Cronaca

Cronaca 26 Gennaio 2021

Ancora quattro posti ai nidi Girotondo e Don Luciano Sarti per i bimbi di Castello e San Martino in Pedriolo

Ci sono ancora quattro posti liberi ai nidi di Castel San Pietro. L’Amministrazione ha aperto un bando integrativo per assegnare due posti a tempo pieno al nido comunale Girotondo di via Di Vittorio e due con orario part time nel nido paritario convenzionato Don Luciano Sarti in via Palestro.

Le domande dei bimbi nati dall’1 gennaio 2019 al 28 febbraio 2020 residenti a Castello o a San Martino in Pedriolo (frazione di Casalfiumanese, con il quale c’è una convenzione) devono essere presentate entro le 12.30 del 5 febbraio attraverso il sito del Comune di Castel San Pietro. (r.cr.)

Ancora quattro posti ai nidi Girotondo e Don Luciano Sarti per i bimbi di Castello e San Martino in Pedriolo
Cronaca 26 Gennaio 2021

Coronavirus, dal 1° febbraio nelle università dell’Emilia Romagna riprende la didattica in presenza

A partire dal primo di febbraio gradualmente anche le università dell’Emilia-Romagna sono pronte a riprendere le attività in presenza, nel rispetto dei protocolli di sicurezza sempre in vigore ed entro il limite del 50% degli iscritti per sede dell’ateneo. Il tutto sempre garantendo contemporaneamente il proseguimento delle lezioni a distanza. Nella maggior parte degli atenei sarà data la precedenza, per ovvi motivi formativi, agli studenti dei primi anni.

Le università si sono assunte l’impegno di adottare piani di organizzazione della didattica, assicurato anche dai sistemi di prenotazione e sempre nel rispetto dei protocolli di sicurezza; ad avere la priorità saranno le attività laboratoriali e assimilabili e i tirocini curricolari interni e in alcuni casi i primi anni di corso. Le sedute di laurea e le proclamazioni, quando previste, si svolgeranno esclusivamente da remoto, per gli esami invece deve essere garantita agli studenti la possibilità di svolgerli a distanza con l’alternativa della presenza nel caso le condizioni lo permettano o quando sia previsto l’utilizzo di strumenti o spazi specifici. Per quanto riguarda invece i tirocini curriculari da svolgere al di fuori degli atenei, potranno continuare ad essere effettuati in presenza, ma sempre nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dalle linee guida per la riapertura delle attività che ospiteranno gli studenti in tirocinio.

A rendere possibile il ritorno in presenza degli studenti concorrono anche i significativi investimenti della Regione sul trasporto pubblico locale, tema su cui gli atenei si stanno contemporaneamente confrontando con le rispettive prefetture e aziende dei trasporti. Gli oltre 500 autobus aggiuntivi predisposti dall’Emilia-Romagna, che si aggiungono ai 3.200 ordinariamente in funzione, secondo i monitoraggi e le simulazioni tanto dell’ente quanto delle società di trasporto, interpellate anche dalle Università, saranno in grado di garantire pienamente le necessità di movimento degli studenti, anche in considerazione del fatto che non sono previste sovrapposizione di orari in entrata o in uscita con gli alunni delle scuole superiori. (da.be.)

Coronavirus, dal 1° febbraio nelle università dell’Emilia Romagna riprende la didattica in presenza
Cronaca 25 Gennaio 2021

Coronavirus, ancora due vittime a Imola. Contagi stabili e risalgono i ricoveri in Emilia Romagna

Risalgono i contagi oggi nel circondario di Imola, 61 in tutto, ma grazie al gran numero delle guarigioni certificate, 101, i casi attivi scendono a 688. Inoltre ci sono altri due decessi avvenuti nei giorni scorsi nel circondario imolese: un uomo di 78 anni residente a Imola e una donna di 89 anni di Medicina. Sostanzialmente stazionari i ricoveri: sono 32 (-3) nei reparti Covid ordinari del Santa Maria della Scaletta di Imola, 12 (+1) nell’OsCo di Castel San Pietro e 15 (+1) in terapia intensiva (tra Imola e Bologna). Dei nuovi casi positivi 33 sono asintomatici, 31 persone sono state individuate tramite tracciamento, 30 erano già isolate.  

Anche nel resto dell’Emilia Romagna si conferma l”aumento giornaliero dei nuovi casi di Coronavirus ma aumenta il numero dei ricoverati. I nuovi positivi oggi sono 1.164. Circa la metà 561 sono persone asintomatiche individuate nelle attività di tracciamento e screening, 477 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. La situazione nelle province vede Bologna in testa (274 più i 61 di Imola), Modena con 200, poi Ravenna (107), Rimini (104), Reggio Emilia (102), Ferrara (92) e Cesena (83); a seguire Parma (52), Forlì (49) e Piacenza (40).I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 222 (+3), negli altri reparti sono 2.422 (+39).E si contano altri 76 morti, tra cui una donna di 38 anni nel riminese.  

Per quanto riguarda le vaccinazioni, in Emilia Romagna continua la priorità ai richiami e alla copertura di ospiti e operatori delle case di riposo, a seguito dei tagli alle forniture attese Pfizer-Biontech. Così ieri non vi sono state sedute vaccinali a Imola; sono 2949 le prime dosi somministrate e 199 le secondi dosi somministrate, ovvero i cicli vaccinali completati. (l.a.)

Coronavirus, ancora due vittime a Imola. Contagi stabili e risalgono i ricoveri in Emilia Romagna
Cronaca 25 Gennaio 2021

Coronavirus, “Contagiosi dopo il vaccino? No, ma ci si può infettare dopo la prima dose”. Domande e risposte sul Covid

Come  funzionano  i vaccini Pfizer  e  Moderna? «Il meccanismo è identico, entrambi sono vaccini a Rna quindi vanno a stimolare la riposta immunitaria  senza  inoculare  componenti  attive  del  virus.  Proprio  per  questo  è  fruibile  anche  dagli  immunodepressi  senza particolari rischi». A rispondere è Francesca Gnudi il medico dell’Ausl di Imola che sta coordinando tutta la fase uno delle vaccinazioni.

Le  persone  dopo  il  vaccino  sono contagiose? «No, è una fake news. È possibile, però, che  si  infettino  tra  la  prima  e  seconda dose perchè non sono del tutto coperti e a quel punto, come tutti gli ammalati, possono essere contagiosi. E” per questo che devono continuare ad indossare la mascherina e osservare le precauzioni. Finché non si è sviluppata l”immunità possono ammalarsi».

Sul “sabato sera” del 21 gennaio queste e altre risposte ai dubbi e alle domande più frequenti sui vaccini contro il Coronavirus.

Tutto ciò che c”è da sapere sul Covid è stato raccolto dall”Ausl di Imola in una pagina faq sul suo sito web.

Anche i Comuni hanno realizzato delle pagine informative ad hoc per i loro cittadini, ad esempio quello di Dozza ha un sezione dedicata all’assistenza alla popolazione per l’emergenza sanitaria in atto: dai servizi comunali ad hoc ai link e siti di interesse, per trovare in un unico spazio virtuale quanto occorrente. I cittadini possono trovare il servizio di consegna di farmaci, spesa e pasti pronti, e quello di vicinanza e sostegno attraverso il numero di telefono dedicato gestiti dai volontari; i servizi a distanza della biblioteca comunale e l’elenco delle attività che effettuano consegne a domicilio. Per finire il link al sito dell’Ausl di Imola con le informazioni per la Medicina di gruppo di Toscanella Dozza e alle faq Covid con le domande più frequenti e relative risposte, ad esempio sulle modalità di termine della quarantena, di conferimento dei rifiuti e sulle scuole. (l.a.)

Coronavirus, “Contagiosi dopo il vaccino? No, ma ci si può infettare dopo la prima dose”. Domande e risposte sul Covid
Cronaca 25 Gennaio 2021

Giornata della Memoria, tante le iniziative (anche online) a Imola e nel circondario

La Giornata della Memoria, che si celebra mercoledì 27 gennaio, prevede nel circondario numerose iniziative, soprattutto online, organizzate per ricordare lo sterminio e le persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.

Imola. Da mercoledì 27 gennaio le biblioteche comunali propongono bibliografie sul tema, così come saranno disponibili online i lavori degli Istituti comprensivi Ic2 ed Ic 6. Alle ore 11, deposizione di una corona alla lapide in ricordo delle persecuzioni razziali, posta in via Giudei. Iniziative non aperta al pubblico a cui parteciperà il sindaco Panieri. Alle 12, Il servizio Teatri e attività musicali, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo 7, vedrà impegnati alcuni studenti in La nostra sola arma, con letture e musiche dal vivo. Alle 16.30 è previsto il consiglio comunale straordinario, che sarà preceduto dall’ascolto dell’inno nazionale eseguito dalla banda della Città di Imola. Per l’occasione verrà data lettura della delibera di conferimento della cittadinanza onoraria alla Senatrice Liliana Segre. Fra le iniziative anche una mostra che sarà ospitata fino al 27 febbraio nella galleria del Centro Leonardo di Imola. La mostra, a pannelli, è stata promossa e realizzata dall’Aned (Associazione nazionale ex deportati politici) in collaborazione con l’Anpi ed i soci di Coop Alleanza 3.0. I pannelli, curati da Marco Orazi (Cidra) per la parte contenutistica e da Massimilia- no Renzi per quella grafica, accompagnano nel doloroso percorso dell’esperienza estrema del vivere, e morire, nel campo di Mauthausen.

Castel San Pietro. Tre video che saranno pubblicati nella pagina YouTube del Comune . Il primo andrà online domani, martedì 26 alle ore 20, ed è a cura dell’associazione culturale Terra Storia Memoria, con letture drammatizzate selezionate da Gianni Buonfiglioli e Lia Collina, dedicate principalmente alla vicenda di Enrica Calabresi, zoologa e docente di Entomologia agraria, di origine ebraica, vittima dell’Olocausto, a cura di Michelle Lamieri e Sabina Niceforo, precedute da un’introduzione del sindaco Fausto Tinti.

Medicina. Il Comune promuove due iniziative, interamente online, dal proprio canale YouTube. Mercoledì 27 gennaio andrà in onda lo spettacolo Voci con Dario Criserà e Gloria Varini, mentre sabato 30 gennaio alle ore 18.30 seguirà la presentazione del libro La deportazione politica e civile nel Terzo dall’archivio dell’Aned Imolese di Marco Orazi, pubblicato da Bacchilega Editore.

Dozza. Celebrazioni grazie alla sinergia tra la sezione Anpi di Dozza, l’Istituto comprensivo di Dozza-Castel Guelfo ed il Comune, che inoltre patrocinerà l’evento. Marco Orazi, storico del Cidra, si connetterà nella mattinata di mercoledì 27 con le classi seconde e terze medie del plesso A. Moro.

Castel del Rio. L’appuntamento è con il sindaco che, salvo variazioni del programma, racconterà, in collegamento remoto con la scuola, il rastrellamento del 31 maggio 1944, quando i giovani del paese e dei dintorni vennero convocati con un pretesto presso al sede podestarile e poi, dopo alcuni giorni, deportati a Mauthausen.

A Castel Guelfo il 27 ci sarà uno spettacolo di letture in musica per le classi terze della scuola media, a cura della biblioteca comunale, con Alfonso Cuccurullo, Federico Squassabia e Marco Carroli. (r.cr.)

Tutti gli appuntamenti su «sabato sera» del 21 gennaio.

Nella foto: il campo di concentramento di Mauthausen

Giornata della Memoria, tante le iniziative (anche online) a Imola e nel circondario
Cronaca 25 Gennaio 2021

Furgone investe anziano su scooter elettrico per disabili, 93enne perde la vita

Tragedia questa mattina, intorno alle 10, a Medicina. A perdere la vita Dino Morini, 93enne pensionato.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo, a bordo del suo scooter elettrico per disabili, era appena uscito dalla sua abitazione di via Luminasi quando, per cause ancora da accertare, all”altezza della caserma dei carabinieri, è stato investito da un furgone guidato da un 27enne di Bologna che si trovava in zona per motivi di lavoro.

A nulla sono valsi i tempestivi soccorsi dei sanitari del 118. L’anziano è morto per le gravi lesioni riportate. Ferito in modo lieve, invece, il giovane alla guida del furgone che è stato trasportato al pronto soccorso di Imola. Sul posto anche i carabinieri di Medicina che hanno avviato le indagini per ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto. (da.be.) 

Foto d’archivio

Furgone investe anziano su scooter elettrico per disabili, 93enne perde la vita
Cronaca 25 Gennaio 2021

Coronavirus, piccoli ma significativi passi in avanti per Fausto Gresini

Piccoli ma significativi passi in avanti per Fausto Gresini, sempre ricoverato presso il reparto di terapia intensiva dell’ospedale Maggiore di Bologna. «Le condizioni cliniche generali di Fausto Gresini sono fragili, ma in lento e progressivo miglioramento – fa sapere il dottor Cilloni -. È cosciente e combattivo. Anche gli esami radiologici e di laboratorio vanno nella stressa direzione. Ha ancora bisogno di essere supportato per il respiro dal ventilatore meccanico, ma l’ossigenazione del sangue sta progressivamente migliorando. Ha iniziato la fisioterapia per riabilitare sia la respirazione che tutta la muscolatura. Rimane un paziente critico e fragile con un percorso di cura ancora lungo, ma la direzione presa negli ultimi giorni rende più ottimistica la prognosi che rimane a tutt’oggi riservata». (r.s.)

Nella foto (dalla pagina Facebook personale): Fausto Gresini in uno scatto prima dell’emergenza Coronavirus

 

Coronavirus, piccoli ma significativi passi in avanti per Fausto Gresini
Cronaca 24 Gennaio 2021

Coronavirus, a Imola 33 nuovi positivi, più casi attivi e ricoveri. A Ozzano è morto Fabrizio Venturi, presidente della Pubblica assistenza

Sono 33 i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati oggi dall”Ausl di Imola su circa 500 tamponi, 30 i guariti, i casi attivi (malati/positivi) risalgono a 730. Dei nuovi positivi 19 sono asintomatici, 16 individuati tramite tracciamento, 23 persone erano già isolati. Per quanto riguarda i ricoverati per Covid sono 35 (+4) nei reparti ordinari dell’ospedale di Imola, stabili 11 in OsCo a Castel San Pietro e 14 (+1) in Terapia intensiva (tra Imola e Bologna).

Prosegue l’andamento altalenante dei contagi, che sembra confermare la cautela dei sanitari, sia dell’Azienda sanitaria imolese che del resto dell’emilia-romagna, di fronte ad una curva dell”epidemia che vede una discesa molto lenta, sostanzialmente un andamento stabile, che fa temere nel caso di un’improvvisa nuova impennata.

I dati regionali oggi vedono 1.208 casi in più, un numero inferiore rispetto a ieri. I guariti sono 631, i casi attivi risalgono a 51.357. I ricoverati in terapia intensiva sono 219 (+2), 2.383 (-7) negli altri reparti Covid.Dei nuovi casi meno della metà 548 sono asintomatici, 386 individuati tramite tracciamento o screening, 304 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 552 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

La provincia con più casi è Bologna (202 più i 33 di Imola), segue Modena (175), Reggio Emilia (167), Rimini (152), Ferrara (115), Ravenna (84), Forlì (81), Cesena (72), Piacenza (69), Parma (58).

E non vanno dimenticati i decessi, 35 quelli certificati nelle ultime 24 ore, per la quasi totalità anziani. Oggi è arrivata anche la notizia che Fabrizio Venturi, presidente della Pubblica assistenza di Ozzano e San Lazzaro, è morto “in seguito a complicazioni dovute al Covid che aveva contratto, insieme alla sua famiglia, all’inizio del mese”, come informa la pagina Facebook del Comune. Venturi era molto conosciuto a Ozzano. “In prima linea insieme agli altri volontari fin dalla prima ondata, al fianco della comunità in ogni momento, Fabrizio era il simbolo della bontà, della disponibilità. Ci stringiamo forte alla famiglia. Alla moglie Glenda, ai figli Manuela e Riccardo. Ci stringiamo forte anche all’altra grande famiglia di cui Fabrizio faceva parte. A quell’associazione Pubblica Assistenza della quale era da un anno e mezzo diventato presidente, certi che sapranno rialzarsi insieme a noi da questo colpo durissimo”. 

Sulla pagina dell”associazione il cordoglio degli altri volontari: “Con profondo sconforto vi comunichiamo che il nostro Presidente non ce l”ha fatta. Non ci sono molte parole per descrivere questa triste situazione. Purtroppo questo virus non fa distinzioni e non è sempre possibile debellarlo”.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, complicata dai ritardi sulle forniture di Pfizer-BioNtech, in Emilia Romagna la priorità è data ai richiami, cioè la somministrazione della seconda dose a chi ha ricevuto la prima, e agli anziani ospiti di case di riposo, case famiglia o cra.

A Imola ieri sono state effettuate complessivamente 114 prime dosi proprio su ospiti ed operatori di strutture per anziani, e del Servizio assistenza domiciliare (Sad), 90 seconde dosi invece su altrettanti operatori sanitari dell”Ausl. Le persone vaccinate con prima dose nel circondario imolese sono così 2961 e 199 gli operatori sanitari che hanno completato il ciclo vaccinale. (l.a.)

A sinistra nella foto Fabrizio Venturi (dalla pagina Fb del Comune di Ozzano Emilia)

Coronavirus, a Imola 33 nuovi positivi, più casi attivi e ricoveri. A Ozzano è morto Fabrizio Venturi, presidente della Pubblica assistenza
Cronaca 24 Gennaio 2021

Innovatori responsabili 2020, tra le aziende premiate dalla Regione anche Antreem e Curti

Dopo Arti Grafiche Reggiani di Ozzano anche le aziende Antreem di Imola e Curti di Castel Bolognese hanno appena ottenuto dalla Regione Emilia Romagna il premio «Innovatori responsabili 2020», un riconoscimento (non è previsto denaro) riservato a quelle realtà che investono in un’economia inclusiva ed ecosostenibile puntando sull’innovazione tecnologica.

Con il progetto Persone al centro, Antreem è stata premiata nella categoria Ged (Gender Diversity & Equality), che punta a valorizzare le persone, i loro punti di forza e aspirazioni. Tra i progetti premiati con menzione speciale ci sono Recupero fibre di carbonio da materiali compositi a matrice polimerica rinforzata di Curti (categoria imprese oltre i 250 dipendenti). (r.e.)

Nella foto: l’amministratore delegato di Antreem Fabio Poli e l’ingegner Cristian Tosi di Curti

Innovatori responsabili 2020, tra le aziende premiate dalla Regione anche Antreem e Curti
Cronaca 24 Gennaio 2021

A Castello va avanti la riqualificazione del Cassero e dell’ex Pretura

Continua l’impegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola per ristrutturare due dei monumenti simbolo di Castel San Pietro, ossia il Cassero e l’ex Pretura quest’ultima, tra l’altro, destinata a diventare il punto di accoglienza turistica della città.

Di recente, infatti, la Giunta castellana ha approvato lo schema di convenzione con la Fondazione Crimola per proseguire con il secondo e terzo stralcio dei lavori di riqualificazione nei due edifici. Un sodalizio che si ripete dopo il cofinanziamento (65 mila su 85 mila euro, nell’ambito del programma Art bonus, che premia con benefici fiscali sotto forma di credito di imposta chi effettua erogazioni liberali in denaro per il sostegno della cultura) anche del primo stralcio realizzato un paio di anni fa, ossia il restauro del soffitto e delle pareti del cosiddetto voltone del Cassero, utilizzato come passaggio carrabile di accesso a via Matteotti, e della facciata dell’ex Pretura. (gi.gi.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 21 gennaio.

Nella foto: Mazzanti e Ortolani della Fondazione Crimola tra il sindaco Tinti e l’architetto Mega durante il sopralluogo all’ex Pretura nel maggio scorso

A Castello va avanti la riqualificazione del Cassero e dell’ex Pretura

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast