Posts by tag: vaccini

Cronaca 4 Febbraio 2021

Coronavirus, 68 nuovi positivi a Imola. Vaccinazione degli over 80: domani si comincia a Castel San Pietro

Continua l’andamento altalenante dell’epidemia da Coronavirus nel circondario imolese, per certi versi in controtendenza rispetto a quanto sta accadendo nel resto della regione. Oggi sono 68 i nuovi casi positivi registrati dall’Ausl di Imola su un numero molto alto di tamponi (quasi 700), risalgono ancora i casi attivi e i ricoveri. E si registra ancora un decesso, una donna di 90 anni di Imola.

Dei nuovi casi 36 sono asintomatici, 30 persone sono state individuate tramite tracciamento, 45 erano già isolate, 10 casi sono riferibili a focolai già individuati. I guariti sono 22 oggi, il numero dei casi attivi (malati/positivi) sale a 775. Sono 39 (+1) i ricoveri nei reparti di Santa Maria della Scaletta, scendono a 7 (-6) quelli nell’OsCo di Castel San Pietro e rimangono 13 quelli in Terapia intensiva tra Imola e Bologna. 

La buona notizia di oggi viene dalla campagna vaccinale. Domani presso la Casa della Salute di Castel San Pietro Terme sono programmate le prime somministrazioni di vaccino Moderna sulle prime 20 persone del target di popolazione individuato come prioritario dalla Regione: gli anziani ultraottantenni seguiti dall’assistenza domiciliare integrata ed eventuali coniugi. La vaccinazione interesserà persone trasportabili. Nel circondario di Imola le persone potenzialmente immunizzate (che hanno ricevuto la seconda dose) sono 1844 e 3575 sono le prime dosi somministrate. In regione sono complessivamente più di 233.500 le dosi somministrate e oltre 98 mila le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

In Emilia Romagna l’andamento del virus continua a vedere un calo dei ricoverati e dei casi attivi, inoltre il numero dei nuovi positivi è sostanzialmente analogo a quello degli altri giorni, ovvero 1.192 su 25.882 tamponi. Ma ci sono altri 58 morti, soprattutto grandi anziani.  Tra i nuovi positivi 377 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 551 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna (196 a cui vanno aggiunti i 68 di Imola), poi Modena (202), Reggio Emilia (136) e Rimini (134). Seguono Cesena (95), Ferrara (93), Parma (81), Ravenna (70), Imola (68), Piacenza (67) e infine Forlì (50).I guariti oggi sono 1.726 che fanno scendere a 41.575 il numero dei casi attivi, malati/positivi. I pazienti ricoverati oggi sono 188 (-6) in terapia intensiva e 2.046 (-76) negli altri reparti Covid. (r.cr.)

La sede della Casa della salute di Castel San Pietro

Coronavirus, 68 nuovi positivi a Imola. Vaccinazione degli over 80: domani si comincia a Castel San Pietro
Cronaca 3 Febbraio 2021

Coronavirus, stabili i ricoveri e leggera risalita dei casi attivi a Imola. I contagi comune per comune nel circondario

Stabili i ricoveri e leggera risalita dei casi attivi nei dieci comuni del circondario imolese oggi. Sono 27 i nuovi positivi certificati su poco più di 300 tamponi, 6 le guarigioni; il numero dei casi attivi cresce a 720. Sostanzialmente gli stessi numeri sul fronte dei pazienti ricoverati 38 (+1) nei reparti del Santa Maria della Scaletta, ancora 12 in OsCo a Castel San Pietro e 13 in Terapia intensiva tra Imola e Bologna. Dei nuovi casi positivi, 11 sono asintomatici, 13 persone sono state individuate tramite tracciamento, 12 erano già isolate, 4 sono riferibili a focolaio già individuato. È stato registrato anche un decesso dall’Ausl di Imola, un uomo di 67 anni ma residente a Molinella.

Per quanto riguarda i contagi nei dieci comuni: Imola – che ha il grado di urbanizzazione più alto – si conferma come il territorio con maggior circolazione del virus rispetto alla popolazione residente, mentre Fontanelice risente ancora di alcuni focolai famigliari che su un numero limitato di abitanti produce un tasso di prevalenza per 1000 abitanti maggiore.
I numeri assoluti sono i seguenti:
Imola 438
Castel S.Pietro 95
Medicina 47
Mordano 25
Castel Guelfo 17
Dozza 28
Casalfiumanese 14
Fontanelice 15
Borgo Tossignano 12
Castel del Rio 4

Nel resto dell’Emilia Romagna, invece, continuano a diminuire nettamente i casi attivi e i ricoveri, ma si registrano altre 76 vittime, tra cui una donna di 54 a Piacenza e una di 51 anni e un uomo di 56 nel bolognese. Sono 1.047 i nuovi casi oggi su 23.806 tamponi e i guariti 1.875 che fanno scendere i casi attivi (malati / positivi) a 44.402. I ricoverati in terapia intensiva sono 194 (-4) e 2.122 (-53) quelli negli altri reparti Covid.Dei nuovi casi 487 sono asintomatici individuati tramite tracciamento e screening, 313 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 532 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 195 nuovi casi (più i 27), poi Rimini (147) e Reggio Emilia (120), Piacenza (94), Forlì (89), Ferrara (83), Ravenna (81), Modena (75), Cesena (74), Parma (62). 

La campagna vaccinale prosegue. In Emilia Romagna siamo già a oltre 223 mila somministrazioni, con più di 90 mila immunizzati. Nell’imolese sono 1573 le seconde dosi somministrate e 3485 le prime. (r.cr.) 

Infografica con i tassi di prevalenza per 1000 abitanti residenti

Coronavirus, stabili i ricoveri e leggera risalita dei casi attivi a Imola. I contagi comune per comune nel circondario
Cronaca 2 Febbraio 2021

Coronavirus, altre tre vittime tra Imola, Dozza e Medicina. Al via il vaccino per gli over 80, si parte da Castel San Pietro

Sono 23 i nuovi casi positivi registrati dall”Ausl di Imola oggi su poco più di 300 tamponi, le guarigioni sono 40. Ritornano a scendere i nuovi casi attivi nei comuni del circondario imolese che oggi si attestano sui 700. Però aumentano i ricoveri e si allunga l’elenco delle vittime. Oggi sono stati comunicati la morte di un uomo di Imola di 82 anni, uno di Dozza di 87 anni, e una donna di Medicina di 91 anni. I pazienti con Covid nell’ospedale di Imola sono 37 (+4), 12 (+1) nell’OsCo a Castel San Pietro e 13 (-1) in terapia intensiva tra Imola e Bologna. Dei nuovi casi 15 sono asintomatici, altrettanti individuati tramite tracciamento, 18 erano già isolati, 5 sono riferibili a focolaio già individuato.  

Eppure l’Ausl avverte: «È estremamente importante in questa fase mantenere altissima la guardia perché la circolazione virale sul territorio è particolarmente rilevante». A dirlo è stato Andrea Rossi, direttore generale dell’Ausl nonché medico specializzato in epidemiologia, nell’aggiornamento statistico odierno ai dieci sindaci del circondario imolese. 

La buona notizia arriva dalla campagna vaccinale. Imola ha ricevuto come previsto le dosi settimanali di Pfizer-Bionteh (1170 circa) e una scatola di vaccino Moderna (10 fiale ossia 100 dosi). Quindi, l’Ausl con il Pfizer proseguirà il completamento della fase 1: sono già 1395 le persone potenzialmente immunizzate e 3414 quelle che hanno ricevuto la prima dose, pari al 74% del target (operatori sanitari e sociosanitari e ospiti delle residenze per anziani). Nel contempo, con il vaccino Moderna comincia le vaccinazioni sulla popolazione (fase 2), con priorità per le persone con più di 80 anni che fruiscono dell”assistenza domiciliare. Si partirà nei prossimi giorni dai residenti a Castel San Pietro. Trattandosi di persone già in carico ai servizi, sarà l”Azienda usl a contattarli direttamente uno per uno. Nei prosismi giorni verranno allestiti anche i nuovi punti vaccinali nell”Auditorium dell”Osservanza a Imola e nella Casa della salute di viale Oriani a Castello.

Nel resto dell’Emilia Romagna sono appena 879 i nuovi casi di positività al Coronavirus oggi su un totale di 28.432 tamponi. “Si tratta – sottolinea la Regione – del numero di contagi più basso registrato in Emilia-Romagna dalla prima settimana di ottobre”. Calano anche i pazienti: in terapia intensiva oggi sono 198 (-9) e 2.176 (-5) negli altri reparti Covid.Inoltre le persone guarite sono 2.096, così i casi attivi (malati/positivi) scendono ad un totale di 45.312. Si contano, però, altre 72 persone morte con o per Covid-19, tra cui un uomo di 52 anni a Modena e uno di 53 a Bologna.

Dei nuovi contagiati, 386 sono asintomatici individuati nell”ambito delle attività di tracciamento e screening, tra i nuovi positivi 299 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 416 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. La situazione nelle province vede Bologna in testa con 215 (più i 23 di Imola), seguita da Modena (166), Reggio Emilia (95), Rimini (84), Ferrara (78), Cesena (66), Piacenza (59), Forlì (38), Parma (31), Ravenna (24). (l.a.)

Coronavirus, altre tre vittime tra Imola, Dozza e Medicina. Al via il vaccino per gli over 80, si parte da Castel San Pietro
Cronaca 1 Febbraio 2021

Coronavirus, 46 positivi e più ricoveri a Imola. Donini: “Pronti per vaccino ad over 80 in assistenza domiciliare. Non sono ammissibili altri ritardi aziende produttrici”

Oggi sono 46 i nuovi positivi al Coronavirus refertati dall’Ausl di Imola, su oltre 700 tamponi tra molecolari e antigenici rapidi, e 78 le guarigioni. Il numero dei casi attivi (malati/positivi) nei dieci comuni del circondario riscende quindi a 720. Però aumenta nuovamente a 33(+3) il numero dei pazienti con Covid ricoverati nell’ospedale di Imola, mentre ne rimangono 11 nell’OsCo di Castel San Pietro e 14 in Terapia intensiva tra Imola e Bologna. Dei nuovi casi 23 sono asintomatici, 21 persone sono state individuate tramite tracciamento,  22 erano già in isolamento. 

Situazione analoga nel resto della regione: calano leggermente i nuovi casi 1.051 oggi, ma su una appena 10.269 tamponi, le guarigioni sono 1.278, quindi i casi attivi scendono a 46.607. Ma aumentano i ricoveri: i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 207 (+1) e 2.181 (+69) quelli negli altri reparti Covid. E ci sono altre 34 vittime tra cui una donna di 51 anni a Piacenza e un uomo di 59 a Modena. I contagi nelle province vedono in testa Bologna con 259 nuovi casi (più i 46 di Imola), poi Modena (176), Reggio Emilia (120), Reggio Emilia (120), Cesena (98), Rimini (93) e Parma (84), Ravenna (58), Forlì (57), Ferrara (44), Piacenza (16).  

Le novità arrivano dalla campagna vaccinale. L’Azienda usl imolese ha effettuato altre 122 seconde dosi di vaccino (portando il totale delle persone potenzialmente immunizzate a 1212) e 113 prime dosi (il totale arriva a 3321). In regione sono 204 mila le dosi somministrate, quasi 73 mila sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

L’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, ha dichiarato che “siamo pronti per vaccinare gli ultra 80enni seguiti in assistenza domiciliare“. Oggi è stato reso noto che questa settimana arriveranno 55.210 dosi, di cui 50.310 fornite da Pfizer-Biontech e 4.900 da Moderna. Per Imola è prevista la solita scatola con 1.170 dosi Pfizer più le prime 100 di Moderna.

L’Emilia Romagna è prima in Italia per vaccinazioni completate in rapporto alla popolazione e potrebbe accelerare ma sta procedendo col freno tirato per le incognite sulle consegne da parte delle aziende farmaceutiche. Così queste nuovi dosi dovranno essere dedicate prima di tutto ai richiami della popolazione target della fase 1 (operatori sanitari e sociosanitari delle strutture pubbliche e private accreditate, ospiti delle strutture residenziali per anziani).  

“Ci attendiamo che la risposta delle aziende produttrici rispetti il piano delle consegne – ha dichiarato Donini -, non sono ammissibili ulteriori ritardi in questa campagna vaccinale, che è l’unica strada per porre fine alla pandemia e tornare alla normalità”. Sulla sua pagina Facebook Donini ha aggiunto deciso: “Dei 28.000.000 di dosi di vaccini vari, Pfizer, Moderna ed AstraZeneca, previsti per l’Italia, in base ai contratti sottoscritti dall’Europa a beneficio dei Paesi membri, il nostro Paese può ora contare solo su 11.000.000 di dosi nel primo trimestre”. L’unica soluzione? “La comunità internazionale deve poter produrre il vaccino. Ci sono molti siti produttivi in Europa, ed anche in Italia, che potrebbero farlo con la massima velocità. Senza nulla togliere ai diritti delle industrie farmaceutiche. Non consentire questo – azzarda – sarebbe una ‘omissione di soccorso’”.  

Il piano di distribuzione dei vaccini prevede in totale per l’Emilia Romagna 51.400 consegnate da Moderna e 182.520 da Pfizer-Biontech. (l.a.)

Coronavirus, 46 positivi e più ricoveri a Imola. Donini: “Pronti per vaccino ad over 80 in assistenza domiciliare. Non sono ammissibili altri ritardi aziende produttrici”
Cronaca 31 Gennaio 2021

Coronavirus, altri 80 nuovi positivi a Imola, più casi attivi ma meno ricoveri. Situazione analoga nel resto dell’Emilia Romagna

Risale ancora il numero dei casi attivi (positivi/malati) nel circondario imolese ma calano i ricoverati per Covid. Su oltre 700 tamponi sono 80 i nuovi casi registrati oggi dall”Ausl di Imola, mentre le guarigioni sono 45.

Dei nuovi positivi 31 sono asintomatici, 21 persone sono state individuate tramite tracciamento, 40 erano già isolate e 22 sono riferibili a focolai già noti. I casi attivi si attestano quindi a 742 (dall’inizio della pandemia sono 6966 i contagi registrati nei dieci comuni del circondario).

Diminuisce la pressione sui reparti ospedalieri imolesi: oggi sono 30 (-6) i pazienti con Covid nei reparti del Santa Maria della Scaletta di Imola, rimangono 11 nell’OsCo di Castel San Pietro e 14 in Terapia intensiva (tra Imola e Bologna). 

Continua la campagna vaccinale. Ieri sono state effettuate 140 seconde dosi dall’Ausl (portando il totale delle persone immunizzate nel circondario imolese a 1090) e altre 59 prime dosi (3208 in tutto). In tutta l’Emilia Romagna sono state somministrate complessivamente 194.835 dosi; sul totale, 64.232 sono seconde dosi, cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. 

Per quanto riguarda l’andamento dell’epidemia, nel resto dell’Emilia Romagna c’è un lieve calo dei nuovi casi, 1.277 oggi, ma su appena 13.519 tamponi. Le persone guarite sono 743. I casi attivi sono risaliti oggi a 46.868. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 206 (+3 rispetto a ieri), 2.112 quelli negli altri reparti Covid (-11).

Inoltre si contano 22 morti (nessuno in provincia di Bologna), tutti con più di 60 anni; i morti con o per Covid dall”inizio dell’epidemia in Emilia Romagna hanno raggiunto il numero di 9.476. Dei nuovi contagiati, meno della metà, 567, sono asintomatici, emersi grazie alle attività di screening o tracciamento, 392 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 629 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

La situazione dei contagi nelle province vede in testo Bologna (187 a cui vanno aggiunti gli 80 di Imola), a seguire Modena (231), Rimini (191), Reggio Emilia (158), Ferrara (113), Ravenna (77), Piacenza (63). Poi Cesena (60), Parma (60) e Forlì (57). (r.cr.)

Coronavirus, altri 80 nuovi positivi a Imola, più casi attivi ma meno ricoveri. Situazione analoga nel resto dell’Emilia Romagna
Cronaca 30 Gennaio 2021

Coronavirus, 49 nuovi positivi, più casi attivi a Imola. In Emilia Romagna stabili i contagi, meno ricoverati. I parametri della zona gialla

Continua la risalita, seppur di poco, dei casi attivi nel circondario di Imola. Oggi su poco meno di 500 tamponi sono 49 i nuovi positivi registrati dall”Azienda usl, di cui 21 asintomatici, 16 persone sono state individuate tramite tracciamento, 31 erano già isolate e 6 sono riferibili a focolai già noti. Le guarigioni sono 44. I casi attivi (malati/positivi) sono così 717.

In lieve crescita anche i ricoveri nel Santa Maria della Scaletta 36 oggi (+1), ancora stabili nell’OsCo di Castel San Pietro 11 e in Terapia intensiva tra Imola e Bologna 14. La buona notizia è che non ci sono vittime per oggi. 

Diversamente da quanto accade nell’imolese, in Emilia Romagna il numero dei casi attivi sta continuando a scendere, sono 46.359 oggi, anche se i contagi si mostrano stabili con 1.314 nuovi positivi individuati su circa 24.000 tamponi. Ma sono state certificate anche 2.271 guarigioni. Calano anche i ricoverati: sono 203 (-6) in terapia intensiva e 2.124 (-48) negli altri reparti Covid. E ci sono ancora 27 morti, tutti oltre i 60 anni; il totale delle vittime dall”inizio della pandemia sale a 9.454 in Emilia Romagna.

Dei nuovi contagiati di oggi, 539 sono asintomatici scoperti grazie agli screening e al contact tracing, 381 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 595 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

La situazione dei contagi nelle province vede ancora una volta Bologna in testa con 295 nuovi casi (più i 49 di Imola); poi Modena (186), Reggio Emilia (186), Rimini (168); seguono Ferrara (100), Piacenza (76), il territorio di Cesena (74), Parma (70), Ravenna (64), Forlì (46).  

L’Emilia Romagna da lunedì sarà nuovamente in zona gialla, quindi diminuiranno le restrizioni, una scelta decisa in base all’alleggerimento della curva epidemiologica nelle ultime due settimane. Questi i dati: l”indice Rt (incidenza di trasmissione) è di 0,77 (il limite da non superare è 1), il tasso di saturazione dei reparti di terapia intensiva è del 27% (la soglia di rischio è il 30%), un tasso di occupazione dei posti letto ordinari nei reparti Covid al 37% (la soglia di rischio è il 40%), il livello di incidenza è di 171 su 100.000 abitanti (eravamo saliti anche a 300).  

Continua, nel frattempo, la campagna di vaccinazione: ieri sono state effettuate 201 seconde dosi nei dieci comuni del circondario imolese (che portano il totale delle persone immunizzate a 950) e 69 prime dosi (il totale è 3149).

Sono oltre 55 mila per persone immunizzate in tutta l’Emilia Romagna, mentre la prima dose è stata somministrata a oltre 186 mila; la priorità in regione rimane ai richiami, visto il dimezzamento delle forniture attese da Pfizer-Biontech, e ad operatori e anziani ospiti di case di riposo, cra e residenze assistite. (l.a.)

Coronavirus, 49 nuovi positivi, più casi attivi a Imola. In Emilia Romagna stabili i contagi, meno ricoverati. I parametri della zona gialla
Cronaca 29 Gennaio 2021

Coronavirus, morta una 69enne a Imola. Regione: da lunedì tamponi e sierologici a 15 euro in farmacia senza ricetta

Continua la risalita dei contagi nel circondario imolese seppur controbilanciata dalle guarigioni, sostanzialmente stabili i ricoveri e c’è un’altra vittima: una donna di 69 anni di Imola.

I nuovi positivi oggi sono 49 su circa 300 tamponi registrati dall”Ausl di Imola, 46 le guarigioni. I casi attivi passano così a 712. Dei nuovi positivi 20, meno della metà, sono asintomatici, 19 individuati tramite tracciamento, 14 persone erano già isolate e 2 sono riferibili a focolai già noti.

I pazienti ricoverati sono 35 (+1) nei reparti Covid del Santa Maria della Scaletta, 11 (-1) nell’OsCo a Castel San Pietro e ancora 14 in terapia intensiva tra Imola e Bologna. 

La situazione dell’imolese è analoga a quella del resto dell’Emilia Romagna: sono 1.320 i nuovi casi di positività al Cronavirus registrati su oltre 23 mila tamponi. I guariti sono 1.447, quindi i casi attivi continuano a diminuire e si attestano a 47.345. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono stabili a 209, mentre quelli negli altri reparti Covid scendono a 2.172 (-70). Si contano però altre 65 vittime, tra cui due uomini di 51 e 54 anni in provincia di Forlì-Cesena. Dei nuovi positivi solo 561 sono asintomatici individuati attraverso screening e tracciamento, 397 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 579 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 272 nuovi casi (più i 49 di Imola), poi Modena (233), Reggio Emilia (164), Rimini (130), seguono Ferrara (102), Parma (101), il territorio di Cesena (82), Ravenna (80), l’area di Forlì (58), infine Piacenza (49). 

Prosegue la campagna vaccinale. L’Ausl di Imola ieri ha effettuato altre 155 seconde dosi (che fa aumentare a 749 coloro che hanno completato il ciclo vaccinale) e 29 prime dosi (in tutto 3080). In regione sono 45.393 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale, e possono quindi essere considerate immuni. 

Nel frattempo oggi la Regione ha comunicato che da lunedì 1 febbraio, i cittadini emiliano-romagnoli potranno effettuare il tampone rapido nasale (antigenico ricerca virus) o il test sierologico (ricerca anticorpi) nelle farmacie convenzionate al prezzo calmierato di 15 euro. Non sarà necessaria la ricetta medica: basterà prenotarsi in farmacia.

“Mentre la campagna vaccinale va avanti, rafforziamo il nostro impegno per prevenire, circoscrivere e contrastare la diffusione del virus con tutti i mezzi disponibili” hanno dichiarato il presidente della Regione Stefano Bonaccini e il suo assessore alla Salute Raffaele Donini.

Inoltre, sempre da lunedì si amplia l’elenco delle categorie che possono fare il tampone rapido gratuitamente nelle farmacie convenzionate. Un’opportunità che la Giunta Bonaccini ha offerto da dicembre a studenti e famiglie, poi al personale scolastico, alle persone con disabilità e familiari, e da lunedì anche agli educatori che lavorano a contatto con giovani e giovanissimi, istruttori e allenatori di società sportive giovanili, volontari del Terzo settore che assistono anziani soli o persone con disabilità, caregiver familiari che si prendono cura di anziani soli o disabili.

Non solo. Studenti e personale scolastico ora potranno sottoporsi gratuitamente al tampone rapido ogni 15 giorni “per garantire maggiore tutela a fronte della ripresa delle attività scolastiche in presenza” motivano dalla Regione. Le altre categorie invece potranno ripetere il tampone a carico del Servizio sanitario regionale una volta al mese.

Sempre dal lunedì, invece, i test sierologici rapidi per la ricerca degli anticorpi  eseguiti in farmacia, non saranno più gratuiti, ovvero a carico del Servizio sanitario regionale, ma a pagamento. (l.a.)

Coronavirus, morta una 69enne a Imola. Regione: da lunedì tamponi e sierologici a 15 euro in farmacia senza ricetta
Cronaca 28 Gennaio 2021

Coronavirus, un’altra vittima a Imola. L'Ausl avvia screening sperimentale su studenti e insegnanti all’Alberghetti

Risalgono i casi attivi e si allunga l’elenco delle vittime del Covid-19 nel circondario di Imola. L’Azienda usl ha comunicato oggi il decesso di un imolese di 79 anni che era ospite della struttura Cassiano-Tozzoli (casa Alzheimer).

Sono 38 i nuovi positivi al Coronavirus su oltre 600 tamponi, di cui 19 asintomatici, 17 individuati tramite tracciamento, 16 erano già isolati. Le guarigioni oggi sono 17. Il numero dei casi attivi, quindi, ritorna sopra i 700, per la precisione sono 710. Per quanto riguarda i ricoveri sono 34 (+1) nei reparti ordinari del Santa Maria della Scaletta di Imola, 12 nell’OsCo di Castel San Pietro e 14 in terapia intensiva (tra Imola e Bologna).

Prosegue anche la campagna vaccinale: ieri l’Ausl ha effettuato 60 seconde dosi di vaccino portando il totale delle persone che hanno completato il ciclo vaccinale a 594, inoltre sono state fatte altre 73 prime dosi, per un totale di 3051. 

L’Ausl oggi ha avviato anche uno screening con i tamponi rapidi tra studenti, docenti e personale dell’istituto scolastico Alberghetti. L’obiettivo è testare la metodica per vedere che è replicabile in maniera agevole in altri contesti scolastici e comunicati. L’Alberghetti è stato scelto perché è la scuola imolese con il più alto numero di studenti, circa 1500 tra liceo, istituto tecnico, professionale, corsi serali. “La logistica dell”istituto e la tempestiva disponibilità della dirigenza per il disbrigo delle pratiche amministrative, oltre all’ampia apertura giornaliera del plesso, consentiranno di effettuare lo screening agevolmente, con il rigoroso mantenimento delle misure di distanziamento e prevenzione del contagio e in tempi rapidi”. Il test si concluderà in 10 giorni.  

Verranno utilizzati i test di terza generazione ad immunofluorescenza con lettura in microfluidica. In pratica, una volta fatto il prelievo naso faringeo, il campione viene posto su una sorta di microchip che viene inserito in un piccolo dispositivo portatile che dà il risultato in 15 minuti.  

Anche nel resto dell’Emilia Romagna tornano a salire i contagi: sono 1.265 i nuovi positivi oggi. Le persone guarite, ivnece, sono 1.774; i casi attivi, quindi, cioè i malati/positivi, calano a 47.539. In calo anche i ricoveri: in terapia intensiva sono 209 (-1) e 2.242 (-38) negli altri reparti Covid. Ma ci sono altre 56 vittime fra cui un reggiano di 43 anni e un riminese di 53, una ravennate di 58 anni e una riminese di 51.

Dei nuovi contagiati, solo 517 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di tracciamento e screening regionali, 373 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 642 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

I contagi tra le province vedono in testa Bologna (261 più i 38 di Imola), poi Reggio Emilia (194), Modena (169) e Rimini (164), seguono Ferrara (90), Forlì (89), Cesena (77), Ravenna (66), Parma (60) e Piacenza (57). (r.cr.)

Coronavirus, un’altra vittima a Imola. L'Ausl avvia screening sperimentale su studenti e insegnanti all’Alberghetti
Cronaca 27 Gennaio 2021

Coronavirus, 60 nuovi positivi ma meno ricoveri a Imola. Ausl: “Vaccinato il 98% degli anziani delle case di riposo”

Risalgono leggermente i casi attivi a Imola, ma calano i ricoveri ordinari. Sono 60 i nuovi positivi registrati dall”Ausl di Imola su 450 tamponi, le guarigioni sono 58; non si sono registrati decessi e i casi attivi sono 690. Dei nuovi casi 31 sono asintomatici, 25 persone sono state individuate tramite tracciamento, 21 erano già isolate. I ricoveri ordinari sono 33 (-6) nel Santa Maria della Scaletta, rimangono 12 nell’OsCo di Castel San Pietro e 14 in terapia intensiva (tra Imola e Bologna).

Continua a scendere con lentezza la curva dell’epidemia, con un andamento altalenante del numero dei nuovi positivi compensato però dalle guarigioni, dato che fa pensare che l’onda dei contagi e dei malati stia diminuendo dopo queste settimane in zona arancione.

Intanto a Imola è ripresa la campagna vaccinale e ieri sono state effettuate 186 seconde dosi e 4 prime dosi. Per fortuna il taglio delle forniture Pfizer-Biontech al momento nel circondario imolese ha portato solo ad un ritardo di una settimana nella tabella di marcia del piano vaccinale della fase 1.

Le persone individuate nel target sono 4.612, cioè 1.743 operatori dell’Azienda usl (già vaccinati al 76%), a cui vanno aggiunti quelli delle case di riposo (cra, rsa, etc) e relativi anziani ospiti (questi ultimi hanno già ricevuto la prima dose al 98%), poi ci sono 1.558 tra medici di famiglia e pediatri, farmacisti, sanitari di Montecatone, del privato accreditato, specialisti, odontoiatri e volontari. 

Nel resto dell’Emilia Romagna si conferma oggi il calo di contagi e ricoveri: anche in questo caso il numero delle guarigioni accelera la discesa. oggi sono meno di mille i nuovi positivi (923) e 1.918 le guarigioni; i casi attivi, cioè i malati positivi, sono scesi a 48.106. Dei nuovi casi meno della metà, 451, sono asintomatici, di cui 303 individuati tramite tracciamento.

I contagi nelle province vedono in testa Bologna (104 più i 60 di Imola) seguono Reggio Emilia (132), Ravenna (116) Rimini (93), Ferrara (89), Piacenza (84), Forlì (69), Cesena (67), Modena (55) e Parma (54). Quanto ai ricoveri, i pazienti in terapia intensiva sono 210 (-10) e 2.281 quelli negli altri reparti Covid (-12).Continua ad allungarsi, però, l’elenco delle vittime: oggi altri 38 morti, tra cui un uomo di 48 anni del ravennate. (l.a.)

Coronavirus, 60 nuovi positivi ma meno ricoveri a Imola. Ausl: “Vaccinato il 98% degli anziani delle case di riposo”
Cronaca 26 Gennaio 2021

Coronavirus, altri cinque morti tra Imola e Ozzano. Ausl: “Ancora alta la circolazione virale”

Oggi purtroppo l”Ausl di Imola comunica altre cinque vittime, si tratta di tre imolesi, due anziane ospiti della cra Venturini di 91 e 87 anni e un uomo di 80 anni e di due residenti a Ozzano Emilia, una donna di 84 anni e un uomo di 64. Due dei quali avvenuti la prima settimana di gennaio e per cui si è verificato un ritardo di registrazione. Sono 39 (+7) in lieve rialzo i ricoveri per Covid nei reparti ordinari nell’ospedale di Imola, stabili 12 in OsCo a Castel San Pietro e 14 (-1) in Terapia intensiva (tra Imola e Bologna).

La buona notizia è che i nuovi casi positivi sono solo 17 su meno di 300 tamponi, di cui 12 sintomatici, 4 persone sono state individuate tramite tracciamento, 7 persone erano già isolate. Le guarigioni sono 12. Rimangono stabili i casi attivi per oggi a quota  688. Altra buona notizia: è arrivata la confezione (circa 1071 dosi) del vaccino Pfizer-Biontech attesa per questa settimana, pertanto l’Ausl si sta organizzando per riprendere la campagna vaccinale e completare le persone del target della fase 1.

Nell’appuntamento settimanale sull’andamento dell’epidemia per i dieci sindaci del circondario imolese, oggi il direttore generale dell’Ausl Andrea Rossi ha sottolineato che il “numero di casi attivi è tra i più bassi della regione”, ma questo sarebbe dovuto soprattutto alla rapidità con cui vengono gestiti i casi positivi sul fronte della certificazione (tamponi) delle guarigioni. “Pur restando leggermente al di sopra della media regionale, cala anche l’incidenza dei casi attivi per 1000 abitanti”, infatti “permane tuttavia alta la circolazione virale”. Preoccupa che “la composizione dei casi rispetto alla presenza di sintomi si è ribaltato rispetto alla scorsa settimana (i sintomatici sono di più degli asintomatici, ndr), il che potrebbe essere un segnale di riaccensione da tenere sotto monitoraggio”.  

Nel resto dell’Emilia Romagna oggi i nuovi positivi sono solo 993, 461 asintomatici individuati tramite tracciamento. I casi attivi scendono a 49.142. Anche i ricoveri sono in calo, ma si contano ancora 75 morti, tutti anziani, 34 certificati nella provincia di Bologna. In terapia intensiva i pazienti Covid sono 220 (-2), quelli negli altri reparti Covid 2.293 (-129).

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna in testa (224 più i 17 di Imola), seguono Rimini (145), Modena (121), Ferrara (114), poi Reggio Emilia (95), Piacenza (83), Cesena (63), Parma (54), Forlì (48), infine Ravenna (29). (l.a.)

Coronavirus, altri cinque morti tra Imola e Ozzano. Ausl: “Ancora alta la circolazione virale”

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA