Posts by tag: mettiamo radici per il futuro

Cronaca 6 Ottobre 2021

«Mettiamo radici per il futuro», all’outlet di Castel Guelfo cerimonia con il presidente Bonaccini per la messa a dimora di oltre 700 alberi e arbusti

L’outlet di Castel Guelfo si arricchisce di oltre 700 nuovi alberi e arbusti. Infatti Neinver, la società di gestione di Castel Guelfo The Style Outlets, ha aderito al progetto «Mettiamo radici per il futuro» della Regione Emilia Romagna, che prevede la piantumazione di 4,5 milioni di alberi, uno per ogni abitante della Regione, messe a disposizione gratuitamente dall’ente di viale Aldo Moro.

Questa mattina Neinver ha ultimato la piantumazione di 20 alberi e 720 giovani piante arbustive nel parcheggio del centro (lato via della Concia). Ad affiancare il management della società nella piantumazione dell’ultimo albero, sono intervenuti il presidente della Regione Stefano Bonaccini, il sindaco di Castel Guelfo Claudio Franceschi e la sua vice Anna Venturini.

«Si tratta di un segnale concreto che si inserisce nell’idea di ecosostenibilità e riconversione ecologica che è al centro del Patto regionale per il Lavoro e per il Clima e anche del Pnrr – ha ricordato Bonaccini durante la cerimonia -. Nei nostri intenti c’era anche la speranza che fosse un impulso ai cittadini e alle realtà produttive a percorrere questa strada insieme a noi. Nel primo anno di questo progetto sono già oltre 600 mila le piante chieste da aziende, scuole, associazioni, Comuni e privati. Ne siamo molto orgogliosi».

«Poter partecipare a questo progetto è stato un onore per noi – ha aggiunto Luca Piccolo, center manager di Castel Guelfo The Style Outlets – Siamo grati alla Regione per questa iniziativa che ben si sposa con il nostro impegno per la sostenibilità che include, tra le altre cose, l’installazione di 4 mila pannelli fotovoltaici nel parcheggio e l’illuminazione a led che ci consente di ridurre dell’80% i consumi elettrici». (gi.gi.)

Nella foto: da sinistra, Luca Piccolo, Anna Venturini, Stefano Bonaccini, Claudio Franceschi

«Mettiamo radici per il futuro», all’outlet di Castel Guelfo cerimonia con il presidente Bonaccini per la messa a dimora di oltre 700 alberi e arbusti
Cronaca 1 Ottobre 2021

Riparte «Mettiamo radici per il futuro», al via la distribuzione gratuita di alberi. Due i vivai del circondario accreditati

Riparte da oggi, venerdì 1° ottobre, la campagna «Mettiamo radici per il futuro», il piano green promosso dalla Regione per fare dell’Emilia-Romagna il «corridoio verde» d’Italia con la piantumazione, entro il 2024, di 4 milioni e mezzo di alberi in più, uno per ogni residente. 

Rispetto al debutto dello scorso anno, sale il numero dei vivai accreditati da Piacenza a Rimini che si sono messi a disposizione per la distribuzione degli alberi ai cittadini. Dopo il bando chiuso nello scorso mese di luglio, sono in tutto 22 rispetto ai 18 della prima fase della campagna e coprono tutte le nove province dell’Emilia-Romagna. Due nel circondario, ovvero l’Eden Garden di Imola ed Arborea a Castel San Pietro.

La Regione spera quindi di replicare gli ottimi numeri della prima fase del progetto, dove furono 587mila gli alberi messi a dimora dall”ottobre 2020 al 15 aprile 2021: per il 60% si tratta di specie autoctone, con 352 mila esemplari; la quota restante si divide tra arbusti (35%) e alberi autoctoni (5%). Per vedere la mappa online delle piantumazioni clicca qui.

Intanto, Neinver, la società che gestisce il Castel Guelfo The Style Outlets, sta ultimando la messa a dimora di 20 alberi e 720 giovani piante arbustive acquistate lo scorso anno con l’obiettivo di creare un’area verde permanente in prossimità di una delle aree di parcheggio del centro. Mercoledì 6 ottobre, dalle 11, la cerimonia di posa dell’ultimo albero alla presenza delle autorità el territorio. Interverranno Stefano Bonaccini, presidente Regione Emilia-Romagna, Anna Venturini, Vicesindaco di Castel Guelfo e Luca Piccolo, center manager Castel Guelfo The Style Outlets. (r.cr.)

Riparte «Mettiamo radici per il futuro», al via la distribuzione gratuita di alberi. Due i vivai del circondario accreditati
Cronaca 27 Maggio 2021

«Mettiamo radici per il futuro», tra circondario imolese e Ozzano già distribuite 27.900 piante

Prosegue con successo la campagna «Mettiamo radici per il futuro» che ha l”obiettivo di mettere a dimora 4 milioni e mezzo di nuove piante, una per ciascun abitante della regione, nei prossimi cinque anni, per diffondere il verde, realizzare imboschimenti, ripristinare ambienti naturali e svolgere attività didattiche e divulgative.

In poco più di sei mesi il progetto ha portato alla piantumazione di 587 mila nuovi alberi e arbusti distribuiti gratuitamente dalla Regione a scuole, enti pubblici, aziende private e singoli cittadini attraverso una rete di 18 vivai accreditati (dati aggiornati al 15 aprile 2021).

In provincia di Bologna sono stati distribuiti in tutto 93.047 alberi e arbusti. Grande successo per le piante di alloro (16.942 esemplari consegnati), seguite da ligustro selvatico (4.969), nocciolo (4.821) e leccio (3.774).

Per quanto riguarda il nostro territorio, ne sono stati consegnati 27.900: a Borgo Tossignano 343, a Casalfiumanese 1.924, a Castel del Rio 157, a Castel Guelfo 1.485, a Castel San Pietro 9.376, a Dozza 2.226, a Fontanelice 479, a Imola 5.104, a Medicina 2.381, a Mordano 85 e, infine, a Ozzano Emilia 4.340.

Chi è curioso di sapere dove sono stati distribuiti i nuovi alberi del progetto «Mettiamo radici per il futuro» può consultare la mappa on line sul sito della Regione Emilia Romagna.

«È un tema che è di straordinaria attualità – commenta l”assessora regionale alla montagna, parchi, forestazione e programmazione territoriale Barbara Lori -: gli alberi, la forestazione, sono e devono essere sempre più un elemento centrale rispetto a come immaginiamo le nostre città. Non sono elementi di decoro, devono essere parte viva di una dimensione nuova del vivere e dell’abitare. E su questo il mio impegno è totale».

Nella foto: il primo albero della campagna regionale, un carpino, piantato a fine settembre a Bobbio, nell’Appennino piacentino, dal presidente Stefano Bonaccini

«Mettiamo radici per il futuro», tra circondario imolese e Ozzano già distribuite 27.900 piante
Cronaca 30 Novembre 2020

«Mettiamo radici per il futuro», anche Dozza aderisce al progetto regionale

Dallo scorso ottobre è partito il progetto della Regione Emilia Romagna «Mettiamo radici per il futuro», con l’obiettivo di porre a dimora, nei prossimi cinque anni, circa 4,5 milioni di alberi nel territorio regionale, uno per ogni abitante. Le piante sono fornite gratuitamente dalla Regione a tutti i soggetti interessati, siano essi Enti, Associazioni, singoli cittadini, aziende possono aderire, ritirando le piante presso il vivaio accreditato più vicino al proprio Comune (l’elenco qui).

Dopo Imola e Ozzano anche il Comune di Dozza, con la collaborazione dei volontari dell’albo comunale, intende dare seguito all’operazione promossa dalla Regione in modo innovativo e coinvolgente. I volontari procederanno con la piantumazione degli alberi nelle aree verdi del Comune individuate e successivamente si occuperanno anche del mantenimento e dell’innaffiatura dei singoli alberi. Saranno quindi messi a dimora una settantina di alberi nei parchi Madre Teresa di Calcutta e  Ruggi, nonché nelle aree verdi di via Falcone, di via Pertini a Toscanella e nel parco delle Mimose a Dozza.  «Invito tutti i cittadini, associazioni, privati e aziende – commenta il sindaco Luca Albertazzi – a cogliere questa opportunità,  che consentirà di aumentare la qualità della vita del nostro paese, rendendolo più bello e più verde. Si tratta di un’operazione virtuosa che ci consente di unire l’aspetto sociale quale l’attività dei nostri volontari, con la sostenibilità ambientale che da sempre è uno dei nostri punti programmatici più rilevanti. Voglio esprimere un sentito ringraziamento a tutti i volontari per la disponibilità e per l’impegno che ci permetteranno di concretizzare questa azione, altrimenti difficilmente attuabile, in maniera originale e innovativa».

Per maggiori informazioni o per partecipare all’iniziativa del Comune contattare il volontario coordinatore Sig. Loris Salmi al numero 347-7418116. (da.be.)

Foto tratta dalla pagina Facebook del Comune di Dozza

«Mettiamo radici per il futuro», anche Dozza aderisce al progetto regionale
Cronaca 24 Novembre 2020

«Mettiamo radici per il futuro», a Imola e Castello distribuite 19 mila tra piante e siepi

Mettere a dimora 4 milioni e mezzo di nuove piante, una per ciascun abitante della regione, nei prossimi cinque anni, per diffondere il verde, realizzare imboschimenti, ripristinare ambienti naturali e svolgere attività didattiche e divulgative. Sono gli obiettivi del progetto «Mettiamo radici per il futuro» della Regione Emilia Romagna, la distribuzione gratuita di piante ai cittadini, alle associazioni, alle aziende e agli enti pubblici interessati che ha preso il via il 1° ottobre, puntando a mettere a dimora le prime 500.000 già entro la fine del 2020 (l’ingresso in zona arancione non ferma la campagna). Le piante si possono ritirare, fino a esaurimento scorte, nei vivai e nelle aziende agricole accreditate, che nel circondario imolese sono Eden Garden a Imola e Arborea a Castel San Pietro.

Com’è nato il desiderio di aderire al progetto?

Corrado Paciarioni (Eden Garden): «Abbiamo chiesto di partecipare con il desiderio di dare al cittadino alberi e arbusti per poter aumentare la quantità di ossigeno nella nostra regione e per altri molteplici benefici. Essendo un’azienda florovivaistica, il desiderio di aderire è nato per poter diffondere il verde, bene molto prezioso. Direi che la risposta è stata importante. Abbiamo consegnato circa 4.000 piante». Marina Bardi (Arborea): «Abbiamo aderito perché è un progetto molto interessante e porta molto lavoro in un settore non sempre facile. E per valorizzare le nostre specie autoctone, insegnando alla gente ad usarle e a creare cultura del verde non solo per ornamento, ma per produrre ossigeno, migliorare la qualità dell’aria, abbattere l’inquinamento e combattere il cambiamento climatico. Come primo anno registriamo un’alta adesione. Al momento abbiamo consegnato attorno alle 15 mila piante». (lu.ba.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 19 novembre.

Nella foto: Corrado Paciaroni di Eden Garden

«Mettiamo radici per il futuro», a Imola e Castello distribuite 19 mila tra piante e siepi
Cronaca 20 Novembre 2020

«Mettiamo radici per il futuro», a Imola e Ozzano alberi nelle scuole e nelle aree verdi (e per i cittadini)

Seppur in forma ridotta a causa dell’emergenza Covid, verrà comunque festeggiata la giornata nazionale degli alberi del 21 novembre.

Oltre a promuovere il progetto regionale Mettiamo radici per il futuro, il Comune di Imola si concentrerà sui bambini. «Assieme all’assessore Fabrizio Castellari, stiamo proponendo alle scuole e alle associazioni collegate, in particolare dai nidi alle elementari, di piantare un albero e prendersene cura, un insegnamento che è anche un’occasione di crescita – dettaglia l’assessora all’Ambiente, Elisa Spada –. Inoltre, la coop Il Mosaico assieme ad Alfonso Cuccurullo farà una video lettura proponendo diversi libri che parlano di alberi e che condivideremo in occasione della giornata nazionale sulla pagina Facebook del Comune. Dal 2021, invece, partirà un progetto più ampio di riforestazione urbana per il quale stiamo facendo una mappatura delle aree disponibili».

Nel frattempo procede il progetto regionale: mettere a dimora 4 milioni e mezzo di nuove piante, una per ciascun abitante della regione, nei prossimi cinque anni, per diffondere il verde, realizzare imboschimenti, ripristinare ambienti naturali e svolgere attività didattiche e divulgative. L’iniziativa prevede la distribuzione gratuita di piante per tutti (cittadini, associazioni ed enti pubblici) dall’1 ottobre al 31 dicembre 2020 nelle aziende vivaistiche accreditate dalla Regione (fino a esaurimento scorte). Nel circondario imolese sono Eden Garden a Imola e Arborea a Castel San Pietro.

A Imola, tra scuole e cittadini sono già state distribuite oltre 4.000 piante, di cui circa 2.500 alberi.

A Ozzano Emilia, invece, aderendo al progetto regionale, sabato 21 novembre verranno messe a dimora da un gruppo di volontari, in collaborazione con Legambiente Bologna, 96 alberelli nell’area verde di via Tolara di Sotto di fronte al civico 31, tanti quanti sono i bambini ozzanesi nati tra il 1° novembre 2019 e il 31 ottobre 2020. Altre 25 piante verranno messe a dimora nell’area verde sul retro della biblioteca e una decina a fianco del cimitero del capoluogo. In particolare si tratta di aceri campestri, bagolari, carpini neri, frassini, lecci, tigli e ciliegi selvatici.

Le famiglie che volessero piantare l’albero abbinato al figlio nella propria proprietà devono contattare il servizio anagrafe del Comune (anagrafe@comune.ozzano. bo.it, 051/791301). Il ritiro della pianta è previsto domani, sabato 21, dalle 10 alle 11 nell’area verde in via Tolara di Sotto. Niente consegna delle pergamene alle famiglie dei nuovi nati, dunque, ma una cerimonia in forma ridotta. (gi.gi.)

Nella foto: il primo albero della campagna regionale, un carpino, piantato a fine settembre a Bobbio, nell’Appennino piacentino, dal presidente Stefano Bonaccini

«Mettiamo radici per il futuro», a Imola e Ozzano alberi nelle scuole e nelle aree verdi (e per i cittadini)

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast