Cronaca

Cronaca 11 Agosto 2020

E’ scomparso Mario Fracca, presidente della Consulta territoriale di Osteria Grande

La comunità di Castel San Pietro è in lutto per la scomparsa, avvenuta ieri dopo una grave malattia, di Mario Fracca, presidente della Consulta territoriale di Osteria Grande e persona molto conosciuta e stimata da tutti. «Sono profondamente triste per la scomparsa dell”amico Mario Fracca, amato presidente della consulta territoriale di Osteria Grande, amico e stimolo per l”Amministrazione comunale a fare sempre meglio e di più per i cittadini, vicino sempre alla comunità e sempre pronto a spendersi senza riserve per il bene degli altri. Con amore e gratitudine, per sempre nel mio cuore» ha commentato il sindaco di Castel San Pietro, Fausto Tinti.

Mario Fracca era nato a Montebello Vicentino (Vi) il 17 maggio 1946 e risiedeva a Osteria Grande dal 1976. Nel 2015 era stato eletto presidente della Consulta territoriale di Osteria Grande, dopo esserne stato componente fin dal 2004 e vicepresidente dal 2009. Purtroppo, poche ore dopo la morte di Mario, ieri è scomparso anche il fratello Luciano. 

Questa sera alle 20.30 nella chiesa parrocchiale di San Giorgio a Osteria Grande è prevista la recita del rosario per entrambi. Giovedì 13, alle ore 10.45, verranno celebrati i funerali di Mario Fracca. (r.cr.)

Nella foto (del Comune di Castel San Pietro): Mario Fracca

E’ scomparso Mario Fracca, presidente della Consulta territoriale di Osteria Grande
Cronaca 11 Agosto 2020

Oltre 200 abbandoni di rifiuti beccati a Medicina dalle telecamere posizionate nelle isole ecologiche di base

Oltre 200 abbandoni di rifiuti ripresi nei primi 160 giorni di funzionamento delle telecamere di sorveglianza alle isole ecologiche di base di Medicina. Il bilancio è stato reso noto oggi dall”Amministrazione comunale di Medicina. «Il servizio – precisa la nota del Comune – tiene conto dell’oggettivo malfunzionamento dei cassonetti, sanzionando solo le persone che intenzionalmente ripongono i rifiuti in modo scorretto. Questi numeri sono in linea con quello che accade in altri territori. Tuttavia è bene segnalare che il costo sostenuto come Amministrazione per questi extra è superiore ai 25.000 euro l’anno, a carico di tutta la collettività».

Si ricorda che l”organizzazione dei rifiuti a partire dall”inizio dell”anno è cambiata radicalmente, con l”aggiunta di dieci nuove isole ecologiche di base (Ieb) per la raccolta differenziata, con l”obiettivo di recuperare i cassonetti singoli eliminati sul territorio. In alcune zone il loro posizionamento è stato individuato assieme ai cittadini e, al fine di migliorare il servizio, è aumentata la frequenza di svuotamento. Per quanto riguarda il controllo, alle cinque postazioni di telecamere che periodicamente vengono posizionate su isole ecologiche differenti, si aggiunge il controllo che il Comune effettua tramite la collaborazione con le Guardie ecologiche. Un”ulteriore convenzione con il Corpo guardie ambientali metropolitane è stata infine aggiunta per accrescere la vigilanza e intensificare il controllo sui fenomeni di abusivismo.

«La situazione per il territorio di Medicina risulta in linea con il resto dei comuni  per la quantità di rifiuti abbandonati all’esterno dei cassonetti mentre il numero degli abbandoni resta costante – prosegue la nota dell”Amministrazione -. Quanto ai prossimi passi, la gara in corso per avere un nuovo gestore dei rifiuti è slittata a dicembre a causa dell’emergenza sanitaria e all”inizio dell”anno sono previste altre modifiche, come l”introduzione di contenitori diversi da quelli attuali con la calotta e l’inserimento all’interno delle isole del contenitore per l’organico».

«L’abbandono dei rifiuti al di fuori dei contenitori di raccolta è  un problema che riguarda tutta la collettività e impatta economicamente su tutti, purtroppo – avverte l’assessore all’Ambiente, Massimo Bonetti -. Se vogliamo avere un ambiente pulito, una raccolta sostenibile e senza costi aggiuntivi è importante che ognuno di noi faccia il suo: continuiamo a differenziare correttamente, oltre ad evitare inutili abbandoni». Il Comune ricorda infine che c’è un servizio dedicato alla raccolta dei rifiuti fuori dai cassonetti al quale è possibile segnalare la presenza di rifiuti all’esterno dei cassonetti, da attivare o al numero di telefono 800 999 500 oppure tramite l’app rifiutologo. (r.cr.)

Oltre 200 abbandoni di rifiuti beccati a Medicina dalle telecamere posizionate nelle isole ecologiche di base
Cronaca 11 Agosto 2020

A Castel San Pietro aperte le iscrizioni al Registro delle Imprese Storiche

A Castel San Pietro sono aperte le iscrizioni al Registro delle Imprese Storiche del Comune per l’anno 2020. Un»’iniziativa nata nel 2011 per premiare e promuovere le imprese operanti nel territorio comunale, che nel tempo hanno trasmesso alle generazioni successive un patrimonio di esperienze e valori imprenditoriali. «Negli ultimi anni questa amministrazione ha messo sempre di più al centro dell”attenzione il tema del lavoro e dello sviluppo economico – afferma il sindaco Fausto Tinti -. Nell’ambito di questo impegno, rientra anche il Registro e la premiazione pubblica delle imprese storiche, un patrimonio unico e prezioso della comunità di Castel San Pietro. Imprese in molti casi costituite da generazioni della stessa famiglia che si sono succedute nel tempo, che nonostante le difficoltà hanno continuato ad investire in innovazione, professionalità e competenza, contribuendo alla crescita di tutto il nostro territorio. Quest’anno più che mai, la premiazione delle nostre imprese storiche avrà significato di vicinanza e sostegno da parte dell’amministrazione comunale e della città, in un momento in cui, a causa dell’emergenza per l’epidemia da Covid-19, l’economia del nostro territorio sta cercando di uscire dalla grave crisi tuttora in corso».

Le imprese, suddivise in tre settori (Commercio, pubblici esercizi e servizi, Artigianato e industria, Agricoltura), vengono collocate in quattro fasce: bronzo (25-49 anni), argento (da 50 a 74 anni), oro (da 75 a 99 anni) e diamante (100 anni e oltre). Il conteggio degli anni aziendali viene fatto in base agli anni maturati al 31 dicembre dell’anno precedente, quindi in questo caso al 31 dicembre 2019.

Il Comune di Castel San Pietro inserirà così nel Registro le imprese riconosciute come storiche e cancellerà quelle che nel tempo avranno perso i requisiti, sulla base delle indicazioni fornite da una commissione nominata dalla Giunta e composta anche dalle Associazioni di Categoria. Questa commissione sottoporrà anche all’Amministrazione le imprese più rappresentative del territorio, che saranno premiate in occasione della serata «Castello in dvd» che si terrà mercoledì 2 settembre all’Arena. 

Tutte le informazioni sulla domanda di iscrizione qui. (r.cr.)

Nella foto: la premiazione delle Imprese Storiche nel 2019

A Castel San Pietro aperte le iscrizioni al Registro delle Imprese Storiche
Cronaca 10 Agosto 2020

Successo per la «prima» del drive-in nel parcheggio della discoteca delle Acque Minerali. IL VIDEO

Grande successo, sabato 8 agosto, per la «prima» del drive-in nel parcheggio della discoteca delle Acque Minerali a Imola. A battezzare la serata, organizzata dalla App&Down Production, il musical Grease.

Il calendario dell’evento prevede proiezioni ogni sera fino al prossimo 30 settembre. Stasera, alle 21.30, in programma ci sarà Frankenstein Junior 

Per tutte le informazioni. (r.cr.)

Foto della serata di Marco Isola/Isolapress

Successo per la «prima» del drive-in nel parcheggio della discoteca delle Acque Minerali. IL VIDEO
Cronaca 10 Agosto 2020

Coronavirus, per l’avvio dell’anno scolastico in sicurezza quasi 500 mila euro dal Comune di Imola

Il 14 settembre riaprono lo scuole ed il Comune di Imola ha così deciso di stanziare quasi 500 mila euro di lavori di manutenzione straordinaria e ordinaria per garantire l’ottimizzazione degli spazi destinati alla didattica, in base ai protocolli anti Covid-19. Tutto questo grazie anche al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola ed all’utilizzo dei fondi Pon (Programma Operativo Nazionale) del Miur. A questi vanno aggiunti altri 1,77 milioni di euro di interventi in corso di realizzazione, sempre negli edifici scolastici, che il Comune ha programmato e finanziato in precedenza, e che riguardano nella stragrande maggioranza dei casi lavori alle strutture, che non coinvolgono l’attività didattica. Ammonta così a 2,25 milioni di euro il totale complessivo degli interventi che il Comune ha finanziato nelle scuole e nelle palestre scolastiche e ad uso scolastico per la messa in sicurezza dell’avvio dell’anno scolastico.

Il via libera ai quasi 500 mila euro di lavori è stato dato dal Commissario straordinario Izzo, al termine del sopralluogo al patrimonio edilizio destinato all’attività scolastica, svoltosi giovedì scorso, alla presenza del Commissario stesso, dei vertici del Servizio scuola e di quello Lavori pubblici del Comune, oltre ai tecnici di Area Blu, per definire gli ultimi dettagli dei lavori. In questo contesto, dalle scorse settimane personale delle varie scuole, dell’Ausl di Imola, del Comune (sia per la componente tecnica che per quella educativa) e di Area Blu ha effettuato sopralluoghi in tutti i plessi delle scuole primarie e delle secondarie di 1° grado e in alcune scuole dell’infanzia, per le quali i dirigenti scolastici avevano segnalato la presenza di criticità. Alla luce delle esigenze emerse durante quei sopralluoghi, sono stati definiti gli interventi da realizzare. «Stiamo facendo ogni sforzo per favorire l’apertura delle scuole al meglio – ha commentato il Commissario Izzo -. Da parte nostra, si è ritenuto preferibile intervenire in particolare con lavori sulle strutture, che rappresentano un investimento duraturo per il miglioramento degli edifici scolastici esistenti, piuttosto che ricorrere ad altre soluzioni temporanee, come il noleggio e la predisposizione di tensostrutture esterne, che potrebbero inoltre rivelarsi non adeguate nel periodo invernale».

Nello specifico hanno preso il via in questi giorni una serie di interventi strutturali per un totale di 289.050 euro. I finanziamenti riguardano lavori alle scuole primaria Ponticelli, primaria Cappuccini e primaria Campanella, scuola secondaria primo grado Valsalva e primaria Sante Zennaro, scuole primarie Rubri e Pulicari e nella scuola secondaria di primo grado A. Costa, scuola di infanzia San Prospero e plesso di Sesto Imolese. Inoltre hanno preso il via ulteriori interventi di piccola manutenzione nei seguenti 16 Istituti Scolastici (115 mila euro a cui si aggiunge la decisione di utilizzare alcuni spazi di Ca’ Vaina per ospitare 3 classi del Cpia): Primaria Sante Zennaro, Secondaria I° Sante Zennaro, Secondaria Primo Grado Valsalva, Primaria Cappuccini, Secondaria Primo Grado Andrea Costa, Campanella, Pelloni Tabanelli, Primaria Sesto Imolese, Secondaria I° Grado Sesto Imolese, Sasso Morelli, Chiusura, Marconi, Rodari, Ponticelli, Primaria Carducci e  Secondaria I° Carducci. Altri 80 mila euro complessivi, invece, sono stati destinati ad interventi in 7 palestre scolastiche (30.950 euro per “Brusa” (scuole del plesso Sante Zennaro), “Veterani dello Sport” (scuole Fontanelle), “Rubri” (scuole Zolino), “Penazzi” (scuole Pedagna), “Pulicari” (scuole Campanella), “Magistrali” (scuole Carducci) e “Cappuccini” (scuole Cappuccini) e 3 palestre ad uso scolastico e sportivo (49.050 euro per “Cavina”, “Ravaglia” e “Luca Testa” di Sesto Imolese. (r.cr.)

Nella foto (Isolapress): i lavori nella scuola secondaria di primo grado «Valsalva»

Coronavirus, per l’avvio dell’anno scolastico in sicurezza quasi 500 mila euro dal Comune di Imola
Cronaca 10 Agosto 2020

Concorso dell’Asp Circondario Imolese per l’assunzione di 34 operatori socio sanitari

L’Asp Circondario Imolese ha indetto un concorso pubblico, per soli esami, per la copertura a tempo pieno e indeterminato di 34 posti di «Operatore Socio Sanitario» (Categoria B, trattamento tabellare iniziale B1), da assegnare alle strutture residenziali dell’Asp dislocate nel territorio del Nuovo Circondario Imolese. 

Per informazioni sul bando (per consultarlo clicca qui), che scade il prossimo 5 settembre alle ore 12, scrivere al seguente indirizzo di posta elettronica: concorsi@nuovocircondarioimolese.it (r.cr.)

Concorso dell’Asp Circondario Imolese per l’assunzione di 34 operatori socio sanitari
Cronaca 10 Agosto 2020

Gli street artist dell’associazione Noi Giovani al lavoro per pulire e realizzare nuove opere nella galleria di murales alla stazione di Imola

Cinque anni fa a Imola l’associazione culturale Noi Giovani ha dato vita alla prima galleria di murales all’interno di una stazione ferroviaria in Italia. Dall’edizione 2015 del Festival di rigenerazione urbana Rest-Art, momento in cui è stata realizzato il progetto, la tante opere che raccontano la storia della città, il suo territorio e alcuni personaggi simbolo, salutano i viaggiatori in arrivo o in partenza e accompagnano chi è di passaggio. 

Nei giorni scorsi gli artisti Argonaut, Andrea Buscaroli, Mark, Sam e Fabrizio Mejjali, soci di Noi Giovani, si sono armati di pennelli, bombolette e vernici, per ripulire alcune parti della galleria rovinate da tempo, incuria e da qualche scritta di troppo e hanno realizzato anche nuove opere. Fra queste il nuovo murale che ritrae una donna di spalle disegnata da Mark, che rappresenta un’ape regina in chiave antropomorfa. Tra le nuove opere anche quella di Andrea Buscaroli con la scritta “A volte i bei sogni sono i peggiori incubi”, dove una creatura con sembianze di uccello rappresenta il conoscitore dei sogni e cerca di non perdere i sogni e gli incubi che cercano di uscire dalla sua testa. Ancora da ultimare la nave dell’artista Argonaut, che racconta attraverso tanti colori e immagini, le minoranze etniche presenti a Imola. «Noi Giovani ha come obiettivi primari la cura della res publica e la valorizzazione del patrimonio imolese- afferma il presidente di Noi Giovani, Vincenzo Rossi-. Crediamo fermamente che il senso civico e il rispetto di ciò che ci circonda sia un elemento necessario per un rilancio culturale, innovativo e dinamico della città». (r.cr.)

Nella foto (di Adrian Lungu): l’opera di Andrea Buscaroli con la scritta «A volte i bei sogni sono i peggiori incubi»

Gli street artist dell’associazione Noi Giovani al lavoro per pulire e realizzare nuove opere nella galleria di murales alla stazione di Imola
Politica 10 Agosto 2020

Ausl di Imola, orari ridotti e chiusura dei servizi nella settimana di Ferragosto

Nella settimana di Ferragosto, come da consuetudine, alcuni servizi dell’Ausl di Imola effettueranno riduzioni orarie o chiusure. Da oggi, 10 agosto, al 16 resta chiuso il Consultorio Familiare di Imola, lo Staff Formazione, Area Vaccinale Pediatrica, Medicina Legale. Il Centro Disturbi Cognitivi dell’Ospedale Vecchio di Imola resterà invece chiuso da oggi al 22 agosto compresi. Il punto di distribuzione diretta dei farmaci dell’ospedale S. Maria della Scaletta, invece, rimarrà chiuso da oggi al 15 agosto. Il servizio in dimissione sarà comunque garantito nei giorni feriali dal Servizio di distribuzione medicinali c/o l’Ospedale Vecchio (Pad. 4 ex-Lolli) dalle 8.30 alle 15.30.

Gli Sportelli Unici Distrettuali (Cup, Casse, Anagrafi assistiti) del territorio, compreso l’Ufficio accettazione Ricoveri, resteranno chiusi giovedì 13, venerdì 14 e sabato 15 agosto. Il servizio di Cup telefonico per prenotazione visite ed esami in regime istituzionale (Numero Verde 800-040606) e in regime libero professionale (Numero Verde 800-131919) fino al 14 agosto è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00 ed il sabato dalle 8.30 alle 12.30. Entrambi i servizi telefonici resteranno inoltre chiusi nella giornata del 13 agosto, San Cassiano patrono della città. Sospesa, inoltre, l’attività di ricezione telefonica dello sportello Spid (Servizio Pubblico di Identità Digitale) da oggi 10 al 22 agosto. In questo periodo verrà garantito esclusivamente il contatto tramite mail dedicata spid@ausl.imola.bo.it. Chiusi dal 13 al 16 l’accettazione ricoveri, il Centro Ausili, Medicina Riabilitativa, Segreteria del Centro salute Mentale, il Centro Raccolta Sangue, l’Ufficio Relazioni con il Pubblico e l’Ufficio Stampa. Chiusi l’11 agosto l’ambulatorio di Castel San Pietro e il 13 agosto l’ambulatorio della Casa della Salute di Medicina.

Gli studi di medici e pediatri di famiglia resteranno chiusi dal 13 al 16 agosto compresi, ma l’assistenza sanitaria di base sarà garantita dal Servizio di Continuità assistenziale. In particolare per consulenze mediche telefoniche o richieste di eventuali visite domiciliari è attivo ogni notte dalle 20 alle 8, i prefestivi e festivi dalle 8 alle 20 il Numero Verde 800 040 050. Si precisa che mercoledì 12 agosto non è da considerarsi prefestivo e pertanto restano attivi gli ambulatori dei medici di famiglia secondo gli orari definiti e l’ambulatorio di continuità feriale diurna di via Sforza dalle 12 alle 17. Per quanto riguarda, infine, l’accesso diretto (senza appuntamento) e gratuito agli ambulatori di Continuità Assistenziale territoriale nelle giornate prefestive e festive, gli orari sono: dalle 8 alle 20 da giovedì 13 a domenica 16 agosto compresi a Imola, Via Caterina Sforza, 3 (di fronte al centro prelievi dell’Ospedale Vecchio) per assistiti di Imola e Mordano; a Castel San Pietro Terme, Casa della Salute, primo piano viale Oriani n. 1, per assistiti di Castel San Pietro e Dozza; a Medicina, Casa della Salute, piano terra Via Saffi, 1. per gli assistiti di Medicina e Castel Guelfo di Bologna; a Borgo Tossignano, Casa della Salute, Via dell’8° Centenario, 4 per gli assistiti della Vallata del Santerno. (r.cr.)

Nella foto: l’ospedale di Imola

Ausl di Imola, orari ridotti e chiusura dei servizi nella settimana di Ferragosto
Cronaca 10 Agosto 2020

«Parchi nel cuore», tutte le iniziative dall’11 al 16 agosto

Entrati nella settimana di Ferragosto ecco il calendario delle proposte, da domani fino al 16 agosto, di «Parchi nel cuore», iniziativa promossa dall’Ente Parchi Emilia orientale.

Si inizia, come detto, domani con un evento al Parco storico di Monte Sole a Marzabotto, ma nei prossimi giorni non mancheranno appuntamenti anche ai Gessi Bolognesi e Calanchi dell”Abbadessa. Per tutto il programma completo clicca qui.

Foto tratta dal sito dell’Ente Parchi Emilia orientale

 

«Parchi nel cuore», tutte le iniziative dall’11 al 16 agosto
Politica 10 Agosto 2020

Escursione serale al Parco Carné, un percorso facile di 7 km col Cai di Imola

Domani, martedì 11 agosto, la sezione imolese del Cai organizza una breve escursione serale al Parco del Carné. Sono circa 7 chilometri ad anello all’interno del Parco della Vena del Gesso Romagnola.

Si partirà con la luce del tramonto e si ritornerà con il buio della notte, per cui è obbligatoria la pila frontale. La partenza è alle ore 19 dal parcheggio della Bocciofila di Imola, in viale Saffi.

Occorre la prenotazione obbligatoria entro oggi, lunedì 10 agosto, telefonando a Sante (345-5943608) o a Sara (339- 3078230). (r.s.)

Foto tratta dal sito del Parco del Carné

Escursione serale al Parco Carné, un percorso facile di 7 km col Cai di Imola

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast