendiconto dell’ultimo mandato. A partire dalle opere che si stanno concludendo proprio in questi giorni, come il tratto della ciclabile sulla via San Francesco dal cimitero al centro di Mordano o la recente inaugurazione dell’Opera Anziani. «Nessuno di noi possiede la formula per accontentare chiunque, ma il lavoro svolto è tanto ed è stato fatto bene stando ai molti feedback positivi della gente, anche di chi non mi ha votato o era scettico, che in questi anni si è dovuto ricredere». (d.b.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 18 aprile.

Nella foto: il sindaco Golini durante una delle iniziative di Legambiente a livello nazionale «Puliamo il mondo», svolta a Mordano in collaborazione con l”associazione locale «Mordano-Bubano, Diamoci una mano»

Il sindaco di Mordano Stefano Golini al termine dei due mandati: «Ascolto e determinazione, il paese è cambiato in meglio»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast