Cronaca

Cronaca 24 Febbraio 2018

Castel San Pietro, pubblicità “No vax'' non autorizzata: rimozione e multa

Nei giorni scorsi, in uno dei principali incroci di Castel San Pietro – quello tra viale Roma e via Emilia – la polizia municipale su segnalazione di un cittadino ha provveduto a far rimuovere un furgone vela con apposto un cartellone pubblicitario con contenuti che criticavano l”efficacia delle vaccinazioni. Gli agenti hanno fatto rimuovere e multato i titolari per pubblicità non autorizzata.

“Siamo estremamente preoccupati di quanto è avvenuto – commenta il sindaco Fausto Tinti -: fare disinformazione è da considerarsi un atto sconsiderato che alimenta solo paure nella nostra comunità. La salute dei cittadini, di tutti i cittadini, va tutelata”.

Anche i  consiglieri  regionali del Pd Paolo  Calvano,  Francesca  Marchetti  e  Nadia  Rossi  commentano  in  maniera  estremamente  negativa l’ennesima uscita pubblica dei comitati no vax e rivolgono un appello preoccupato affinchè venga “deguatamente contrastata la propalazione di dati totalmente falsi e infondati”.

La scritta della foto, tratta dalla pagina Facebook della consigliera Francesca Marchetti, è stata volutamente oscurata nelle parti contenenti le informazioni false.

Castel San Pietro, pubblicità “No vax'' non autorizzata: rimozione e multa
Cronaca 24 Febbraio 2018

Maltempo, crolla un grande cedro secolare nel cimitero del Piratello – FOTO

Ieri il maltempo ha fatto una vittima illustre: è crollato uno dei grandi cedri del Libano che si trovano nella parte monumentale del cimitero di Piratello. Per fortuna la pianta cadendo non ha ferito nessuno. A darne notizia con una nota è Area Blu Spa, la società pubblica che gestisce la manutenzione e il verde per il Comune di Imola anche delle aree cimiteriali. 

Il cedro “è crollato ruotando sulla zolla radicale. Dalle verifiche condotte si ritiene che la causa del crollo sia principalmente da addebitarsi al terreno eccessivamente intriso di acqua piovana” scrivono da Area blu. I tecnici per il momento hanno messo in sicurezza l’area per evitare che qualcuno possa avvicinarsi poi lunedì provvederanno a togliere quanto resta della bellissima pianta. Sarà fatta anche “una verifica degli interventi necessari al completo ripristino della zona interessata” assicurano da Area Blu.

Il cedro era uno dei tanti alberi che costellano il cimitero imolese e aveva oltre un secolo di vita. Tra viali e aree verdi sono stati censiti 500 alberi e 1.300 arbusti, tra cui rose, bossi e piante aromatiche. Ovviamente i più noti sono i cipressi, utilizzati sia per motivi pratici (le radici crescono verticalmente, quindi sono comodi per realizzare viali e non intralciano le costruzioni), sia perché simboleggiano l’immortalità, l’anima che si avvia verso il regno celeste”. Nel chiostro della basilica del Piratello c”è anche una grande magnolia.

l.a.

Foto Isolapress

Maltempo, crolla un grande cedro secolare nel cimitero del Piratello – FOTO
Cronaca 24 Febbraio 2018

Da Castel del Rio a Brento Sanico alla ricerca del “borgo perduto'

Domani domenica 25 febbraio la guida Stefano Schiassi organizza un’escursione da Castel del Rio al “Borgo perduto” di Brento Sanico.

Nella valle del Santerno c’è Brento Sanico, che attende il passare delle stagioni e il ritorno della primavera. E’ un antico borgo abbandonato che un gruppo di appassionati locali cerca di salvare dall’oblio e renderlo testimone della vita della gente della montagna.

Il ritrovo è alle ore 9.30 davanti alla Rocca di Castel del Rio, con rientro previsto per le ore 16 (pranzo al sacco).

Per informazioni e prenotazioni: Stefano Schiassi (tel. 328-7414401). 

r.s.

Nella foto: la rocca di Castel del Rio, dal sito del Comune

Da Castel del Rio a Brento Sanico alla ricerca del “borgo perduto'
Cronaca 23 Febbraio 2018

I giovani del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Castello inaugurano gli arredi e i giochi acquistati per la Pediatria di comunità

Un sabato di festa per i ragazzi del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Castel San Pietro, che domani realizzano concretamente due dei progetti di solidarietà nei confronti della propria comunità proposti e portati avanti nel loro mandato.

Il primo riguarda l”acquisto di nuovi arredi e giochi per la Pediatria di Comunità della Casa della Salute castellana, reso possibile grazie ai fondi raccolti con le iscrizioni della Maratonina organizzata a settembre e con il banchetto di giochi, libri e altri oggetti usati allestito durante i mercatini natalizi, cui si sono aggiunti i fondi rimasti dalle attività organizzate dal Ccr precedente.

L”inaugurazione ufficiale di quanto acquistati dal Consiglio Comunale dei Ragazzi è prevista per domani alle ore 11. Dopo il taglio del nastro simbolico i ragazzi del Ccr si occuperanno della consegna da parte di sportine con la spesa solidale ad alcune famiglie di anziani soli che vivono negli appartamenti protetti nel centro polifunzionale Villa Scardovi di via Mazzini, secondo progetto solidale portato avanti dai giovani.

«Complimenti ai ragazzi e alle ragazze del Ccr per aver pensato e realizzato queste iniziative – è il plauso della vicesindaca Francesca Farolfi -. Nei loro progetti dedicano tanta attenzione, non scontata, alle persone in difficoltà. È importante perché la solidarietà arricchisce sia chi riceve, sia chi dona e in questo modo i nostri ragazzi diventano protagonisti attivi del welfare di comunità».

I giovani consiglieri del nono Consiglio Comunale dei Ragazzi, eletti lo scorso aprile, sono 35. Si tratta di ragazzi e ragazze eletti da tutte le classi quarte e quinte delle scuole primarie e prime e seconde medie del territorio comunale. I progetti e le iniziative proposti e da proporre entro la fine dell’anno scolastico 2017-2018 sono nati sotto la guida degli educatori di Solco Salute.

mi.mo

Nella foto: i ragazzi del Consiglio Comunale dei Ragazzi

I giovani del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Castello inaugurano gli arredi e i giochi acquistati per la Pediatria di comunità
Cronaca 23 Febbraio 2018

Maltempo, San Vitale a una sola corsia a Fossatone, ma strade provinciali percorribili. Consorzio di bonifica impegnato per l'emergenza idraulica

Dal Sillaro al Limone passando ovviamente per il Santerno, i nostri fiumi risentono – come prevedibile – delle incessanti piogge di questi giorni e stanno mettendo sotto forte pressione il reticolo di canali di bonifica nel territorio di pianura. A sottolinearlo è il Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale che ha attivato il proprio servizio di piena impiegando tutti gli operatori in servizio nei vari presidi operativi del comprensorio consortile. 

Le squadre di emergenza, che stanno lavorando in stretto contatto e coordinamento con gli operatori del Servizio Protezione Civile, saranno attive per tutta la prossima notte e, se necessario, per tutto il week end senza interruzioni fino a alla cessazione dell’evento meteo critico.

Continua a nevicare su buona parte del territorio della città metropolitana di Bologna. Le precipitazioni sono abbondanti in particolare in appennino dove, oltre i 600 metri slm, alla neve caduta ieri si sono aggiunti ulteriori 30/40/50 cm a seconda delle zone, superando il metro totale nelle parti più alte del territorio. 
Al momento non si registrano particolari criticità sulle provinciali. 

Sulla San Vitale in località Fossatone di Medicina al momento la circolazione è a senso unico alternato, con semaforo, a causa della piena del canale Fossatone che ha indebolito la scarpata stradale adiacente con cedimenti in atto. 

c.f.

Maltempo, San Vitale a una sola corsia a Fossatone, ma strade provinciali percorribili. Consorzio di bonifica impegnato per l'emergenza idraulica
Cronaca 23 Febbraio 2018

Moto e storia: un evento gratuito racconta le Bbft e i meccanici imolesi che vinsero il Tricolore

Motociclismo e storia: un evento gratuito alla sala Senna sell”autodromo Enzo e Dino Ferrari racconta le moto Bbft e i meccanici imolesi che vinsero il Tricolore trent”anni fa. L”iniziativa, in programma sabato alle 16.30, si chiama “BBFT, una storia Imolese – tributo ad Ivo Tosi”.

Sugli anni ”80 ormai è stato scritto e detto di tutto, ma in certi casi è ancora tanto quello da scrivere e da dire. Per il motociclismo si è trattato sicuramente di un gran bel periodo, con fiumi di gente a vedere le gare, ma anche tanta iniziativa, tra passione e utopia, che in Emilia Romagna trovava la sua massima espressione e a Imola aveva un baricentro ideale, tra la grande voglia di meccanica dell’Emilia e la vocazione organizzativa della Romagna, in un mix che non era solo sport.

In questo clima è nata la Bbft, squadra imolese che dal 1976 al 1990 ha calcato le piste di velocità nella classe 50 ed 80 (concludendo poi con una velocissima esperienza in125) portando in pista moto artigianali costruite pezzo per pezzo, alla notte e nei week-end in tutti i momenti liberi. Motore propulsivo di questo marchio fu sicuramente Ivo Tosi, assieme al fratello Alfio ed a tanti amici che si sono susseguiti negli anni. Ivo, purtroppo precocemente scomparso cinque anni fa a causa di una lunga malattia, è riconosciuto come uno dei più preparati meccanici e tecnici del paddock.

Alla storia di questa marca tutta imolese, arrivata proprio 30 anni fa alla vittoria del campionato italiano con Giuseppe Ascareggi, e alla figura di Ivo sono dedicati l’incontro e la rassegna fotografica che si svolgerà all’Autodromo di Imola sabato 24 dalle ore 16.30. Un cammino tra le prima prove nelle strade adiacenti al parco Tozzoni con un Minarelli modificato fino ai grandi anfiteatri del motomondiale come Assen, Brno, Nurburgring, oltre ovviamente alle nostre migliori piste come Imola, Mugello e Misano. In sella la Bbft vantava piloti, oltre al già citato Ascareggi, come l’imolese Giuliano Gerani ed il faentino Giuliano Tabanelli.

Una lotta contro cronometro ed avversari apparentemente irraggiungibili, ma ancor prima contro il budget che sarà sempre il ritornello di tutte le stagioni; quel budget che proprio nel 1989, l’anno dopo l’apoteosi del titolo tricolore e dei grandi risultati del mondiale, vide i fratelli Tosi prendere atto che il mondo era cambiato e la passione, condita dalle notti al tornio nella zona industriale di Imola sotto la luce fioca dei neon,  non bastava più.

“BBFT, una storia Imolese – tributo ad Ivo Tosi” è il titolo dell’iniziativa, inserita nel cartellone di CooperAttivaMente (Consiglio di zona dei soci Coop Alleanza 3.0 e Coop. Bacchilega) che vuole quindi ricordare, attraverso le sue moto, un uomo che con la sua determinazione e temperamento ha dimostrato come nel motociclismo non sia importante solo la prestazione del pilota, ma tutto quello che c’è intorno e come il concetto di competizione, intesa come atto  individuale, sia un luogo comune e non la realtà.

La meccanica come filosofia di vita, che portò lo stesso Ivo a diventare famosissimo per la frase che proprio la «Meccanica… non era la moglie del meccanico». Per l’occasione saranno esposti alcuni esemplari di Bbft ed altre moto da corsa di quel periodo, il tutto grazie anche alla collaborazione di Motosapiens, il blog di sabatosera.it dedicato ai motociclisti, il  Motoclub Racing Imolese #96 e Imola Faenza Tourism Company, CulTurMedia Legacoop e il Gruppo giovani di Imola di Alleanza della Cooperative italiane.

m.r.

Nella foto: Giuliano Tabanelli, uno dei piloti del team Bbft

Moto e storia: un evento gratuito racconta le Bbft e i meccanici imolesi che vinsero il Tricolore
Cronaca 23 Febbraio 2018

Scuola e sport, tutti i medagliati del Premio Rotary Sport

Il Premio Rotary Sport ha chiuso l’ennesima edizione da annali, battendo il record pur ragguardevole raggiunto lo scorso anno con 130 studenti da medaglia.

La trentaquattresima edizione ha infatti reso onore a ben 143 studenti fra i 14 e i 18 anni, che durante lo scorso anno scolastico hanno abbinato a un ottimo profitto (con media dei voti non inferiore al sette e mezzo), a risultati sportivi di rilievo, conseguiti tra il primo ottobre 2016 e il 30 settembre 2017.

Ecco l”elenco dei premiati e delle discipline praticate

Medaglie d’oro

Nuoto: Alessandro Xella. Nuoto e ultimate frisbee: Elena Benghi.

Medaglie d’argento

Atletica leggera: Elisabetta Quadalti. Basket: Lorenzo Castelli, Anna Manaresi, Giacomo Sentimenti. Calcio: Riccardo Cavazza, Davide Commissari. Equitazione: Lisa Fanzone. Equitazione (salto ostacoli): Filippo Raspanti. Ginnastica artistica: Sara Ghiodi, Alexia Guerrini, Martina Paganelli. Nuoto: Elia Raimondi. Pallacanestro: Matteo Genoni, Federico Omicini, Alberto Spinosa, Pietro Tellarini. Pallavolo: Federica Bacci, Lorenzo Bellosi, Simona Bressan, Sofia Dalmonte, Laura Folli, Linda Lanzoni, Alessandro Pironi, Pietro Poloni, Sara Ricci Maccarini, Erika Sandri, Lucia Tellarini, Elga Turrini. Scherma: Francesca Iseppi.

Medaglie di bronzo

Atletica (lancio del martello): Alessandro Casini. Atletica leggera: Rebecca Bartolini, Fabio Veroli. Basket: Elvira Bianconcini, Michele Biavati, Andrea Carà, Daniele Cavina, Tommaso Cavina, Matteo Dall’Olio, Giacomo Dal Pozzo, Enrico Fuochi, Andrea Lancieri, Marco Menichetti, Marco Monaco. Calcio: Alex Pelliconi, Simone Piancastelli. Danza sportiva: Leonardo Agrotti, Bianca Giulia Maurizi. Equitazione: Gemma Muscari. Ginnastica: Azzurra Selvatici. Kung-fu: Lorenzo Loreti. Mountain bike: Federico Arcidiacono. Nuoto: Rebecca Brusa, Chiara Guadagnini, Sara Pirrone, Alessandro Rufini. Nuoto sincronizzato: Giulia Dall’Olio, Giulia Dalmonte, Sara Graziani. Pallacanestro: Simone Assirelli, Mattia Biavati, Alessio Pasquali, Marco Piacentini, Cesare Piani Gentile, Giacomo Ravaglia, Filippo Zaccagni. Pallamano: Leonardo Mazzini. Pallavolo: Nicole Baldisserri, Arianna Calderara, Giulia Epis, Jessica Geminiani, Giulia Mongardi, Caterina Oliva, Francesco Rensi, Valentina Sangiorgi. Pattinaggio artistico: Loris Giannatempo. Rugby: Samuele Baroni. Scacchi: Pietro Mirri. Scherma: Bianca Gironda. Tennis: Federico Dardi.

Medaglie di merito

Atletica: Maria Veronica Burbassi, Luigi Venieri. Atletica leggera: Giulia Cattabriga, Federico Gasparri, Mattia Palma. Ciclismo: Andrea Guizzaro. Calcio: Luca Arniani, Edoardo Baldisserri, Cristiano Bani, Andrea Calderara, Filippo Capelli, Filippo Ceroni, Alex Dattoma, Lucrezia Fabbri, Alessandro Gardenghi, Matteo Giovannini, Paolo Lazzarin, Francesco Mannu, Emanuele Manzi, Anouck Serien Miassouekama, Martina Morozzi, Simone Pasotti, Denisa Claudia Popa, Simone Romagnoli, Andrea Sarro, Filippo Suzzi. Danza classica: Luana Vangieli. Football americano: Andrea Poggiali. Ginnastica artistica: Cecilia Brandola. Ginnastica ritmica: Elena Bernabini, Maria Chiara Garbesi, Margherita Randi, Benedetta Sangiorgi. Karate: Thomas Raggi. Nuoto: Elena Benini, Jacopo Sceusi. Pallamano: Gabriele Guerrini. Pallavolo: Federica Baruzzi, Alessia Benedetti, Margherita Billi, Cecilia Busato, Federica Ciacconi, Chiara Comunian, Clara Costi, Marika De Crescenzo, Asia Gentilini, Ylenia Loreti, Nike Martelli, Linda Merouche, Chiara Nunnari, Maria Rita Pronesti, Micaela Rosini, Elena Serrantoni, Beatrice Zaccherini, Sonia Zardi. Pattinaggio artistico: Laura Irti, Asia Sallemi. Tennis: Andrea Severi. Thai boxe: Marco Marfia. Tiro con l”arco olimpico: Alessandro Rosa. Ultimate frisbee: Gianandrea Graziani, Nicola Merlini.

Targhe alla continuità

Targa d’oro: Elena Benghi, Alessandro Xella. Targa d’argento: Francesca Iseppi. Targa di bronzo: Mattia Biavati. Targa di merito: Federico Gasparri, Paolo Lazzarin, Nicola Merlini, Alessio Pasquali.

Scuola e sport, tutti i medagliati del Premio Rotary Sport
Cronaca 22 Febbraio 2018

M'illumino di Meno, una giornata per il risparmio energetico e luminoso

Domani (venerdì 23 febbraio) illuminiamoci di meno. Torna in scena infatti la quattordicesima edizione della giornata “M”illumino di Meno” dedicata al risparmio energetico, agli stili di vita sostenibili e soprattutto alla sensibilizzazione riguardo l”inquinamento luminoso. L”invito dunque è spegnere le luci e andare a piedi.

In tutta la città metropolitana sono diversi i Comuni che aderiscono all”iniziativa, proponendo attività pensate per attirare l’attenzione sul consumo intelligente di energia.

Imola. Il comitato imolese della Croce rossa italiana aderisce a “M’illumino di Meno” e sarà presente con una postazione informativa dove verrà distribuito il materiale con le dieci regole del risparmio energetico e consigli su come ridurre gli sprechi di energia. Alle 20 si spegneranno tutte le luci di piazza Matteotti e, grazie alla collaborazione e sostegno dell’amministrazione comunale, verranno proiettate immagini sui mutamenti climatici e, alla luce delle fiaccole, si terrà un flash mob che disegnerà sulla piazza il simbolo della Croce rossa e un grande cuore a testimonianza che la Cri ha a cuore il nostro ambiente. Dalle ore 19.30 alle 22 in piazza Matteotti.

Tante le iniziative proposte da Ozzano Emilia, fra queste “Andiamo a scuola a piedi! e alle ore 18 una camminata di 3 km con partenza da Piazza Allende.

A San Lazzaro di Savena alle 15 in Mediateca “La luce del risveglio” progetto fotografico del fotografo Gabriele Fiolo e dell”associazione Gli Amici di Luca e dalle 15 set fotografico a impatto zero.

A Bologna sono tante le iniziative organizzate dall”Amministrazione e dalle biblioteche, prima fra tutte “Bologna…fa passi da Gigante!”: alle 19, per quindici minuti, le luci esterne di Palazzo d”Accursio e della Fontana del Nettuno.

Tutti gli appuntamenti di tutti i Comuni aderenti sono raccontati sul sito della Città Metropolitana.

r.c.

Nella foto: la locandina regionale dell”inizativa cui collaborano la trasmissione radio Caterpillar e la stazione Rai Radio 2

M'illumino di Meno, una giornata per il risparmio energetico e luminoso
Cronaca 22 Febbraio 2018

Scuola superiore, l'effetto Masterchef non traina più l'alberghiero

L”effetto Masterchef non traina più il professionale alberghiero; lo Scappi registra un grande calo fra le preiscrizioni alle prime classi delle superiori per il prossimo anno scolastico. Si tratta, di fatto, di una tendenza in linea con l’andamento provinciale: un calo di oltre il 3 per cento in tutti gli indirizzi professionali, una sostanziale tenuta dei tecnici e, in parte, dei licei.

Nel circondario imolese, all’alberghiero Scappi di Castel San Pietro prosegue il calo di iscritti visto già l’anno scorso: da 199 siamo a 156, con 127 per il professionale e 29 per il tecnico turistico. «Avremo una sessantina di alunni in meno rispetto allo scorso anno – dicono dalla scuola -, soprattutto al professionale». Secondo Ruscigno si tratta di «un assestamento su numeri più consoni al possibile assorbimento del mondo del lavoro (qualche anno fa le prime classi furono addirittura 16 mentre nell’anno scolastico in corso sono 10, ndr)».

Questo permetterà di far rientrare lo Scappi nella sede di viale Terme liberando le aule di via Remo Tosi. A settembre nascerà anche l’alberghiero Valsamoggia-Casalecchio che trasformerà le due succursali in un istituto a sé.

Il servizio completo su tutte le scuole superiori del circondario imolese è su “sabato sera” del 22 febbraio.

l.a.

Nella foto: l”alberghiero Scappi di Castello, dal sito del Comune castellano

Scuola superiore, l'effetto Masterchef non traina più l'alberghiero
Cronaca 22 Febbraio 2018

Scuola superiore, fra i tecnici crescono i corsi di Finanza e Oss

In calo i licei tradizionali e la formazione professionale, come l’alberghiero di Castello. In controtendenza invece i tecnici, soprattutto il corso per Oss e il commerciale di Medicina. Gli iscritti alle prime classi delle superiori del circondario imolese per il prossimo anno scolastico sembrano confermare l’andamento provinciale: un calo di oltre il 3 per cento in tutti gli indirizzi professionali, una sostanziale tenuta dei tecnici e, in parte, dei licei.

L’unico polo scolastico che chiude le iscrizioni col sorriso è il Paolini-Cassiano, tecnico e professionale. Gli iscritti sono passati dai 183 del 2017 ai 209 del prossimo anno scolastico. «Prevediamo sei prime, una in più rispetto alle attuali» dicono dal Paolini.

In particolare l’indirizzo economico amministrazione, finanza e marketing è cresciuto da 84 iscritti a 104, mentre per il tecnologico costruzioni, ambiente e territorio sono 9 in più. Soddisfatto il preside Enrico Michelini: «Si conferma la validità della nostra offerta formativa costruita sull”innovazione dei percorsi, i rapporti con il territorio, le metodologie didattiche e le nuove tecnologie. E’ piaciuta la novità di poter scegliere il tedesco come seconda lingua straniera a partire dalla prima, come testimoniano le 28 richieste che permetteranno la nascita di una classe con inglese e tedesco sin dalla prima».

Però non si può non notare che il professionale ha tenuto solo grazie al socio-sanitario, che comprende il corso introdotto dalla Regione per l’acquisizione della qualifica di operatore socio-sanitario (Oss). «Il calo da 49 a 37 di iscritti per l”indirizzo commerciale viene compensato dall”aumento da 34 a 40 del socio-sanitario» conferma la scuola. Il settore offre indubbi sbocchi lavorativi e questa si conferma come la motivazione che spinge oggi a scegliere la formazione professionale.

Il servizio completo su tutte le scuole superiori del circondario imolese è su “sabato sera” del 22 febbraio.

l.a.

Nella foto: l”istituto Paolini Cassiano, dal sito del Ministero dell”Istruzione

Scuola superiore, fra i tecnici crescono i corsi di Finanza e Oss

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast