Posts by tag: Musica

Cultura e Spettacoli 14 Aprile 2021

Vasco Rossi a Imola nel 2022, ufficiale la nuova data del concerto

Nelle scorse settimane la notizia che, causa Covid, i concerti di Vasco Rossi previsti per giugno erano stati tutti cancellati in attesa di essere riprogrammati. Oggi, però, tutti i fan del rocker di Zocca potranno tornare a sorridere, con le nuove date del Vasco Non Stop Live Festival in calendario il prossimo anno, compreso l’evento all’autodromo di Imola che si terrà il 28 maggio 2022.

I biglietti emessi rimarranno validi per le nuove date. Coloro che saranno impossibilitati a partecipare, avranno la possibilità di rivendere legalmente il proprio biglietto sulle piattaforme dove è avvenuto l’acquisto o di richiedere il rimborso che avverrà tramite voucher di pari valore a quello indicato sul biglietto precedentemente acquistato e comprensivo, dunque, del diritto di prevendita. 

Il voucher potrà essere richiesto entro il 13 giugno 2021 e avrà validità 18 mesi dalla sua data di emissione. I voucher potrà essere richiesto, presso le biglietterie dove è stato acquistato il biglietto, entro il 13 giugno 2021 e avrà validità 18 mesi dalla sua data di emissione. (da.be.)

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Nella foto: Vasco Rossi insieme a Claudio «Gallo» Golinelli 

Vasco Rossi a Imola nel 2022, ufficiale la nuova data del concerto
Cultura e Spettacoli 30 Marzo 2021

I Pearl Jam annullano il tour europeo, il concerto di Imola rinviato al 2022

Dopo Vasco Rossi anche i Pearl Jam hanno annunciato che il loro tour europeo 2021 è stato rinviato al prossimo anno. Saltato, quindi, il concerto in programma a Imola il prossimo 26 giugno. La nuova data per l’evento all’autodromo sarà il 25 giugno.

I biglietti precedentemente acquistati rimarranno validi per la nuova data. I possessori dei biglietti acquistati tramite Ten Club, riceveranno una mail con ulteriori informazioni. I biglietti per la nuova data sono disponibili da adesso sul sito Live Nation. (r.c.)

Nella foto: i Pearl Jam

  

I Pearl Jam annullano il tour europeo, il concerto di Imola rinviato al 2022
Cultura e Spettacoli 26 Marzo 2021

Vasco Rossi cancella gli eventi di giugno, salta anche il concerto all’autodromo di Imola

I concerti di Vasco Rossi previsti per il prossimo mese di giugno nell’ambito del Vasco Non Stop Live Festival 2021 saranno riprogrammati. Tra questi, quindi, anche quello in calendario il 22 giugno all’autodromo di Imola.

Le nuove date e le eventuali modalità di rimborso, in conformità con le disposizioni di legge, saranno comunicate entro il 15 aprile.

Per aggiornamenti ed informazioni visitare il sito web o la pagina Facebook di Live Nation. (r.c.)

Foto presa dalla pagina Facebook di Vasco Rossi

Vasco Rossi cancella gli eventi di giugno, salta anche il concerto all’autodromo di Imola
Ciucci (ri)belli 15 Marzo 2021

Contributi per le lezioni di musica svolte nel 2020, come fare domanda

Fino al 15 aprile 2021 è possibile richiedere contributi per le lezioni di musica svolte dai propri figli nel 2020. Lo stabilisce un apposito bando del ministero dei Beni culturali, di concerto con il ministero dell’Economia e finanze e il ministero dell’Istruzione, previsto dal cosiddetto decreto Rilancio.

I requisiti

Ogni nucleo familiare con Isee fino a 30 mila euro può richiedere (una sola volta) un contributo fino a 200 euro per ciascun beneficiario, per le spese sostenute nell’anno 2020 per la frequenza delle lezioni di musica dei figli minori di 16 anni nelle scuole di musica iscritte nei relativi registri regionali, nonché nei cori, bande e scuole di musica riconosciuti da una pubblica amministrazione. I figli minori di 16 anni devono risultare iscritti al 23 febbraio 2020.

A Imola vi rientrano gli allievi della Nuova Scuola di musica comunale Vassura-Baroncini, della Banda musicale Città di Imola e del Progetto Musicascuola dell’Associazione Musicaper, convenzionata per territorio comunale con Istituti comprensivi 5 e 6.

Come fare domanda

La domanda di partecipazione deve essere compilata e inviata solo in via telematica, pena l’esclusione, utilizzando la specifica applicazione informatica sul sito internet www.beniculturali.it e dalla Direzione generale www.dger.beniculturali.it: le domande verranno elaborate seguendo l’ordine cronologico di presentazione e fino a esaurimento dell’importo stanziato di 10 milioni di euro per l’anno 2020.

Questa misura si aggiunge a quella già prevista del Bonus musica 2021 inserito nella legge di Bilancio 2020, che per l’anno 2021 prevede una detrazione Irpef sulle spese sostenute fino a 1.000 euro (con riferimento a un Isee fino a 36 mila euro).

Foto tratta dalla pagina Facebook della Nuova scuola di musica Vassura Baroncini

Contributi per le lezioni di musica svolte nel 2020, come fare domanda
Cultura e Spettacoli 15 Marzo 2021

Premi Oscar 2021, l'Italia sogna con la candidatura di Laura Pausini

Laura Pausini candidata ai Premi Oscar 2021. Dopo essersi aggiudicata il Golden Globe, la canzone Io sì (Seen) tratta dalla colonna sonora del film La vita davanti a sé di Edoardo Ponti ha ottenuto anche la nomination al premio cinematografico più ambito.
«Una canzone in italiano nominata agli Oscar!!!! Sono così onorata di rappresentare l’Italia in una delle cerimonie più importanti dell’industria dell”intrattenimento mondiale – ha commentato la cantante di Solarolo, a Imola a maggio del 2016 per la data zero della tournée all’autodromo Enzo e Dino Ferrari e ancora fra settembre ed ottobre dello stesso anno per le riprese del video di Santa Claus Is Coming To Town al teatro Ebe Stignani, sui social –. Ancora non ci credo. Poter far parte di un progetto così speciale come The Life Ahead con Edoardo Ponti e Sophia Loren è stato per me uno dei regali più grandi che la vita potesse farmi. E ora sapere che sono nominata agli Oscar va oltre qualunque desiderio o aspettativa potessi sognare». (lu.ba.)

Foto tratta dalla pagina Facebook ufficiale di Laura Pausini

Premi Oscar 2021, l'Italia sogna con la candidatura di Laura Pausini
Cronaca 5 Marzo 2021

La polka chinata degli ozzanesi Antonio Clemente e Loris Brini sul palco del Festival di Sanremo

Dopo la Mostra del cinema al Lido di Venezia, la polka chinata di Antonio Clemente e Loris Brini sbarca a Sanremo. Sul palco dell’Ariston i due ballerini ozzanesi si sono esibiti ieri, giovedì 4 marzo, in occasione della serata dedicata alle cover, assieme alla band degli Extraliscio, a Davide Toffolo (cantante dei Tre allegri ragazzi morti) e a Peter Pichler, che hanno proposto il brano «Medley Rosamunda» di Gabriella Ferri (QUI IL VIDEO DELL’ESIBIZIONE).

La domanda un po” provocatoria che negli anni si sono spesso sentiti dire, Antonio e Loris, quando uscivano dai mega eventi a cui erano abituati è stata: «Dove altro volete portare la vostra polka chinata, a Sanremo?». Alla fine a Sanremo ci sono andati per davvero.

«Sul palco ti tremano le gambe, è la prima volta che il liscio approda all”Ariston» affermano i due ballerini, che si sono dovuti sottoporre a un rigidissimo protocollo anti-Covid. «Abbiamo convissuto sotto lo stesso tetto Antonio ed io – spiega Loris – per due settimane, a casa mia». Per ballare, e dunque abbracciarsi, dovevano risultare conviventi.

Anche la superficie del palco poteva essere un problema per la polka chinata. Con la band Extraliscio al completo lo spazio era ridotto, ma le ultimissime prove di giovedì pomeriggio hanno decretato che sì, ce la potevano fare.

La 71° edizione del festival di Sanremo segnerà, per gli amanti del genere, l”avvento del liscio nell’olimpo della musica italiana. La polka chinata si è fatta trovare pronta grazie ad Antonio Clemente e Loris Brini. (ti.fu.)

Nella foto Antonio Clemente e Loris Brini ballano sul palco del Festival di Sanremo

La polka chinata degli ozzanesi Antonio Clemente e Loris Brini sul palco del Festival di Sanremo
Cronaca 8 Febbraio 2021

Un anno dall’arresto di Patrick Zaki, maratona musicale in streaming per chiedere la sua liberazione

Ieri il primo anniversario dell”arresto in Egitto di Patrick Zaki, studente egiziano dell’Università di Bologna, detenuto senza processo nelle carceri del suo Paese con l”accusa di istigazione alla violenza e al terrorismo.

Per chiedere ancora una volta a gran voce la sua liberazione, oggi, da mezzogiorno a mezzanotte, dodici ore di musica nel «Voci X Patrick – Maratona musicale per chiedere la liberazione di Patrick Zaki», grande evento in streaming (per vederlo clicca qui) promosso da Amnesty International Italia, Mei – Meeting delle Etichette Indipendenti e Voci per la libertà. L’appello lanciato dagli organizzatori al mondo della musica ha avuto un enorme successo. Saranno infatti oltre 200 gli interventi di artisti, giornalisti, conduttori e organizzatori di festival in quella che si preannuncia come la più grande mobilitazione musicale dedicata a Zaki, l’evento ha il Patrocinio della Camera dei deputati nonché quello di Alma Mater Studiorum Università di Bologna, del Master Gemma Università di Bologna (al quale studiava Patrick Zaki) e del Comune di Bologna. Rai Radio1 – media partner del festival Voci della libertà – rilancerà l’iniziativa con collegamenti in diretta e interviste ai protagonisti, grazie a una staffetta tra i principali programmi. Radio Popolare invece trasmetterà in differita l’evento a partire dalle 24.

In questi 365 giorni tante le manifestazioni in tutta Italia per chiedere la sua liberazione e numerose le città che gli hanno conferito la cittadinanza onoraria. La Città metropolitana ha invitato sin dall”estate scorsa a farlo e Bologna per prima ha accolto la proposta seguita da altri come Bentivoglio e Castel Maggiore. A Imola, Filippo Samachini, capogruppo di Imola Coraggiosa Ecologista Progressista, ha avanzato la proposta formale alla Giunta, a cui si sono uniti gli altri due gruppi che compongono la maggioranza che sostiene il sindaco Marco Panieri.

Nel resto del circondario, già l’estate scorsa Castel San Pietro ha approvato un Ordine del giorno a firma della maggioranza per chidere il rilascio, mentre nell”ultima seduta dell”anno, analogamente, in Consiglio comunale a Ozzano, il gruppo di maggioranza ha proposto l’adesione all”appello di Amnesty International, proposta che è stata approvata all”unanimità. A Medicina il 3 febbraio scorso è stato presentato dai consiglieri di maggioranza un punto all’ordine del giorno per sollecitare un intervento dell’Europa e dello Stato Italiano ed esprimere vicinanza allo studente dell’Università di Bologna Patrick Zaky, imprigionato dalle autorità egiziane. (da.be.)

Nella foto: Patrick Zaki 

Un anno dall’arresto di Patrick Zaki, maratona musicale in streaming per chiedere la sua liberazione
Cronaca 10 Gennaio 2021

«Contoli Musica» dopo 72 anni chiude i battenti, i titolari sperano che qualcuno possa rilevare l’attività

Con la fine del 2020 Lidia Contoli e Vittorio Stagni, i due titolari del negozio «Contoli Musica» di via Emilia 45 a Imola, hanno deciso di cessare l’attività che per 72 anni ha permesso di regalare note musicali a generazioni di imolesi.  «E’ stato il percorso di una vita – racconta Lidia – ho dato continuità dal 1955, quand’ero poco più che quattordicenne, all’azienda di famiglia. Mio padre, Sante Contoli, aveva  un laboratorio casalingo di riparazione di strumenti musicali che fu convertito, nel 1948, in attività commerciale».

La signora Contoli, oggi alla soglia degli 80 anni, con costante dedizione ha portato avanti lo storico negozio di musica. «Dai primi 45 giri agli Lp, dalle musicassette, ai giradischi e ai mangianastri, sono cambiate tante cose: i mezzi utilizzati, gli strumenti, i formati non sono più gli stessi, si sono evoluti dall’analogico al digitale modificandosi tanto. Oggi la possibilità di acquistare tramite internet ha modificato anche le relazioni con la clientela, ma i clienti affezionati e appassionati sono sempre rimasti frequentatori della bottega, perché nulla può sostituire il rapporto diretto con le persone».

Il negozio chiude così dopo 65 anni di attività continuativa di Lidia e Vittorio, tempo in cui hanno visto passare più di due generazioni e una clientela di tutte le età.  «Ci sono stati anni in cui ci siamo specializzati maggiormente nella musica classica, altri in cui, con la vendita degli strumenti musicali e spartiti, abbiamo coinvolto  Scuole di Musica e realtà musicali del territorio, con ragazzi giovani e artisti in erba». Contoli Musica è sempre stato un punto di riferimento per gli appassionati che volevano curiosare, ascoltare e provare qualche strumento. «Chiudere il negozio che abbiamo gestito per così tanto tempo ci emoziona con un velo di malinconia – confessa –  e non nascondo che ci piacerebbe che un amante della musica come noi avesse voglia di rilevare la nostra bottega. Chissà». (r.cr.)

Nella foto: la signora Contoli col marito il giorno della chiusura

«Contoli Musica» dopo 72 anni chiude i battenti, i titolari sperano che qualcuno possa rilevare l’attività
Cultura e Spettacoli 6 Gennaio 2021

Nuovo singolo per Nearco: «Liberi Tutti è il mio regalo di Natale»

«Ritengo che uno degli scopi della musica sia quello di risollevare gli animi, di dare qualche nota di fiducia e di coraggio, per cui il brano richiama a quando torneremo a fare quello che non possiamo fare ora: sappiamo che prima o poi torneremo a divertirci, e questa certezza ci aiuta». Così Nearco introduce il suo singolo Liberi Tutti, nuova versione di Tutto bene tutto male scritta con Briel Ferry e Luca Antolini, remixata e prodotta da Maxwell, dj producer. E aggiunge: «C’è anche maggiore consapevolezza: ora sappiamo che tante cose sono un valore aggiunto, che non dobbiamo mai dare per scontato… abbracciarci, girare liberamente e serenamente… torneremo a farlo. Oltre al messaggio ludico, c’è n’è quindi uno ulteriore nel brano, un retro-significato, come cerco di fare sempre nelle mie canzoni».

Se Tutto bene tutto male è stato accompagnato da un video con la partecipazione dell’attore americano Nathan Barnatt, anche il remix Liberi Tutti ha il suo, diretto da Milo Barbieri. «È stata una proposta della casa discografica – commenta Nearco – e il regista, pur non conoscendomi, è riuscito a rappresentare molto bene le mie esibizioni live legate all’intrattenimento e al far ballare la gente: l’ho girato in uno studio, da solo, poi nel video si vedono dietro delle “persone-cartoni animati” che ballano con me». (ste.f.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 24 dicembre.

Nella foto: Nearco in uno scatto di un anno fa (Isolapress) e la copertina di «Liberi Tutti»

Nuovo singolo per Nearco: «Liberi Tutti è il mio regalo di Natale»
Cronaca 5 Gennaio 2021

Duetto «virtuale» con Simone Cristicchi per gli studenti della scuola media Malpighi Visitandine di Castello

«Niente è più grande delle piccole cose», canta Simone Cristicchi nella canzone «Abbi cura di me» premiata per miglior composizione musicale e interpretazione al Festival di Sanremo 2019. E proprio da questi versi ha preso spunto negli ultimi mesi un progetto tra il cantante romano e la scuola media Malpighi Visitandine di Castel San Pietro. I ragazzi hanno analizzato il testo della canzone, anche supportati dalla lettura del libro «Abbi cura di me» scritto da Simone Cristicchi con Massimo Orlandi. Insieme alla professoressa Cattabriga di Arte e Immagine, che ha anche curato la ‘regia’ della storia, gli studenti hanno preparato con gli acquerelli dei fotogrammi che, messi in successione, hanno raccontato una storia ispirata al senso della canzone e all’importanza delle piccole cose. 

Con la professoressa Tarabusi di Musica, invece, hanno cantato e registrato individualmente, immaginando di duettare con lo stesso Cristicchi, che nelle fasi iniziali del progetto aveva inviato loro un video-messaggio per motivarli e coinvolgerli. La «collaborazione artistica» per gli studenti è diventata reale, pur in tempo di Covid, con la sovrapposizione di tutte le voci nel montaggio audio.
Frutto della contaminazione tra diverse aree di insegnamento, musica e immagini hanno dato vita ad un video (per vederlo clicca qui), presentato recentemente anche all’evento «Meet your school», dove i ragazzi hanno raccontato questa esperienza a visitatori e genitori.  «Vi ringrazio, il video è emozionante ed è stato bello ”duettare” con voi» ha scritto domenica 27 dicembre lo stesso Simone Cristicchi sulla propria pagina Facebook, condividendo il video realizzato. «E’ stato davvero interessante per gli studenti, in questo tempo fatto di restrizioni e isolamento – ha concluso la preside Valentina Di Pietro – coinvolgersi in un lavoro in cui ciascuno, facendo la propria piccola parte, ha contribuito a scrivere una grande storia. Ringraziamo di cuore Simone Cristicchi, artista di grande sensibilità e attenzione verso i giovani, per come ha saputo parlare ai ragazzi con sincerità e valorizzare il loro prezioso lavoro». (da.be.)

Nella foto: il cantante Simone Cristicchi in collegamento video

 

Duetto «virtuale» con Simone Cristicchi per gli studenti della scuola media Malpighi Visitandine di Castello

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast