Posts by tag: avis

Cultura e Spettacoli 4 Settembre 2021

Gocce di musica» 2021, è l’ora della finale in piazza Gramsci

C’è grande attesa a Imola per la finale dell’edizione 2021 di «Gocce di musica», il contest organizzato da Avis Imola in collaborazione con sabato sera e patrocinato dal Comune, giunto alla 13^ edizione e riservato alle band del territorio. L’appuntamento è per domani, domenica 5 settembre, quando i tre gruppi vincitori delle semifinali, Light this Night, I Congiunti e Diasporas en la Menor, si sfideranno in piazza Gramsci a partire dalle 20, in occasione di «Imola in Musica».

Il gruppo vincitore, oltre ad incidere il proprio nome nell’albo d’oro, riceverà un buono di 500 euro per l’acquisto di materiale musicale. Nel corso della serata, inoltre, verrà consegnato, ad una delle nove band iscritte, il premio speciale sabato sera, riservato al miglior testo inedito sulla solidarietà. Premiazione, con un buono di 200 euro spendibile al centro Media World di Imola, anche per Barbara Benetti, la 25enne imolese autrice del manifesto scelto dalla giuria per promuovere l’edizione 2021 di «Gocce di Musica».

Ospiti della serata, i Morgana, band imolese vincitrice dell’edizione 2010 del contest che, per l’occasione, proporranno i loro ultimi inediti pubblicati con l’etichetta Pms Studio, tra cui il nuovo singolo Completi a metà. (c.gam.)

Approfondimenti, interviste e modalità di accesso all’evento su «sabato sera» del 2 settembre.

Nella foto (Isolapress): l’edizione 2019 di «Gocce di musica»

Gocce di musica» 2021, è l’ora della finale in piazza Gramsci
Cultura e Spettacoli 22 Luglio 2021

«Gocce di musica», la sfida tra band continua a Mordano

Dopo la vittoria dei Light this Night nella prima semifinale al Parco dell’Osservanza, «Gocce di musica», il contest di Avis Imola e sabato sera, torna domani (venerdì 23 luglio) con la seconda serata al Centro giovani Flood di Mordano (via Roma, 22). 

Dalle 21.45 risuonerà sul palco l’aggrotech dei Bloodraulics, con Martina Pelosi (voce), Marco Zuppiroli (basso) e Diego Chillo (sequencer), il pop punk dei Goodbye Neverland, composti da Dario Marchesi (voce e chitarra), Andrea Carnevali (chitarra), Nicolas Biasi (voce e basso) ed Enrico Morini (batteria) ed il pop de I Congiunti di cui fanno parte Eleonora Gasparri (voce e tastiera), Francesco Baldisseri (voce e chitarra) ed Emanuele Sabatani (batteria e percussioni). (c.gam.)

Nella foto: le tre band in gara nella seconda semifinale. Dall’alto Goodbye Neverland, Bloodraulics ed I Congiunti

«Gocce di musica», la sfida tra band continua a Mordano
Cultura e Spettacoli 18 Luglio 2021

«Gocce di musica 2021», i Light This Night vincono la prima semifinale all’Osservanza

Davanti ad una bella cornice di pubblico, nella splendida location del Parco dell’Osservanza di Imola, ieri sera si è conclusa la prima serata di «Gocce di musica 2021», il contest di Avis Imola e sabato sera riservato alle band del territorio.

Ad aggiudicarsi la prima semifinale il gruppo Light This Night, che ha convinto la giuria oltre che per il suo ritmo rock ed il testo del brano inedito «Come back», anche per originalità, esecuzione tecnica e performance. Molto bravi anche gli Alter Ego, apprezzati e applauditi dal pubblico con pezzi del loro repertorio e la canzone «Non parlare», scritta appositamente per la manifestazione. Come terza band in gara, invece, avrebbero dovuto salire sul palco i Pocopop ma purtroppo, a causa di un imprevisto che ha colpito il bassista del gruppo, si sono dovuti ritirare all”ultimo momento dal concorso.

I Light This Night, formati da Lorenzo Montanari (voce), Dimos Kafousis (batteria), Federico Trotta (basso) e Andrea Pratella (chitarra), si sono così qualificati per la finalissima del 5 settembre in piazza Gramsci, in occasione di «Imola in musica».

Nel frattempo, «Gocce di musica» tornerà venerdì 23 luglio, per la seconda semifinale, al Centro giovani Flood di Mordano. Dalle 21.45 si esibiranno i Bloodraulics, i Goodbye Neverland ed I Congiunti. (c.gam.)

Nella foto: i Light This Night sul palco all’Osservanza

«Gocce di musica 2021», i Light This Night vincono la prima semifinale all’Osservanza
Cultura e Spettacoli 15 Luglio 2021

«Gocce di musica», le note risuonano dall’Osservanza

Parte sabato 17 luglio, dopo un anno di stop, la tredicesima edizione di «Gocce di Musica», il contest musicale organizzato dall’Avis comunale di Imola, con la collaborazione di sabato sera e patrocinato dal Comune di Imola, riservato agli abitanti dei dieci comuni del circondario imolese e di Ozzano Emilia.

I primi tre gruppi in gara si esibiranno come detto il 17 luglio, dalle 21.30, al Parco dell’Osservanza, durante l’evento «Punto Zero». Sul palco, musica e generi diversi: dall’alternative rock dei Light this Night, con Lorenzo Montanari (voce), Dimos Kafousis (batteria), Federico Trotta (basso) e Andrea Pratella (chitarra), al rock italiano dei Pocopop, con Mauro Melone (voce), Bruno (basso), «Sampo» (tastiera) e Danny (batteria). Rock protagonista anche con gli Alter Ego di Alex Farolfi (voce e tastiera), Andrea Rossi (bat- teria), Stefano Monduzzi (chitarra e cori) e Franco Fabbri (basso). (c.gam.)

Nella foto: la locandina di Gocce di Musica e le tre band in gara nella prima semifinale. ovvero Light this Night, Pocopop ed Alter Ego

«Gocce di musica», le note risuonano dall’Osservanza
Cronaca 18 Giugno 2021

Dall’Avis di Castello una panchina rossa e un nuovo gioco per il parco Scania

L’Avis di Castel San Pietro ha celebrato la Giornata mondiale del donatore di sangue con una cerimonia nel parco Scania domenica 13 giugno. Il vicesindaco Andrea Bondi, l’assessore Giuliano Giordani e la presidente dell’Avis Cristina Baldazzi hanno inaugurato una nuova panchina rossa posizionata di fronte a quella gialla installata nel 2019 e un nuovo gioco per bambini.

Ad aprile 2021 le donazioni di sangue erano 476 (+8% rispetto al 2020), le donazioni di plasma 57 (+21%) e le prime donazioni 21 (+17%).

Nella foto: il nuovo gioco per bambini installato nel parco Scania

Dall’Avis di Castello una panchina rossa e un nuovo gioco per il parco Scania
Cultura e Spettacoli 16 Giugno 2021

Ritorna «Gocce di musica», la sfida estiva tra band del territorio

Dopo un anno di stop a causa della pandemia, quest’estate ritorna «Gocce di Musica per la solidarietà», il concorso musicale organizzato dall’Avis Comunale di Imola con la collaborazione di sabato sera. Arrivato alla 13a edizione, è riservato a coloro che abitano nei dieci comuni del circondario di Imola e ad Ozzano Emilia.
Già aperti i bandi per partecipare al contest. Il primo, «Aspettando Gocce di Musica 8.0», riguarda i grafici interessati a realizzare la locandina ed il disegno, sul tema della musica e della solidarietà, che accompagneranno la promozione dell’evento. In palio, un buono di 200 euro spendibile al centro Media World di Imola. I lavori vanno consegnati entro il 21 giugno 2021. Informazioni e i dettagli qui oppure contattando il tel. 0542-32158.

Stesso indirizzo anche per il regolamento e le modalità di partecipazione gratuita al concorso musicale vero e proprio «Gocce di Musica», ma in questo caso la scadenza per iscriversi è il 28 giugno. Il contest si articola in tre serate (semifinali) che si terranno il prossimo luglio a Imola (Parco dell’Osservanza, 17 luglio), Mordano (Centro giovani Flood, 23 luglio) e Castel del Rio (Shangri-la, 30 luglio). Ogni serata vedrà salire sul palco tre gruppi, ognuno dei quali si esibirà con pezzi originali o cover ed almeno un brano inedito che si ispiri al tema della solidarietà. L’esibizione non dovrà superare i 20 minuti. 

Il vincitore di ogni appuntamento, oltre a ricevere un buono acquisto per materiale musicale di 200 euro a testa (da consumare entro il 31 ottobre 2021), si qualificherà alla finalissima in programma domenica 5 settembre durante «Imola in Musica». Chi si aggiudicherà la serata finale riceverà un ulteriore buono da 500 euro in buoni acquisto per materiale musicale. Al termine sarà consegnato ad una delle nove band in gara il premio speciale sabato sera. (r.c.)

Nella foto: edizione 2019 di Gocce di Musica

Ritorna «Gocce di musica», la sfida estiva tra band del territorio
Cronaca 24 Maggio 2021

Il 28enne Paolo Monti è il nuovo presidente dell'Avis comunale di Imola

È Paolo Monti il nuovo presidente dell”Avis comunale di Imola, eletto all”unanimità il 18 maggio scorso dai 13 consiglieri eletti dell”assemblea dei soci.

Monti, 28 anni, è laureato in economia. Ha lavorato come commercialista alla Cna e a giugno inizierà un nuovo percorso lavorativo presso l”azienda informatica Antreem. Conosce bene la realtà del centro Avis imolese, in quanto vi ha svolto il servizio civile tra il 2015 ed il 2016 ed è donatore dal 2013.

Oltre al presidente, fanno parte del consiglio di amministrazione: Gianfranco Marabini (vicepresidente), Ivan Zambrini (segretario), Sergio Ugolini (tesoriere) e i consiglieri Antiochino Cocco, Alessandro Drazzi, Fabrizio Mambelli (presidente uscente), Sonia Manaresi, Patrick Marcugini, Remo Martelli, Roberto Ricciardi, Nicola Spada e Mauro Visani. (r.cr.)

Nella foto: il neo presidente dell”Avis di Imola, Paolo Monti

Il 28enne Paolo Monti è il nuovo presidente dell'Avis comunale di Imola
Cronaca 26 Aprile 2021

All'Avis di Imola sono in aumento donatori e donazioni, centro di raccolta aperto ancora due domeniche prima della pausa estiva

La pandemia non ha fermato le donazioni di sangue nel territorio imolese. Confrontando i dati del primo trimestre 2020 con quelli del 2021 forniti dall”Avis di Imola, si nota il progressivo aumento del numero di donatori volontari di sangue intero e plasma. Alla sala prelievi, infatti, si sono presentati 51 nuovi donatori (38 di Imola e 13 provenienti dal comprensorio imolese, Medicina e altri comuni). Le donazioni, invece, sono aumentate di 117 unità (81 a Imola, 36 nel comprensorio imolese, medicinese e di altri comuni limitrofi).

La possibilità di donare da parte dei lavoratori o di chi ha difficoltà a presentarsi al centro Avis di Imola presso l”ospedale vecchio in settimana, è stata facilitata con l”apertura del centro ogni seconda domenica del mese per le donazioni di sangue (ma non di plasma). Prima della chiusura estiva, le ultime due domeniche utili sono il 9 maggio ed il 13 giugno. Le aperture domenicali riprenderanno in settembre.

C”è sempre bisogno di donatori. «Possiamo contare su 6.528 donatori in tutto il comprensorio, di cui 4.240 ad Imola, ma per ogni donatore che ci lascia per raggiunti limiti di età, ne servono almeno 4 giovani – dichiara Fabrizio Mambelli, presidente Avis Imola – occorre allargare sempre più la base associativa». (r.cr.)

Nella foto: il centro di raccolta sangue presso l”ospedale vecchio di Imola

All'Avis di Imola sono in aumento donatori e donazioni, centro di raccolta aperto ancora due domeniche prima della pausa estiva
Cronaca 9 Marzo 2021

Il dottor Pietro Fagiani lascia il ruolo di responsabile del Centro raccolta sangue dell’Avis di Imola

«Il presidente, il consiglio direttivo dell’Avis di Imola, unitamente al personale e a tutti i volontari, porge un sentito ringraziamento per l’attività svolta in tutti questi anni». Inizia così la lettera indirizzata al dottor Pietro Fagiani che dal 1 marzo ha cessato l’attività lavorativa per l’azienda sanitaria di Imola e, conseguentemente, ha interrotto il ruolo di responsabile del Centro Raccolta Sangue e Plasma di Imola. «In particolare – si legge ancora nella nota -, un doveroso riconoscimento per la disponibilità, la gentilezza e la professionalità dimostrata nei confronti dei donatori, dei collaboratori e di tutta la cittadinanza, contribuendo così ad elevare il Centro raccolta Sangue di Imola fra i più attivi e operosi di tutto il territorio nazionale. I nostri migliori auguri per un futuro sereno pieno di soddisfazioni».

Non si è fatta attendere una lettera del dottor Fagiani rivolta ai donatori e alle donatrici che vi presentiamo interamente. «Carissime donatrici, carissimi donatori, confesso di scrivere questa lettera aperta con grande commozione e, per questo motivo, con il dubbio di non riuscire ad esprimere come vorrei i sentimenti che in questo momento si agitano dentro di me. Sono trascorsi oltre venti anni da quando fui investito di questo importante incarico; in questo lungo ma breve periodo sono state donate oltre 250 mila unità di sangue e plasma che sono state fonte di vita, talora di salvezza per migliaia di persone malate. Il frutto tangibile della vostra generosità, dell’altruismo degli individui di una popolazione, quella del nostro territorio, da sempre votata alla coesione sociale, all’aiuto dei più deboli e sfortunati. Dico “nostra” la struttura perché, anche se a malincuore debbo allontanarmene, la sento ancora essere parte del mio cuore, della mia anima. Sono certo che continuerete, con il vostro costante impegno, anche attraverso la diffusione presso parenti ed amici della cultura del dono, a mantenere sempre viva, e perché no, a sviluppare ulteriormente la orgogliosa tradizione che vede il centro di raccolta di Imola sempre ai primi posti nella graduatoria nazionale delle unità donate in rapporto alla popolazione. A tutti donatori, operatori sanitari, dirigenti ed impiegati dell’associazione Avis vorrei dire un sincero grazie, un ringraziamento che parte dal profondo. Il mio impegno da responsabile finisce qui ma sicuramente continuerò a collaborare con l’associazione mettendo a disposizione l’esperienza accumulata in questi anni così pieni, belli, ricchi di stimolanti rapporti umani e chissà mai che un addio possa trasformarsi in un arrivederci». (r.cr.)

Nella foto: il dottor Pietro Fagiani insieme al presidente dell’Avis Imola Fabrizio Mambelli

Il dottor Pietro Fagiani lascia il ruolo di responsabile del Centro raccolta sangue dell’Avis di Imola
Cronaca 21 Febbraio 2021

Avis, ultima donazione per il «veterano» del sangue Divo Drei

Divo Drei, classe 1951, ha raggiunto quota 161 donazioni di sangue il 27 gennaio; quella, però, è stata anche la sua ultima donazione per raggiunti limiti di età.

Volontario e donatore dal 1972 dell’Avis di Imola, non potrà più sedersi sulla poltrona della sala prelievi, ma continuerà a diffondere la cultura del dono. «Non posso che parlare bene dell’Avis – racconta con orgoglio Divo -. E dell’Avis di Imola, in particolare. Ambiente buono, infermiere gentili, tanti volontari che si ritrovano, anche tutti i giorni, per il bene della comunità. Loro sanno che quando c’è bisogno, io ci sono. Sempre».

E di occasioni per diffondere il dono ce ne sono tante, così come ci sono i gesti di solidarietà, come quello compiuto da Divo, donatore e volontario di gran cuore, che lo scorso anno ha acquistato, a sue spese, il nuovo labaro dell’Avis di Imola. Un bellissimo gesto che rimarrà nella storia dell’associazione imolese. (r.cr.)

Nella foto: Divo Drei

Avis, ultima donazione per il «veterano» del sangue Divo Drei

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast