Cronaca

Cronaca 27 Luglio 2021

In corso i lavori per invertire il senso di marcia di via Cavour

Sono iniziati ieri, come da programma i lavori per l”inversione di marcia in via Cavour, tra via Orsini e via Carducci in uscita dal centro storico

La conclusione dei lavori è prevista per domani, mercoledì 28 luglio. Nel frattempo, sempre, in via Cavour proseguono i lavori di Hera per allacciare palazzo Calderini al teleriscaldamento. (r.cr.)

Nelle foto (Isolapress): i lavori per invertire il senso di marcia in via Cavour

In corso i lavori per invertire il senso di marcia di via Cavour
Cronaca 27 Luglio 2021

Camion investe ciclista sulla Selice, 81enne al Maggiore

Incidente stradale alle 7.40 di ieri, a Imola, sulla Selice.

Secondo la ricostruzione della polizia locale, un ciclista 81enne imolese stava pedalando sulla sua bici da corsa in direzione Imola quando, nei pressi dell”intersezione con via Ringhiera all”altezza del km 21, per cause ancora da accertare, è stato investito da un camion. Il mezzo, condotto da un 65enne di San Felice sul Panaro, viaggiava nella sua stessa direzione e lo scontro è avvenuto proprio mentre il camion stava sorpassando l”anziano su due ruote.

Caduto a terra, l”uomo è stato soccorso dai sanitari del 118 che, dopo le prime cure, hanno deciso di trasportarlo al Maggiore di Bologna. Ferito con diverse lesioni, non sarebbe però in pericolo di vita. (da.be.)

Camion investe ciclista sulla Selice, 81enne al Maggiore
Cronaca 26 Luglio 2021

Patrick George Zaki è cittadino onorario di imola, solo la Lega vota contro

Patrick George Zaki è cittadino onorario di Imola. Nel tardo pomeriggio di oggi, infatti, il Consiglio comunale ha deliberato “di conferire la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki, riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di libertà di pensiero e di libertà alla partecipazione pubblica propri di questo territorio e delle istituzioni che lo rappresentano”.

La delibera è stata approvata (con esecutività immediata) con 17 voti a favore (gruppi PD; Imola Corre; Imola Coraggiosa Ecologista Progressista; Lista Civica Cappello Sindaca; Movimento 5 Stelle); 4 voti contrari (Lega per Salvini Premier); 2 astenuti (gruppo Fratelli d’Italia).

“Patrick Zaki sta particolarmente a cuore a questa comunità, per lo studio a Bologna e le relazioni con la nostra provincia e la nostra regione ed è un simbolo di quell’internazionalismo e cosmopolitismo della cultura, della conoscenza e dei diritti che vorremmo divenisse patrimonio comune dell’umanità” sottolinea Giacomo Gambi, assessore alla Cultura e alla Legalità, che ha presentato la delibera in Consiglio comunale.

Questa delibera corona la proposta avanzata a marzo dall”ordine del giorno del consigliere Filippo Samachini di Imola Coraggiosa, firmato dalla maggioranza Pd e Imola Corre, modificato con gli emendamenti presentati dal gruppo Lista Civica Cappello Sindaca, Ezio Roi, del gruppo Movimento 5 Stelle.

SOno numerosi i Comuni della Città metropolitana che, analogamente a quello di Bologna hanno già concesso o stanno votando il conferimento allo studente della cittadinanza onoraria.

All’inizio di luglio la Camera ha approvato all’unanimità (con l’astensione dei deputati di Fdi), la mozione che impegna l’esecutivo ad «avviare tempestivamente» le verifiche per «conferire a Patrick George Zaki la cittadinanza italiana», lo stesso giorno sono state consegnate al presidente del Parlamento europeo anche le oltre 270 mila firme raccolte su change.org. Una petizione, per chiedere il riconoscimento della cittadinanza italiana per lo studente in carcere in Egitto, promossa dalla community «Station to Station», della quale fa parte il movimento delle Sardine. E mercoledì 7 luglio a Strasburgo, a consegnare al presidente David Sassoli a simbolica scatola con le firme, c’era anche la «sardina» imolese Marina Baldisserri. (r.cr.)

Patrick George Zaki è cittadino onorario di imola, solo la Lega vota contro
Cronaca 26 Luglio 2021

Il presidente della Regione Bonaccini a Castello, appunti e idee per «Il Paese che vogliamo»

«Qui c’è tutto ciò che conta, ciò che siamo e ciò che vorremo essere. Vale per l’Emilia Romagna, vale per l’Italia». Stefano Bonaccini ha raccolto i suoi appunti di viaggio nel libro «Il Paese che vogliamo» (Piemme) uscito ad inizio luglio che verrà presentato oggi, lunedì 26 luglio, alle ore 21 in piazza XX Settembre a Castel San Pietro in compagnia del sindaco Fausto Tinti e con un saluto della segretaria del Pd territoriale Francesca Marchetti. È consigliata la prenotazione che è possibile effettuare scrivendo una e- mail a pdcastelsanpietroterme@gmail.com.

Il viaggio di cui questo libro è diario, è quello di un presidente di Regione che guarda oltre i suoi confini. «Ho il privilegio di essere nato e di vivere in una bellissima regione, insieme all’orgoglio di amministrarla da più di sei anni – è il pensiero del presidente Bonaccini -. Ma quel che serve è per l’Italia, l’Emilia Romagna non basta a se stessa. I problemi che affrontiamo non sono poi così dissimili nel resto della penisola. Soprattutto quelli che riguardano il nostro futuro, il cambiamento necessario, gli obiettivi per realizzare il Paese che vogliamo». (r.cr.)

Nelle foto: Stefano Bonaccini

Il presidente della Regione Bonaccini a Castello, appunti e idee per «Il Paese che vogliamo»
Cronaca 25 Luglio 2021

Le scuola medie Panzacchi di Ozzano al palazzo della Cultura, il trasloco delle aule slitta a Natale

Il trasferimento della scuola media Panzacchi di Ozzano Emilia slitta a Natale. «Ma è solo uno stop and go» assicura il sindaco Luca Lelli, da mesi impegnato nella rifinitura della complicata operazione che sembra giunta alle battute finali.

Le due settimane di vacanze natalizie saranno quelle decisive, dove gli studenti saluteranno la «vecchia» scuola e si ritroveranno dopo la Befana sui banchi all’interno del palazzo della Cultura di piazza Allende e nei container installati nel prato prospiciente, in attesa che venga realizzata la nuova scuola dopo aver demolito la vecchia.

Approfondimenti su «sabato sera» del 22 luglio.

Nella foto: scuola media Panzacchi di Ozzano Emilia

Le scuola medie Panzacchi di Ozzano al palazzo della Cultura, il trasloco delle aule slitta a Natale
Cronaca 24 Luglio 2021

Domani l’inaugurazione del «nuovo» monumento ai Caduti della Cogne

Il 25 luglio 1943 venne deposto Benito Mussolini e fu nominato capo del governo il maresciallo Badoglio. La data è quindi indicata come quella della caduta del fascismo e dell’inizio della lotta di Liberazione per il ritorno della democrazia in Italia.

Quest’anno a Imola la data sarà celebrata con una iniziativa dell’Anpi che domani, domenica 25, alle ore 10.30, vedrà l’inaugurazione del monumento ai lavoratori della Cogne caduti per antifascismo e Resistenza, in guerra, vittime civili e del lavoro. Il cippo, in origine posto nei pressi della sede della vecchia Cogne dietro la stazione ferroviaria, si trovava da diversi anni nel parcheggio della nuova Cognetex lungo la via Selice, vicino al casello dell’autostrada A14. Questa sede era stata però giudicata come anacronistica dall’Anpi di Imola, che aveva proposto all’Amministrazione comunale di riportarla dove si trovava, vale a dire in via Serraglio, angolo via Cogne, dove si trovano alcuni uffici comunali e circondariali, nel terreno già sede della storica fabbrica.

La richiesta dell’Anpi era stata accettata dalla Giunta e così nei giorni scorsi si è dato corso al trasloco, di cui si è fatta carico, gratuitamente, la cooperativa Cims. La cerimonia di domani avrà inizio alle 10.30 con le rappresentanze sindacali di Cgil, Cisl e Uil, con ex lavoratori di Cogne e Cognetex, di rappresentanti della Cims, dei vertici dell’Anpi e alla presenza del sindaco di Imola, Marco Panieri. (r.cr.)

Nella foto: il monumento ai Caduti della Cogne riportato nel terreno della storica fabbrica 

Domani l’inaugurazione del «nuovo» monumento ai Caduti della Cogne
Cronaca 24 Luglio 2021

La Giunta regionale nel circondario imolese, investimenti e progetti, dall'Osservanza alla sanità. Bonaccini: “Qui un fantastico lavoro di squadra'

Giornata densa di appuntamenti ieri per il presidente della Regione Stefano Bonaccini e la sua Giunta nel circondario imolese, incontrando sindaci, amministratori e le comunità locali, 7 comuni su 10 visitati: Medicina, Castel San Pietro, Mordano, Imola, Casalfiumanese, Borgo Tossignano e Dozza. Al centro, la condivisione delle strategie per la ripartenza, che passa sia da investimenti per opere e progetti avviati o già definiti.

La mattinata è iniziata a Medicina, poi alla Robopac di Castel San Pietro, azienda tra le principali nel settore del packaging, che ha ricevuto risorse regionali tramite la legge regionale sull’attrattività, investiti su formazione e ricerca. Subito dopo a Mordano in visita all’immobile che sarà recuperato e destinato a servizi per anziani, grazie a risorse ottenute dal bando regionale sulla rigenerazione urbana, poi al centro giovanile Flood.

Primo pomeriggio a Imola per un sopralluogo all’ex Ospedale psichiatrico Osservanza. “Un grande complesso, luogo di sofferenza, che verrà restituito interamente alla comunità. Per recuperarlo, la Regione ha stanziato oltre 6 milioni di euro. Così come vi è forte impegno dell’Alma Mater di Bologna: qui nasceranno uno studentato e aule universitarie”.

Successivamente un passaggio al centro vaccinale nell’ex auditorium dell’Osservanza e poi all”ospedale Santa Maria della Scaletta per un momento di ringraziamento “doveroso e sentito, senza retorica” ai sanitari.  In questo ambito, è stata ricordata con grande affetto la figura di Emanuela Cavallari, l’operatrice sanitaria dipendente dell’Ausl di Imola scomparsa nel dicembre scorso causa Covid -19” fa sapere il sindaco di Imola, Marco Panieri, che ha accompagnato la giunta nella visita in città.

“La sanità, prima di tutto, in un’area che ha pagato un prezzo altissimo alla pandemia e che ha visto istituire a Medicina la prima zona rossa in Emilia Romagna”. Nel Circondario Imolese sono previsti investimenti  42 milioni di euro per la sanità tra ospedali e Case della salute. “Ringraziare non basta, il compito di chi amministra è creare le condizioni per una sanità pubblica sempre più moderna ed efficiente”.

Ma c”è spazio anche per la riqualificazione e la rigenerazione urbana, con luogi in disuso che diventano spazi per i più giovani. Nel tardo pomeriggio tappe in vallata a Borgo Tossignano e a Casalfiumanese. Prima in visita a Palazzo Baronale per sostenere la candidatura del Parco della Vena dei Gessi a Patrimonio Unesco. Subito dopo sopralluogo a Carseggio dove il territorio aspetta da qualche anno che venga costruito il nuovo ponte, in sostituzione di quello distrutto dalla piena del Santerno. Infine a Dozza.  

“Qui ho trovato un fantastico lavoro di squadra, fondamentale per ripartire” ha commentato Bonaccini.  

Il presidente Stefano Bonaccini con il sindaco di Imola Marco Panieri nei viali dell’Osservanza 

La Giunta regionale nel circondario imolese, investimenti e progetti, dall'Osservanza alla sanità. Bonaccini: “Qui un fantastico lavoro di squadra'
Cronaca 24 Luglio 2021

Al Centro sociale Giovannini arriva lo sportello itinerante della Croce rossa

Domani, domenica 25 luglio, al Centro sociale Giovannini di Imola (via Scarabelli, 4) arriva lo sportello itinerante della Croce rossa

Dalle 9 alle 12 i cittadini potranno quindi incontrare gli operatori del comitato di Imola, i quali ascolteranno i loro bisogni, daranno consigli sul caldo e misureranno la pressione. Ma non solo… (r.cr.)

Al Centro sociale Giovannini arriva lo sportello itinerante della Croce rossa
Cronaca 24 Luglio 2021

Nuovo pulmino per la coop Il Solco grazie al contributo della Fondazione Crimola

E’ stato presentato giovedì scorso il nuovo mezzo di trasporto acquisito dal Gruppo Cooperativo Solco Civitas con il sostegno finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola. Il pulmino sarà destinato prevalentemente ai servizi educativi territoriali che la cooperativa rivolge a famiglie con problematiche sociali come servizi di supporto all’autonomia e alla genitorialità svolti in appalto con Asp circondario imolese. 

Nell’ambito di tali progetti, rivolti ai singoli nuclei familiari, anche grazie alla disponibilità del mezzo di trasporto, sarà possibile organizzare in maniera più strutturata e continuativa attività di gruppo e di socializzazione per i bambini e le mamme destinatari dei servizi. Inoltre, il pulmino è un importante strumento per tutta la cooperativa in quanto può essere utilizzato anche in altri servizi in cui vi è la necessità di trasportare più utenti contemporaneamente, come i sevizi infanzia o immigrazione. (r.cr.)

Foto concessa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola

Nuovo pulmino per la coop Il Solco grazie al contributo della Fondazione Crimola
Cronaca 24 Luglio 2021

Escursione, 8 ore col Cai di Imola «dal passo del Muraglione al bivacco Sassello»

Domani, domenica 25 luglio, il Cai di Imola organizza una escursione di 8 ore «Dal passo del Muraglione al bivacco Sassello», un itinerario di 22 chilometri (1.100 metri di dislivello) tra il crinale appenninico e i boschi di faggio del versante romagnolo del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

La partenza è alle ore 6.30 dal parcheggio della Bocciofila di Imola, in viale Saffi. Occorre essere attrezzati con scarponcini, ghette, giacca a vento impermeabile, zaino con acqua e cibo.

Dedicata solamente ai soci Cai, per informazioni: Claudio, tel. 347-5237169.

Escursione, 8 ore col Cai di Imola «dal passo del Muraglione al bivacco Sassello»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast