Posts by tag: ca’ malanca

Cronaca 10 Ottobre 2020

Comune e Anpi di Imola oggi hanno ricordato i caduti della «Battaglia di Purocielo»

Questa mattina al monumento di Sant’Eufemia di Brisighella si è svolta la cerimonia per ricordare la «Battaglia di Purocielo», una delle più importanti battaglie della Lotta di Liberazione nell’Appennino faentino-Imolese contro i nazi-fascisti, nella quale persero la vita 57 partigiani.

Durante l’evento l’alzabandiera e la deposizione di una corona, seguite dagli interventi delle autorità. Promossa dall’Associazione Ca’ di Malanca, in collaborazione  con le Sezioni Anpi di Brisighella, Faenza e Imola, con il patrocinio  dell’Unione dei Comuni della Romagna Faentina e della Regione Emilia-Romagna, la cerimonia ha visto la partecipazione dei rappresentanti dei Comuni di Imola, Brisighella, Riolo Terme, Dozza e Marradi, oltre che di folte delegazioni delle sezioni Anpi di Brisighella, Faenza e Imola, quest’ultima con in testa il presidente Gabrio Salieri. «Memoria è futuro. Mentre ricordiamo a 76 anni di distanza i fatti di Ca’ di Malanca e i partigiani caduti nella battaglia di Purocielo, ci sentiamo in dovere di tramandare la memoria come un fatto vivo, una testimonianza, un valore per le generazioni di domani – ha sottolineato nel suo intervento Fabrizio Castellari, vice sindaco di Imola, che ha partecipato alla cerimonia in rappresentanza dell’Amministrazione comunale, insieme al Gonfalone della Città di Imola, insignita della Medaglia d’oro al valor militare per attività partigiana -. Rinnoviamo il nostro impegno istituzionale nei riguardi dell’Anpi, dell’Associazione Ca’ di Malanca e di tutti coloro che li aiutano a custodire i cippi, i luoghi ed i monumenti che ricordano gli episodi della nostra Liberazione, che sono patrimonio di tutti». (da.be.)

Nella foto: il vicesindaco di Imola Fabrizio Castellari durante la cerimonia

Comune e Anpi di Imola oggi hanno ricordato i caduti della «Battaglia di Purocielo»
Cronaca 28 Agosto 2020

Tradizionale incontro a Ca’ di Malanca su Bianconcini con simposio, performance teatrali e musica resistente

L’associazione Ca’ di Malanca, in collaborazione con le sezioni Anpi di Brisighella, Faenza e Imola, organizza il tradizionale incontro a Ca’ di Malanca, il cui tema sarà Le Brigate Garibaldi dalla guerra civile spagnola alla lotta di liberazione italiana, nel nome di Alessandro Bianconcini.

L’incontro si svolgerà in due giorni: sabato 29 agosto, è previsto per l’intera giornata un Simposio libero delle arti, che si concluderà in serata con le improvvisazioni musicali di Marco Liverani e Alceste Neri; domenica 30 agosto l’associazione imolese Extravagantis Teatro Memoria organizzerà alcune incursioni teatrali a sorpresa durante la giornata, a cura di Marina Mazzolani, dedicate alla Resistenza e ad Alessandro Bianconcini, con la partecipazione del violoncellista Enrico Guerzoni. Nella stessa giornata, in mattinata, presentazione dell’attività dell’associazione Ca’ di Malanca, saluto di Beatrice Poli, sindaca di Casalfiumanese e messa officiata da don Otello Galassi. Nel pomeriggio musica resistente con Bellaciaotrio e presentazione del libro Garibaldini in Spagna di Marco Puppini con la partecipazione dell’autore, di Italo Poma (presidente nazionale Aicvas), Bruna Tabarri (Anpi Ravenna), Angelo Emiliani (Anpi Faenza) e Gabrio Salieri (presidente Anpi Imola).

Chi partecipa dovrà essere autosufficiente con il mangiare. Saranno distribuiti solo il caffè, le bevande e i dolci. Saranno organizzate visite guidate al Centro di documentazione. (r.c.)

Nella foto: Ca’ di Malanca

Tradizionale incontro a Ca’ di Malanca su Bianconcini con simposio, performance teatrali e musica resistente
Cronaca 16 Dicembre 2019

Ca’ Malanca, concluso bene un anno molto importante

Lo scorso 29 ottobre, domenica, è terminata ufficialmente la stagione 2019 a Ca’ di Malanca. Nei mesi autunnali e invernali il Centro documentazione sulla Resistenza e sulla battaglia di Purocielo resterà chiuso al pubblico. Riaprirà ad aprile del prossimo anno. Saranno comunque possibili, tempo permettendo, le visite su appuntamento.
«L’associazione Ca’ di Malanca ringrazia calorosamente i trenta volontari che si sono alternati per tenere aperta la struttura nei giorni festivi e durante le visite delle scolaresche – afferma Franco Conti, presidente dell’associazione – oltre ai tantissimi volontari che hanno lavorato in occasione delle manifestazioni. In particolare, ringrazia il gruppo che ha curato la pulizia e la manutenzione del sito. Per queste attività nessuno riceve compensi o rimborsi a vario titolo».

Esaminando il bilancio di quest’anno si scopre che nel corso dei sette mesi di apertura sono stati organizzati cinque importanti eventi e in totale, compresi i visitatori domenicali, si sono registrate mille e ottocento presenze. A queste vanno aggiunti i circa duecento studenti di otto istituti scolastici provenienti da diverse città della Romagna che hanno visitato il Centro, superando quindi in totale le duemila presenze.
«E’ un risultato molto importante, considerando che il luogo non è facilmente raggiungibile – prosegue il presidente Conti -. Ancora di più se si tiene presente che molti lo hanno raggiunto a piedi lungo i sentieri. L’attività del Centro di documentazione, gestito dall’associazione Ca’ di Malanca, è sostenuta con le contribuzioni volontarie dei visitatori e con la partecipazione economica del Comune di Imola, del Comune di Faenza e dell’Unione dei Comuni della Romagna faentina. Le iniziative, particolarmente quelle rivolte alle scuole, sono state inserite nel progetto che l’Anpi di Ravenna ha presentato alla Regione Emilia Romagna nell’ambito dei bandi previsti dalla Legge regionale “Memoria del ’900”, partecipando alla ripartizione dei contributi». (r.cr.)

Ulteriori particolari sul numero del Sabato sera del 12 dicembre

Ca’ Malanca, concluso bene un anno molto importante
Cronaca 1 Giugno 2018

A Ca' Malanca un'iniziativa per commemorare la 72° festa della Repubblica

Domani, per le celebrazioni del 72° anniversario della festa della Repubblica , sono varie le cerimonie in programma. Un’iniziativa che coinvolge più istituzioni è quella organizzata dall’associazione Ca’ di Malanca e dall’Anpi di Faenza, con il patrocinio dell’Unione dei Comuni della Romagna Faentina e della Regione Emilia Romagna, la Festa della Repubblica, che, in questa occasione, rappresenta anche il 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione.

Il programma prevede alle ore 12.30 il pranzo del partigiano; alle 14 la prima parte del concerto del gruppo musicale Figli dell’oblio, Nomadi tribute band. Alle 15 l’intervento di Alberto Baldazzi, sindaco di Castel del Rio, sul tema Attualità della Costituzione italiana. Seguirà la presentazione del libro La Linea Gotica, i luoghi dell’ultimo fronte di guerra in Italia di Gabriele Ronchetti; Gualtiero Malpezzi e Alberto Baldazzi ne parleranno con l’autore. Seguirà la seconda parte del concerto del gruppo musicale. Nel corso della manifestazione si può visitare il Centro documentazione della Resistenza – Ca’ di Malanca, con ingresso a offerta libera.

Ca’ di Malanca si raggiunge in auto dalla provinciale Brisighellese, deviando per San Martino in Gattara – Monte Romano – Croce Daniele. Quindi si prosegue su stradello in parte sterrato per circa tre chilometri, parcheggiando lungo la strada e facendo attenzione a non ostruire il passaggio. A piedi si raggiunge seguendo i sentieri n. 505 Cai da Croce Daniele, n. 579 Cai da Purocielo, n. 2 Uoei da San Cassiano. Chi sceglie di usare il treno scende alla stazione di San Cassiano e segue il sentiero n. 2 Uoei. 

r.c.

Il programma degli eventi a Imola e Medicina su «sabato sera» del 30 maggio.

Nella foto: Ca” Malanca

A Ca' Malanca un'iniziativa per commemorare la 72° festa della Repubblica

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast