Posts by tag: presepi

Cronaca 17 Gennaio 2020

Il presepio di Egidio Ceredi il più votato a Medicina, menzione speciale per l'opera del Caffé Solidale

E” stata l”opera di Egidio Ceredi la più votata al termine della mostra dei presepi, organizzata dall”associazione «I Portici di Medicina» nel periodo natalizio all’interno della chiesa del Crocifisso a Medicina. Il presepio di Ceredi ha battuto la concorrenza (le opere esposte erano in totale 35 e di ottima qualità artistica) perché è stata ritenuta capace di rappresentare la tradizione con leggerezza e poesia, utilizzando materiali originali per la realizzazione delle statuette.

La mostra, una tradizione del Natale medicinese, ha ottenuto anche quest”anno un grande successo, registrando circa 1.400 visitatori (hanno fatto fede i voti espressi), con una presenza maggioritaria di bambini. I presepi preferiti, in generale, sono stati quelli con cui gli autori, rispettando i canoni e la simbologia, hanno espresso la loro fantasia, il loro senso artistico e la loro manualità. Oltre al primo premio, è stata riservata una menzione speciale alla rappresentazione della Natività realizzata dagli anziani e dagli animatori del progetto “Caffè Solidale”.

Ogni artista ha ottenuto un attestato di partecipazione e un omaggio, alla presenza di rappresentanti dell”Amministrazione comunale che ha sostenuto l”evento. (r.cr.)

Nelle foto: sopra il presepe di Egidio Ceredi, sotto quello del progetto “Caffé Solidale”

Il presepio di Egidio Ceredi il più votato a Medicina, menzione speciale per l'opera del Caffé Solidale
Cultura e Spettacoli 24 Dicembre 2019

Andar per presepi, anche una guida per visitare le più belle Natività tra Castel San Pietro e le frazioni

Tradizionali, artistici, realizzati con materiali riciclati. Ci sono tantissimi modi per rappresentare la Natività e il presepio è certamente tra le tradizioni natalizie più amate. A Castel San Pietro Terme, per aiutare cittadini e visitatori, l”associazione culturale «Terra storia memoria», in collaborazione con l”Amministrazione comunale e la Proloco, ha realizzato addirittura una guida, scaricabile dal sito del Comune, che si chiama proprio «Andar per presepi». Ce ne sono per tutti i gusti e sparsi in tutto il territorio. 

Cominciando dal capoluogo, nel parco archeologico (ex cinema Bios) di via San Pietro è visitabile il presepe artistico di Renato Mancini, fatto con materiali di riciclo. Sempre di Renato Mancini e anche in questo caso realizzato con materiali di riciclo è anche il presepio allestito all”ex stazione delle corriere, in piazza Martiri Partigiani, dove sono presenti anche due sculture di Eros Mariani (Donna con Bambino e Musicante), una palma opera di Sergio Scala detto Filo e i lavori realizzati dagli alunni della scuola Pizzigotti sul tema dell”inclusione. I lupetti scout sono invece gli autori della rappresentazione della Natività, ambientata all”interno della giungla indiana, che si trova nel cortile accanto al Saltuario del Santissimo Crocifisso.

Più tradizionale è il presepio fatto con statue a grandezza naturale realizzate da Gianni Buonfiglioli che è stato allestito in piazza Acquaderni. Al filone tradizionale appartengono anche i presepi preparati nella chiesa di Santa Maria Maggiore (in terracotta monocroma di Cleto Tomba datato 1943, visitabile tutti i giorni ore 7-18.30 escluso domenica ore 12-15), e nel Santuario del Santissimo Crocifisso (statue in gesso colorate con accenni paesaggistici raffiguranti Castel San Pietro, visitabile tutti i giorni ore 7-18.30 escluso domenica ore 12-15). Un presepe in terracotta policroma dell”artista Gianni Buonfiglioli si può infine ammirare nel Giardino degli Angeli di via Tosi, mentre da oggi e negli orari di apertura della chiesa è visitabile il presepe artistico computerizzato costruito da Dario Gualandi con materiali del Sillaro e ispirato a luoghi e tradizioni del territorio collocato nel convento dei frati cappuccini all”angolo tra via Viara e via Tanari. Da vedere anche il presepe posto davanti alla chiesa di Santa Clelia in via Scania.

Passando alle frazioni, a Osteria Grande meritano una visita il presepe artistico della chiesa di San Giorgio, visitabile tutti i giorni dalle 8 alle 21 e quello collocato su una zattera nel laghetto Mariver. A Varignana, nel cortile adiacente alla chiesa di San Lorenzo, è allestita una Natività con figure in resina a grandezza naturale, mentre a Gallo Bolognese tre sono le opere in mostra nella chiesa dei Santi Re Magi: sull”altare maggiore la rappresentazione della Natività con i Re Magi, nella chiesa un presepe tradizionale e nella canonica una Natività in gesso (aperto nei festivi ore 8-10 o suonando alla porta del custode). 

Spostandosi a Liano ecco il presepe in terracotta policroma di Gianni Bonfiglioli allestito nella chiesa di San Mamante e visitabile la domenica dalle 10 alle 12. A Poggio Grande sempre la domenica dalle 9 alle 12 si può ammirare il presepe della chiesa di San Biagio, mentre a Poggio Piccolo è allestito nel Santuario della Beata Vergine di Poggio (aperto la domenica dalle 9 alle 12) il presepio artistico appartenuto a don Luciano Sarti. (r.cr.)

Nelle foto da sinistra in alto in senso orario: il presepio di piazza Acquaderni, il presepio allestito all”ex autostazione, il presepio del Giardino degli Angeli e il presepio visitabile all”ex Bios

Andar per presepi, anche una guida per visitare le più belle Natività tra Castel San Pietro e le frazioni
Sport 25 Dicembre 2018

Alla scoperta dei «Presepi tra i vecchi borghi» insieme alla guida Schiassi

Domani, mercoledì 26 dicembre, la guida Stefano Schiassi organizza l’escursione: «Presepi tra i vecchi borghi della collina». A cavallo tra la Valle del Santerno e quella del Senio, scoprendo i presepi nascosti tra i castagneti, i borghi dimenticati e visitando uno dei presepi meccanici più belli della valle. Il ritrovo è a Fontanelice davanti al Bar Cacciatori alle ore 9. Rientro nel pomeriggio.

Per partecipare è necessario prenotarsi entro il giorno precedente (10 euro per gli adulti), telefonando al 328-7414401 (Redazione sportiva)

Foto tratta dalla pagina facebook dell”evento

Alla scoperta dei «Presepi tra i vecchi borghi» insieme alla guida Schiassi
Cultura e Spettacoli 21 Dicembre 2018

Un percorso di presepi da visitare a Castel San Pietro e nelle frazioni

Il Presepe è una delle tradizioni più amate dai cittadini di Castel San Pietro e anche quest’anno è protagonista in tutto il territorio comunale. Partendo dal parcheggio dell’ospedale, il primo che si incontra è quello degli orti comunali nel parco Lungo Sillaro, realizzato con materiali naturali; passeggiando nel centro storico si possono ammirare il presepe con statue in gesso colorate ambientato a Castel San Pietro nel Santuario del SS.Crocifisso (aperto tutti i giorni ore 7-18.30, chiuso domenica ore 12-15), quello ambientato in un campo scout allestito dai ragazzi del reparto Boanerghes Agesci in piazza XX Settembre nello spazio di fianco al campanile, quello in piazza Acquaderni con statue a grandezza naturale di Gianni Buonfiglioli, il presepe in terracotta monocroma di Cleto Tomba, datato 1943, nella chiesa di Santa Maria Maggiore (aperto tutti i giorni ore 7-18.30, chiuso domenica ore 12-15); il presepe delle Suore della Carità in via Palestro (visitabile su chiamata), quello artistico computerizzato del Convento dei Frati Cappuccini all’angolo fra via Viara e via Tanari, costruito da Dario Gualandi con materiali del Sillaro e ispirato a luoghi e tradizioni del territorio castellano, quello inserito nella suggestiva atmosfera del Giardino degli Angeli, anch’esso di Gianni Buonfiglioli, e il presepe posto davanti all’ingresso della chiesa di Santa Clelia in via Scania.

L’itinerario prosegue nelle frazioni. A Poggio Piccolo c’è il presepe artistico appartenuto a Don Luciano Sarti nel Santuario della Beata Vergine di Poggio (aperto domenica ore 9-12); a Poggio Grande il presepe della chiesa di San Biagio (domenica ore 9-12); a Osteria Grande il presepe artistico nella chiesa di San Giorgio (tutti i giorni ore 8-21); a Liano il presepe della chiesa di San Mamante (domenica ore 10-12); nella chiesa dei Santi Re Magi a Gallo Bolognese si possono ammirare tre opere: sull’altare maggiore la rappresentazione della natività con i Re Magi, nella chiesa un presepe tradizionale e nella canonica una Natività in gesso (aperto nei festivi ore 8-10 o suonando alla porta del custode). Nel cortile adiacente alla chiesa di San Lorenzo a Varignana è collocata una bellissima natività con figure in resina a grandezza naturale (da non perdere una visita alla cripta preromanica del IX secolo); a San Clemente la mostra di presepi artigianali del Podere Calvanella, circondata da un ambiente naturale unico che evoca le atmosfere del passato (aperta nelle domeniche di dicembre e l’Epifania, ore 15-19). L’associazione culturale Terra Storia Memoria, in collaborazione con amministrazione comunale, Pro Loco e Coordinamento del Volontariato, ha pubblicato l’edizione 2018 di «Andar per presepi», la mini-guida ai principali presepi del territorio di Castel San Pietro, che si può scaricare dal sito del Comune. (Redazione cultura)

Nella foto: il presepe di piazza Acquaderni a Castello

Un percorso di presepi da visitare a Castel San Pietro e nelle frazioni

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast