Cronaca

Buona annata per le fragole, ma la manodopera scarseggia

Buona annata per le fragole, ma la manodopera scarseggia

E’ una buona annata per le fragole, almeno a giudicare dai primi frutti staccati dalle piante. In molti hanno iniziato la raccolta tra la fine di aprile e l’inizio di maggio e la quantità e qualità si presentano buone, in alcuni casi, ottime. Sono soddisfatti gli agricoltori per questi frutti considerati da molti l’oro rosso dell’orto.
«I danni da gelo sono stati limitati – dice Andrea Grassi, direttore tecnico agronomico di Apofruit un’impresa cooperativa che commercializza 300mila tonnellate all’anno di prodotti ortofrutticoli – e questo permetterà di ottenere, almeno per noi, quasi la stessa quantità di prodotto dello scorso anno, circa 8.500 quintali».

Ma i problemi ci sono comunque. «Sono due – precisa Grassi -. I consumi e la raccolta. La fragola è un frutto molto deperibile, deve essere acquistato e mangiato subito ma quest’anno il Coronavirus ha modificato lo stile di vita del consumatore che deve fare una spesa che possa durare diversi giorni. I risultati di questi approvvigionamenti li abbiamo verificati al sud dove la raccolta è già iniziata da diverso tempo. Poi la manodopera. Sempre a causa dell’emergenza, chi non può farsi aiutare dai propri famigliari, difficilmente potrà avvalersi della manodopera straniera. Con il blocco dei movimenti, causato dallo stop alle frontiere, mancano all’appello i braccianti dell’Est e il rischio è che il prodotto resti in parte sulle piante». (a.g.)

Ulteriori particolari nel numero del Sabato sera del 14 maggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020

Campagna Abbonamenti

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast