Posts by tag: ponte rizzoli

Cronaca 23 Luglio 2020

Imola e Ponte Rizzoli in lizza per le auto Faw

Imola e Ponte Rizzoli. Ci sono anche due siti del nostro territorio tra quelli al vaglio del grande gruppo automobilistico Faw (acronimo di First Automobile Works) per produrre auto elettriche ed ibride.
È di qualche settimana fa, infatti, l’annuncio dell’interesse del colosso cinese (quasi 4 milioni di veicoli venduti in Cina e 90 miliardi di dollari di fatturato) di muoversi fuori dai confini nazionali investendo la cifra da capogiro di 1 miliardo di euro per progettazione, ingegnerizzazione e produzione di vetture di alta gamma, sia sportive che berline, full electric e ibride plug-in assieme a Silk Ev, società specializzata nell’ingegneria e nel design di auto con sedi in Cina, Stati Uniti e in Emilia Romagna, nel modenese.

Per fare questo passo hanno scelto l’Emilia Romagna, terra di motori, e sono già stati fatti i primi incontri con il presidente Stefano Bonaccini e l’assessore allo Sviluppo economico e green economy, Vincenzo Colla, per arrivare a definire le tappe che porteranno alla nascita di un vero e proprio hub dell’auto elettrica nella Motor Valley. (giu.gi.)

Ulteriori particolari sul numero del Sabato sera del 16 luglio

Imola e Ponte Rizzoli in lizza per le auto Faw
Cronaca 17 Luglio 2020

«Un salto in edicola», l’attività a Ponte Rizzoli di Giada Lelli dove una volta passò anche Gianni Morandi

È l’edicola di una realtà parallela, gli Stradelli Guelfi, l’itinerario alternativo da cui si può raggiungere la riviera romagnola senza gli imbottigliamenti del traffico autostradale, men che meno dei semafori della via Emilia. La possiede e gestisce da dieci anni Giada Lelli, 32 anni, residente a Castel San Pietro. «Dopo il diploma all’Alberghiero – racconta – la crisi picchiava duro, specie in quel periodo, e così decisi per un’attività in proprio. Rilevai l’edicola contro ogni pronostico. Mi dicevano che la vendita dei giornali era destinata a sparire. Ma in fondo non ci credo».

Data la posizione nella frazione ozzanese di Ponte Rizzoli, il destino dell’edicola non può che essere legato alla via che l’attraversa, un percorso che ancora tra i pochi dà la possibilità di vivere il viaggio come una fiaba. Già il nome, Stradelli Guelfi, ci riporta indietro di 800 e rotti anni. Guelfi perché univano la Bologna papalina alla Romagna clericale. Oggi è la via per distinguersi e schivare l’ingorgo. A patto però che si conosca il dedalo di strade che da San Lazzaro arriva a Cervia. Ed ecco che la chiave per arrivare al mare non poteva che essere il pezzo forte dell’ edicola di Ponte Rizzoli. La cartina degli Stradelli. Che resiste perfino allo scontro con Google Maps, presente ormai su tutti i telefonini. Lo stesso Google che in un boccone si è mangiato i navigatori TomTom. La mappa, invece, nel suo piccolo resiste. «Ne vendiamo circa 200 l’anno», dice Giada.

Pensando al passato una mattina di fine agosto 2016 nell’edicola di Ponte Rizzoli è entrato, a sorpresa, Gianni Morandi. «Gentilissimo, con un sorriso grande come le sue mani – racconta la titolare, Giada Lelli -. Ci ho messo qualche istante a riconoscerlo, forse per i suoi modi di fare molto normali. Ma poi gli ho chiesto subito una foto e ha accettato volentieri. Era diretto verso la Romagna, assieme a un collaboratore. Si è fermato per comprare un quotidiano e alcune riviste». (ti.fu.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 16 luglio.

Nella foto: Giada Lelli nella sua edicola a Ponte Rizzoli ed insieme a Gianni Morandi

«Un salto in edicola», l’attività a Ponte Rizzoli di Giada Lelli dove una volta passò anche Gianni Morandi
Cronaca 16 Gennaio 2019

Furto con spaccata alla farmacia Ponte Rizzoli di Ozzano

Furto con spaccata alla farmacia Ponte Rizzoli di via Pedagna, nella piccola frazione del Comune di Ozzano. L”episodio è avvenuto ieri sera, intorno alle 19.49, solo cinque minuti dopo la chiusura serale. Due malviventi incappucciati hanno prima sfondato la porta vetro con un mazza poi, una volta dentro, si sono impossessati soltanto della cassa, staccandola direttamente e portandola via.

Tutto nel giro di trenta secondi, così come testimoniano le telecamere di videosorveglianza che hanno ripreso la scena. «Hanno aspettato che una delle socie uscisse dopo la chiusura – commenta Chiara Cavina, un”altra delle titolari della farmacia -. L”allarme è scattato ma quando è tornata non c”era più nessuno. Hanno rubato l”incasso giornaliero e il fondo cassa proprio nel giorno in cui ha chiuso l”unica socia che non fa il versamento. La porta vetro, invece, è già stata riparata questa mattina». Sul furto stanno indagando i carabinieri. «Le telecamere sono ad alta definizione – prosegue – ma sarà molto difficile risalire agli autori perché, oltre ad essere incappucciati, indossavano anche i guanti. Quelle esterne, invece, hanno ripreso l”auto con cui poi sono scappati, ma purtroppo non si riesce a leggere la targa».

La farmacia di Ponte Rizzoli ha aperto con la nuova gestione il 30 maggio 2018 ed è la prima volta che si verifica un episodio simile. «Non era mai successo che subissimo un furto fuori dall”orario di apertura – conclude la Cavina – ma era già capitato invece che qualcuno ci rubasse qualcosa senza che ce ne accorgessimo. Furti in questa zona, comunque, ne capitano di frequente ma ci avevano avvisate quando decidemmo di prendere in gestione la farmacia». (d.b.)

Nella foto: la porta vetro della farmacia sfondata prima del furto

Furto con spaccata alla farmacia Ponte Rizzoli di Ozzano
Cronaca 16 Giugno 2018

Nell’aviosuperficie di Ponte Rizzoli si può fare un tuffo nella piscina a forma di aereo

Per una volta per pilotare un aereo non c’è bisogno del brevetto e basta tuffarsi, senza decollare. In via Sabbionara, presso l’aviosuperficie Fly Ozzano, venerdì 8 giugno ha aperto l’Aeropool, ossia la piscina a forma di aereo. A onor del vero, il singolare impianto era stato inaugurato tre anni fa dall’associazione di volo a vela «Giorgio Regazzoni», che all’epoca aveva la sede presso l’aviosuperficie di Ponte Rizzoli. Tuttavia, l’uso era riservato esclusivamente ai soci e agli invitati dell’associazione volovelistica.

«La piscina, che non veniva più utilizzata già da un po’ di tempo, ora è di nostra proprietà – spiega Stefano Landi, proprietario dell’aviosuperficie -. Abbiamo effettuato alcuni lavori: ad esempio, l’abbiamo riverniciata, abbiamo allestito un bar, completato bagni e spogliatoi, creato una siepe come perimetro e dei vialetti di accesso. E ora l’abbiamo aperta al pubblico, quindi anche ai non soci».

La piscina è profonda un metro in corrispondenza della fusoliera e 1 metro e 40 centimetri dove ci sono le ali e il muso. La fusoliera è lunga 25 metri, così come le ali. In corrispondenza della coda dell’aereo, invece, sono state inserite delle panchine per l’idromassaggio e c’è anche una fontana che simula la rotazione dell’elica. L’Aeropool sarà aperta da giugno a settembre. Nei mesi di giugno e settembre vi si potrà accedere nelle giornate di venerdì, sabato e domenica dalle ore 10 alle 19, mentre nei mesi di luglio e agosto anche il mercoledì e giovedì e l’orario verrà prolungato fino alle ore 20. Il costo per l’intera giornata è di 5 euro dal lunedì al sabato e di 8 euro alla domenica e nei giorni festivi. (gi.gi.)

Nell’aviosuperficie di Ponte Rizzoli si può fare un tuffo nella piscina a forma di aereo

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast