Posts by tag: piste ciclabili

Cronaca 18 Febbraio 2020

I nuovi tratti delle ciclabili di via Canale e Stradone a Castel Guelfo pronti entro agosto

Partiranno il 15 marzo, come per la ciclabile del Santerno, i lavori per la realizzazione del tratto di ciclovia Alta Sellustra compreso nel territorio comunale di Castel Guelfo.

Dopo il completamento delle procedure di gara, l’esecuzione dei lavori è stata affidata nel mese di dicembre alla ditta Zini Elio di Imola. Il contratto d’appalto è stato già firmato e sulle aree interessate dal cantiere sono stati esposti i cartelli indicanti i tempi dell’intervento, ovvero quattro mesi di lavori che, calendario alla mano, dovrebbero concludersi nel mese di luglio o al più tardi in agosto. (mi.ta.)

Via Stradone da Google Maps

I nuovi tratti delle ciclabili di via Canale e Stradone a Castel Guelfo pronti entro agosto
Cronaca 16 Dicembre 2019

Corsie per le auto più strette per far spazio alle ciclabili in via della Resistenza

Da una parte due ciclopedonali più larghe per raggiungere in sicurezza la zona della stazione ferroviaria e il centro storico, dall’altra corsie più strette per i veicoli. Così cambierà il volto nei prossimi mesi via della Resistenza nel tratto compreso tra la rotonda all’incrocio con via Selice e quella con via Pisacane.
I lavori, iniziati a rilento per via delle piogge abbondanti delle scorse settimane, sono partiti più speditamente a inizio dicembre e si protrarranno per i prossimi tre mesi. In sostanza, i due marciapiedi, oggi decisamente strettini in alcuni punti, si trasformeranno in due piste ciclopedonali con una larghezza variabile da un minimo di 2 metri a un massimo di 2,5 metri. Saranno in asfalto con i cordoli in granito e consentiranno di collegare meglio il quartiere Campanella con la zona della stazione ferroviaria e il centro storico, completando i percorsi ciclabili già realizzati ad esempio lungo viale Marconi.

Per allargare i due marciapiedi, però, «la strada verrà stretta di 80 centimetri in ciascuno dei due sensi di marcia» spiega il geometra Maurizio Giovannini di Area Blu, la società in house che si occupa anche della viabilità e delle strade per conto del Comune di Imola. Questo, ovviamente, significherà che le attuali corsie (due per ogni senso di marcia) riservate ai veicoli diventeranno più strette per far più spazio a bici e pedoni.
Attualmente, infatti, ogni corsia ha una larghezza di 3,5 metri, mentre al termine dei lavori verrà ridotta ad appena 3,1 metri, più o meno la larghezza di quelle ricavate nel sottopasso ferroviario della bretella la scorsa estate (qui ci sono due corsie larghe 3 metri in direzione della zona industriale e una corsia da 3,5 metri in direzione del quartiere Pedagna). Ergo, anche in via della Resistenza gli automobilisti saranno, per così dire, incentivati a ridurre la velocità (il limite è di 50 chilometri orari). (gi. gi.)

Ulteriori particolari nel numero del Sabato sera del 12 dicembre

Corsie per le auto più strette per far spazio alle ciclabili in via della Resistenza
Cronaca 20 Dicembre 2018

Il Comitato per la ciclabile di via Emilia levante incalza il Comune con le sue 2.000 firme: «E' un'opera indispensabile»

Torna a farsi sentire il Comitato per il prolungamento della pista ciclabile in via Emilia levante. Forti delle 2.000 firme raccolte due anni fa, consegnate a suo tempo alla vecchia Amministrazione e ripresentate all”assessore ai Lavori pubblici, Massimiliano Minorchio, i rappresentanti del Comitato chiedono alla Giunta 5 Stelle spiegazioni sul perché il progetto per la costruzione del tratto di ciclabile dal Toys a via Gratusa, inserito nel piano triennale delle opere pubbliche 2019-2021, sia stato al momento accantonato.

«Dopo l’incontro di ottobre con il neo assessore Minorchio – spiegano i portavoce del Comitato – ora apprendiamo dalla stampa locale che le opere pubbliche inserite nel programma triennale 2019/2021 sono state sospese ma che al contempo è stato deliberato un finanziamento di 263.000 euro per la realizzazione di una pista ciclabile su viale della Resistenza, addirittura prevista tra le opere pubbliche del 2018. Il nostro Comitato è a favore di tutte le piste ciclabili, ma ci preme sottolineare l’amarezza e la frustrazione che abbiamo provato insieme ai 2.000 concittadini che rappresentiamo nel vedere per l’ennesima volta bypassato il prolungamento della pista ciclabile di cui siamo promotori – e che ha dimostrato la sua valenza essendo stata inserita tra le opere pubbliche da realizzare – da un altro progetto che non presenta il requisito della indispensabilità e della mancanza di alternativa».

«E’ questo il cambiamento? – prosegue il Comitato, che è attivo dal 2002 – Ad oggi questo prolungamento della ciclabile fino a via Gratusa misura appena 800 metri, ma è di fondamentale importanza per poter permettere ai cittadini del quartiere di Tre Monti-Zello di poter utilizzare la bicicletta come mezzo di spostamento in modo sicuro e soprattutto indispensabile, perché non è presente nessun percorso alternativo. Siamo pertanto a chiedere all’Amministrazione Comunale di Imola – concludono i rappresentanti – come e quando pensa di realizzare il prolungamento della ciclabile fino a via Gratusa, affinchè non sia più procrastinato l’obiettivo di rendere più sicura, al pari di altre, una parte importante della nostra città».

Nell”immagine fornita dal Comitato la linea tratteggiata rossa si riferisce alla ciclabile in progetto, la gialla alla parte già realizzata

Il Comitato per la ciclabile di via Emilia levante incalza il Comune con le sue 2.000 firme: «E' un'opera indispensabile»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast