Posts by tag: nuoto

Sport 23 Luglio 2019

Nuoto Mondiali, medaglia di bronzo e record italiano per Martina Carraro nei 100 rana

Una bella notizia arriva direttamente dai Mondiali coreani di Gwangju. Martina Carraro, infatti, ha conquistato la medaglia di bronzo nei 100 rana dietro all”americana Lilly King ed alla russa Yuliya Efimova.

Per la nuotatrice che da tempo si allena a Imola, oltre al terzo gradino del podio, anche la soddisfazione di centrare il nuovo record italiano con il tempo di 1”06””36, tre centesimi in meno del precedente primato, stabilito ieri nelle semifinali, appartenente ex-aequo alla stessa Carraro e ad Arianna Castiglioni.

Nella foto: Martina Carraro

Nuoto Mondiali, medaglia di bronzo e record italiano per Martina Carraro nei 100 rana
Sport 21 Luglio 2019

Nuoto, riflettori sui Mondiali in Corea: Scozzoli, Carraro e Bianchi a caccia di una medaglia

Rana e farfalla ai Mondiali di Corea, in programma dal 21 al 28 luglio. Ecco quando bisogna sgranare gli occhi in vista delle gare (su «sabato sera» date e orari). Niente stile libero, specialità sconosciuta a queste latitudini, neppure dorso, dopo la mancata qualificazione di Carlotta Zofkova. Ma signori, che rane… e che farfalla… con le firme nobili di un terzetto che riporta i nomi di Fabio Scozzoli, Martina Carraro e Ilaria Bianchi. I primi due accompagnati da Cesare Casella, l’allenatore che ha fatto diventare Imola un vero e proprio polo di riferimento per il breaststroke, la castellana che invece parteciperà al suo sesto Mondiale in vasca lunga, per una carriera iniziata nel 2006 con l’oro iridato giovanile a Rio de Janeiro e non ancora terminata. «A 29 anni mi sto rendendo conto di avere fatto e tuttora stare facendo qualcosa di importante – confida Ilaria -. Non so se quello di Corea sarà il mio ultimo Mondiale, perché finché vedrò risultati che derivano dal duro lavoro, andrò avanti. E l’idea di farsi una famiglia può aspettare».

Condizioni? Sensazioni?

«Nelle ultime due edizioni, tra Budapest e Kazan, non sono andata benissimo, ma ogni volta cambia tutto. Adesso sono reduce da un’ottima prova ai Settecolli e sono ottimista. Tornerò a casa contenta se mi sarò avvicinata al mio record del 2018, cioè 57”22 nei 100 farfalla, l’unica gara alla quale dovrei partecipare e dove proverò con tutte le mie forze ad entrare in finale. Sui 50 vedremo, deciderà il c.t. Cesare Butini se mandare in vasca ma oppure Elena Di Liddo».

Ottimista anche il ranista 31enne Fabio Scozzoli. «Sono in forma, questa stagione è andata bene – racconta -. Negli ultimi due anni sono cresciuto con un metodo che funziona e ho ricostruito prima la velocità e poi ho lavorato per puntare sui 100 rana, prima per arrivare in finale ai Mondiali e poi anche in vista delle Olimpiadi».

Entrare nei primi 8 a Gwangju è l’obiettivo reale?

«A parte Adam Peaty, che sembra di un altro pianeta, ci sono altri due ranisti più forti di me: il bielorusso Ilya Shimanovich e l’altro inglese James Wilby. Entrare in finale nei 50 e soprattutto nei 100 sarebbe un ottimo obiettivo, la lotta per il podio sarà di altissimo livello».

Un aiuto morale in più sarà quello di avere vicino la compagna Martina Carraro, da due anni nelle fila dell’Imolanuoto e che nuoterà tutte le distanze della rana: i 50, i 100 e i 200. Ma anche la presenza dell’allenatore Cesare Casella sarà tutt’altro che simbolica. «Anch’io ho buone sensazioni – dice il tecnico imolese -, anche se non mancherà la concorrenza, perché nella rana il livello si è alzato ancor più che negli altri stili. Il primo obiettivo sarà quello di gareggiare cercando di migliorare se stessi, poi andremo a vedere dove saremo arrivati. In fin dei conti, una volta entrati in una finale mondiale, si partirebbe tutti insieme…». (p.z.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 18 luglio.

Nella foto: da sinistra Fabio Scozzoli e Martina Carraro, l”allenatore Cesare Casella, Ilaria Bianchi a Tokyo

Nuoto, riflettori sui Mondiali in Corea: Scozzoli, Carraro e Bianchi a caccia di una medaglia
Sport 9 Luglio 2019

Nuoto Master, ai campionati italiani doppio oro per Davide Domenichini

Sono tornati a Riccione, dopo un anno di assenza, i campionati italiani di nuoto Master. Lo «Stadio del nuoto» ha ospitato 3.450 atleti, tra i quali 20 imolesi. A farla da padrone il mordanese Davide Domenichini, che si è aggiudicato due titoli italiani nella categoria M30, il primo nei 50 rana, con il tempo di 30”38 ed il secondo nei 100 rana con uno strepitoso 1’07”55. Davide non si è lasciato sfuggire l’argento nei 200 rana, cosi come Massimo Busignani. Il primo ha fermato il crono a 2’32”90, mentre Massimo (tra gli M50) a 2’39”77.

Tra i velocisti in gara nei 50 stile libero, sesto posto per Daniela Sentimenti (M50) e Gianluca Guidotti (M45), ottavo per Flavio Rocchi (M70), 13º per Simone Pancaldi (M40) e 14º per Maria Chiara Mazzetti (M35). Bene anche Massimo Morelli (M55), Luigi Xella (M65) e Salvatore Parisi (M45) nei 50 rana e i delfinisti Michele Barnabè, Federico Fabbri, Marco Zucchini, Jacopo Pelliconi, Roberto Volta e Mauro Morelli impegnati nei 50. (r.s.)

Nella foto: Davide Domenichini

Nuoto Master, ai campionati italiani doppio oro per Davide Domenichini
Sport 26 Giugno 2019

Nuoto, un'immensa Ilaria Bianchi centra il «pass» per il suo sesto Mondiale

Ilaria, 6 magnifica. Alla 56ª edizione del Trofeo Settecolli, in programma nello scorso weekend nella capitale, la «farfalla» di Castel San Pietro ha centrato il «pass» per i Mondiali di Gwangju, battendo nella finale dei 100 delfino la rivale Elena Di Liddo. Tempo strepitoso per la 29enne castellana, che ha toccato in 57”50 (7º crono mondiale del 2019), un centesimo in meno rispetto all’avversaria pugliese (già qualificata per la Corea). Il duello tra la Bianchi (che a Roma ha vinto anche la medaglia di bronzo nei 50 farfalla, dietro all’australiana Barratt e alla danese Beckmann) e la Di Liddo va avanti da tempo e, probabilmente, sta stimolando entrambe a dare il massimo.

«Iaia» centra così la sesta manifestazione iridata in vasca lunga, raggiungendo tra i qualificati gli «imolesi» Fabio Scozzoli e Martina Carraro. Per il ranista forlivese non è stata sicuramente un’edizione brillante del Settecolli: nei 50 è rimasto fuori dai migliori 8 (vincendo poi la finale B), mentre nei 100 è partito fortissimo, crollando nel finale e chiudendo al 7º posto in 1’00”19. La Carraro non ha certamente deluso, grazie all’argento nei 100, al bronzo nei 50 e al quarto posto nei 200 rana.

Chi non è ancora certa di andare in Corea è invece Alessia Polieri: l’atleta dell’Imolanuoto non sta vivendo un momento eccezionale, come confermato al Settecolli, dove il miglior piazzamento è stato un 7º posto nei 200 farfalla. Ha fatto meglio Carlotta Zofkova, ai piedi del podio per soli 9 centesimi nei 100 dorso. Per la 26enne di Conselice la chiamata per i Mondiali pare difficile anche se una terza dorsista, oltre a Panziera e Scalia, potrebbe tornare utile al Ct Butini. Ora non resta che attendere le ultime scelte per la spedizione azzurra, che dal prossimo 21 luglio sarà impegnata presso il Nambu University Municipal Aquatics Center di Gwangju, in Corea del Sud. (an.cas.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 27 giugno.

Nella foto: il trionfo di Ilaria Bianchi sui 100 delfino al Trofeo Settecolli di Roma

Nuoto, un'immensa Ilaria Bianchi centra il «pass» per il suo sesto Mondiale
Sport 7 Giugno 2019

Nuoto, alla piscina Ruggi il 2° Trofeo Città di Imola-Memorial Dall’Aglio con i nostri big ed i super ungheresi

Sarà ancora László Cseh la grande star internazionale presente alla seconda edizione del «Trofeo Città di Imola – Memorial Mattia Dall’Aglio», in programma sabato 8 e domenica 9 giugno alla piscina comunale Ruggi. Proprio come un anno fa, la leggenda ungherese farà capolino ad Imola, assieme ad altri 4 giovani rappresentanti della nazionale magiara, in quella che sarà la seconda tappa del Circuito Nuoto Italia, serie di meeting che comprendono, oltre a quella imolese, le manifestazioni di Bressanone, Treviso e Pesaro. L’evento sarà presentato venerdì 7 giugno alle ore 18, presso il Centro Leonardo (main sponsor della manifestazione), dove andrà in scena una conferenza stampa nella quale saranno presenti i principali atleti in gara.

Non mancheranno, ovviamente, i big tesserati Imolanuoto: da Fabio Scozzoli (reduce dal podio nei 50 rana ad Indianapolis, tappa delle Champions Swim Series) a Martina Carraro, passando per Alessia Polieri e Carlotta Zofkova. Presente anche la castellana Ilaria Bianchi, così come la compagna di squadra all’Azzurra ’91 Arianna Barbieri, oltre alle «straniere» Diletta Carli e Giulia Verona, giovanissima nuotatrice cremonese classe 1999. Saranno in totale circa 800 gli atleti che si sfideranno nella due giorni di gare, che si svolgeranno con il programma abituale: batterie al mattino, finali al pomeriggio. Per il secondo anno consecutivo, Imola si trasformerà in capitale italiana del nuoto: se le previsioni meteo non sbagliano, dovrebbe essere bel tempo nel week-end. Ma non si mai in questa pazza primavera. (an.cas.)

Nella foto (Isolapress): la manifestazione del 2018

Nuoto, alla piscina Ruggi il 2° Trofeo Città di Imola-Memorial Dall’Aglio con i nostri big ed i super ungheresi
Sport 5 Giugno 2019

Nuoto sincronizzato, bronzo d’inverno e d’estate: Gabriele Minak sul podio tricolore del «duo misto»

L’imolese Gabriele Minak e la bolognese Viola Gamberini hanno vinto la medaglia di bronzo ai campionati italiani Estivi Assoluti di nuoto sincronizzato in corso di svolgimento a Ostia, nella categoria «duo misto». La coppia del Cn Uisp Bologna, già vincitrice del bronzo ai tricolori invernali, era la più giovane in competizione. Al primo posto si sono piazzati i campioni del mondo in carica: Giorgio Minisini e Manila Flamini delle Fiamme Oro ed al secondo Nicolò Ogliari e Federica Sala dei Rari Nantes Savona. (r.s.)

Nella foto: Gabriele Minak e Viola Gamberini

Nuoto sincronizzato, bronzo d’inverno e d’estate: Gabriele Minak sul podio tricolore del «duo misto»
Sport 18 Maggio 2019

Nuoto, a Budapest Fabio Scozzoli è un fulmine: personale demolito e record italiano sfiorato

Primato personale battuto, record italiano sfiorato. Fabio Scozzoli non smette mai di stupire: sabato 11 maggio, nella seconda tappa delle Champions Swim Series a Budapest, il forlivese ha dominato i 100 rana, stampando un clamoroso 59”05, che sgretola il precedente primato personale (59”33) e si avvicina fortemente al miglior crono italiano di sempre di Nicolò Martinenghi (59”01).

Scozzoli, che aveva vinto i 100 anche nella prima tappa della competizione ad invito della Fina (svoltasi a Guangzhou a fine aprile), si sta preparando al meglio per i Mondiali, in programma dal 12 al 28 luglio a Gwangju. (r.s.)

Nella foto: Fabio Scozzoli

Nuoto, a Budapest Fabio Scozzoli è un fulmine: personale demolito e record italiano sfiorato
Cronaca 29 Aprile 2019

Alla bolognese De Akker Team la gestione della piscina Conca Verde, vicepresidente è il consigliere Simone Carapia

La società bolognese De Akker Team Ssd arl è il nuovo gestore della piscina Conca Verde di Fontanelice. Andrea Sampaoli, uno dei soci, è ottimista: «Il nostro obiettivo è aprire per la prossima stagione estiva». E’ lo stesso sindaco, Athos Ponti, a spiegare quali saranno i prossimi passi: «La commissione della Centrale unica di committenza del Circondario (che gestisce le gare d’appalto per i dieci Comuni), ha valutato le due società che avevano partecipato al bando e l’offerta più conveniente è stata quella della De Akker che ha proposto un rialzo dell’offerta economica del 50 per cento del canone annuo». Dato che la richiesta base era di 1.000 euro la società verserà quindi al Comune 1.500 euro annui. «In settimana verrà fatta la determina sancendo formalmente l’esito della gara e la piscina potrà essere affidata».

Secondo il bando la società vincitrice si impegna a investire anche 70 mila euro per interventi di manutenzione dovuti anche alla prolungata chiusura dell’impianto (dal 2016), per molti anni fiore all’occhiello dell’estate in vallata. I lavori non sono di grande entità ma da portare a termine prima dell’apertura: dalla pulizia e manutenzione delle vasche, alla sistemazione delle pavimentazioni interne e esterne, poi la revisione degli impianti elettrici e la messa a punto dei sistemi idraulici, sia quelli propri della piscina, come l’impianto di filtraggio, che quelli dei sanitari. I nuovi gestori potranno usufruire anche delle attrezzature presenti, lasciate dalla società imolese Geims al termine del contenzioso con l’Amministrazione, a conclusone della sua gestione.

La De Akker, società sportiva dilettantistica presieduta da Natala Spanti, oltre ad avere propri atleti e una squadra di pallanuoto, è capofila nel consorzio che gestisce la piscina comunale «Carmen Longo» di Bologna, a fianco dello stadio Dall’Ara. Vicepresidente è un fontanese, Simone Carapia, attualmente consigliere comunale della Lega a Imola.

Sampaoli, che si occupa della gestione degli impianti, spiega così la scelta di investire a Fontanelice: «Ci sono due tipologie di piscine, quelle all’aperto e quelle al chiuso, la nostra società ha competenze su entrambe. La Conca Verde è nella provincia di Bologna quindi rientra pienamente nella nostra area di interesse. Abbiamo visto delle potenzialità e deciso che si poteva trattare di un buon investimento, anzi ci siamo stupiti che un simile impianto sia stato chiuso tanto a lungo». Il bando decisamente appetibile, tentativo estremo dell’Amministrazione, li ha incentivati a partecipare.  «Il costo è in linea con le piscine estive della provincia di Bologna – continua Sampaoli -. Abbiamo fatto un sopralluogo per accertarci che gli investimenti fossero compatibili con le cifre previste. Le spese iniziali sembrano tante ma vanno rapportate agli anni di gestione». Il bando, infatti, prevede sei anni prolungabili per altri sei. «Non appena avremo le chiavi in mano cominceremo i lavori. Vogliamo rilanciare la piscina» conclude Sampaoli. (re.co.)

Alla bolognese De Akker Team la gestione della piscina Conca Verde, vicepresidente è il consigliere Simone Carapia
Sport 11 Aprile 2019

Record e «pass» per Fabio Scozzoli e Martina Carraro ai Campionati italiani di nuoto

Coppia d’assi, nel vero senso del termine. Fabio Scozzoli e Martina Carraro sono stati i grandi protagonisti degli Assoluti Primaverili che si sono disputati dal 2 al 6 aprile allo Stadio del Nuoto di Riccione. Per entrambi, infatti, è arrivato il «pass» per i Mondiali di Gwangju, oltre ad un consistente bottino di medaglie. Partiamo dalla Carraro, vero volto di questi Campionati italiani. La 25enne ligure, tesserata per Fiamme Azzurre ed Nc Azzurra 91, ma seguita da Cesare Casella ad Imola, ha centrato una fantastica tripletta: nel primo giorno di gare è riuscita a piazzare la zampata vincente nella solita battaglia con Arianna Castiglioni (oro e «pass» per i Mondiali nei 100 rana); nell’ultimo si è confermata sulla mezza distanza, ? rmando il miglior tempo mondiale stagionale e battendo per pochi centesimi la grande rivelazione degli Assoluti, la giovanissima Benedetta Pilato (che ha eguagliato Federica Pellegrini, visto che disputerà un Mondiale a soli 14 anni).

In mezzo, un altro oro, nei 200 rana, per uno strepitoso tris riuscito solo ad Alessia Boggiato prima. Il compagno Fabio Scozzoli, comunque, non è stato da meno: doppio oro e doppio «pass», col miglior crono mondiale stagionale nei 50 rana, proprio come Martina. L’ennesima dimostrazione di forza e di longevità, dal momento che a 30 anni Scozzoli continua a sbaragliare la concorrenza dell’enfant prodige Nicolò Martinenghi. Quello coreano sarà il 4º Mondiale per il forlivese, a caccia di quella medaglia che sfugge dal 2011 (doppio argento a Shanghai, ma con tempi addirittura più alti a quelli fatti registrare a Riccione). Passiamo a chi invece non è riuscito ad esprimersi secondo le aspettative, a cominciare da Ilaria Bianchi. La farfalla castellana ha portato a casa la medaglia d’argento nei 100 metri, nonostante un crono decisamente poco positivo (58”33 contro il 57”80 della vincitrice Elena Di Liddo), mentre nei 50 e nei 200 non è riuscita a salire sul podio. Poco brillante anche Alessia Polieri, bronzo nei 200 farfalla e solo quarta nei 400 misti, mentre Carlotta Zofkova non ha partecipato ai tricolori. (an.cas.)

Nella foto: Fabio Scozzoli e Martina Carraro

Record e «pass» per Fabio Scozzoli e Martina Carraro ai Campionati italiani di nuoto
Sport 27 Marzo 2019

Nuoto, Simone Cerasuolo batte il record nei 100 rana Ragazzi di Martinenghi

Simone Cerasuolo meglio di Martinenghi. Il 15enne dell’Imolanuoto ha battuto il record dei 100 rana della categoria Ragazzi (1’00”33), che resisteva dal 2015 e apparteneva proprio al lombardo (1’00”75). «Sono contento per il tempo e il record – ha spiegato l’allievo di Cesare Casella che si è imposto anche nei 50 stile libero -. Mi alleno tutti giorni a contatto con Fabio Scozzoli e per me rappresenta un grosso stimolo. Adesso punto a chiudere bene questi Criteria; successivamente mi piacerebbe essere convocato per i Giochi Olimpici Europei giovanili». (r.s.)

Nella foto: Simone Cerasuolo

Nuoto, Simone Cerasuolo batte il record nei 100 rana Ragazzi di Martinenghi

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA