Cronaca

La Regione taglia del 75% il «Bollino calore pulito» che si paga sulle caldaie

La Regione taglia del 75% il «Bollino calore pulito» che si paga sulle caldaie

La Regione ha deciso di abbassare per qualche anno il costo del Bollino Calore Pulito che paghiamo per gli impianti termici dell’Emilia-Romagna. Un taglio del 75% del costo che entrerà in vigore da oggi e proseguirà fino al 31 dicembre 2026. Il Bollino viene rilasciato durante il controllo periodico obbligatorio per chiunque abbia una caldaia o impianto termico.

L’attuale costo del Bollino, pari a 7 euro per gli impianti a fiamma (escluso biomassa legnosa) con potenza inferiore a 35 kilowatt, passa a 1,75 euro. Per gli impianti con potenza tra i 35 e i 100 kilowatt si passa dagli attuali 28 euro a 7 euro. Per gli impianti con potenza tra i 101 e i 300 kilowatt si scende da 56 euro a 14 euro, mentre per quelli superiori ai 300 kilowatt non si pagherà più 98 euro bensì 24,50 euro.

La normativa nazionale ha dato alle Regioni l’incarico di fare accertamenti e ispezioni per garantire il rispetto delle norme e relativo catasto degli impianti, e per assicurare la copertura dei costi necessari è previsto un contributo da parte dei responsabili degli impianti, il famoso Bollino. La pandemia da Covid-19, però, da un lato ha imposto la sospensione delle attività di accertamento e ispezione, dall’altro il Superbonus ha inciso sulla disponibilità dei soggetti incaricati allo svolgimento dei controlli. Da qui la decisione di ridurre il costo del Bollino per i cittadini, che hanno comunque pagato il Bollino. (r.cr.)

Nella foto di archivio un impianto termico domestico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook