Posts by tag: visite

Cronaca 31 Luglio 2021

Visite ed esami specialistici, dall’1 agosto torna la sanzione per la mancata disdetta

Da domani, domenica 1 agosto, torna la sanzione per mancata o tardiva disdetta delle prenotazioni di visite ed esami specialistici. Introdotte dall’articolo 23 della legge regionale 2/2016, le sanzioni a carico dei cittadini che mancano all’appuntamento sanitario prenotato e non disdetto, o disdetto in ritardo, senza produrre giustificazione idonea, erano state sospese ad avvio del periodo pandemico, nel febbraio 2020.

Ma se ottenere una prestazione sanitaria nei tempi appropriati è un diritto del cittadino, presentarsi all”appuntamento o disdirlo lasciando il posto ad un”altra persona in attesa, è un dovere.  Questa la ratio della normativa regionale che riguarda tutti gli assistiti, anche chi ha diritto all”esenzione per reddito, patologia o invalidità. L’importo della multa è pari al ticket previsto per la fascia di reddito più bassa, fino al tetto di 36,15 euro, ad eccezione della chirurgia ambulatoriale per cui il tetto è di 46,15 euro,  a cui si sommano le spese postali. Il cittadino può giustificare la mancata o ritardata disdetta solo per motivi imprevedibili, oggettivi e documentabili (motivi di salute, incidente stradale, eventi meteorologici estremi, lutto recente di parente prossimo ecc.). 

La prenotazione va disdetta almeno 2 giorni lavorativi (domenica e festivi esclusi) prima della giornata dell’appuntamento: data ed ora massima per disdire senza incorrere nella multa sono esplicitate chiaramente nel foglio di prenotazione insieme a tutte le informazioni necessarie per evitare la sanzione.  Inoltre, per ricordare al cittadino la sua prenotazione e permettergli di disdirla in tempo utile e con grande semplicità, sarà riattivato per tutte le prestazioni il richiamo telefonico automatico che, nel rammentare con 7 giorni di anticipo l’appuntamento, permetterà all’assistito di non confermare la prenotazione ossia di disdirla. Cancellare o spostare un appuntamento prenotato è anche possibile chiamando il Cup telefonico al Numero Verde 800 040606 attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, inserendo il codice prenotazione e la data di nascita del cittadino prenotato; agli sportelli CUP aziendali; in tutte le  farmacie e parafarmacie o attraverso il proprio fascicolo sanitario elettronico o il sito CupWeb o la App Er Salute. (r.cr.)

Visite ed esami specialistici, dall’1 agosto torna la sanzione per la mancata disdetta
Cultura e Spettacoli 9 Novembre 2019

Imola ai tempi di Leonardo, ancora due visite guidate alla scoperta della storia e dei piatti tipici imolesi

«Imola ai tempi di Leonardo – Visitare una città e gustare il territorio» è l’occasione proposta da If Imola Faenza Tourism Company e dall’Ufficio Iat del Comune diI mola nell’ambito del Baccanale, per immergersi nelle atmosfere della città rinascimentale, a cavallo tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento, godendo di una visita guidata e poi della degustazione di piatti storici della tradizione imolese. Dopo il primo appuntamento di domenica scorsa con il binomio biblioteca-cappelletti, il 10 novembre toccherà alla Rocca Sforzesca in piazzale Giovanni dalle Bande Nere per parlare di «Architettura civile e militare nella città rinascimentale».

«Nella famosa mappa della città di Imola conservata nella Royal Library del Castello di Windsor insieme ad altre carte attribuite a Leonardo da Vinci, si nota una grande minuzia nella riproduzione della Rocca di Imola – spiega il comunicato stampa dell’iniziativa -. Aggiornata macchina da guerra costruita a fine Quattrocento durante la signoria Riario-Sforza, viene conquistata da Cesare Borgia durante la campagna militare del 1500 che doveva ricondurre le terre romagnole al dominio del padre Papa Alessandro VI. La visita si concentrerà sull’esterno della Rocca e il vicino Canale dei molini, le cui acque alimentavano il fossato». Dopo la visita guidata, che inizia alle ore 10 e durerà circa un’ora e mezza, ci si sposterà nei locali dello Iat di Imola (Galleria del Centro Cittadino) con la degustazione dei garganelli e scalogno e di un vino abbinato, a cura dei sommelier dell’associazione Voluptates.

Stessa formula, ma luogo e «gusto» differenti il 17 novembre: la visita guidata sarà a palazzo Sersanti, in piazza Matteotti 8, seguendo il tema «Dalla città medievale alla città rinascimentale: la Platea Magna e il Palazzo Riario poi Sersanti», mentre l’assaggio allo Iat vedrà protagonista la vera torta (o torta degli sposi). La partecipazione ad ogni singola iniziativa è a pagamento (10 euro) con prenotazione obbligatoria (max 30 persone per ogni appuntamento) allo Iat dal lunedì al venerdì entro le ore 12 (tel.0542/602207). (r.c.)

Imola ai tempi di Leonardo, ancora due visite guidate alla scoperta della storia e dei piatti tipici imolesi
Cultura e Spettacoli 22 Marzo 2019

Cinque luoghi d'arte e di storia visitabili a Imola per le Giornate del Fai

Saranno oltre millecento i luoghi aperti nelle Giornate Fai di Primavera, evento organizzato dal Fondo per l’Ambiente Italiano giunto alla 27ª edizione che è in programma sabato 23 e domenica 24 marzo in quattrocentotrenta città italiane: dimore nobiliari, castelli, campanili, aree archeologiche, navi, antichi ospedali, luoghi di ricerca e di sport, musei particolari, borghi custodi di tradizioni locali e molto altro saranno aperti al pubblico in modo eccezionale o, comunque, con un occhio particolare. Il Fai – Gruppo di Imola ha organizzato in città l’apertura di cinque luoghi: la Rocca sforzesca, palazzo Tozzoni, palazzo Vacchi Suzzi, il complesso del Sante Zennaro e l’Archivio Storico Scolastico Istituto Comprensivo 2, noto come «Archivio Carducci». I visitatori potranno avvalersi anche quest’anno di guide d’eccezione: in tutta Italia saranno oltre quarantamila gli Apprendisti Ciceroni, giovani studenti che illustreranno aspetti storici e artistici dei monumenti, e a Imola in particolare saranno coinvolti gli studenti del Polo liceale imolese «Rambaldi Valeriani» e «Alessandro da Imola», dell’Istituto d’istruzione superiore «Francesco Alberghetti» e del liceo scientifico delle Scienze Applicate, nonché i piccoli Apprendisti Ciceroni, con i loro genitori, del Sante Zennaro Ic5, delle Carducci Ic2, e gli Apprendisti Ciceroni del Ciofs-Fp/Er.L”Archivio Carducci, in via via Cavour 26, sarà aperto sabato dalle 14 alle 18, domenica dalle 10 alle 18. Stessi orari per il complesso Sante Zennaro di via Pirandello, dove si possono vedere le sculture-gioco degli anni Settanta recentemente restaurate. Palazzo Tozzoni, in via Garibaldi 18, e la Rocca sforzesca saranno visitabili sia sabato che domenica dalle 10 alle 18, così come palazzo Vacchi Suzzi che si trova in via Appia 37.Contributo d’ingresso: 3 euro (per ogni luogo da visitare).

Ulteriori approfondimenti nel «sabato sera» in edicola da giovedì 21 marzo

Nella foto, di Isolapress, palazzo Vacchi Suzzi

Cinque luoghi d'arte e di storia visitabili a Imola per le Giornate del Fai

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA