Posts by tag: circondario

Cronaca 14 Giugno 2022

Redditi: castellani «paperoni» del circondario, i comuni della vallata in fondo alla classifica

Sono i castellani i “paperoni” del circondario. Secondo il rapporto del servizio Studi e Statistica della Città metropolitana sui redditi dei cittadini residenti nei comuni della città metropolitana di Bologna (dati relativi alle dichiarazioni presentate nel 2021), a Castel San Pietro il reddito medio è di 24.728 euro.

Il reddito medio più basso si registra invece a Castel del Rio con 19.467 euro.
Fra i due estremi si inseriscono, nell’ordine, Imola con un reddito medio di 24.200 euro, Dozza con 23.801 euro, Castel Guelfo con 22.795 euro, Medicina con 22.125 euro, Mordano con 21.938 euro, Casalfiumanese con 21.403 euro, Borgo Tossignano con 20.269 euro (terzultimo) e Fontanelice con 20.002 euro.

Nella maggior parte dei comuni della Città metropolitana il reddito medio cala, in conseguenza del calo del reddito complessivo: fanno eccezione Castel del Rio, Mordano, Casalfiumanese, Borgo Tossignano e Imola. (lu.ba.)

Redditi: castellani «paperoni» del circondario, i comuni della vallata in fondo alla classifica
Cronaca 9 Giugno 2022

Il circondario si promuove con «Be in Wonderland», 24 eventi ed esperienze per scoprire il territorio

Continua fino a ottobre “Be in Wonderland”, il programma di 24 iniziative ed esperienze (passeggiate d’arte, visite sensoriali, itinerari tra storia e natura) per scoprire il territorio di Imola e del circondario.

Assieme alla brochure illustrativa (scaricabile dal sito del Circondario) è stata creata la Cartolina delle esperienze, dove i visitatori potranno indicare gli eventi a cui hanno partecipato. Sulla cartolina saranno apposti i timbri di accoglienza da parte del personale degli uffici Iat/Uit, da ristoranti, alberghi, cantine, organizzatori delle varie esperienze. E dimostrando di avere partecipato ad almeno otto eventi in calendario e in diversi comuni, si avrà diritto a ricevere sconti o un regalo a sorpresa.

«L”esperienza di “Be in Wonderland” rappresenta un risultato di rilievo della neonata gestione associata del turismo – commenta Luca Albertazzi, primo cittadino di Dozza con delega al Turismo nel Nuovo circondario imolese –. Un cartellone di iniziative, dislocate su tutto il territorio Circondariale e a fruizione gratuita, attraverso le quali viene rappresentata efficacemente la proposta turistico-culturale del territorio. Con un occhio di riguardo alla cultura di prossimità, fondamentale nel rendere i nostri stessi cittadini promotori delle bellezze che ci circondano. Un particolare ringraziamento ai membri del coordinamento tecnico circondariale che si sono prodigati con efficacia per la realizzazione di questo innovativo prodotto turistico». (lu.ba.)

Nella fotografia, la Vena del gesso, uno fra i luoghi “protagonisti” degli eventi

Il circondario si promuove con «Be in Wonderland», 24 eventi ed esperienze per scoprire il territorio
Cronaca 7 Giugno 2022

«E!state Liberi» 2022, i ragazzi del circondario ad Aversa nel campo di Libera

Tornano i campi estivi di Libera, iniziativa promossa, sul nostro territorio dal coordinamento di Libera Bologna e dal Presidio di Libera del Circondario imolese. 
Grazie al contributo del Nuovo Circondario, con le risorse che gli affidano i Comuni, i  ragazzi residenti, tra i 15 e i 28 anni, potranno partecipare a questa esperienza, con la sola quota di partecipazione di 20 euro beneficiando anche dell’accompagnamento educativo dei professionisti di Officina Immaginata.

La destinazione, dal 25 al 30 luglio, sarà Aversa in provincia di Caserta. Il campo, confiscato alle mafie,  si svolgerà presso la «Fattoria Sociale Fuori di zucca», un’area dell’ex ospedale psichiatrico di Aversa oggi riutilizzato dalla cooperativa sociale «Un fiore per la vita Onlus» in collaborazione con il presidio di Libera Aversa «Attilio Romanò e Dario Scherillo». L’esperienza del campo di lavoro ha tre momenti di attività diversificate: il lavoro, lo studio delle tematiche della lotta alle mafie e l’incontro con il territorio per uno scambio interculturale. I giovani interessati dovranno presentare domanda entro il giorno 23 giugno, alle ore 20. (r.cr.)

TUTTE LE INFORMAZIONI

«E!state Liberi» 2022, i ragazzi del circondario ad Aversa nel campo di Libera
Cronaca 20 Maggio 2022

Il Circondario in missione in Malesia: Panieri e Meluzzi a Malacca

Il primo cittadino di Imola e presidente del Circondario Marco Panieri e il sindaco di Fontanelice Gabriele Meluzzi hanno partecipato all’incontro promosso dal Programma internazionale di cooperazione urbana e regionale Iurc che si è svolto a Malacca, in Malesia, assieme a una delegazione delll’ente di via Boccaccio e della Città metropolitana.

«È stata un’occasione importante, che ha permesso in breve tempo di entrare in contatto con cultura e storia di un Paese rilevante nel Sud est asiatico, capace di generare opportunità, terreno di lavoro comune tra le due città e le reciproche comunità – commenta Panieri –. Sostenibilità, innovazione (smart city), cultura, qualità degli edifici e delle aree verdi possono essere rilevanti ambiti di lavoro congiunto. Inoltre, entrambe le città stanno studiando progetti di riqualificazione green dello spazio urbano che hanno come perno il fiume e i parchi cittadini. Questa relazione permetterà anche di accedere a fondi europei per lo sviluppo dei servizi a favore dei cittadini/e e delle imprese di entrambe le comunità». (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune di Imola, un momento della missione

Il Circondario in missione in Malesia: Panieri e Meluzzi a Malacca
Cronaca 22 Aprile 2022

Maltempo, scattata l’allerta arancione. Interventi a Medicina e Ozzano

Allerta arancione nella pianura bolognese, circondario imolese e Ozzano compresi, fino a tutta la giornata di domani a causa  del maltempo. L’attenzione, in particolare, è concentrata sulle sezioni a valle di Idice e Sillaro.

Decine di interventi di vigili del fuoco e forze dell’ordine questa mattina. Fra Budrio e Medicina, come riferito dall’Ansa, la piena dei torrenti Gaiana, Fossatone e Quaderna ha reso necessaria la chiusura al traffico, in via precauzionale, di un tratto della Trasversale di Pianura. Il percorso alternativo dispone l’uscita obbligatoria al km 38 con immissione sulla SP19 per poi percorrere la SS 253 «San Vitale» per poi svoltare sulla SP 6 con successivo rientro al km 30,002 della SS 253 bis.

Il livello dei corsi d’acqua si è alzato anche nel territorio di Ozzano Emilia, in particolare nelle frazioni Mercatale e Cavaliera, dove si sono verificati piccoli smottamenti fangosi nella sede stradale lungo via Idice. Sul posto è intervenuta la polizia locale di Ozzano oltre ai tecnici della Città metropolitana di Bologna.

Sul Santerno, invece, al momento la situazione non presta grosse preoccupazioni. Nessun problema rilevante in vallata, anche se a Casalfiumanese sono tenuti monitorati sia il livello del fiume al guado di Careggiò che il torrente Sellustra. (r.cr.)

Foto dalla pagina Facebook del sindaco di Ozzano Luca Lelli 

Maltempo, scattata l’allerta arancione. Interventi a Medicina e Ozzano
Cronaca 29 Marzo 2022

Piano antenne per tutti i comuni del circondario, al via la fase preliminare di realizzazione

Dopo Imola e Medicina tutti i Comuni del circondario saranno dotati quanto prima di un Piano antenne, con l’obiettivo di uniformare la predisposizione di appositi regolamenti comunali per disciplinare la tematica. Il servizio di redazione è stato affidato alla fine del 2021 alla società Polab Srl. 

Uno strumento finalizzato alla corretta pianificazione urbanistica e alla minimizzazione dei valori di campo elettromagnetico delle stazioni radio base per la telefonia mobile presenti sul territorio. La fase preliminare della progettualità si concentra sul reperimento della documentazione esistente per mappare un preciso piano di localizzazione delle stazioni esistenti ed avere una panoramica circondariale completa ed aggiornata delle zone più sollecitate per scongiurare i potenziali incrementi espositivi dei valori di campo elettromagnetico.

«Il tema dell’inquinamento elettromagnetico è, in generale, ancora poco trattato e spesso sottovalutato in nome dell’avanzamento e del progresso tecnologico – spiega Luca Albertazzi, sindaco di Dozza e delegato per il Nuovo Circondario Imolese alla materia -. Il Piano antenne è, attualmente, l’unico strumento consentito dalla legge per regolamentare la delicata casistica. Uno strumento d’avanguardia che, senza lasciare indietro nessuno, uniforma la risposta di un territorio ampio come quello circondariale all’indirizzo dello specifico argomento» E ancora: «Virtuoso l’esempio del Nuovo Circondario Imolese che si attesta tra le prime unioni in ambito nazionale a disciplinare con spiccata sensibilità la questione – continua -. Un percorso avviato secondo quelle logiche di consapevolezza e trasparenza che anteponiamo alle superate considerazioni di natura ideologica. Prevalgono, quindi, gli intenti amministrativi che mirano all’approfondimento, alla conoscenza, all’analisi ed alla partecipazione per tutelare comunità, ambiente e salute pubblica».  (r.cr.)

Piano antenne per tutti i comuni del circondario, al via la fase preliminare di realizzazione
Cronaca 10 Febbraio 2022

Protesta contro il caro-bollette, sette Comuni aderiscono spegnendo le luci dei monumenti

Questa sera alle ore 20, i Comuni italiani spegneranno per 30 minuti le luci di un monumento simbolo della propria città contro “il caro bollette, insostenibile per famiglie, imprese ed enti locali” e per chiedere “al governo di intervenire per evitare di tagliare i servizi ai cittadini”.

Anche i Comuni della città metropolitana aderiscono all’iniziativa, partita proprio dal nostro territorio, spegnendo questi monumenti: Borgo Tossignano (municipio), Castel del Rio (palazzo Alidosi), Castel Guelfo (piazza XX Settembre e municipio), Castel San Pietro Terme (Torre del Cassero), Imola (municipio su piazza Matteotti), Ozzano dell’Emilia (municipio e viale pedonale di accesso), Medicina (municipio e cortile interno)

Nella foto : il Cassero di Castel San Pietro

Protesta contro il caro-bollette, sette Comuni aderiscono spegnendo le luci dei monumenti
Cronaca 18 Ottobre 2021

A Casalfiumanese approvata la convenzione con il Circondario per il recupero dei cani randagi

E’ stata approvata all’unanimità a Casalfiumanese, durante la seduta del Consiglio Comunale dello scorso 11 ottobre, la convenzione con il Nuovo Circondario Imolese che disciplina il servizio di recupero dei cani randagi.

Una novità che si inserisce in un ambito comunale casalese che contempla già, oltre alla gestione dell’anagrafe canina, la stipulata convenzione con il Comune di Imola in merito al ricovero dei cani presso le strutture del canile della città. Non solo. Il procedimento compensa sul territorio anche l’assenza di adeguato e sufficiente personale per l’esercizio del servizio di cattura e/o recupero dei cani randagi e vaganti.  Il Comune di Casalfiumanese si impegna, pertanto, a riconoscere al Nuovo Circondario Imolese un importo annuo di servizio pari ad un totale di 2.578,59 euro. «Siamo molto soddisfatti – spiega l’assessore Silvano Casella che ha seguito in prima linea l’evoluzione della casistica -. Ad oggi, infatti, nonostante l’assenza di sufficiente personale per l’esercizio di tali mansioni nessuna segnalazione o esigenza è rimasta inascoltata grazie all’impegno, a titolo volontario e gratuito, del personale messo a disposizione delle associazioni di volontariato, dalle guardie zoofile, dalla nostra polizia locale e anche dallo stesso municipio. Compreso nel servizio ci sarà, infatti, l’avvio di un importante progetto annuale in collaborazione con gli istituti scolastici del Circondario capace di valorizzare lo straordinario rapporto che lega l’uomo ai nostri amici a quattro zampe». (r.cr.)

A Casalfiumanese approvata la convenzione con il Circondario per il recupero dei cani randagi
Cronaca 17 Settembre 2021

A Imola in arrivo due «case rifugio» in più per donne e bambini vittime di violenza

Il Comune di Imola ha dato disposizione ad Area Blu di individuare, tra il patrimonio in gestione ora sfitto, due alloggi da destinare a «case rifugio», a indirizzo segreto, a beneficio delle cittadine di tutto il territorio circondariale. La disposizione fa seguito allo stanziamento di 40 mila euro da parte del Circondario imolese per la manutenzione di spazi da destinare a tale scopo. Gli alloggi saranno gestiti dall’associazione imolese Trama di terre, il cui Centro antiviolenza aveva chiesto alloggi supplementari. Tale richiesta, precisa il Comune, «si colloca nel quadro di una più ampia riorganizzazione del patrimonio in uso all’associazione stessa, al fine di una corretta gestione dei beni immobili gestiti da Area Blu».  

«Questa iniziativa – spiega Beatrice Poli, vicepresidente del Circondario imolese, con delega alle Pari opportunità e sindaca di Casalfiumanese – si inquadra perfettamente nella cornice programmatoria del Piano di zona 2021, in cui sono previste azioni per il contrasto alla violenza di genere e promozione delle pari opportunità». Per Elisa Spada, assessora alle Pari opportunità del Comune di Imola, «questa azione si inserisce in un contesto più ampio di interventi e iniziative volte a contrastare ogni forma di violenza di genere, che ha visto un importante incremento dall’inizio della pandemia da Covid-19». (lo.mi.) 

Nella foto (isolapress): il municipio di Imola

A Imola in arrivo due «case rifugio» in più per donne e bambini vittime di violenza
Cronaca 30 Agosto 2021

Crisi afghana, accolti a Imola i primi profughi in arrivo nel circondario

Come annunciato nei giorni scorsi, anche il circondario imolese si è attivato per accogliere famiglie afghane costrette a lasciare il proprio Paese. Nella serata di sabato 28 agosto sono arrivati a Imola 2 nuclei familiari, per complessive 17 persone, fra cui molti bambini e adolescenti, che sono ospitate in una struttura gestita da una cooperativa sociale che da anni opera nel settore dell’accoglienza e che ha anche mediatori culturali che parlano afghano, per facilitare una migliore integrazione nella nostra comunità. Le famiglie afghane hanno già superato il periodo di quarantena al loro arrivo in Italia e fanno parte di un gruppo molto più ampio di afghani accolti in Emilia Romagna e ospitati nei vari territori.

«L’impegno – sottolinea Marco Panieri, sindaco di Imola e presidente del Circondario imolese – è dare a queste famiglie non solo una prima accoglienza, cercando di alleviare le sofferenze ed i disagi patiti, ma anche aiutarle a costruire una nuova prospettiva di vita ed un futuro migliore, come è nella tradizione di accoglienza e inclusione che caratterizza da sempre anche il nostro territorio». (lo.mi.) 

Nella foto (tratta dalla pagina Facebook del presidente regionale Stefano Bonaccini): i primi profughi arrivati  in Emilia Romagna nei giorni scorsi

Crisi afghana, accolti a Imola i primi profughi in arrivo nel circondario

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA