Cronaca

Cronaca 28 Settembre 2021

Sicurezza stradale, a Imola dal 2008 incidenti dimezzati

Trend in calo a Imola per gli incidenti stradali, quasi dimezzati tra il 2008 e il 2019 e con una riduzione dei feriti pari al 33%. È quanto emerge dall’Osservatorio provinciale dell’incidentalità stradale della Città metropolitana di Bologna; i dati sono stati resi noti dal direttore generale di Area Blu, Roberto Murru, nel corso del convegno «Misure di sicurezza stradale per l’incentivazione della mobilità sostenibile», organizzato dall’azienda Zini Elio lo scorso 16 settembre, in occasione della Settimana europea della mobilità. (lo.mi.) 

Ulteriori dettagli su «sabato sera» del 30 settembre 

Nella foto: un momento del convegno «Misure di sicurezza stradale per l’incentivazione della mobilità sostenibile» organizzato dall’azienda Zini Elio

Sicurezza stradale, a Imola dal 2008 incidenti dimezzati
Cronaca 27 Settembre 2021

Aggressione razzista a Imola, la testimonianza del Circolo Italexit Imola

A seguito dell’aggressione razzista denunciata dall’associazione Trama di Terre nei confronti di una loro attivista sabato scorso, il Circolo Italexit Imola, con un comunicato inviato dalla coordinatrice Stefania Chiappe, ha voluto dare la sua versione dei fatti su quanto accaduto in piazza Matteotti. «In merito alla presunta aggressione a una aderente all’associazione Trame di terre – si legge -. Imola, portiamo la nostra testimonianza, dal momento che in quel momento ci trovavamo presenti nella zona con nostro banchetto. Abbiamo all’improvviso sentito urla e notato un uomo e una donna che erano venuti alle mani. Valerio Giovetti, nostro attivista, è intervenuto insieme ad altri passanti per separare le due persone e ha impiegato diversi minuti per riuscire a interrompere lo scontro. Non possiamo dire come tale scontro abbia avuto inizio, questo potrà essere forse stabilito sulla base delle immagini delle telecamere e su ulteriori testimonianze di persone presenti, ma possiamo certamente affermare che durante i minuti in cui abbiamo cercato di separare i due, la persona che insisteva a colpire l’altra con pugni e graffi era l’appartenente a Trame di terra. Possiamo anche affermare che al termine dello scontro l’uomo mostrava diversi segni dei colpi ricevuti: graffi sul viso, una maglia completamente lacerata e una collanina strappata. Leggiamo sui giornali di oggi che la donna sarebbe stata apostrofata con frasi provocatorie e ingiuriose. Resta da stabilire se l’uomo abbia o meno avviato l’aggressione fisica, alla quale la donna avrebbe poi reagito mettendolo a mal partito. Se ciò non fosse avvenuto, l’episodio sarebbe ben diverso da come presentato nel comunicato di Trame di terra». (r.cr.)

Foto dalla pagina Facebook Italexit Imola

Aggressione razzista a Imola, la testimonianza del Circolo Italexit Imola
Cronaca 27 Settembre 2021

Aggressione razzista a Imola, i carabinieri: «Al momento ancora nessuna querela»

Dopo l’aggressione razzista avvenuta in piazza Matteotti (o presunta tale come raccontato invece dal Circolo Italexit Imola) a fare il punto ci hanno pensato i carabinieri, arrivati sul posto dopo la chiamata dei cittadini. «Ad oggi nessuna delle due persone coinvolte ha sporto querela (hanno comunque 90 giorni di tempo, ndr) – fanno sapere – e per questo motivo al momento non possiamo procedere. Di sicuro, però, le percosse sono state reciproche». (r.cr.)

Foto d’archivio

Aggressione razzista a Imola, i carabinieri: «Al momento ancora nessuna querela»
Cronaca 27 Settembre 2021

Cavina, Longhi e Bellobuono escono dal M5S, a Medicina il consiglio comunale rimane senza pentastellati

In seguito all’autosospensione dal M5S, avvenuta nel mese di febbraio da parte dei consiglieri Cristian Cavina, Emanuele Longhi e Gaetano Bellobuono, il gruppo Medicina in Movimento ha comunicato ufficialmente l’uscita dei tre portavoce comunali dal Movimento 5 Stelle.

I tre consiglieri passeranno quindi al gruppo misto continuando a portare avanti quanto presentato nel programma del 2019, ma soprattutto restando ferma opposizione al sistema locale rappresentato dalla maggioranza. (r.cr.)

Nella foto: il Comune di Medicina

Cavina, Longhi e Bellobuono escono dal M5S, a Medicina il consiglio comunale rimane senza pentastellati
Cronaca 27 Settembre 2021

Cambio nella Giunta di Fontanelice, Denis Morigi al posto dell’assessora Alice Suzzi

Cambio all’interno della Giunta del Comune di Fontanelice. Denis Morigi prende il posto dell’assessora a Sanità, Servizi Sociali, Cultura e Turismo Alice Suzzi, mantenendo comunque le stesse deleghe della sua predecessora. Classe 1954, pensionata, imolese di nascita ma fontanese d’adozione, Morigi ha lavorato al Comune di Imola nei servizi per l’infanzia ed è conosciuta sul territorio anche per il suo impegno nel sociale, grazie all’attività nell’associazione PerLeDonne Imola. (r.cr.)

Nella foto: Denis Morigi

Cambio nella Giunta di Fontanelice, Denis Morigi al posto dell’assessora Alice Suzzi
Cronaca 27 Settembre 2021

Volontariato, Ivan Mazzanti è il nuovo presidente di Auser Imola

Ivan Mazzanti è il nuovo presidente dell’associazione di volontariato Auser Imola, eletto sabato scorso. Classe 1948, in pensione dal 2018, subentra a Giovanni Mascolo.

Già dipendente prima del Comune di Imola, poi di Area Blu, Mazzanti è stato segretario della Funzione pubblica della Camera del lavoro con competenza a livello circondariale (1976-1988), componente a tempo pieno del comitato di gestione dell’Ausl di Imola per i servizi psichiatrici e sociali territoriali (1989-1992), assessore alle Politiche sociali a Fontanelice (1990-95). Dal 2004 al 2008 ha ricoperto inoltre il ruolo di presidente del comitato di gestione Opere pie riunite di Borgo Tossignano e Fontanelice. Dal 2017 è membro del comitato consultivo misto per i Servizi sociali del Circondario imolese. (lo.mi.) 

Nella foto: il nuovo presidente di Auser Imola, Ivan Mazzanti

Volontariato, Ivan Mazzanti è il nuovo presidente di Auser Imola
Cronaca 27 Settembre 2021

A Castello e Casalfiumanese oltre un milione di euro per sistemare strade e Sillaro

Oltre un milione di euro per la sistemazione idrogeologica della valle del Sillaro. È questo il cospicuo finanziamento che il ministero dell’Interno ha concesso ai Comuni di Castel San Pietro e Casalfiumanese per due progetti nell’ambito di un bando al quale i due enti locali hanno partecipato l’anno scorso.

Il finanziamento più cospicuo (998.500 euro) è relativo all’intervento del Comune di Casalfiumanese di consolidamento della sede stradale e regimazione delle acque, con realizzazione di opere di sostegno per i tratti a mezza- costa della strada comunale via Gesso. Il contributo riconosciuto a Castel San Pietro, invece, è di 136 mila euro, che verranno destinati al consolidamento della sede stradale e regimazione delle acque nelle vie Rio Acqua Bona e Destra Sillaro. Si tratta del quarto intervento di sistemazione idrogeologica della valle del Sillaro, che segue i primi tre già finanziati a febbraio di quest’anno.

A questi si aggiungono altri interventi sempre finanziati con fondi ministeriali, ossia il secondo stralcio dei lavori di raccolta delle acque e consolidamento del pendio in località Molino dell’Aquila, la sistemazione idraulica del torrente Sillaro a valle del ponte della Mingardona e in località Molinetto. Tutte queste opere verrano realizzate nel 2022. Altre due, invece, sono già state completate durante l’estate, e sono il primo stralcio del consolidamento della scarpata di Molino dell’Aquila e la sistemazione idraulica del Sillaro all’altezza dell’affluenza del rio dei Gralchi (campo da golf).

Approfondimenti su «sabato sera» del 23 settembre.

Nella foto: l’intervento nei pressi del campo da golf a Castel San Pietro

A Castello e Casalfiumanese oltre un milione di euro per sistemare strade e Sillaro
Cronaca 26 Settembre 2021

Coronavirus, screening con test salivari, a Imola “scuola sentinella” è la primaria Bizzi

Gli screening con i test salivari nelle “scuole sentinella” prendono il via lunedì 27 settembre. Si tratta della campagna nazionale per monitorare su base volontaria, attraverso la raccolta e l’esame di campioni molecolari salivari, la diffusione del virus in ambito scolastico. In Emilia Romagna si parte da Reggio Emilia e Forlì, poi nei giorni successivi si procederà con gli altri territori.

Le scuole sono state selezionate in accordo tra Aziende sanitarie e gli Uffici scolastici. Per quanto riguarda l’Ausl di Imola e i suoi dieci comuni, è stata identificata la primaria «Bizzi» di via Vivaldi a Imola, Istituto comprensivo 7. 

Nella fase d’avvio, tra scuole primarie e secondarie di primo grado, in regione il campione di studenti che sono coinvolti al momento dai test è di circa 7.000 e potrà essere modificato sula base dell’andamento epidemiologico. 

La nota della Regione precisa che, come prevedono le indicazioni ministeriali, gli aspetti organizzativi su frequenza dei test, strumenti di raccolta del campione di saliva, relative istruzioni e modalità di consegna del campione vengono definiti scuola per scuola e comunicati alle famiglie che accetteranno di partecipare al monitoraggio con una specifica informativa. 

Alcune Aziende sanitarie, a partire da quella di Reggio che con Forlì fa da apripista, hanno organizzato incontri con le famiglie per illustrare il piano di monitoraggio e la modalità di esecuzione del tampone anche attraverso video dimostrativi. (r.cr.)

Foto d”archivio

Coronavirus, screening con test salivari, a Imola “scuola sentinella” è la primaria Bizzi
Cronaca 26 Settembre 2021

Furto di alcolici dopo la spaccata al Centro Leonardo, 26enne nei guai

Spaccata con furto al Centro Leonardo nella notte tra venerdì 24 e sabato 25 settembre. Protagonista un 26enne incensurato che, con il supermercato ormai chiuso da ore, ha pensato bene di entrare da una delle porte scorrevoli presenti nell’ingresso vicino all’area giochi. Per farlo ha utilizzato un bidone di metallo, prontamente staccato dal suo supporto. Una volta dentro l’uomo, nonostante l’allarme, si è diretto al supermercato ed ha iniziato a riempire il carrello di alcolici per circa un centinaio di euro.

Dopo pochi minuti sul posto è arrivata una pattuglia della vigilanza privata di Coopservice, assieme ai carabinieri di Imola che hanno bloccato il 26enne e recuperato la merce. L’uomo è stato così denunciato per tentato furto aggravato. Il mattino seguente gli addetti del Centro Leonardo, per motivi di sicurezza, hanno sostituito il vetro della porta danneggiata con un pannello di legno. (r.cr.)

Foto Isolapress

 

Furto di alcolici dopo la spaccata al Centro Leonardo, 26enne nei guai
Cronaca 26 Settembre 2021

I ballerini di polka chinata Antonio Clemente e Loris Brini su Raiuno a «I soliti ignoti»

Si sono esibiti nel loro celebre ballo, che ha cavalcato i palcoscenici più
prestigiosi, non solo in Italia, tra cui il teatro Ariston di Sanremo
nell’ultima edizione a fianco degli Extraliscio. Questa volta Antonio Clemente, nel programma di Raiuno «I soliti ignoti» andato in onda ieri sera, ha indossato i panni dell’ignoto «numero 6» ma, com’è da scaletta nella trasmissione, una volta che è stato “indovinato”, Loris Brini lo ha raggiunto per l’esibizione.

Il programma, access prime time di Raiuno prodotto da Endemol Shine Italy,
è tra i più longevi del piccolo schermo. La prima puntata risale al 2007.
Cambiò nome nel corso del tempo, e per alcuni anni fu sospeso. Tuttora
finisce spesso in prima serata, oggi con la conduzione di Amadeus. Nella puntata di ieri sera, toccava allo chef Giancarlo Vissani indovinare le somiglianze degli ignoti. Ma nell’ultimo passaggio, quello fondamentale, non ha azzeccato l’abbinamento. (ti.fu.)

Nelle foto: Antonio Clemente e Loris Brini

I ballerini di polka chinata Antonio Clemente e Loris Brini su Raiuno a «I soliti ignoti»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast