Cultura e Spettacoli

Premio musica elettronica indipendente, riconoscimento dal Mei per l’imolese Matteo Cava

Premio musica elettronica indipendente, riconoscimento dal Mei per l’imolese Matteo Cava

Un riconoscimento dal Meeting delle etichette indipendenti per l’imolese Matteo Cava. Il 2 ottobre, nel corso della manifestazione tenutasi a Faenza, il dj ha, infatti, ricevuto il Premio musica elettronica indipendente per il suo lavoro: in particolare, Cava scrive su Dj Magazine Italia e cura le playlist per Runner’s World Italia, mensile di running. Nel suo curriculum anche pubblicazioni editoriali: ha dato alle stampe “Osceni Diamanti” nel 2000, “Gli anni del declino e Nuovi Processi Armonici” con la prefazione di Carlo Lucarelli nel 2002 e “Dei Mestieri” nel 2004 (Bacchilega Editore), con le illustrazioni di Andrea Rivola).

Dj elettronico con set di derivazione electro-punk, deep house e techno, ha un percorso che lo vede attento alla ricerca di genere e stili, e che passa dalla traccia techno a quella rock per ritrovarsi nel funky. Nei suoi set predominano tracce di Paul Kalkbrenner, Solomun, Chemical Brothers, Polo & Pan, Kollektiv Türnstrasse e altri capisaldi della musica elettronica. Non mancano remix, quali la versione ritmata di Nose Grows Some di Thom Yorke e dj set.

Con la band “Frazione Fabbrica”, nel ruolo di cantante ha esplorato il rock indie con canzoni in stile folk/rock sperimentale che hanno dato vita a due album (“Frazione Fabbrica” nel 2005 e “Tempi Imperfetti” nel 2007). Matteo Cava collabora con diverse aziende come consulente di marketing musicale. A Imola, è stato possibile ascoltare la sua musica in varie occasioni, in particolare al Caffè della Rocca. (r.c.)

Nella foto: il premio a Matteo Cava 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

scuola
nidi

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast