Posts by tag: sportup

Cronaca 20 Luglio 2020

SportUp e Csi Clai under 15 uniscono le forze: nasce la New Team

In un momento molto difficile per l’intero mondo dello sport, e per contrastare le pesanti ripercussioni che i mesi di lockdown avranno su tutti i settori giovanili, le società imolesi Csi Clai e SportUp (affiliata Uisp) hanno deciso di unire le proprie forze e di dare vita a una squadra di pallavolo under 15 comune, la New Team.

«L’obiettivo – spiegano Paola Lanzon, presidente di SportUp, e Stefano Mongardi, presidente della Csi Clai, firmatari dell’accordo – è quello di migliorare il livello di preparazione e di gioco di un gruppo di quattordici atlete che rappresenta il futuro della pallavolo cittadina».
Csi Clai e Uisp «sono due avversarie storiche nel mondo sportivo giovanile imolese, nonché le uniche due società cittadine che, terminata l’esperienza Famila, hanno preso parte a un campionato nazionale – ricordano Lanzon e Mongardi –. Questa collaborazione, dunque, rappresenta un primo passo molto significativo nell’ottica di lavorare assieme nell’interesse di Imola».

Il roster comprende Anna Albonetti (SportUp), Cecilia Baruzzi (Csi Clai), Bianca Benedetti (SportUp), Giorgia Contoli (Csi Clai), Letizia Fazziani (Csi Clai), Nicole Ferretti (Csi Clai), Francesca Fort (Csi Clai), Serena Frascari (SportUp), Sofia Lanzoni (Csi Clai), Giorgia Quattrini (SportUp), Alessandra Sabbattini (Csi Clai), Giulia Simoni (SportUp), Gemma Tumidei (Csi Clai) e Milena Turri (SportUp).
Edoardo Cavallo (SportUp) e Luca Penazzi (Csi Clai) sono i due tecnici che già da martedì 23 giugno stanno allenando le ragazze che scenderanno in campo a novembre.

«Al termine della stagione sportiva 2020/2021, Csi Clai e SportUp valuteranno se questa nuova collaborazione avrà portato, come immaginiamo, a un risultato positivo per queste atlete, e se varrà la pena estendere l’accordo ad ulteriori categorie – aggiungono i due presidenti –. Grazie a questa collaborazione, per entrambe le società, per gli allenatori e per le atlete la prossima stagione sportiva si presenta come un’occasione molto stimolante per far crescere la competitività della pallavolo cittadina». (r.cr)

Nella fotografia, i due tecnici e una parte delle ragazze

SportUp e Csi Clai under 15 uniscono le forze: nasce la New Team
Cronaca 28 Maggio 2020

Uisp e SportUp convertono in voucher lezioni e corsi non effettuati causa lockdown

Il comitato territoriale di Imola e Faenza della Uisp, la società SportUp e la società Deai che gestisce l’impianto sportivo “Enrico Gualandi” di Imola hanno reso disponibile sui propri siti internet (link) e pagine Facebook la modulistica con cui i propri tesserati potranno fare richiesta di un voucher per il recupero dei corsi e delle lezioni non effettuati nel corso dei mesi di marzo, aprile e maggio 2020 a causa del lockdown.

«La richiesta del voucher dovrà essere inviata agli indirizzi di posta elettronica imola@uisp.it o sportup.imolafaenza@gmail.com entro e non oltre il 31 luglio 2020 – spiegano Uisp, SportUp e Deai –. Nel caso in cui non si disponga della posta elettronica, sarà possibile recarsi, previo appuntamento telefonico, agli uffici dell’impianto sportivo Ortignola nelle giornate di apertura al pubblico», di cui è stata anticipata la ripartenza imminente attraverso un post sui social.
«Dopo una verifica, la richiesta verrà validata attraverso l’emissione di un voucher pari al valore delle lezioni non fruite a partire dal 9 marzo 2020, giornata di sospensione delle attività sportive stabilita dal relativo Dpcm – aggiungono –. I voucher potranno essere utilizzati per una qualsiasi attività SportUp/Uisp entro e non oltre il 31 maggio 2021.

Va precisato che nel decreto “Cura Italia” è stata inserita una previsione specifica di rimborso per gli spettacoli a data fissa (come i concerti e gli spettacoli teatrali) e per i viaggi, mentre non c’è alcun pronunciamento in tal senso sulle attività delle associazioni sportive e culturali. (r.cr.)

Immagine tratta dalla pagina Facebook dell”impianto sportivo Enrico Gualandi

Uisp e SportUp convertono in voucher lezioni e corsi non effettuati causa lockdown
Cronaca 24 Gennaio 2020

A Imola debuttano i corsi SportUp di acquaticità, nuoto e ginnastica per problematiche neurologiche

L’inizio del nuovo anno ha portato ulteriori novità nella stagione sportiva del comitato territoriale di Faenza e Imola della Uisp e di SportUp. Questa mattina, infatti, sono cominciati i corsi di acquaticità, di ginnastica in acqua e di nuoto per persone con problematiche neurologiche, ospitati presso il complesso sportivo “Enrico Gualandi”.
Si tratta del primo progetto di questo genere a Imola e nel circondario, frutto di una collaborazione costante fra l’Azienda usl cittadina, l’Aism-Associazione italiana sclerosi multipla, Deai (la società che gestisce l’impianto di via Ortignola, ndr), Uisp e SportUp iniziata più di due anni fa.

«Le proposte mirano a far trovare o ritrovare alla persona una propria dimensione dentro l’acqua – spiega Manoela Gaibari, insegnante di educazione fisica specializzata nelle attività in acqua con alle spalle esperienze a Bologna, Ozzano e Casalecchio – lavorando sull’equilibrio, sulla postura, sul riequilibrio muscolare, sulla presa di coscienza della respirazione e sull’allungamento muscolare».
Ma «il primo obiettivo del corso è l’autonomia – sottolinea –, per tre ragioni: la sicurezza della persona in acqua, che è un motivo imprescindibile; l’aspetto motivazionale, perché nella maggior parte dei casi le persone sono solamente in parte o per nulla autonomi al di fuori dell’acqua; la possibilità di ampliare la varietà delle proposte».

«Il nostro impianto è stato concepito secondo una concezione moderna, quindi ci offre la possibilità di integrare ancora di più l’aspetto dello sport con quello del benessere, rispondendo a una necessità espressa non solamente dalla cittadinanza, ma anche dall’ambiente medico – commenta Paola Lanzon, direttrice del comitato territoriale di Faenza e Imola della Uisp, e presidente di SportUp –. Sono, inoltre, molto contenta di ritrovare Manoela, che ho conosciuto ai tempi del progetto Primi passi della Uisp negli anni Novanta e di cui conosco e apprezzo le capacità».
«Nel nome stesso della Uisp è indicata la sua filosofia: “Sport per tutti” – aggiunge Dino Battilani, presidente del comitato territoriale di Faenza e Imola della Uisp –. Un progetto come questo ci offre la possibilità di ampliare ulteriormente le nostre proposte di corsi proprio nella direzione di accogliere tutte le persone che desiderano avvicinarsi al mondo dello sport. E lo sport significa salute e benessere a 360 gradi. Non potevamo dunque che rispondere positivamente». (r.cr.)

A Imola debuttano i corsi SportUp di acquaticità, nuoto e ginnastica per problematiche neurologiche
Cronaca 21 Dicembre 2019

Natale all'insegna dello sport per Uisp e SportUp: domani il saggio del sincro, poi il 49° Santo Stefano dei ragazzi

Si avvicinano due appuntamenti molto importanti per il comitato territoriale di Imola e Faenza della Uisp e per SportUp.

Il primo in ordine di tempo è il Saggio di Natale del nuoto sincronizzato, in programma alla piscina comunale “Amedeo Ruggi” domani, alle 15.
«Abbiamo avviato una collaborazione attiva con la squadra Sincro di Ozzano, inserendo nuove istruttrice ed allenatrici – ricorda Dino Battilani, presidente del comitato territoriale di Imola e Faenza della Uisp –. L’entusiasmo e la collaborazione di tutti (allievi, staff e in particolar modo i genitori) è la prova tangibile che questa nuova opportunità ha rafforzato l’attività. Lo spirito di gruppo è fortissimo ed è veramente bello vivere queste emozioni».

Segue la quarantanovesima edizione del Santo Stefano dei ragazzi, il tradizionale appuntamento sportivo delle festività natalizie sotto l’Orologio, al palazzetto dello sport “Amedeo Ruggi”, giovedì 26 dicembre, ore 15.
Saranno protagonisti l’Accademia Kung Fu Imola, il Gamma Club Imola (danza), l’Imola Lacrosse, l’Imola Roller e Magic Imola (pattinaggio artistico a rotelle) e Takeshi (karate).
Senza dimenticare la Compagnia delle spugne del comitato di Imola della Croce Rossa Italiana, il presidio “Giudice Alberto Giacomelli” di Libera, e i campioni di pattinaggio artistico Arianna Ferrentino e Federico Calzolari (primi classificati europei 2019), Gaia Colucci e Marco Garelli (terzi classificati mondiali 2019), Margherita Zanni e Jacopo Campoli (primi classificati, categoria cadetti, europei 2019).
Presenta Paolino di Radio Bruno.
«Quando lo sport diventa spettacolo – commenta Battilani –. Da non perdere». (r.cr.)

Natale all'insegna dello sport per Uisp e SportUp: domani il saggio del sincro, poi il 49° Santo Stefano dei ragazzi
Cronaca 24 Agosto 2019

Caso Ortignola: Deai, Uisp Faenza-Imola e SportUp pronte a fare causa

Deai, Uisp Faenza-Imola e SportUp contro Ortignola srl e Cims.
La società che ha stipulato un contratto per la gestione del complesso sportivo “Enrico Gualandi” di via Ortignola fino al 2045 e le due società che si occupano dell’organizzazione delle attività didattiche e sportive all’interno dell’impianto «hanno incaricato i propri avvocati di attivarsi per la tutela dei loro interessi», a seguito delle polemiche sollevate dalla notizia del posticipo del pagamento dei compensi di novembre 2018 e della riduzione del 20% dei compensi fra gennaio e agosto di quest’anno per numerosi collaboratori sportivi.
L’annuncio arriva dalle pagine di Trecentosessanta gradi, il nuovo periodico di informazione de comitato territoriale di Faenza e Imola della Uisp, pubblicato oggi online.

Al di là delle polemiche fra dicembre e febbraio scorsi, la vicenda ha radici nel passato: «L’impianto ci è stato consegnato con sei mesi di ritardo – ripercorre Paola Lanzon, direttrice di Uisp e presidente di Deai e SportUp –. Ci siamo trovati costretti a cominciare le attività a gennaio 2015. Tradotto, anche per chi non conosce le caratteristiche dell’attività sportiva (che si svolge fra settembre e maggio), l’intero primo anno di attività è andato perduto».
Inoltre, nel corso del tempo le tre società hanno sollevato «una serie di contestazioni relative all’impianto – aggiunge –, già segnalate formalmente sia alla proprietà (nelle figure dell’Amministrazione comunale precedente, della Commissaria prefettizia e dell’Amministrazione comunale attuale), sia al concessionario (la società Ortignola), sia al costruttore (Cism)».
Un esempio su tutti? Gli spogliatoi per il calcio, perfettamente funzionanti e da pagare nonostante il campo da gioco ancora non ci sia.

«Per Deai, SportUp e Uisp Faenza-Imola gli unici responsabili di questa situazione sono ben evidenti», concludono le tre società, pronte per dare battaglia. (r.cr.)

Caso Ortignola: Deai, Uisp Faenza-Imola e SportUp pronte a fare causa

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast