Posts by tag: vigili del fuoco

Cronaca 9 Aprile 2019

Fiamme in via del Commercio a Ozzano, distrutto il magazzino tessile Marchi Snc

Nella prima mattinata di ieri, lunedì 8 aprile, pochi minuti prima delle 6, sette squadre dei vigili del fuoco composte sono intervenute in via del Commercio per l’incendio del deposito di prodotti tessili della Passamaneria Marchi Snc (nella foto). Le fiamme hanno interessato uno stabile di circa 400 metri quadrati inserito in un complesso di edifici industriali. I vigili del fuoco hanno impiegato diverse ore per domare il rogo, a causa del notevole quantitativo di semilavorati tessili presenti che alimentavano le fiamme. Per giunta, è stato necessario rimuovere l’ammasso di materiale bruciato che tendeva ad accumularsi.

Operazioni complesse, che hanno evitato la propagazione del fuoco agli edifici circostanti, in particolare al vicino magazzino di materiale legnoso per arredo bagno. I pompieri hanno soffocato l’incendio usando anche schiumogeno ad alta espansione. L’edificio ha riportato importanti danni strutturali, ancora al vaglio della proprietà e dell’assicurazione. A rendere più difficoltoso il tutto, anche la necessità di utilizzare protezioni per le vie respiratorie dei pompieri vista la sospetta presenza di amianto nella copertura; sul posto si è recato il personale di Arpae per i rilievi di un eventuale inquinamento ambientale.

Raggiunta al telefono, Natalina Gualandi, titolare dell’azienda, ha assicurato che «la produzione non si fermerà. Le fiamme hanno invaso solo il magazzino e assieme ai lavoratori stiamo cercando di far fronte alla situazione». La conta dei danni è tuttora in corso. «Dispiace veder andare letteralmente in fumo un’attività storica del nostro territorio – ha dichiarato il sindaco Luca Lelli -, un’impresa che avevamo recentemente premiato (il 24 marzo) come proprio per la sua longevità». Presente dal 1952, la Passamaneria Marchi conta oggi tre dipendenti. (ti.fu.)

Nella foto (concessa dai vigili del fuoco di Bologna): l”interno dell”azienda interessato dalle fiamme

Fiamme in via del Commercio a Ozzano, distrutto il magazzino tessile Marchi Snc
Cronaca 3 Aprile 2019

Fuga di gas in un condominio, attimi di paura a Castel San Pietro

Attimi di paura a Castel San Pietro, a causa di una fuga di gas. L”episodio è avvenuto sabato scorso, intorno alle 16, quando una chiamata ai vigili del fuoco avvisava di un forte odore di gas gpl, avvertito distintamente anche in strada, provenire da un condominio all”angolo tra via Mazzini e via Cavour.

I pompieri di Imola intervenuti sul posto, dopo aver fatto evacuare le quattro famiglie presenti, hanno ritrovato negli scantinati del condominio tre bombole di gas aperte, una completamente vuota e due con ancora presente una minima quantità di combustibile. In supporto anche i colleghi di Bologna del Nucleo Batteriologico Chimico e Radioattivo che hanno provveduto ad areare i locali sottostanti tenendo sotto controllo la concentrazione di gas, visto che ormai aveva già saturato tutti gli ambienti. L”intervento si è prolungato fino alle ore 23, quando i vigili del fuoco hanno dichiarato conclusa l”emergenza. 

Sul posto anche i carabinieri di Imola che hanno subito sequestrato le tre bombole. Ora le indagini dei militari si stanno concentrando sull”identificazione del proprietario delle stesse visto che sono state ritrovate negli scantinati ad uso comune del condominio. I carabinieri, intanto, fanno sapere che potrebbe essersi trattato semplicemente di un «gioco» o di un episodio accidentale, mentre, benchè non ci siano elementi per escluderlo del tutto, al momento pare che la pista dell”atto doloso non sia percorribile. (d.b.)

Foto d”archivio

Fuga di gas in un condominio, attimi di paura a Castel San Pietro
Cronaca 20 Marzo 2019

Fiamme alla «Lagosteria», inagibile il locale di Castel San Pietro

Un incendio, scoppiato poco prima dell’una di notte tra domenica 17 e lunedì 18 marzo, ha danneggiato la «Lagosteria dei ragazzi speciali», il punto di ristoro al centro del laghetto Scardovi, da sempre riferimento estivo e non solo di Castel San Pietro. L’immobile è di proprietà comunale e la sua gestione, dal giugno scorso, è nelle mani dell’Agi Centro Studi Srl di Imola. Sul posto sono intervenuti tre squadre dei vigili del fuoco da Imola e Medicina. Una volta spento il rogo, i pompieri hanno provveduto a mettere in sicurezza l’area, con l’intervento che è durato fin sulle 4 del mattino. «A dare l’allarme pare sia stato qualcuno che, passando dalla strada, ha visto le fiamme – confida il rappresentante legale dell’Agi Srl, Andrea Grillini -. L’incendio è partito dal magazzino per poi raggiungere il disimpegno, parte dello spogliatoio dei dipendenti e la cucina. Frigorifero e freezer sono inutilizzabili, così come ciò che contenevano, ma un po’ tutto è da buttare».

La struttura, parte in legno e parte in muratura, al momento è inagibile anche se non per motivi strutturali, i danni sono confinati all’area magazzino e cucina. Dall’esterno la zona annerita è quella sul retro, per fortuna lontana dalla veranda in legno che avrebbe potuto alimentare ulteriormente l’incendio e finire in cenere. «Ci stiamo organizzando per cercare di riaprire il prima possibile – prosegue Grillini -, ma è difficile stabilire quando. Anche il bar ha bisogno di una ripulita, perché pieno di fuliggine». Sul luogo sono giunti anche i carabinieri di Castel San Pietro che si stanno occupando delle indagini per ricostruire la dinamica dell’accaduto. «Al momento – fanno sapere – non escludiamo nessuna pista». I militari non confermano né smentiscono le voci secondo le quali l’incendio non sia dovuto ad un semplice corto circuito ma possa essere di natura dolosa. Secondo Grillini sarebbe ben più di un’ipotesi: «Difficile pensare che il locale abbia preso fuoco da solo. Credo, invece, ma la mia è solo una supposizione, che sia stata opera di alcuni ladruncoli entrati per rubare qualcosa e, trovando poco o nulla, per ripicca si siano vendicati in questo modo. Qualcuno – ricostruisce – che ha tagliato una zanzariera e divelto le grigliette per l’areazione della cucina, prima di entrare da una finestra. Poi ha rovistato dappertutto, rubando un computer e qualche monetina, e probabilmente ha utilizzato dell’alcool che tenevamo negli armadietti per appiccare le fiamme».

«Sappiamo che sono bruciati il magazzino e la cucina, ma per parlare di una conta dei danni aspettano di avere qualche dettaglio in più. L’ufficio tecnico comunale è a disposizione per ogni esigenza, poi vedremo – commenta il sindaco Fausto Tinti -. Comunque siamo assicurati sia noi che il gestore, e oggi il tema più importante è ripristinare il prima possibile la normale funzionalità di una struttura che piace, è un luogo storico nel parco cittadino ed ha un’importante funzione di inclusione sociale». Quest’ultimo passaggio si riferisce al fatto che il bando per la gestione del punto di ristoro vinto da Agi Srl in raggruppamento temporaneo di imprese con Domos Srl e SL Srl di Luca Bietoli e Roberta Gaiba, prevede anche l’assunzione di persone disabili.

Sulla ricostruzione che vedrebbe l’incendio provocato da un furto, il sindaco non si sbilancia: «Per ora diciamo che non ci facciamo intimorire da azioni del genere, qualunque sia la causa». Proprio sul tema della sicurezza, Tinti ricorda: «Abbiamo finanziato con 40 mila euro l’installazione di una recinzione attorno al laghetto, stiamo risolvendo alcuni problemi sulla perimetrazione poi partiranno i lavori. Certo può essere un dissuasore contro gli atti di vandalismo ma questo non sembra un caso del genere». (l.a. da.be.)

Nella foto: i danni provocati dall”incendio nel magazzino della «Lagosteria»

Fiamme alla «Lagosteria», inagibile il locale di Castel San Pietro
Cronaca 1 Marzo 2019

Incendio a Casalfiumanese, in fiamme cinque ettari di terreno boschivo

Un incendio di sterpaglie si è sviluppato, nella notte, a Croara, località nel comune di Casalfiumanese. L”episodio si è verificato in via Ronco intorno alle 23. Le fiamme, favorite dal forte vento, si sono poi propagate in fretta interessando circa 5 ettari di calanchi e macchia mediterranea. 

Sul posto sono intervenuti ventun vigili del fuoco di Bologna con tre autopompe serbatoio, due autobotti e quattro fuoristrada. Per fortuna non si sono registrati feriti, anche se per precauzione sono state evacuate alcune abitazioni. L’intervento, che è ancora in atto, è servito per circoscrivere l”incendio ed evitare che si potesse propagare in altre zone, mentre al momento i pompieri sono al lavoro per bonificare l’area. Sul posto anche i carabinieri. Ancora in corso d”accertamento le cause che hanno causato l”incendio. (d.b.)

Nella foto (concesse dai vigili del fuoco): l”incendio di questa notte

Incendio a Casalfiumanese, in fiamme cinque ettari di terreno boschivo
Cronaca 11 Febbraio 2019

Incendio nella notte in un'area di sterpaglie a Fontanelice

Un incendio è divampato nella notte a Fontanelice, in via Casolana. L”episodio è avvenuto ieri, con i vigili del fuoco di Imola e Medicina che sono rimasti impegnati per spegnere le fiamme dalle 22 fino circa all”1 di notte.

L”incendio è divampato in un”area di 600 mq, con un fronte di 30 metri per 20 di profondità, composto da sterpaglia e vegetazione tipica della macchia mediterranea, ma per fortuna privo di alberi. Non si sono registrati feriti o danni anche perché non ci sono case nelle vicinanze.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Castel del Rio che hanno messo in sicurezza la zona e controllato le operazioni di spegnimento delle fiamme. (d.b.)

Foto d”archivio

Incendio nella notte in un'area di sterpaglie a Fontanelice
Cronaca 31 Gennaio 2019

Ghiaccio sulle strade, giovedì nero con disagi ed incidenti

Dopo la nevicata che ha interessato il nostro territorio tra la serata di ieri e la notte, i problemi maggiori si sono verificati questa mattina, quando il cielo si è fatto sereno e le temperature sono crollate sotto lo zero. Il ghiaccio, infatti, è stato il pericolo pubblico numero uno per tutti coloro che si sono messi alla guida o, semplicemente, sono usciti di casa a piedi o in bicicletta. Per fortuna, però, non si sono registrati episodi particolarmente gravi a Imola e nel Circondario, anche se ovviamente la polemica dei cittadini è subito montata sui social, con foto di carreggiate «luccicanti» e tanti incidenti in vari punti della città, nelle colline e nelle campagne. Alcuni si sono lamentati per i disagi sulle rampe della bretella, altri per la situazione ingestibile in alcune rotonde, altri ancora hanno puntato il dito contro i marciapiedi, gli accessi alle scuole impraticabili e l”assenza di sale sulle strade. «Qualche caduta c”è stata – fanno sapere dall”Ausl – ma non molte. E le persone coinvolte hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso, ma niente di grave».

In questo giovedì nero sul fronte della viabilità, c”è stato quindi tanto lavoro per i sanitari del 118, i carri attrezzi e gli agenti della polizia municipale. Come ad esempio ad Imola dove, intorno alle 9, un incidente si è verificato in via San Prospero, all”altezza dell”intersezione con via Condotto. Una 84enne, alla guida di una Toyota Aygo, per colpa dell”asfalto ghiacciato, ha perso il controllo della propria vettura, ribaltandosi su un fianco. La donna per fortuna non ha riportato lesioni. L”altro episodio, invece, è avvenuto a Sesto Imolese, tra via Marughetta e via di Dozza, qualche ora prima, verso le 7.30. Una Dacia Duster, con al volante un 45enne imolese, e una Panda guidata da una 46enne di Bagnacavallo, sempre a causa della strada scivolosa, sono finite in rapida successione fuori dalla carreggiata. Anche in questo caso i due automobilisti non hanno subito conseguenze. (d.b.)

Nella foto (dalla pagina facebook «Comitato Strade Future»): l”incidente in via San Prospero 

Ghiaccio sulle strade, giovedì nero con disagi ed incidenti
Cronaca 8 Gennaio 2019

Incendio nella notte all'Ondulati Santerno di Casalfiumanese

Nella serata di ieri quattro squadre dei vigili del fuoco di Imola e Fontanelice sono intervenute, intorno alle 21.15, per spegnere un incendio divampato all”interno dell”azienda Ondulati Santerno, operante nel settore del cartone e degli imballaggi, in via Pila 4 nella zona industriale di Casalfiumanese.

Secondo una prima ricostruzione, le fiamme sarebbero scaturite dalla caldaia ad olio per il ciclo produttivo senza per fortuna propagarsi in altri locali e rendendo così contenuti i danni. Non si sono registrati feriti e sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Casalfiumanese. L”intervento è poi proseguito tutta la notte, con i vigili del fuoco che hanno tenuto sotto controllo la situazione anche dopo aver spento le fiamme. Questa mattina l”attività dell”Ondulati Santerno è proseguita regolarmente, con l”azienda che si è già attivata per sostituire la caldaia. Al momento non si conoscono le cause dell”incendio. (d.b.)

Nella foto: i carabinieri di Casalfiumanese all”interno dell”Ondulati Santerno

Incendio nella notte all'Ondulati Santerno di Casalfiumanese
Cronaca 2 Gennaio 2019

Autocisterna di Gpl esce di strada e si ribalta ad Osteria Grande

Un incidente con protagonista un”autocisterna contenente 1.800 litri di Gpl si è verificato domenica nel primo pomeriggio in via San Giorgio a Osteria Grande. Il mezzo pesante, per cause ancora da accertare, è uscito dalla sede stradale, ribaltandosi su un fianco senza per fortuna però causare particolari conseguenze al conducente.

Sul posto, oltre ai carabinieri, sono intervenuti i vigili del fuoco del Comando di Bologna con un’autopompaserbatoio, un’autobotte, due autogrù e due autocarri. Per prima cosa sono state escluse eventuali rotture e conseguenti emissioni di Gpl poi, una volta messo in sicurezza il veicolo, i pompieri hanno provveduto a raddrizzarlo e rimetterlo sulla sede stradale e, grazie all”aiuto di una ditta specializzata, lo hanno trasportato in un”officina per le riparazioni del caso. (d.b.)

Foto d”archivio

Autocisterna di Gpl esce di strada e si ribalta ad Osteria Grande
Cronaca 13 Dicembre 2018

Incendio nella notte in via Ortodonico, crolla tetto di una cascina

Notte di lavoro per i vigili del fuoco di Imola che, intorno all”1.30, sono intervenuti per spegnere un incendio divampato in una cascina dismessa e disabitata di due piani in via Ortodonico, al civico 4.

Le fiamme hanno interessato il tetto, il quale a causa delle alte temperature e dei danni provocati è poi collassato. Sul posto sono giunte tre squadre di pompieri, con un”auto pompa serbatoio, una botte e un”autoscala, che hanno impiegato circa quattro ore per risolvere la situazione.

I vigili del fuoco, al momento, non hanno potuto determinare le cause dell”incendio. Oltre al tetto non si sono registrati danni a cose o persone. (d.b.)

Foto d”archivio

Incendio nella notte in via Ortodonico, crolla tetto di una cascina
Cronaca 24 Novembre 2018

Fumo nero fuoriesce da un'abitazione, allarme subito rientrato per due anziani di Castel Guelfo

Disavventura per due 80enni, fratello e sorella, di Castel Guelfo. Giovedì scorso, poco dopo le 17, infatti, un intenso fumo nero ha iniziato a fuoriuscire dalla loro abitazione, invadendo la piazza del paese.

Allertati da alcuni vicini, sono così intervenuti i vigili del fuoco di Imola con un”autoscala e quelli volontari di Medicina ma, per fortuna, l”accaduto si è dimostrato fin da subito meno grave del previsto. Il fumo, infatti, era stato provocato dalla canna fumaria otturata di un camino che aveva carbonizzato in parte una trave del sottotetto. Anche gli strumenti per misurare la presenza di monossido di carbonio all”interno dell”abitazione hanno dato esito negativo e l”intervento dei pompieri, durato fino circa alle 22, è servito in gran parte per verificare attentamente la perfetta agibilità dell”immobile.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Castel Guelfo e i sanitari del 118. I due anziani, però, hanno rifiutato di essere accompagnati al pronto soccorso, decidendo di rimanere dentro la loro casa che, vista la minima entità del danno, non è stata dichiarata inagibile. (d.b.)

Foto d”archivio

Fumo nero fuoriesce da un'abitazione, allarme subito rientrato per due anziani di Castel Guelfo

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast