Posts by tag: sport

Cronaca 17 Settembre 2021

Domani il «Montecatone Open Day», la storia dell’argento paralimpico Stefano Travisani

Sport, magia e solidarietà sono gli ingredienti del «Montecatone Open day», in programma sabato 18 settembre ed organizzato dalla Fondazione Montecatone Onlus e dallo stesso istituto nel parco dell’ospedale.

Chi è molto legato all’istituto imolese è Stefano Travisani, il cittadino onorario di Dozza ed argento nel tiro con l’arco alle recenti Paralimpaidi di Tokyo. «Montecatone è stata un’esperienza unica che mi ha fatto crescere – ha raccontato il 36enne milanese -. Vedevo molte persone abbattute, ma lì ho trovato il modo di guardare al futuro in modo diverso grazie allo sport. È stato fondamentale l’incontro con la Nazionale di paraciclismo ed Alex Zanardi, perché mi sentivo uno sportivo come loro. “Loro sono atleti, sono in Nazionale, girano il mondo e vanno alle Paralimpiadi, posso farcela anche io” ho pensato». (f.a.l.)

L’intervista su «sabato sera» del 16 settembre.

Nella foto: Stefano Travisani a Tokyo nella gara di tiro con l’arco misto insieme ad Elisabetta Mijno

Domani il «Montecatone Open Day», la storia dell’argento paralimpico Stefano Travisani
27 Agosto 2021

L’Historic Minardi Day torna all’Enzo e Dino Ferrari il 28 e 29 agosto, green pass o tamponi all’ingresso

L’Historic Minardi Day torna all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola dopo un anno di assenza. Sabato 28 e domenica 29 agosto tanti eventi dedicati all’automobilismo sportivo che gli appassionati (non più di 5 mila al giorno) potranno finalmente vivere all’interno dei box, a contatto con macchine, piloti, ingegneri e tecnici.

Dalle ore 9 in pista si alterneranno auto di F1 (ma anche F2 e F3) con diverse Minardi e le Ferrari ex Prost, Alesi e Alboreto. Presenti altre storiche monoposto, ingegneri e piloti.

I biglietti si possono acquistare solo su TicketOne. All’ingresso sarà necessario esibire il green pass. In alternativa ci si potrà sottoporre al tampone (costo di 15 euro), presso la palazzina medica situata nel «paddock 2» a ridosso della curva Rivazza. (r.cr.) 

Nella foto: la Ferrari di Alain Prost nell’edizione 2019 del Minardi Day a Imola

L’Historic Minardi Day torna all’Enzo e Dino Ferrari il 28 e 29 agosto, green pass o tamponi all’ingresso
Cronaca 11 Luglio 2021

A Castello si è insediata la nuova Commissione Sport

Si è insediata in questi giorni la nuova Commissione speciale consultiva Sport del Comune di Castel San Pietro. E’ composta da 17 rappresentanti di altrettante associazioni sportive iscritte all’albo comunale, che si sono candidati attraverso un avviso pubblico uscito nei mesi scorsi. Al momento dell’insediamento, il sindaco Fausto Tinti ha nominato come presidente della commissione il consigliere delegato allo Sport Andrea Dall’Olio, mentre nel ruolo di segretario i componenti stessi hanno stato designato, quasi all”unanimità, Loris Pagani.

La Commissione Sport potrà esprimere pareri non vincolanti per l’amministrazione, si occuperà dell’implementazione delle politiche dello sport dilettantistico e amatoriale, incluse le politiche di riqualificazione e gestione degli impianti sportivi comunali e della pratica sportiva quale strumento di educazione e inclusione sociale. La commissione scade al termine del mandato del Consiglio comunale.  

Per ulteriori informazioni consultare la pagina dedicata allo Sport sul sito del Comune. Ufficio Sport: 051 6949573; e-mail sport@comune.castelsanpietroterme.bo.it

Nella foto: la Commissione Sport del Comune di Castel San Pietro

A Castello si è insediata la nuova Commissione Sport
Sport 23 Giugno 2021

Intervista al narratore dello sport: Federico Buffa. «Non si legge più, si ascoltano storie»

Intervista a uno dei più famosi narratori di sport, a Imola per raccontare «Italia Mundial», l’indimenticabile vittoria della Nazionale nel 1982. Calcio, basket, televisione: Federico Buffa è bravissimo. Punto. Non c’è altro da fare che sedersi e ascoltarlo. Immergersi nelle sue storie, su Sky o dal vivo, come potranno fare i fortunati che hanno trovato posto domani a Villa Alta, in via Bergullo 44, a Imola.

Gli azzurri di Bearzot. La storia delle storie dal punto di vista sportivo?
«Di tutte quelle che ho visto io, è stata la Nazionale più grande. Qualcosa di impensabile se pensiamo a chi è riuscita a battere: l’Argentina, il Brasile e infine la Germania, passando per la Polonia. Una storia magnifica per il nostro Paese, una conferma che la squadra azzurra dà il meglio di sé quando ha tutti contro». (p.z.) 

LA LUNGA INTERVISTA A FEDERICO BUFFA SUL «SABATO SERA» IN EDICOLA DOMANI 24 GIUGNO

Intervista al narratore dello sport: Federico Buffa. «Non si legge più, si ascoltano storie»
Cronaca 7 Giugno 2021

Il nuovo Parco dello sport di Medicina «pensato» dall’Università

Il progetto elaborato dalla Greenarco di Bologna è il favorito per dare forma al Parco dello sport di Medicina, nella zona di via Argentesi e via Romilly sur Seine. L’approccio della società spin-off dell’Università, che si occupa di architettura del paesaggio, ecologia e monitoraggio degli habitat, è partito proprio con l’osservazione del territorio.

«Lo spazio interessato dalla riqualificazione è caratterizzato da una serie di edifici dedicati allo sport (i campi da calcio e da tennis, la palestra, la piscina e la pista di pattinaggio, nda), da aree multifunzionali e multisport, da percorsi frammentati e spesso incoerenti, e da tasselli residuali di paesaggio – osserva Greenarco -. La proposta progettuale, riconoscendo da subito la potenzialità della frammentazione di questo tessuto urbano, ha ritenuto opportuno seguirne l’identità consolidata». (lu.ba.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 27 maggio.

Nella foto: il rendering di Greenarco mostra come sarà il Parco dello sport di Medicina

Il nuovo Parco dello sport di Medicina «pensato» dall’Università
Cronaca 12 Aprile 2021

Coronavirus, con il ritorno in arancione il Comune di Castello vieta gli sport di contatto anche in parchi e campetti

Oggi, tutta l’Emilia Romagna è tornata in zona arancione. Per quanto riguarda quindi le attività motorie e sportive rimangono in vigore le limitazioni prescritte dal Dpcm del 2 marzo scorso. In più l’Amministrazione Comunale di Castel San Pietro, però, con un’ordinanza ha esteso il divieto di praticare sport e giochi di contatto (come calcio, basket, pallavolo) anche nelle aree attrezzate presenti nei parchi pubblici, nei campetti all’aperto e nelle aree verdi in genere. (r.cr.)

IL TESTO DELL’ORDINANZA

Foto concessa dal Comune di Castel San Pietro

Coronavirus, con il ritorno in arancione il Comune di Castello vieta gli sport di contatto anche in parchi e campetti
Sport 7 Aprile 2021

L’autodromo di Imola punta sulla sostenibilità (anche) per mantenere le gare internazionali

Dalla fine dell’anno prossimo, i circuiti che vorranno ospitare gare di campionati motoristici internazionali, come la Formula 1, la Superbike e la Moto Gp, dovranno possedere una certificazione di sostenibilità ambientale della Fia almeno di secondo livello.
L’autodromo “Enzo e Dino Ferrari” di Imola non si è fatto trovare impreparato, e ieri ha depositato la richiesta di certificazione di primo livello. Con la speranza di portare a casa la sua prima stella già questa settimana, in concomitanza con il Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna di Formula 1.

Fra i parametri che la Commissione ambiente e sostenibilità della Fia prenderà in considerazione per la sua valutazione ci sono la raccolta differenziata dei rifiuti, il non utilizzo della plastica monouso, la mobilità sostenibile da e verso l’autodromo, la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, la gestione dell’acqua e -aspetto particolare di un circuito sorto attorno a un parco come quello di Imola- il rispetto della biodiversità e del patrimonio floro-faunistico.
Uno fra gli interventi già in programma è la piantumazione di alcune migliaia di alberi lungo la Ciclopista del Santerno, in una zona vicina al ponte della ferrovia di proprietà del Comune, che contribuirà a compensare le emissioni di una decina di appuntamenti motoristici (secondo gli studi, la produzione media di Co2 di un evento può essere mitigata grazie a 150/200 alberi).

«Non si tratta di un’operazione di green washing di facciata – ha assicurato Elena Penazzi, assessore all’Autodromo, nel corso della conferenza stampa in autodrono di questa mattina a cui hanno partecipato, fra gli altri, anche il presidente di Formula Imola Giancarlo Minardi, il presidente del Con.Ami Fabio Bacchilega e il primo cittadino Marco Panieri –. Non siamo alla ricerca della benevolenza delle persone, ma vogliamo costruire un futuro veramente differente. E la nostra responsabilità come amministratori è quella di dare l’esempio». (lu.ba.)

Approfondimenti su «sabato sera» di giovedì 15 aprile.

Nella foto (Isolapress), la conferenza stampa all’autodromo

L’autodromo di Imola punta sulla sostenibilità (anche) per mantenere le gare internazionali
Cronaca 6 Aprile 2021

Il sindaco Montanari e le idee per il futuro dello sport a Medicina

Nuovi impianti, ristrutturazioni e spazi all’aperto. Da anni il Comune di Medicina investe molte risorse sulle strutture sportive. Considerando solo gli ultimi, tra interventi completati e da ultimare, si parla di circa 2,5 milioni di euro. «Abbiamo 15 società sportive con oltre 900 tra bambini e ragazzi tesserati che praticano basket, calcio, tennis, ginnastica, pallavolo, ballo, danza, boxe, nuoto, ciclismo, judo e taekwondo – dettaglia il sindaco, Matteo Montanari -. Ovviamente con l’emergenza sanitaria da Covid-19 e le relative restrizioni i numeri sono un po’ scesi. Ma proprio a seguito dell’epidemia abbiamo potenziato la volontà di voler investire sullo sport, attrezzature e impianti per tutti i cittadini, all’aperto. Vogliamo che tutti possano fare sport in ambito pubblico, anche senza iscriversi a gruppi sportivi, in spazi belli e sicuri, nel capoluogo come nelle frazioni». (gi.g.)

Approfondimenti su «sabato sera» dell’1 aprile.

Nella foto: il sindaco Montanari assieme alla sua Giunta nella nuova palestra delle medie Simoni

Il sindaco Montanari e le idee per il futuro dello sport a Medicina
Cronaca 7 Marzo 2021

Coronavirus, le risposte del Governo su attività motoria e sportiva in zona «rossa»

Da domani anche l’area dell’Ausl Romagna (province di Ravenna, Rimini e Forlì-Cesena) sarà in zona «rossa», esattamente come lo sono da giovedì scorso tutti i comuni della Città metropolitana di Bologna. Tante le restrizioni, alcune che riguardano anche lo sport. Ma cosa è possibile fare? A dare qualche risposta alle domande più comuni ci ha pensato il Governo attraverso le ormai famose Faq aggiornate all’ultimo Dpcm.

Eccone alcune:

È consentita l’attività sportiva nei parchi pubblici e privati? Salvo diverse disposizioni più restrittive emanate dalla autorità locali e nell’assoluto rispetto del divieto di assembramento, dalle 5 alle 22 è consentito svolgere attività sportiva, anche amatoriale, o attività motoria solo all”aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l”attività sportiva e di almeno un metro per la semplice attività motoria, salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minorenni o per le persone non completamente autosufficienti.

Dove è possibile svolgere attività motoria (corsa, camminata…) e sportiva? La possibilità di svolgimento dipende dall’inserimento in uno scenario di medio, eleva o massima gravità. Nelle zone «rosse» sono sospese l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all’aperto che al chiuso, pertanto è possibile svolgere attività motoria esclusivamente nei pressi della propria abitazione, all’aperto ed in forma individuale. È obbligatorio rispettare la distanza di almeno un metro da ogni altra persona e indossare dispositivi di protezione individuale.

È possibile recarsi in un altro Comune al solo scopo di fare lì attività sportiva? In alternativa, è possibile varcare i confini comunali mentre si pratica l’attività sportiva (per esempio correndo o valicando un monte), per concluderla comunque all’interno del proprio Comune? Nell’area rossa è consentito svolgere l’attività sportiva esclusivamente nell’ambito del territorio del proprio Comune, dalle 5 alle 22, in forma individuale e all”aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri. È tuttavia possibile, nello svolgimento di un’attività sportiva che comporti uno spostamento (per esempio la corsa o la bicicletta), entrare in un altro Comune, purché tale spostamento resti funzionale unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il Comune di partenza.

I centri tennis e padel amatoriali proseguono? Il tennis e padel, non rientrando nelle categorie degli sport di contatto, potranno continuare solo in centri e circoli sportivi all’aperto, previo rispetto dei protocolli di sicurezza. Si ricorda che negli scenari di massima gravità (zona rossa), sono sospese le attività sportive e motorie svolte nei centri sportivi e circoli all’aperto. Il pallone tensostatico o campi con coperture pressostatiche sono da equipararsi ad un locale al chiuso.

È consentito l’uso della bicicletta? È possibile utilizzare la bicicletta per tutti gli spostamenti consentiti, nel rispetto della distanza di sicurezza di 1 metro. Dalle 5 alle 22 è anche possibile utilizzarla per svolgere attività motoria o sportiva all’aperto nel rispetto del distanziamento di 2 metri. Qualora l’area sia indicata come di massima gravità (zona rossa), sempre nella medesima fascia oraria, l’uso della bicicletta è consentito per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza o i negozi che vendono generi alimentari o di prima necessità. È inoltre consentito utilizzare la bicicletta per svolgere attività motoria all’aperto nella prossimità di casa propria, mantenendo la distanza interpersonale di almeno un metro, o per effettuare attività sportiva, mantenendo la distanza interpersonale di almeno due metri, non necessariamente in prossimità della propria abitazione. In ogni caso, per tutti gli spostamenti nelle “zone rosse” è necessario far ricorso all’uso del modulo di autocertificazione.

Sono consentite le attività di yoga, pilates, ecc.? Le attività di yoga e pilates, come ogni altra attività motoria, possono essere svolte esclusivamente all’aperto, in parchi pubblici e privati, e aree attrezzate, o in centri o circoli sportivi, all’aperto. Negli scenari a massima gravità (zona rossa), sono sospese le attività sportive e motorie svolte nei centri sportivi e circoli all’aperto. (r.cr.)

LE FAQ DEL GOVERNO

Coronavirus, le risposte del Governo su attività motoria e sportiva in zona «rossa»
Cronaca 26 Febbraio 2021

Coronavirus, l’Asp Circondario imolese ha approvato l’elenco dei beneficiari ai voucher sport

L’Asp Circondario Imolese ha approvato gli elenchi delle associazioni e società sportive ammesse al contributo (voucher sport) per sostenere la pratica motoria e sportiva e contrastare la sedentarietà a seguito dell”emergenza Coronavirus. Dovendo rispettare i tempi dettati dalla Regione Emilia-Romagna per l”erogazione dei contributi, i controlli sulle autodichiarazioni presentate verranno effettuati in una fase successiva.

La Regione Emilia Romagna, infatti, ha impegnato oltre quasi 3 milioni di euro per il sostegno della pratica motoria e sportiva di minori e disabili. Gli amministratori del Nuovo Circondario imolese si sono tempestivamente attivati conferendo ad Asp il mandato di espletare le procedure per l’attribuzione del contributo a favore sia delle famiglie che delle società sportive, che in questo particolare periodo hanno affrontato con grande fatica gli esiti del Covid-19, impattanti a livello economico e sociale. Sono 3 le determine dirigenziali che ammettono al contributo per il sostegno della pratica motoria e sportiva per un totale di 99.300 euro erogati. A beneficiare del contributo sono 292 nuclei familiari, di cui 15 con praticanti sportivi con disabilità, e ben 90 associazioni sportive operanti su tutto il territorio circondariale, per la promozione della pratica sportiva con un focus d’attenzione specifico al settore giovanile.

«Lo sport dal punto di vista sociale incide tantissimo nell”adolescenza perché aiuta a formare il carattere, a mettersi in gioco rispettando le regole, i compagni e le compagne e gli avversari. E” una vera scuola di vita. Per gli adolescenti può essere un binario privilegiato di crescita» ha commentato la sindaca delegata alle politiche giovanili Beatrice Poli. (r.cr.)

LE DOMANDE AMMESSE

Foto d’archivio 

Coronavirus, l’Asp Circondario imolese ha approvato l’elenco dei beneficiari ai voucher sport

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast