Posts by tag: Motori

Sport 16 Agosto 2019

Mondiale E-Bike, la gara di bici elettriche «vietata» ai ciclisti sulla pista da cross

Le bici elettriche sono nostre perché hanno i pedali, dice l’Unione Ciclistica Internazionale. Ma cosa dite? C’è un motore, quindi è roba che compete a noi, risponde la Federazione Motociclistica Internazionale. Insomma, si litiga a livello mondiale e addirittura l’Uci ha intimato ai propri atleti di non correre con l’organizzazione rivale, pena squalifica. E’ questo il clima alla vigilia del Mondiale E-Bike che si terrà a Imola domani, sabato 17 agosto, alle ore 18.30. Tutto è nato a Valkenswaard a fine marzo, in occasione della prova belga del Mondiale di Motocross, quando si è svolto un incontro tra la Fim, l’associazione produttori di E-Bike e l’emittente televisiva Youthstream.

Da quella riunione, l’idea di disputare la competizione «ibrida» per la prima volta nella storia sulla stessa pista utilizzata dalle moto da cross, su e giù per la Rivazza. Il formato di gara includerà una partenza di massa con categorie combinate di corridori, sia maschili che femminili, che correranno per 25 minuti più 1 giro, ma con punteggio separato. La corsa sarà aperta a chiunque abbia una bicicletta elettrica e verrà trasmessa in diretta sulle varie piattaforme e sulla pagina Facebook Mxgp,con oltre 2,5 milioni di follower. (p.z.)

Mondiale E-Bike, la gara di bici elettriche «vietata» ai ciclisti sulla pista da cross
Sport 13 Agosto 2019

Mondiale motocross a Imola, la castellana Andrea Giorgia Grazia non sarà al via: «Gareggiare costa molto»

Wild-card nel 2018, assente nel 2019. Andrea Giorgia Grazia, 21enne crossista castellana, non correrà quest’anno ad Imola, nella tappa del Mondiale in programma nel week-end del 17-18 agosto. E’ la stessa Andrea Giorgia a spiegarci il perché. «Quest’anno sarò a Imola solo da spettatrice – racconta la giovane castellana -. L’anno scorso mi ero svenata per fare la gara del Mondiale, perché non ho nessuno sponsor e mi arrangio con le mie forze. Ho dovuto pagare un allenatore tre mesi, poi se ci aggiungiamo l’iscrizione alla gara e le altre spese… è stata veramente dura. Per affrontare una gara del Mondiale bisogna prepararsi tanti mesi prima ed essere costanti; io, avendo la mia attività di gommista meccanico, non riesco ad essere sempre lineare con gli allenamenti, perché nei 3 mesi primaverili e nei 3 invernali sono impegnata per i cambi gomme e non riesco ad allenarmi per niente. Purtroppo l’incostanza la paghi molto a questi livelli, ma faccio quel che posso. Adesso sto prendendo un po’ più di tempo per me stessa, cercando di racimolare qualche soldo per correre. Voglio iniziare ad allenarmi per bene e fare qualche gara importante. Quest’anno ho iniziato con il campionato italiano Fmi: mi sono sempre classificata tra il 20° e il 25° posto, su 30-35 ragazze, e mi sono un po’ depressa, perché non ero molto allenata e vedevo le altre che andavano più forte di me. Quindi ho deciso di fare il campionato regionale, dove nell’ultima gara sono arrivata seconda su 7 ragazze: un risultato che mi ha risollevato l’umore – ammette Andrea Giorgia -. Adesso aspetto settembre per l’ultima gara del campionato italiano Fmi a Castellarano e il trofeo delle regioni a Savignano sul Panaro, in programma il 21/22 settembre». (an.cas.)

Nella foto: la 21enne crossista castellana Andrea Giorgia Grazia

Mondiale motocross a Imola, la castellana Andrea Giorgia Grazia non sarà al via: «Gareggiare costa molto»
Sport 28 Luglio 2019

Motori, successo per Valter Bartolini a Franciacorta: «Campionato riaperto, mi giocherò tutto a Varano»

L’accoppiata Valter Bartolini e Gpm hanno assaporato nuovamente la soddisfazione della vittoria, imponendosi a Franciacorta nella quarta e terzultima prova del Trofeo Mes Wheel up, classe 1000 Open (si chiuderà con una doppia prova in settembre a Varano).

Le bollicine della zona mai furono più adatte visto che, al termine di una gara molto combattuta, il pilota di Casale (terzo in prova) è balzato in classifica dalla quarta posizione alla seconda, a -6 dal leader Cristini. Le parole dell’infinito «Bart»: «Tutto perfetto, gara stupenda, molto tirata, senza un attimo di respiro. Al 10º passaggio ho preso la testa, con un sorpasso nella esse in staccata dopo il rettilineo di partenza, proprio dove ero caduto mesi fa alla seconda gara. Con questa vittoria abbiamo riaperto il campionato ed ora ce lo giocheremo fino in fondo a metà settembre nel doppio appuntamento di Varano». (r.s.)

Nella foto: a sinistra Valter Bartolini

Motori, successo per Valter Bartolini a Franciacorta: «Campionato riaperto, mi giocherò tutto a Varano»
Sport 27 Luglio 2019

Motori, l'imolese Bryan D’Onofrio campione italiano delle Pitbike

Domenica 14 luglio Bryan D’Onofrio si è laureato campione italiano del Trofeo 12 Pollici Italian Cup categoria Pitbike Gp Elite. Vincendo entrambe le manche a Pomposa, dopo il secondo tempo in qualifica, non avrà bisogno di forzare nell’ultima prova della stagione, a Pavia.

Il 22enne pilota imolese ha dominato la categoria grazie a 6 gare vinte e 1 secondo posto insella alla moto Pitom del costruttore Tomassini di Ortezzano, in provincia di Fermo, preparata dal Team Ni-ko Racing Mb Factory. (r.s.)

Nella foto: Bryan D”Onofrio

Motori, l'imolese Bryan D’Onofrio campione italiano delle Pitbike
Sport 19 Luglio 2019

Motocross a Imola, nel 2020 la tappa mondiale potrebbe essere in calendario a giugno

Comunque vada, sarà un successo. Frase di circostanza che sembra calzare a pennello per la situazione del Mondiale di motocross a Imola. Acquisita ormai la data del 17 e 18 agosto per la gara 2019, la cui organizzazione sta andando avanti a firma Off Road Pro Racing in sinergia con Motoclub Monte Coralli Faenza (ovviamente col supporto di Formula Imola, che è ancora titolare del contratto triennale, più uno, col promoter Youthstream), grandi novità positive sembrerebbero esserci per il 2020. Proprio in questi giorni è stata diramata la versione del calendario della prossima stagione e la data accordata a Imola sarebbe quella del 14 giugno, undicesima prova su 20. Una data davvero molto interessante, come molto interessanti sono le classi proposte.

Ad Imola infatti, oltre alla Mxgp e alla Mx2, verrebbero assegnati nuovamente il Mondiale femminile, la 125 Europea ed una nuova classe Open che si preannuncia tutta da seguire. Vista così, in soldoni, il sacrificio a cui è stata sottoposta questa manifestazione verrebbe ampiamente risarcito il prossimo anno. Non ci sono particolari reazioni da parte degli interessati, tutti molto concentrati sull’appuntamento agostano che sta «lievitando» con un buon lavoro di promozione molto dedicato agli appassionati veri e propri, e con un occhio all’estero dove ci sono tifoserie davvero organizzate e presenti ad ogni evento. La data 2020, lo ripetiamo, è frutto di una prima elaborazione di un calendario che abbiamo visto essere molto ballerino con entrate ed uscite continue (ad esempio non c’è più Assen) e per questo del futuro se ne parlerà solo in occasione del round di quest’anno, dove sicuramente Youthstream, Formula Imola e (perché no?) Off Road Pro Racing e Monte Coralli Faenza si metteranno attorno ad un tavolo.

Infatti, alla fine, il grande obiettivo rimane il «più uno», ovvero la possibilità di avere il Motocross delle Nazioni del 2021 che porterebbe davvero tanta gente. E’ sempre una questione di visione ed in questo caso una messa alla prova. La gara di motocross a Imola è passata nell’ordine da «ritorno glorioso alle origini» a «gara spettacolare» a «causa principale del buco di bilancio di Formula Imola 2018» e quindi «salvataggio in extremis con organizzatore esterno» con la stessa velocità di una partenza. Adesso è ora di supportare bene questa edizione, non farsi tante domande e sognare in grande per il 2020 e 2021 con l’azione di tutti, perché quella bella data del 14 giugno e il Cross delle Nazioni poi se li potrebbe prendere qualcun altro e Imola rimanere (neanche tanto in senso figurato) solo con un pugno di terra in mano. (m.r.)
Motocross a Imola, nel 2020 la tappa mondiale potrebbe essere in calendario a giugno
Sport 7 Luglio 2019

Esce l’opera «Emozioni in moto», aneddoti e curiosità raccolti da Claudio Corsetti

Claudio Corsetti, giornalista, tester e general manager romano che vive ormai da tanti anni a Imola, ha appena pubblicato la sua terza opera: «Emozioni in Moto». Una raccolta di avventure vissute in sella ad ogni tipo di moto: le storie, gli aneddoti, le curiosità e i ricordi. In sette capitoli Claudio Corsetti racconta dal vivo l’amore e la passione per la moto che ha vissuto in oltre 20 anni di professionismo legato al mondo delle due ruote.

Corsetti ha lavorato prima come giornalista, poi come fondatore e direttore di una scuola di guida veloce e sicura che ha insegnato a guidare a più di 20.000 motociclisti in 15 anni di attività e infine come General Manager del team Yakhnich Motorsport, Campione del Mondo Supersport 2013. Il prezzo del libro è di 18 euro, più spese di spedizione.

Per prenotazioni e informazioni, sito web: www.masterbike.tv; mail: info@masterbike.tv; telefono: 344/1905279. (r.s.)

Esce l’opera «Emozioni in moto», aneddoti e curiosità raccolti da Claudio Corsetti
Sport 28 Giugno 2019

Motori, nel week-end all'autodromo arriva il Civ tra gare e… misure del rumore

Fa tappa all’Enzo e Dino Ferrari, in questo week-end del 29-30 giugno, il terzo round del Civ, il campionato italiano di velocità organizzato dalla Federazione Motociclistica Italiana. Fra i circa 200 piloti impegnati nelle cinque categorie (PreMoto3, Moto3, Supersport 300, Supersport 600, Superbike) e le tre coppe (Yamaha R1 Cup, National Trophy 600, National Trophy 1000), scenderanno in pista anche alcuni team e piloti «nostrani».

Primo fra tutti, l’imolese Kevin Calia, impegnato nella Superbike sulla Suzuki del Team Penta Motorsport, per cui corre dallo scorso anno. In Moto3, trampolino di lancio per l’omonima classe mondiale, scenderà in pista un altro figlio d’arte: Luca Gresini, figlio dell’ex campione ed oggi team manager Fausto Gresini. Come progetto per la crescita e lo sviluppo del motociclismo tricolore, Gresini ha scelto di schierare un team con tre piloti: oltre al figlio, quattordicesimo in campionato, i giovani Alessandro Morosi (tredicesimo in classifica) e Leonardo Taccini (ottavo). Completano la rosa delle realtà locali impegnate nel campionato nazionale i due piloti modenesi del team castellano Green Speed motorizzato Kawasaki, i giovani Simone Saltarelli e Marcello Vincenzi impegnati nel National Trophy 600 sotto la guida del team manager Simone Steffanini (il primo terzo in campionato, il secondo ottavo) e la wild-card imolese Andrea Poggi, impegnato nel National Trophy 1000 su Ducati Panigale V4R. Quest’anno, inoltre, la Fmi è impegnata in prima linea con i propri tecnici per rilevare rumori e sforamenti e contribuire ad un nuovo regolamento per le giornate in deroga nei circuiti italiani (non solo quello di Imola è soggetto a critiche dei cosiddetti comitati anti-rumore). In occasione del Civ a Imola i tecnici Fmi misureranno dunque i rumori del circuito del Santerno.

La tappa imolese del Civ prevede appuntamenti in pista dalle 8 del venerdì alle 18 della domenica; le gare si corrono sabato e domenica pomeriggio ad eccezione delle due coppe del National Trophy, al via domenica mattina. Venerdì l’ingresso al paddock è libero; sabato costa invece 12 euro con riduzione a 8 per tesserati Fmi, donne e ragazzi tra i 15 e i 18 anni, mentre domenica il biglietto è di 16 euro (ridotto 10); l’abbonamento due giorni costa 25 euro (ridotto 15); per gli Under 15 e i disabili l’accesso al paddock è sempre gratuito. L’accesso alle tribune A, M e D è invece gratuito per tutti. (mi.mo.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 27 giugno.

Nella foto: l”imolese Kevin Kalia sulla sua Suzuki

Motori, nel week-end all'autodromo arriva il Civ tra gare e… misure del rumore
Sport 19 Giugno 2019

Motori, l’imolese Bryan D’Onofrio in testa al Trofeo «12 Pollici» di Pitbike: «La moto è piccola, la passione grande»

La passione per la moto gliel’ha trasmessa il padre, che però non ha mai corso. Bryan D’Onofrio, oggi 22 anni, invece, corre da quando di anni ne aveva 4 e oggi guida la classifica generale del Trofeo 12 Pollici Italian Cup categoria Pitbike GP Elite grazie a quattro vittorie consecutive in sella alla moto Pitom del costruttore Tomassini di Ortezzano, in provincia di Fermo, preparata dal Team Ni-ko Racing MB Factory.

Dopo aver corso prima con le minimoto e con le minigp fino ai campionati italiani, l’imolese è stato selezionato per due anni consecutivi per il progetto Hirp di Honda Italia e Team Gresini, vincendo nel 2009 il campionato Junior Trophy. «Un po’ per caso ho provato una pitbike – racconta – e mi sono appassionato. Si tratta di moto più piccole e maneggevoli ma anche più sensibili, bisogna saperle guidare proprio come le moto più grandi, che comunque amo». Così da cinque anni a questa parte il pilota imolese sta facendo carriera nel campionato italiano dedicato alle pitbike, e dopo diversi secondi e terzi posti assoluti, quest’anno è intenzionato a salire sul primo gradino del podio. «Voglio dare tutto me stesso mediando fra velocità ed attenzione e portare a casa il risultato massimo», commenta il pilota con entusiasmo e testa sulle spalle.

Il giovane D’Onofrio si è diplomato e da tre anni lavora in un’azienda locale. «La moto è da sempre il mio sport e la mia passione – conclude -. Sono felice ogni volta che scendo in pista, sia di asfalto sia di terra, e ringrazio tutti gli sponsor del territorio che mi sostengono da sempre rendendo anno per anno reale il mio sogno sulle due ruote». (mi.mo.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 13 giugno.

Nella foto: Bryan D”Onofrio

Motori, l’imolese Bryan D’Onofrio in testa al Trofeo «12 Pollici» di Pitbike: «La moto è piccola, la passione grande»
Sport 5 Giugno 2019

Le auto storiche della «Modena Cento Ore» arrivano a Imola, alla Rocca ci sarà pure Simon Le Bon

La «Modena Cento Ore», partita da Rimini martedì 4 giugno con 105 equipaggi (e 40 donne) provenienti da 22 nazioni, passerà anche dall’autodromo Enzo e Dino Ferrari. Dopo la gara in notturna a Misano, le bellissime auto saranno di scena sul Santerno giovedì 6 giugno: la giornata partirà alle 10 con una gara in pista, poi gli equipaggi si dirigeranno verso il centro della città e sosteranno per il pranzo alla Rocca Sforzesca. Nel prato saranno parcheggiate le auto storiche, che il pubblico potrà ammirare, mentre all’interno si terrà il pranzo. L’arrivo delle auto storiche dall’autodromo è previsto dalle 12.30 alle 14. La partenza dalle 14.15 e alle ore 16.

Non è prevista alcuna chiusura delle strade lungo le quali si snoderà la manifestazione per i trasferimenti da un luogo all’altro. Da Imola gli equipaggi si dirigeranno verso Firenze. Una curiosità: tra i partecipanti è segnalato anche Simon Le Bon, storico cantante dei Duran Duran che negli anni Ottanta facevano impazzire le attuali cinquantenni. Guiderà la vettura più anziana iscritta, cioè la Jaguar XK 120 OTS del 1950.

Nella foto: da sinistra La Courtesy of Canossa Events e Simon Le Bon oggi (quest”ultima dal profilo Instagram di Mattia Grandi)

Le auto storiche della «Modena Cento Ore» arrivano a Imola, alla Rocca ci sarà pure Simon Le Bon
Sport 31 Maggio 2019

Nel weekend l'edizione 2019 de «La Sfida del Cuore» dedicata a Roland Ratzenberger

L’evento imolese di beneficienza e motori, cioè «La sfida del cuore», batte quest’anno la sua quindicesima edizione all’insegna del ricordo dell’austriaco Roland Ratzenberger, pilota di Salisburgo che perse la vita sul circuito di Imola nel 1994, appena il giorno prima del più celebrato Ayrton Senna.

Per l’occasione, l’1 e il 2 giugno saranno ad Imola anche i genitori del pilota, che hanno confermato la presenza alla kermesse dedicata al figlio sia durante la cena-evento del sabato (con la consegna dei Caschi di platino come riconoscimento per i più meritevoli addetti del motorsport) sia al tradizionale appuntamento con i go-kart in pista la domenica, quando è prevista una cerimonia in griglia di partenza prima del via alla competizione. Fra i vip da battere: il pilota Edo Varini, il giornalista sportivo Claudio Corsetti e l’attore Francesco Giuffrida. «Abbiamo scelto di intitolare questa edizione della manifestazione a Roland per ricordare un altro giovane ragazzo che ha perso tragicamente la vita seguendo la propria passione, dopo il campione Senna celebrato in grande il 1º maggio per il venticinquesimo anniversario dalla scomparsa», spiega l’organizzatrice dell’evento, Deanna Zaccherini.

Dal punto di vista benefico la quindicesima edizione de «La sfida del cuore» sosterrà i Carabinieri di Imola, oltre a sensibilizzare sul tema dell’autismo grazie alla presenza di Samuele, diventato idealmente la mascotte della manifestazione dalla scorsa edizione. In questo campo «La sfida del cuore» si pone l’obiettivo di sostenere interventi tesi ad una maggiore inclusione sociale dei bambini con autismo. Per quanto riguarda i Carabinieri, invece, il ricavato della manifestazione contribuirà all’acquisto di un etilometro di ultima generazione… «Per il contrasto del sempre alto numero di incidenti dovuti a guida in stato di ebbrezza», commentano gli organizzatori (oltre 5.000 euro il valore dell’oggetto).

Domenica la kermesse è ad ingresso gratuito, con accesso alla terrazza della corsia dei box a partire dalle 10.

Nella foto (Isolapress): Deanna Zaccherini insieme alla sindaca Sangiorgi

Nel weekend l'edizione 2019 de «La Sfida del Cuore» dedicata a Roland Ratzenberger

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA