Posts by tag: Andrea Costa

Sport 1 Aprile 2020

Basket, Paolo Sgorbati e l’idea di una sola squadra a Imola: «Meglio iniziare dai giovani, come volevamo fare nel 2015»

Parlare con Paolo Sgorbati è come sfogliare un’enciclopedia della pallacanestro imolese. Ha passione, si sente. Ha competenza, si capisce. Ha idee ed è giusto ascoltarle. «Mi considero super partes nei confronti delle due realtà principali imolesi e posso dire di conoscere tutti i dirigenti dei settori giovanili della città».

Classe 1956, imolese ma nato a Grosseto, il fuoco dei cesti è divampato ben presto, fin dai tempi della scuola, quando il compagno di banco era Roberto Ravaglia. Sgorbati, ex giocatore di entrambe le sponde cittadine negli anni Settanta, nel 2015 fece parte di quel gruppo che tentò di unificare i settori giovanili imolesi. Il sindaco Daniele Manca e l’imprenditore Alessandro Curti chiamarono a raccolta i vari dirigenti, ma dopo alcuni incontri il tentativo sfumò. «Facemmo una riunione dove erano presenti tutti: presidenti delle prime squadre e responsabili dei settori giovanili. Parliamo di Andrea Costa, Virtus Spes Vis, Grifo, International e anche Uisp in un secondo tempo, perché era l’unica che si dedicava al femminile. Tutti erano d’accordo in linea di massima con l’idea di partenza, ovvero quella più logica di unificare i settori giovanili. Si organizzarono 4-5 tavoli tecnici per scendere nel dettaglio e si arrivò fino alla presentazione di una struttura. Non fino al punto di unire le società, ma almeno di avere una gestione unica sui giovani, per creare un appeal diverso non solo su Imola, ma anche sulle zone limitrofe. Però non riuscimmo a fare nulla, senza motivi reali, solidi e importanti».

La proposta di Regazzi parte da un altro punto di vista. Chiudere le due vecchie società principali e creare una nuova realtà, partendo dalle prime squadre.

«Conoscendo bene Imola, penso che sarebbe un’impresa ancora più ardua della nostra di 5 anni fa. Una parte dei tifosi da entrambe le sponde si metterebbe contro e la ricerca degli sponsor sarebbe più difficile rispetto ai settori giovanili, visto che si eliminereb- bero due storie importanti. Sarebbe la maniera sbagliata per iniziare, soprattutto in un momento dove la situazione finanziaria del basket imolese è molto precaria e mettere insieme realtà in difficoltà non migliorerebbe di certo la situazione. Inoltre ritengo che ci sia più competenza dirigenziale, organizzativa e tecnica nelle realtà delle giovanili». (p.z.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 26 marzo.

Nella foto: da sinistra Paolo Sgorbati oggi, a destra la Virtus Imola nella stagione 1974/75 (serie C). Sgorbati (numero 8) è accosciato (il secondo da destra),

Basket, Paolo Sgorbati e l’idea di una sola squadra a Imola: «Meglio iniziare dai giovani, come volevamo fare nel 2015»
Sport 1 Marzo 2020

Basket A2, il coach castellano Stefano Salieri e un’Andrea Costa che boccheggia «Il riposo la può aiutare»

Due settimane addietro, insieme all’amico Gabriele Foschi (l’ex diesse dell’Andrea Costa) nel week-end di Stefano Salieri ci furono prima due partite dei next gen nel pomeriggio di Pesaro e poi Ferrara – Andrea Costa in serata, quindi Faenza – Cesena di serie B, al pomeriggio della domenica. Chiusa da mesi l’esperianza agrodolce di Orzinuovi il 58enne tecnico castellano continua a vivere con grande intensità questo periodo di pausa da tecnico. «Sto bene – ammette Sally – e sto vedendo un sacco di partite di A2 (parecchie anche della Naturelle) e di serie B di tutti i gironi tranne il D. Mi tengo in costante aggiornamento e chiusa la parentesi di Orzinuovi ho ancora tante motivazioni».

Da tecnico, che Naturelle hai visto a Ferrara?

«Foschi mi aveva pronosticato quel finale, ma per due quarti ho visto una Andrea Costa dal buon spirito, contro una Ferrara assai competitiva. Purtroppo la panchina di Imola (tranne Valentini) fa molta fatica specie coi lunghi. Di Paolantonio sta gestendo ottimamente una squadra che quando era sesta in classifica stava compiendo un vero e proprio miracolo».

Ti è parsa una squadra che… ha già dato?

«Per loro sarà fondamentale il match con Orzinuovi e questo riposo forzato farà bene per- ché Bowers e Fultz (li ho visti spremuti) avevano bisogno di tirare il fiato».

Il rinvio di Imola – Orzinuovi chi avvantaggia?

«Ora l’Agribertocchi è una squadra più competitiva, specie da quando ha inserito Anthony Miles. La Naturelle gioca in casa e vuole interrompere il trend negativo, ma per i bresciani sarà la partita della vita perché, dopo la vittoria di Roseto, l’ultimo posto è sempre un pericolo concreto». (p.p.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 27 febbraio.

Nella foto: Stefano Salieri

Basket A2, il coach castellano Stefano Salieri e un’Andrea Costa che boccheggia «Il riposo la può aiutare»
Sport 20 Febbraio 2020

La proposta del coach della Vsv Marco Regazzi: «Per il futuro del basket imolese serve una squadra sola»

Partiamo dal passato. Da un’intervista pubblicata a metà luglio. Così rispondeva Marco Regazzi, appena insediato sulla panchina della Virtus Spes Vis. «Avere una sola squadra di basket a Imola è una cosa fondamentale per il futuro. Se esiste ancora un iceberg tra l’Andrea Costa e il mondo giallonero, ma anche tra le società giovanili, credo sia ora di provare a scioglierlo. Mi sfilo per un attimo la giacchetta del tifoso e dico che deve essere un sentiero obbligatorio da percorrere, per di più in tempi brevi. Siamo agli sgoccioli da entrambe le parti e i vari dirigenti dovranno sedersi attorno ad un tavolo per creare una società sola, che apra uno sbocco unico per i ragazzi. Gli egoismi vanno messi da parte se si vuole evitare la morte sportiva e guardare al futuro con più ottimismoDopo 10 stagioni sono tornato quest’anno nella mia Imola, ma in questo periodo si è sentito di tutto. Dove stia la verità esattamente non lo so, ma qualcosa di reale deve esserci».

Stai parlando dell’Andrea Costa, che naviga in acque turbolente dal punto di vista finanziario come annunciato in conferenza stampa da Gianpiero Domenicali.

«Certo, ma anche in campo si è visto poco a livello di programmazione tecnica, a parte salvare il titolo sportivo e continuare a giocare in A2. Credo che questo sia il momento di sfruttare tutte le opportunità». (p.z.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 20 febbraio.

Nella foto: Regazzi (Intech Imola) e Di Paolantonio (Andrea Costa)

Imola

La proposta del coach della Vsv Marco Regazzi: «Per il futuro del basket imolese serve una squadra sola»
Sport 15 Febbraio 2020

Basket A2, l’Andrea Costa non sa più vincere. Biancorossi ko a Ferrara

Non sa più vincere l’Andrea Costa che cade 89-68 a Ferrara.

Biancorossi in partita per un tempo, poi Ferrara legittima un successo ottenuto in maniera meritata. Masciadri è l’ultimo ad arrendersi ma è troppo solo per cercare di dar fastidio ai padroni di casa. Nel quarto parziale Ferrara piazza il colpo del ko e per l’Andrea Costa è notte fonda.

Mercoledì 26 febbraio (ore 20.30), l’Andrea Costa ospiterà Orzinuovi.

Approfondimenti sul numero di «sabato sera» del 20 febbraio. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): Masciadri

Tabellino

Ferrara-Le Naturelle 89-68 (18-16, 48-40, 67-58)

Ferrara: Wiggs 29, Baldassarre 15, Fantoni 14, Ebeling 12, Panni 7, Campbell 6, Casella 5, Vencato 1, Buffo, Petrolati. All. Leka.

Imola: Masciadri 17, Morse 12, Taflaj 12, Bowers 11, Fultz 8, Valentini 5, Ingrosso 2, Baldasso 1, Calvi, Ivanaj ne, Alberti ne. All. Di Paolantonio.

Basket A2, l’Andrea Costa non sa più vincere. Biancorossi ko a Ferrara
Sport 13 Febbraio 2020

Basket A2, positivo l’incontro tra società, giocatori e staff: «Fare gruppo per chiudere al meglio la stagione»

Caos Andrea Costa, parte terza. Dopo la conferenza stampa di Domenicali e la protesta di giocatori e tifosi ieri è andato in scena il tanto atteso incontro tra gli stessi giocatori biancorossi, lo staff tecnico e la società.

«Facciamo gruppo e ci risolleveremo». Con queste parole si è aperto il comunicato del club di via Valeriani, il giorno dopo il faccia a faccia, che poi ha aggiunto come «le problematiche dell”Andrea Costa rimangono, ma è necessario far squadra in campo e fuori campo, per risollevarsi e portare a termine la stagione 2019-2020, onorando gli impegni presi con giocatori e staff, soprattutto perché da oggi il mondo Andrea Costa ha bisogno di serenità e tranquillità per ottenere quei risultati sportivi che sono alla nostra portata, cercando di ottenere prima possibile la matematica certezza della permanenza in A2 anche per la prossima stagione sportiva».

In chiusura di comunicato è infine ribadito ancora il concetto di gruppo. «Dirigenza societaria, soci, giocatori, staff, sponsor e lo chiediamo anche ai tifosi, ognuno faccia la sua parte e la stagione attuale sarà conclusa e poi penseremo con più calma e serenità al progetto 2020-2021». (da.be.)

Nella foto (Isolapress): un time-out biancorosso

Basket A2, positivo l’incontro tra società, giocatori e staff: «Fare gruppo per chiudere al meglio la stagione»
Sport 12 Febbraio 2020

Basket A2, giocatori e staff dell’Andrea Costa lamentano ritardi negli stipendi. Striscione dei tifosi davanti alla sede

Prosegue il caos in casa Andrea Costa. Dopo la conferenza stampa di giovedì scorso durante la quale l’Amministratore Unico Gianpiero Domenicali ha espresso tutta l’incertezza sul futuro del club (leggi qui), anche i giocatori sono voluti intervenire su quanto sta accadendo, affidando il loro pensiero ad una lettera. «Tutti i giocatori e lo staff tecnico dell’Andrea Costa Imola hanno deciso di focalizzare l’attenzione degli addetti ai lavori sulla loro situazione riguardante il rispetto degli impegni contrattuali assunti dalla società nei loro confronti. Attualmente i tesserati non hanno ancora percepito la terza mensilità convenuta o l’hanno ricevuta solo in par- te. Pochissimi per intero. Le situazioni contrattuali sono diverse per ciascuno, ma il ritardo nel pagamento degli emolumenti ormai non è più tollerabile. Anche alla luce delle dichiarazioni del presidente in una conferenza stampa tenuta pochi giorni fa, ci sentiamo di far conoscere il nostro punto di vista in una situazione non più sostenibile. Non possiamo essere noi atleti e staff tecnico un parafulmine delle difficoltà, dal momento che i mancati pagamenti mettono in seria difficoltà la nostra vita personale e familiare. Fino ad ora abbiamo sempre dimostrato serietà, professionalità e soprattutto rispetto in campo e fuori, ma adesso pretendiamo altrettanto dalla società Andrea Costa Imola Basket».

Protesta che ha visto in prima linea anche i tifosi, inizialmente con un post pubblicato lunedì scorso dal gruppo Onda d’Urto 1993. «Prese in giro, bugie e mezze verità. Fino a questo momento siamo rimasti in silenzio solo ed esclusivamente per il bene dell’Andrea Costa e per rispetto di quei due colori che probabilmente, ad oggi, soltanto noi amiamo. A tutto però c’è un limite e dopo quello che è successo negli ultimi giorni non potevamo più rimanere in silenzio». Nella serata di lunedì davanti alla sede di via Valeriani è comparso uno striscione eloquente: «Il tempo delle c…te è finito. La nostra comprensione: un ricordo sbiadito». Firmato Onda d’Urto 1993. (da.be.)

Nella foto: lo striscione apparso nella sede di via Valeriani

Basket A2, giocatori e staff dell’Andrea Costa lamentano ritardi negli stipendi. Striscione dei tifosi davanti alla sede
Sport 8 Febbraio 2020

Basket A2, l’Andrea Costa affonda in casa dell’Urania Milano

Altra sconfitta per l’Andrea Costa che affonda 95-68 in casa dell’Urania Milano.

Morse e Ingrosso tengano a galla i biancorossi che reggono un quarto e poi lasciano strada libera ai padroni di casa. Nel secondo parziale, infatti, il break dei milanesi risulta decisivo, con il distacco che diventa pesante negli ultimo 10 minuti quando, di fatto, l’Andrea Costa esce dal campo. 

Sabato 15 febbraio (ore 20.30), l’Andrea Costa sarà di scena a Ferrara.

Approfondimenti sul numero di «sabato sera» del 13 febbraio. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): Morse

Tabellino

Urania Milano-Le Naturelle 95-68 (18-17, 42-31, 70-57) 

Milano: Lynch 29, Raivio 24, Montano 17, Negri 9, Sabatini 4, Benevelli 4, Piunti 4, Bianchi 2, Piatti 2, Giardini, Lazari, Pagani ne. All. Villa.

Imola: Morse 16, Ingrosso 14, Valentini 9, Baldasso 7, Fultz 6, Masciadri 5, Ivanaj 5, Bowers 4, Alberti 2, Taflaj, Calvi. All. Di Paolantonio.

Basket A2, l’Andrea Costa affonda in casa dell’Urania Milano
Sport 6 Febbraio 2020

Basket A2, incertezza sul futuro dell’Andrea Costa. Domenicali: «Nuovi capitali o vendiamo il titolo»

Finiti i tempi delle riflessioni e degli appelli, è arrivato il momento per l’Andrea Costa di decidere cosa fare il prossimo anno. La prima opzione è l’arrivo di capitali freschi entro il 31 marzo (300 mila euro che vadano ad aggiungersi ai 700 mila euro di capitale sociale). A spiegarlo è stato oggi, alla conferenza stampa indetta all’Hotel Donatello di Imola, l’Amministratore Unico biancorosso Gian Piero Domenicali. «Il tempo degli appelli è finito – ha spiegato-. La perquisizione della Finanza nel 2018 ci è costata una perdita di contratti di sponsorizzazione per circa 200 mila euro, a cui vanno aggiunte le mancate entrate di 150 mila euro dovute al calo di abbonati e minori incassi».

Altrimenti, se l’unica soluzione possibile sarà la vendita del titolo sportivo di A2, ovviamente se la squadra di coach Di Paolantonio dovesse mantenere sul campo la categoria. «Qualche società ci ha già contattati (quattro, una al Nord, una al Sud e due al Centro, ndr) – ha rivelato Domenicali -, ma la nostra intenzione è quella di proseguire. La nostra decisione è quella di andare avanti ma serve una mano di tutti. Noi come soci abbiamo già fatto la nostra parte». (da.be.)

Nella foto: Gianpiero Domenicali

Basket A2, incertezza sul futuro dell’Andrea Costa. Domenicali: «Nuovi capitali o vendiamo il titolo»
Sport 5 Febbraio 2020

Basket A2, il turno infrasettimanale è sempre indigesto all’Andrea Costa

Ancora ko l’Andrea Costa che, nel turno infrasettimanale al palaRuggi, cade 84-75 contro Udine.

Primo quarto che vede i biancorossi avanti guidati da un super Morse e Masciadri. Udine, però, rimane agganciata alla partita e mette le cose in chiaro già all’intervallo lungo. Nel secondo tempo il match è equilibrato ma la squadra di coach Di Paolantonio non riesce a ricucire lo strappo. Arriva fino a -2 nell’ultimo parziale ma deve cedere alla miglior precisione degli ospiti dall’arco e alla forza a rimbalzo dei friulani.

Nel prossimo turno, in programma sabato 8 febbraio (ore 20.30), l’Andrea Costa sarà di scena a Milano contro l’Urania.

Approfondimenti sul numero di «sabato sera» del 13 febbraio. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): coach Di Paolantonio

Tabellino

Le Naturelle-Udine 75-84 (19-15, 38-44, 58-64)

Imola: Morse 24, Masciadri 17, Baldasso 11, Bowers 10, Fultz 7, Valentini 6, Taflaj, Ingrosso, Ivanaj, Calvi, Alberti ne. All. Di Paolantonio.

Udine: Amato 16, Beverly 14, Strautins 13, Antonutti 13, Zilli 10, Cromer 9, Nobile 6, Penna 3, Gazzotti ne, Minisini ne. All. Ramagli.

Basket A2, il turno infrasettimanale è sempre indigesto all’Andrea Costa
Sport 2 Febbraio 2020

Basket A2, trasferta a Verona senza gioie per l’Andrea Costa

Trasferta senza punti per l’Andrea Costa, caduta 87-70 a Verona.

Partenza favorevole ai biancorossi, trascinati per tutto il match dagli americani Morse e Bowers e da Masciadri. Verona, però, si dimostra obiettivamente più forte e prende il largo in maniera decisiva dopo l’intervallo lungo. Gli ultimi 10’, infatti, sono utili solo per le statistiche.

Mercoledì 5 febbraio (ore 21), l’Andrea Costa ospiterà Udine.

Approfondimenti sul numero di «sabato sera» del 6 febbraio. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): Morse

Tabellino

Verona-Le Naturelle 87-70 (13-14, 39-32, 73-52)

Verona: Candussi 20, Jones 17, Hasbrouck 11, Udom 11, Loschi 10, Rosselli 7, Prandin 6, Tomassini 3, Morgillo 2, Guglielmi, Beghini. All. Diana.

Imola: Morse 14, Bowers 13, Fultz 10, Masciadri 8, Taflaj 8, Valentini 5, Ingrosso 5, Calvi 4, Baldasso 3, Ivanaj, Alberti ne. All. Di Paolantonio.

Basket A2, trasferta a Verona senza gioie per l’Andrea Costa

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast