Posts by tag: avis

Cronaca 21 Febbraio 2021

Avis, ultima donazione per il «veterano» del sangue Divo Drei

Divo Drei, classe 1951, ha raggiunto quota 161 donazioni di sangue il 27 gennaio; quella, però, è stata anche la sua ultima donazione per raggiunti limiti di età.

Volontario e donatore dal 1972 dell’Avis di Imola, non potrà più sedersi sulla poltrona della sala prelievi, ma continuerà a diffondere la cultura del dono. «Non posso che parlare bene dell’Avis – racconta con orgoglio Divo -. E dell’Avis di Imola, in particolare. Ambiente buono, infermiere gentili, tanti volontari che si ritrovano, anche tutti i giorni, per il bene della comunità. Loro sanno che quando c’è bisogno, io ci sono. Sempre».

E di occasioni per diffondere il dono ce ne sono tante, così come ci sono i gesti di solidarietà, come quello compiuto da Divo, donatore e volontario di gran cuore, che lo scorso anno ha acquistato, a sue spese, il nuovo labaro dell’Avis di Imola. Un bellissimo gesto che rimarrà nella storia dell’associazione imolese. (r.cr.)

Nella foto: Divo Drei

Avis, ultima donazione per il «veterano» del sangue Divo Drei
Sport 7 Febbraio 2021

Atletica, Marta Morara campionessa italiana U23 nel salto in alto

Successo tricolore per la saltatrice in alto imolese Marta Morara che oggi, ad Ancona, ha conquistato il titolo italiano U23 al coperto. 

La 22enne, tesserata per l’Icel Lugo, ha saltato 1.86, stabilendo anche il suo nuovo personale. (da.be.)

Nella foto: Marta Morara in gara ad Ancona

Atletica, Marta Morara campionessa italiana U23 nel salto in alto
Sport 28 Gennaio 2021

Atletica, Marta Morara vola a Udine e stacca il pass per gli Europei U23

Esperienza internazionale per la saltatrice in alto imolese Marta Morara (tesserata per l’Icel Lugo) che ieri, a Udine, ha preso parte al prestigioso Udin Jump Developement. Presenti alcune delle migliori atleti italiane e mondiali, come la vicecampionessa iridata in carica Yaroslava Mahuchikh.

Marta, che sta finalizzando la preparazione in vista dei campionati italiani indoor (gareggerà sia per il titolo promesse il 7 febbraio che per il titolo assoluto il 21), ha saltato la misura di 1.82 che le ha permesso di staccare il pass per i Campionati Europei Under 23 che si terranno (pandemia permettendo) dall’8 all’11 luglio a Bergen, in Norvegia.

Per la cronaca, alla fine la giovane imolese ha chiuso al primo posto nella graduatoria nazionale di categoria e al quinto in quella assoluta.(da.be.)

Nella foto: Marta Morara

Atletica, Marta Morara vola a Udine e stacca il pass per gli Europei U23
Cronaca 27 Gennaio 2021

L’Avis di Imola lancia il concorso «Diplomati con l’Avis» per gli studenti del Circondario

L’Avis di Imola ha dato il via al bando per «Diplomati con l’Avis», il concorso a favore degli studenti residenti nei comuni del Circondario (Imola, Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel Del Rio, Castel Guelfo, Castel San Pietro, Dozza, Fontanelice e Mordano), frequentanti di istituti imolese e che abbiano conseguito il diploma di maturità con un voto non inferiore a 100/100 nell’anno scolastico 2019/2020.

I premi, del valore di 300 euro ciascuno, saranno 10 dal titolo «Diplomati con l’Avis», uno intitolato ad «Anna Gherardi» e uno a «Ermes Sasso». Nell’assegnare i premi si terrà conto delle migliori medie risultanti dalla somma degli esiti annuali del corso di studi, più la prova d”esame. A tutti gli aspiranti sarà fatta pervenire una comunicazione scritta circa le decisioni adottate dal collegio giudicante. Detti premi verranno erogati ai beneficiari in un’unica soluzione, durante la tradizionale festa sociale dell”Avis.

Per la partecipazione al concorso dovrà essere prodotta alla Segreteria dell’Avis di Imola, P.le Giovanni Dalle Bande Nere 11, entro le ore 12 del giorno 27 Febbraio, la seguente documentazione: domanda in carta semplice con autocertificazione della data di nascita, luogo di nascita e residenza (modulo disponibile presso la Segreteria Avis Comunale Imola); certificazione che la maturità sia stata conseguita nell’anno scolastico 2019/2020; punteggio d’esame; media annuale di ogni singolo anno scolastico del corso di studio, preferibilmente rilasciata dall’Istituto frequentato ed informativa trattamento dati personali (privacy), da ritirare e firmare presso la Segreteria. (da.be.)

Foto dalla pagina Facebook dell’Avis Imola

L’Avis di Imola lancia il concorso «Diplomati con l’Avis» per gli studenti del Circondario
Sport 26 Gennaio 2021

Atletica, il presidente della Sacmi Avis Massimo Cavini corre per la Fidal

«Una Federazione semplice per cambiare e libera per ascoltare»: è questo lo slogan di Stefano Mei, ex mezzofondista azzurro e campione europeo, che si candida per la seconda volta alla presidenza della Fidal. Elezioni in programma domenica 31 gennaio. Direte: cosa c’entra questo col territorio imolese? C’entra eccome, dal momento che nella squadra dello spezzino c’è anche Massimo Cavini, presidente dell’Atletica Imola Sacmi Avis. «La candidatura di 4 anni fa di Stefano Mei alla presidenza Fidal era stata un pochino improvvisata, visto che era stata pensata dopo la débacle alle Olimpiadi di Rio – spiega Cavini -. L’Atletica Imola si era già schierata con lui, perché ci piacevano le sue idee e il suo progetto: purtroppo però vinse Alfio Giomi, già presidente dal 2012, e la sua guida è rimasta passiva e personalistica».

Nella presentazione dei suoi candidati, Mei ti ha descritto come «esperto nella gestione degli impianti nell’area finanziaria».

«Stefano ha posto l’accento sulla gestione dell’impianto perché ha visto che noi ad Imola gestiamo lo stadio Romeo Galli, dove gioca l’Imolese, e per questo motivo siamo un po’ una mosca bianca nel panorama sportivo italiano, visto che generalmente accade il contrario. Il mio punto forte possono essere i regolamenti e la parte finanziaria. Ad oggi il bilancio Fidal parla di 4 milioni di euro all’anno di spese per consulenze esterne: decisamente troppi, qualcosa va tagliato e diretto verso l’attività tecnica». (an.cas.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 21 gennaio.

Nella foto: Massimo Cavini

Atletica, il presidente della Sacmi Avis Massimo Cavini corre per la Fidal
Cronaca 9 Settembre 2020

Chiuse le strade adiacenti lo stadio Romeo Galli per consentire l’installazione delle nuove torri faro

Nei prossimi giorni comincerà l’installazione delle nuove torri faro di illuminazione dello stadio Romeo Galli. Per tale motivo domani, giovedì 10, e venerdì 11 settembre è prevista la chiusura al traffico veicolare e ciclopedonale, dalle ore 6.30 fino alle ore 19.30 in via Fratelli Rosselli all’intersezione con viale Dante (ingresso autodromo); in via Romeo Galli all’intersezione con la via Musso (lasciando libero accesso da via Musso verso la via Atleti Azzurri d’Italia e quindi anche al circolo Cacciari); in via Malsicura all’intersezione con via Romeo Galli; nel vialetto ciclopedonale del parco Acque Minerali (via Atleti Azzurri d’Italia) presso l’angolo nord ovest dello stadio. Il parco delle Acque Minerali sarà raggiungibile dalla via Musso attraverso la via Romeo Galli e dalla via J. F. Kennedy (lato curva Tosa). Inoltre dalle ore 6.30 di giovedì 10 fino alle 19.30 di venerdì 11 sarà istituito il divieto di sosta con rimozione forzata sul lato ovest di via Romeo Galli, nel tratto tra via Malsicura e via Musso, e il chiosco Renzo non sarà accessibile. (r.cr.)

Nella foto: le nuove torri faro di illuminazione che saranno installate allo stadio Romeo Galli

Chiuse le strade adiacenti lo stadio Romeo Galli per consentire l’installazione delle nuove torri faro
Cultura e Spettacoli 7 Luglio 2020

«Gocce», seconda tappa del viaggio insieme ai musicisti finalisti delle ultime tre edizioni

Sul numero del Sabato sera in edicola continua il viaggio insieme ai musicisti finalisti delle ultime tre edizioni di Gocce di musica per la solidarietà, il contest promosso e organizzato dall’Avis comunale Imola che nel 2019 è giunto alla dodicesima edizione e che, dal 2012 al 2019, ha visto il nostro settimanale affiancare l”Avis e il Centro giovanile Ca’ Vaina nell’organizzazione.

In questo numero, le interviste ai Colimbo, alle Degradé, ai Fake Jam e a Iven Cagnolati.

Nella fotografia di Marco Isola/Isolapress, le Degradé

«Gocce», seconda tappa del viaggio insieme ai musicisti finalisti delle ultime tre edizioni
Cronaca 6 Luglio 2020

Consegnate le borse di studio «Diplomati con l’Avis»

Sono dodici le ragazze e i ragazzi che venerdì 3 luglio hanno ricevuto dalle mani del presidente dell’Avis di Imola, Fabrizio Mambelli, le buste contenenti i rispettivi premi allo studio Diplomati con l’Avis, di cui uno donato dalla famiglia Gherardi-Pirazzoli, in ricordo di Anna Gherardi e, in aggiunta a quelli previsti, donato dalla famiglia Sasso-Serantoni in ricordo di Ermes Sasso, ex presidente della Polisportiva Avis Imola.

Il concorso che vede per ogni studente meritevole un buono acquisto del valore di 300 euro, è stato istituito dal Consiglio direttivo dell’Avis di Imola nel 1991 e la prima premiazione è stata fatta nel 1992 quando sono state consegnate sei borse di studio del valore di 400.000 lire cadauna, per premiare chi si impegna con profitto nello studio e per sensibilizzare i più giovani alla principale finalità dell’associazione, la donazione. (r.cr.)

Consegnate le borse di studio «Diplomati con l’Avis»
Cronaca 4 Giugno 2020

Coronavirus, rinviata la «Festa del donatore» organizzata dall’Avis Imola

La diffusione del Coronavirus ha colpito anche la «Festa del donatore», tradizionale appuntamento organizzato dall’Avis di Imola che si sarebbe dovuto tenere il prossimo 14 giugno in occasione della Giornata mondiale del donatore. 

L’ufficialità è arrivata dall”Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha precisato di avere comunque in serbo lo stesso una serie di sorprese proprio per quella data. È previsto, infatti, il lancio di una campagna di comunicazione ad hoc a cui saranno abbinate numerose altre attività veicolate sui social network.   «Il rinvio – spiega il presidente dell’Avis di Imola Fabrizio Mambelli – era necessario per garantire la sicurezza dei partecipanti. Stiamo già lavorando all’edizione dell’anno prossimo di un evento che speriamo possa valorizzare ancora di più il sistema sangue italiano, che anche in questo momento così complesso è riuscito a garantire le terapie salvavita. Anche noi di Avis, così come l”Oms, il prossimo 14 giugno ricorderemo questo grande gesto gratuito, volontario, periodico, responsabile, anonimo e associato. L’appuntamento è, dunque, per il 2021 con un”ampia serie di iniziative, alcune delle quali sono state purtroppo rinviate a causa dell”emergenza attuale». (da.be.)

Foto dalla pagina Facebook dell’Avis Imola

Coronavirus, rinviata la «Festa del donatore» organizzata dall’Avis Imola
Sport 30 Maggio 2020

L’Atletica Sacmi Avis si allena, il presidente Cavini: «Attrezzi personali e distanze, ipotesi Tre Monti scaglionata»

Bentornata atletica leggera. Dopo oltre due mesi di stop forzato, anche la regina delle discipline sportive ha ripeso l’attività, nel rispetto dei protocolli e delle norme sanitarie. Ad Imola si è fatta trovare pronta la Sacmi Avis, i cui atleti di punta e non sono finalmente riusciti a riassaporare l’odore delle pedane dello stadio Romeo Galli. A raccontarci come sono andati i primi giorni d’allenamento post-lockdown è Massimo Cavini, presidente della società imolese. «Siamo ripartiti lunedì 11 maggio, in punta di piedi: c’era ancora qualche incertezza, sia a livello politico, sia all’interno della nostra società. La prima settimana è servita per testarci. Ogni ragazzo deve entrare al Romeo Galli con la mascherina, che può essere tolta all’interno dell’anello per correre. Abbiamo allestito tante postazioni con gel igienizzante, mentre i guanti non sono obbligatori. Non abbiamo troppa difficoltà con i distanziamenti, visto che lo spazio è ampio e i ragazzi sono molto rispettosi. A livello di servizi, invece, gli spogliatoi non sono disponibili. Ogni atleta poi ha il proprio attrezzo a disposizione per l’intera giornata, al termine della quale è tenuto a sanificarlo.

Il vostro sport, essendo individuale e non di contatto, va considerato tra quelli che prima potranno vedere il ritorno alle gare. Sei d’accordo?

«Direi di sì, anche se la Federazione ha già ricalendarizzato le gare 4 volte. Le difficoltà riguar- dano le gare di mezzofondo e le corse su strada, dove può esserci il problema del distanziamento. Si valuterà se fare partenze scaglionate, considerando il riferimento cronometrico. È un’ipotesi che stiamo vagliando anche noi per il Giro dei Tre Monti, almeno per mantenere la gara competitiva». (an.cas.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 28 maggio.

Nella foto: Francesco Conti all’entrata del Romeo Galli (dalla pagina Facebook dell’Atletica Imola)

L’Atletica Sacmi Avis si allena, il presidente Cavini: «Attrezzi personali e distanze, ipotesi Tre Monti scaglionata»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast