Cronaca

Imola 25 Settembre 2020

#Imola2020, proclamati ufficialmente i 24 consiglieri comunali

Ieri sera l’Ufficio centrale per le elezioni comunali ha proceduto a proclamare gli eletti alla carica di consigliere comunale (tutti i nomi qui)

Su 24 consiglieri, la maggioranza ne conta 15, oltre al sindaco Marco Panieri. Rappresentate le liste Partito Democratico Panieri Sindaco, Imola Corre Panieri Sindaco ed Imola Coraggiosa Ecologista Progressista. Nove consiglieri, invece, per la minoranza. Il gruppo di liste Lega Salvini Premier, Giorgia Meloni Fratelli d’Italia e Forza Italia collegate con Daniele Marchetti (candidato sindaco non eletto) avrà 7 seggi. A questi, infine, si aggiungono i due candidati sindaco non eletti Carmen Cappello ed Ezio Roi. (da.be.)

Nella foto: la sala del Consiglio comunale a Imola

#Imola2020, proclamati ufficialmente i 24 consiglieri comunali
Cronaca 25 Settembre 2020

A Castel San Pietro tre giornate «con Gusto» e l’Alto Adige come ospite speciale

«Appuntamento con Gusto» è la proposta, nata per valorizzare qualità e tipicità dei prodotti esposti, che si terrà da oggi, venerdì 25, a domenica 27 settembre in piazza XX Settembre a Castel San Pietro.

L’iniziativa avrà una doppia caratteristica: sarà infatti un contenitore in cui si affiancano sia la somministrazione sia la vendita di prodotti enogastronomici ed artigianali. Ospitalità speciale sarà data ad uno specifico territorio, l’Alto Adige. Il territorio ospite curerà la parte dedicata alla preparazione di specialità altoatesine da degustare, proponendo anche un’ampia gamma di prodotti alimentari ed artigianali.

A questa offerta si affiancheranno altri operatori provenienti da diverse regioni, i quali proporranno selezionati prodotti che sono diretta espressione dei territori di provenienza come miele, vino, funghi e formaggi. L’appuntamento è per oggi, venerdì 25, dalle 12 alle 23, sabato dalle 9 alle 23, domenica dalle 9 alle 21. (r.c.)

A Castel San Pietro tre giornate «con Gusto» e l’Alto Adige come ospite speciale
Cronaca 24 Settembre 2020

Coronavirus, altri casi nelle scuole a Imola, isolamento a casa per due classi

L’avvio delle scuole si presenta complicato un po’ come ci si aspettava per quanto riguarda la convivenza con il Coronavirus. Oggi è arrivata la buona notizia che i tamponi effettuati ieri su scolari ed insegnanti della scuola primaria Albertazzi di Castel San Pietro sono risultati negativi, ma, nel contempo, si sono accesi i riflettori su altre due scuole di Imola, l”elementare Rodari e la media Valsalva.

Nella giornata odierna, infatti, l”Azienda usl di Imola ha registrato tre nuovi casi di positività: uno sintomatico e due asintomatici che fanno riferimento ad un unico focolaio famigliare imolese. La persona sintomatica, un uomo, è stata diagnosticata presso l”ospedale di Imola, dove è rimasta in isolamento fino all”esito positivo del tampone, per essere poi trasferita al reparto di Malattie infettive del policlinico Sant’Orsola di Bologna, come prevedono le procedure, al momento, in caso di pazienti Covid.

I due casi asintomatici, invece, sono invece due bambini che frequentano una classe della scuola primaria Rodari ed una classe della scuola secondaria di primo grado Valsalva, sempre a Imola. Il Dipartimento di Sanità pubblica ha ritenuto opportuno sottoporre ad isolamento domiciliare tutti i compagni in attesa di verificare la loro eventuale positività o meno.

Già in giornata saranno eseguiti i primi tamponi.

In generale i casi oggi in Italia sono in aumento. In Emilia Romagna i nuovi positivi sono 99 simili a quelli di ieri (101), sempre per metà asintomatici e per la maggior parte individuati grazie all’attività di screening e tracciamento. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 4.627. Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono il 95%. Invariati i 20 pazienti in terapia intensiva, 192 (+5) i ricoverati negli altri reparti Covid. Purtroppo, si registra un nuovo decesso: un uomo di 88 anni della provincia di Reggio Emilia.

Il maggior numero di casi oggi a Bologna (33), di cui 21 facenti capo a focolai noti di origine familiare o per frequenza di luoghi pubblici, mentre 15 hanno effettuato il tampone in presenza di sintomi. A questi vanno aggiunti i casi di Imola.

In Emilia Romagna “le regole e i protocolli di sicurezza per le mascherine sono ad oggi quelli che abbiamo validato insieme all”Istituto superiore di sanità e al Ministero quest”estate. La Campania ha numeri diversi sia per quello che riguarda la diffusione del virus, sia per la capacità di tamponi che mi sembra più circoscritta”. Così Raffaele Donini, assessore regionale alle Politiche per la salute, rassicura sull”ipotesi di tornare all”obbligo di indossare sempre la mascherina all”aperto, come deciso oggi in Campania, a Foggia e a Genova. Quindi la mascherina continua a dover esser messa solo se non è possibile rispettare il distanziamento, perché grazie a test e tamponi “finora, i casi e i focolai facciamo in modo da circoscriverli e spegnerli”. (l.a.)

Coronavirus, altri casi nelle scuole a Imola, isolamento a casa per due classi
Imola 24 Settembre 2020

Il nuovo sindaco di Imola Marco Panieri già al lavoro: primi impegni e temi «caldi» con in testa il motto di nonno Giorgio

Marco Panieri è il dodicesimo sindaco di Imola nel dopoguerra, a partire da Giulio Miceti. È un mandato non banale, che segna davvero una cesura storica, più forte di quella che portò due anni fa Manuela Sangiorgi ad essere la prima sindaca non di centrosinistra della città di Andrea Costa.

Stavolta non è una ubriacatura temporanea, stavolta Marco Panieri ribadisce di essersi candidato come alfiere di un progetto che guarda un orizzonte di dieci anni.
Per un tempo così lungo è servito un tempo corto, ovvero le 4 ore di sonno a notte che si è potuto permettere in campagna elettorale. Non saranno tante di più quelle che si concederà ora. La «condanna a sindaco», come l’ha definita un suo predecessore, prevede anche questo. «Ora però si lavora per la città».

I primi impegni del nuovo sindaco saranno costruire la Giunta, occuparsi di edilizia scolastica e di economia… con in testa il motto di nonno Giorgio. «L’energia, la forza e il sorriso che metto nel mio impegno vengono dalla sua figura. Sono in politica grazie a lui, per portare avanti i valori che mi ha trasmesso: il bene comune e l’impegno a favore di una comunità. Una massima che ricordava sempre era che “per salire in montagna la regola è taci e tira, nella vita invece è tira per poter parlare e farti valere. Ma quanto? Il fare o l’essere sono concetti relativi. Quello assoluto è abbastanza”».(p.b.)

L’intervista completa su «sabato sera» del 24 settembre.

Nella foto (Isolapress): Marco Panieri

Il nuovo sindaco di Imola Marco Panieri già al lavoro: primi impegni e temi «caldi» con in testa il motto di nonno Giorgio
Cronaca 24 Settembre 2020

Ciclista si scontra contro un’auto, ferito 24enne

Incidente stradale oggi, intorno alle 10, in via Montecerere a Castel San Pietro.

Secondo la ricostruzione della polizia locale, un ciclista del ’96 di Bologna stava percorrendo la strada in discesa direzione valle quando in una semicurva, per cause ancora da accertare, si è scontrato contro un’autovettura, condotta da una 85enne di Castel San Pietro, che procedeva in direzione opposta. 

Sul posto i sanitari del 118 che hanno trasportato il giovane ferito al pronto soccorso di Imola. Dai rilievi eseguiti, poi, gli agenti hanno constatato come il ciclista avesse parzialmente invaso l’altra carreggiata affrontando il tratto di semicurva e per questo verrà sanzionato ai sensi del codice della strada. Durante le operazioni la circolazione non ha subito alcun tipo di rallentamento. (da.be.)

Foto d’archivio

Ciclista si scontra contro un’auto, ferito 24enne
Cronaca 24 Settembre 2020

Da Crif e Palazzo di Varignana due borse di studio per giovani di Varignana e Palesio

Due borse di studio per studenti e studentesse residenti a Varignana e Palesio che frequentano con particolare profitto licei o istituti tecnici oppure le facoltà di Economia, Agraria e Ingegneria. È questo l’impegno di Crif e Palazzo di Varignana per sostenere gli studi di giovani che risiedono dove la società colosso dei servizi informativi bancari ha realizzato il Campus e possiede un resort di lusso.

Ad aggiudicarsi i due riconoscimenti sono stati Lisa Monari, che ha ricevuto una borsa di studio del valore di 500 euro, mentre per il percorso universitario è stato premiato Samuele Garelli, con una borsa di 1.000 euro.

«Da diversi anni abbiamo programmi dedicati al supporto della formazione dei figli dei dipendenti – commenta Carlo Gherardi, amministratore delegato Crif -. Da quest’anno abbiamo deciso di aggiungere un programma ad hoc per il sostegno di un territorio che mi ha dato tanto come cittadino e imprenditore». (r.cr.)

Nella foto: la consegna delle borse di studio

Da Crif e Palazzo di Varignana due borse di studio per giovani di Varignana e Palesio
Cronaca 24 Settembre 2020

Incidente sul lavoro sulla superstrada Ferrara-Porto Garibaldi, muore operaio di Ozzano

Tragedia nel tardo pomeriggio di ieri, intorno alle 18, sulla superstrada Ferrara-Porto Garibaldi. A perdere la vita sul lavoro, un 43enne originario della Nigeria e residente con la moglie e il figlio di 12 anni ad Ozzano.

Secondo le prime ricostruzioni l’uomo, operaio della ditta Cims Srl di Castel Guelfo e addetto alla segnaletica nel cantiere presente sulla superstrada, si trovava nei pressi del furgoncino per raccogliere i coni posizionati sulla carreggiata quando, per cause ancora da accertare, una Fiat Panda ha tamponato violentemente il mezzo. Nel tamponamento, il 43enne è stato travolto, morendo sotto gli occhi dei colleghi. Ferito anche il conducente della Panda.

Sul posto i sanitari del 118, i tecnici di Anas, i vigili del fuoco e le forze dell’ordine. La superstrada è rimasta chiusa diverse ore per permettere le operazioni di soccorso. «Siamo tutti molto dispiaciuti – commenta il sindaco ozzanese, Luca Lelli -. Conosciamo la famiglia, che viveva a Ozzano già da una decina di anni. Da un po’ di tempo aveva trovato lavoro alla Cims Srl». (da.be.)

Foto d’archivio

Incidente sul lavoro sulla superstrada Ferrara-Porto Garibaldi, muore operaio di Ozzano
Cronaca 24 Settembre 2020

Onda Solare, Emilia si fa in… 5 per vincere il mondiale

Nell’anno del Covid sta nascendo qualcosa di nuovo nel settore delle auto ad energia solare: si tratta di Emilia 5, la nuova vettura dell’associazione e team castellano Onda Solare. Dopo la vittoria all’American Solar Challenge nel 2018 e il ritiro obbligato causato da problemi strutturali alla World Solar Challenge australiana lo scorso anno, entrambe con Emilia 4, ora l’associazione sta lavorando alla nuova vettura, «la migliore mai realizzata, con la quale vogliamo vincere la prossima World Solar Challenge» dice il castellano Mauro Sassatelli, segretario e già presidente dell’associazione, forte dell’entusiasmo e dell’impegno di tutto il team. (mi.mo.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 24 settembre.

Nella foto: da sinistra, Marco Giachi, Stefano Maglio e Davide Grandini mostrano un disegno della nuova Emilia 5

Onda Solare, Emilia si fa in… 5 per vincere il mondiale
Cronaca 24 Settembre 2020

Fa vedere i documenti ai carabinieri ma dalla tasca gli cade una bustina di cocaina, arrestato spacciatore

I carabinieri di Imola, durante i servizi di vigilanza e ordine pubblico in occasione del Mondiale di ciclismo, hanno arrestato uno spacciatore di cocaina che si stava aggirando in modo sospetto nei pressi di un parco pubblico.

Di fronte alla richiesta dei militari di esibire un documento d’identità, al soggetto, identificato in un ristoratore 40enne, mentre estraeva i documenti di riconoscimento, è caduta accidentalmente anche una bustina di plastica contenente una sostanza polverosa di colore bianco. Imbarazzato, l’uomo, incensurato, ha riferito agli operanti che all’interno della bustina c’era della cocaina per uso personale, perché dipendente dalla droga.

I carabinieri, però, non hanno creduto alle affermazioni dell’uomo che è stato sottoposto a una perquisizione personale e domiciliare. Durante quest’ultima, in un appartamento della città, i militari hanno trovato quasi 200 grammi di droga, tra cui cocaina, hashish, marijuana e una sostanza da taglio di quelle tipicamente utilizzate dai trafficanti di sostanze stupefacenti per aumentare la quantità del prodotto, a scapito della qualità, ma con un maggior profitto ricavato dalla vendita al dettaglio. Il rinvenimento del materiale da confezionamento della droga e 14 mila euro in contanti hanno confermato l’attitudine criminale del soggetto arrestato. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, l’uomo è stato tradotto in camera di sicurezza, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Fa vedere i documenti ai carabinieri ma dalla tasca gli cade una bustina di cocaina, arrestato spacciatore
Cronaca 24 Settembre 2020

Nel bosco dei bambini di via Suore si abbattono gli alberi secchi e malati

Dal 1992 in Italia esiste una legge, conosciuta come Un albero per ogni nato, che obbliga i Comuni con più di 15 mila abitanti a porre a dimora un albero per ogni bambina e bambino nati nel proprio territorio. Da allora Imola ha creato una serie di boschetti più o meno accorpati mettendo a dimora 500-600 piante ogni anno, rappresentanti i nuovi nati. Le piantine utilizzate sono sempre autoctone (querce, carpini, frassini, aceri) e molto giovani, al fine di ottenere un buon attecchimento con poche cure colturali e ridotta irrigazione. Conseguentemente le piante furono messe a dimora a distanza ravvicinata proprio per consentire un migliore attecchimento nello stadio giovanile.

Successivamente gli alberi, crescendo, entrano in concorrenza gli uni con gli altri e quelli meno rapidi nella crescita e meno tolleranti dell’ombra tendono a regredire e seccare. La selezione, del tutto naturale, consente di ottenere formazioni boscate sane e stabili. Siccome tali boschetti vengono frequentati, onde non costituire pericolo per le persone, non è possibile lasciare che le piante crollino naturalmente, pertanto è necessario e indispensabile l’abbattimento delle piante già secche o talmente adug- giate da non avere possibilità di vita. Tale attività è in corso in questi giorni (con una breve sospensione in occasione dei mondiali di ciclismo), da parte dell’unità operativa Verde di Area Blu, nel primo bosco dei bambini realizzato mettendo a dimora gli alberi che rappresentano i nati dal 1992 al 1994, in via Suore, di fronte al parcheggio dell’ingresso alto di parco Tozzoni, nel quale verranno abbattute complessivamente 80 piante. Come in tutti gli interventi di abbattimento e potatura del verde urbano il materiale di risulta viene raccolto e conferito a impianti specializzati per la produzione di compost o per la produzione di energia. (r.cr.)

Nella foto: gli alberi di via Suore

Nel bosco dei bambini di via Suore si abbattono gli alberi secchi e malati

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast