Posts by tag: scuola superiore

Cronaca 22 Febbraio 2018

Scuola superiore, l'effetto Masterchef non traina più l'alberghiero

L”effetto Masterchef non traina più il professionale alberghiero; lo Scappi registra un grande calo fra le preiscrizioni alle prime classi delle superiori per il prossimo anno scolastico. Si tratta, di fatto, di una tendenza in linea con l’andamento provinciale: un calo di oltre il 3 per cento in tutti gli indirizzi professionali, una sostanziale tenuta dei tecnici e, in parte, dei licei.

Nel circondario imolese, all’alberghiero Scappi di Castel San Pietro prosegue il calo di iscritti visto già l’anno scorso: da 199 siamo a 156, con 127 per il professionale e 29 per il tecnico turistico. «Avremo una sessantina di alunni in meno rispetto allo scorso anno – dicono dalla scuola -, soprattutto al professionale». Secondo Ruscigno si tratta di «un assestamento su numeri più consoni al possibile assorbimento del mondo del lavoro (qualche anno fa le prime classi furono addirittura 16 mentre nell’anno scolastico in corso sono 10, ndr)».

Questo permetterà di far rientrare lo Scappi nella sede di viale Terme liberando le aule di via Remo Tosi. A settembre nascerà anche l’alberghiero Valsamoggia-Casalecchio che trasformerà le due succursali in un istituto a sé.

Il servizio completo su tutte le scuole superiori del circondario imolese è su “sabato sera” del 22 febbraio.

l.a.

Nella foto: l”alberghiero Scappi di Castello, dal sito del Comune castellano

Scuola superiore, l'effetto Masterchef non traina più l'alberghiero
Cronaca 22 Febbraio 2018

Scuola superiore, fra i tecnici crescono i corsi di Finanza e Oss

In calo i licei tradizionali e la formazione professionale, come l’alberghiero di Castello. In controtendenza invece i tecnici, soprattutto il corso per Oss e il commerciale di Medicina. Gli iscritti alle prime classi delle superiori del circondario imolese per il prossimo anno scolastico sembrano confermare l’andamento provinciale: un calo di oltre il 3 per cento in tutti gli indirizzi professionali, una sostanziale tenuta dei tecnici e, in parte, dei licei.

L’unico polo scolastico che chiude le iscrizioni col sorriso è il Paolini-Cassiano, tecnico e professionale. Gli iscritti sono passati dai 183 del 2017 ai 209 del prossimo anno scolastico. «Prevediamo sei prime, una in più rispetto alle attuali» dicono dal Paolini.

In particolare l’indirizzo economico amministrazione, finanza e marketing è cresciuto da 84 iscritti a 104, mentre per il tecnologico costruzioni, ambiente e territorio sono 9 in più. Soddisfatto il preside Enrico Michelini: «Si conferma la validità della nostra offerta formativa costruita sull”innovazione dei percorsi, i rapporti con il territorio, le metodologie didattiche e le nuove tecnologie. E’ piaciuta la novità di poter scegliere il tedesco come seconda lingua straniera a partire dalla prima, come testimoniano le 28 richieste che permetteranno la nascita di una classe con inglese e tedesco sin dalla prima».

Però non si può non notare che il professionale ha tenuto solo grazie al socio-sanitario, che comprende il corso introdotto dalla Regione per l’acquisizione della qualifica di operatore socio-sanitario (Oss). «Il calo da 49 a 37 di iscritti per l”indirizzo commerciale viene compensato dall”aumento da 34 a 40 del socio-sanitario» conferma la scuola. Il settore offre indubbi sbocchi lavorativi e questa si conferma come la motivazione che spinge oggi a scegliere la formazione professionale.

Il servizio completo su tutte le scuole superiori del circondario imolese è su “sabato sera” del 22 febbraio.

l.a.

Nella foto: l”istituto Paolini Cassiano, dal sito del Ministero dell”Istruzione

Scuola superiore, fra i tecnici crescono i corsi di Finanza e Oss
Cronaca 22 Febbraio 2018

Scuola superiore, meno iscritti ai licei e niente diploma in quattro anni

Le preiscrizioni alle classi prime delle superiori del circondario imolese per il prossimo anno scolastico rispecchiano la tendenza provinciale, ovvero che cala la formazione professionale in favore di quella tecnica.

Meno iscritti anche ai licei tradizionali, troppo pochi per lo scientifico in quattro anni la cui sperimentazione non decolla.

Lamberto Montanari, preside del polo liceale Rambaldi-Valeriani-Alessandro da Imola, conferma i dati: “Abbiamo venti unità in meno allo scientifico e una decina alle scienze umane, solo 11 iscritti all’indirizzo economico sociale. Credo sia il riflesso di una tendenza consolidata che vede il liceo delle scienze applicate “tirare” di più rispetto a quello tradizionale come il nostro, completo, con il latino. E’ l’idea che tecnologia ed economia possano esistere senza il contenuto valorale delle scienze classiche…”.

I numeri dicono 286 in prima a settembre contro i 324 del 2017, allo scientifico ci sarà una classe in meno. Ruscigno non è preoccupato: “I licei imolesi erano cresciuti tanto, questi dati sono un assestamento”.

A Montanari spiace soprattutto non avere i numeri per la sperimentazione del diploma in quattro anni: “Abbiamo solo due richieste, altri tre non potevamo accettarli, sono anticipatari quindi non possono accedere ad un ciclo di studi con meno anni (dovevano raccoglierne come minimo 16, ndr). Il territorio ha colto la spinta a valorizzare gli istituti tecnici, le famiglie hanno valutato che così i loro figli andranno al lavoro prima, ma allora perché non provare anche ad andare all’università prima?” lamenta Montanari.

Tutto fermo anche per l’altra novità, il liceo musicale. La Conferenza regionale ha ritenuto necessario un ulteriore passaggio per presentare al Ministero un progetto specifico sul pianoforte (la scuola invece aveva richiesto l’indirizzo «generico»). “Dovremo ricominciare da capo…” conclude il preside.

Il servizio completo su tutte le scuole superiori del circondario imolese è su “sabato sera” del 22 febbraio.

l.a.

Nella foto: il liceo scientifico

Scuola superiore, meno iscritti ai licei e niente diploma in quattro anni

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast