Posts by tag: concorso

Cultura e Spettacoli 29 Agosto 2018

A settembre torna Wiki Loves Monument, il Comune di Imola partecipa con 13 luoghi e monumenti da fotografare

Per chi ama la fotografia a qualsiasi livello torna la bella iniziativa Wiki Loves Monument, alla quale aderisce anche Imola. Si tratta del più grande concorso fotografico digitale del mondo, promosso da Wikipedia e coordinato da Wikimedia Italia, che si svolgerà dall’1 al 30 settembre ed è aperto a tutti, professionisti e amatori.  

Dai Musei Civici di Imola arriva in particolare l’invito a partecipare al concorso, immortalando 13 monumenti e luoghi della città. Questo l’elenco: Palazzo Comunale; Palazzo Tozzoni; Rocca Sforzesca; Museo di San Domenico; ex Chiesa di San Francesco – Biblioteca Comunale; Monumento ad Ayrton Senna; Monumento ai Caduti della prima guerra mondiale; Monumento al II Corpo d”Armata Polacco; Parco delle Acque Minerali; Parco Tozzoni; Piazza Ulivo (Piazza della Conciliazione); Sculture di Germano Sartelli nella rotonda di viale d’Agostino; Teatro Comunale “Ebe Stignani”. 

Chi intende partecipare, può caricare le foto al link http://wikilovesmonuments.wikimedia.it. Tutte le immagini diventano patrimonio comune e universale, circolanti in rete con la licenza Creative Commons. Lo stesso sito conserverà la lista completa delle immagini in concorso, che saranno sempre consultabili. I vincitori del concorso saranno invece individuati dalla giuria di qualità di Wikipedia Italia. 

Da segnalare che dall’Emilia Romagna, nelle precedenti edizioni, sono state caricate 14.591 foto, conquistando 17 piazzamenti nazionali.

La lista completa dei monumenti da fotografare si può trovare al link https://it.wikipedia.org/wiki/Progetto:Wiki_Loves_Monuments_2018/Monumenti 

Per informazioni su Imola: www.museiciviciimola.it

Nella foto la Rocca, uno dei monumenti in concorso

A settembre torna Wiki Loves Monument, il Comune di Imola partecipa con 13 luoghi e monumenti da fotografare
Cultura e Spettacoli 1 Agosto 2018

A Castel del Rio prosegue la festa della musica, stasera incontro con lo scrittore Gianluca Morozzi

E” sempre la musica la grande protagonista dell”estate a Castel del Rio. Stasera, nell”ambito della 39esima edizione della Festa della Musica promossa e organizzata dal Corpo bandistico di Sant’Ambrogio, con il patrocinio del Comune, lo scrittore Gianluca Morozzi parlerà dei suoi romanzi a tema musicale nell”incontro “Racconti dal Cortile”.

L”evento, organizzato in collaborazione con l”associazione “Bandando”, si terrà alle 20.30 nel Cortile delle Fontane di Palazzo Alidosi e darà modo al pubblico di conoscere aneddoti e curiosità legate ai libri di Morozzi, tra cui “L’Emilia o la dura legge della musica”, “Despero”, “Accecati dalla luce”.

Prosegue dunque l”estate musicale in vallata, che nei giorni scorsi ha scritto una pagina tutta in rosa al Canta Rio 2018, il festival di Nuove Voci che ha visto il trionfo di tre ragazze sia nelle due categorie in concorso, Under e Over 18, sia nell”assegnazione del premio della critica.

Nella categoria riservata ai minorenni, la sedicenne ravennate Giada Tripaldi ha battuto la concorrenza interpretando “I Know where I’ve been”, brano tratto dal musical “Hairspray”. Praticamente di casa è invece la vincitrice della categoria Over: Benedetta Ferri, 20 anni, è infatti originaria proprio di Castel del Rio, anche se risiede Fontanelice. La canzone con la quale si è imposta è “La sera dei miracoli” di Lucio Dalla.

Per quanto riguarda il riconoscimento della critica, infine, l”alloro è andato alla faentina Giorgia Montevecchi, che è stata premiata per l’interpretazione di “This is me” dal film “The greatest showman”, eseguita con grande personalità a dispetto dei suoi 15 anni.

Sul palco di Castel del Rio si sono esibiti in tutto 17 concorrenti. Il podio nella categoria Under 18 è completato dalla stessa Montevecchi, seconda e dall”ancor più giovane Lucia Traversi, appena 13 anni, proveniente da Fratte di Sassofeltrio (PU) e interprete di “No roots”. Al secondo posto tra gli Over si è invece piazzato Nicola Boni, 18 anni, da Sant’Agata sul Santerno, interprete di “Whole lotta love” dei Led Zeppelin”, con la quale ha preceduto Alice Lia Scanavini, 23 anni, da Portomaggiore (Fe), che ha cantato “Dancin on my own”.

“Il Canta Rio è una manifestazione che in questi anni è cresciuta e ha saputo farsi apprezzare tra i talenti canori, soprattutto tra i giovanissimi. Un festival che nel tempo è rimasto genuino, semplice, una vetrina per dare un’opportunità di crescita e di visibilità ai tanti ragazzi che amano cantare”, ha commentato Brigida Miranda, tra i coordinatori della manifestazione che vedeva in giuria Stefano Casadio (direttore artistico del Faenza Pop Festival e del Summer Pop Festival), Claudio Bolognesi (giornalista), Matteo Bartolotti (etichetta discografica PMS), Alessandro Ricchi (maestro della banda di Castel del Rio), Alberto Baldazzi (sindaco di Castel del Rio), Michele Guaitoli (musicista e voce delle band “Temperance”, “Kaledon” e “Overtures”).

La festa della musica proseguirà anche nelle prossime serate fino a domenica 5 agosto con questo programma: giovedì 2 agosto alle 21 in Sala Magnus (Palazzo Alidosi) spazio alla “Classica alla Corte Alidosi”, viaggio nella lirica con il “Quartetto Butterfly” formato da Etsuko Ueda (soprano), Fabiano Naldini (tenore), Marcella Trioschi (violoncello), Monica Ferrini (maestro concertatore e pianoforte). L’ingresso è gratuito e sarà offerta una degustazione durante la serata; sabato 4 agosto all’agriturismo “Le Selve” dalle ore 20 “Melodia del gusto”, cena con sottofondo musicale con “Ad libitum acoustic duo” (menù su  prenotazione da 22 euro a persona, senza prenotazione da 10 euro, per info: 348 2714259); domenica 5 agosto in piazza della Repubblica dalle 20.30 chiuderà la Music Film Orchestra diretta dal Maestro Alessandro Ricchi, che proporrà brani tratti dalle colonne sonore che hanno fatto la storia del cinema italiano e straniero, con tributi a Ennio Morricone e John Williams.

Nella foto il trio di vincitrici del Canta Rio 2018

A Castel del Rio prosegue la festa della musica, stasera incontro con lo scrittore Gianluca Morozzi
Cronaca 27 Luglio 2018

Dozza in lizza al concorso “Il borgo dei borghi”, il 30 e 31 luglio in paese la troupe di Rai 3

Dozza parteciperà alla sesta edizione del concorso “Il Borgo dei Borghi”, che andrà in onda su Rai 3 a partire da novembre 2018.

Si tratta di una bella occasione di visibilità per il borgo. La manifestazione, che sarà trasmessa in quattro serate, di cui tre eliminatorie e un gran galà finale, ha ottenuto infatti nelle precedenti edizioni l”8,3% di share, totalizzando due milioni di spettatori e un grande risalto sulla stampa nazionale.

Il 30 e il 31 luglio la troupe della trasmissione sarà dunque a Dozza per riprendere, anche con l”aiuto dei droni per le inquadrature aeree, immagini del paese e del territorio, oltre che per raccogliere interviste.

Particolarmente soddisfatto per l”opportunità il sindaco di Dozza, Luca Albertazzi, che la ritiene una «grande occasione di promozione per tutto il territorio». «E’ un riconoscimento gratificante – sottolinea – che ci sprona a perseverare nella strada intrapresa per il rilancio di tutto il comparto turistico – culturale. Negli ultimi anni gli eventi e la frequentazione del borgo sono in netta ripresa: a testimonianza di questo ci sono il crescente interesse da parte di testate giornalistiche e di emittenti televisive e il ritrovato prestigio nazionale che Dozza sta riscontrando. Un sentito ringraziamento a tutti i cittadini, gli enti, le attività ed i volontari che parteciperanno alle riprese».

«Stiamo affiancando la produzione nell’organizzazione», interviene il vicesindaco Giuseppe Moscatello, che aggiunge: «Dozza è uno dei due borghi scelti per rappresentare l’Emilia Romagna: abbiamo infatti tante attrattive ed eccellenze da mostrare e raccontare, la nostra comunità ha risposto col massimo entusiasmo».

Secondo Erik Lanzoni, direttore della società IF (ImolaFaenza Tourism Comopany): «Dozza è una delle mete turistiche più importanti dell’area bolognese ed è anche l”unico borgo del Città Metropolitana di Bologna che fa parte dell”associazione nazionale dei Borghi più belli d”Italia.  Un riconoscimento questo che premia l”autenticità del Borgo e la sua vivacità culturale ed artistica, dove si intrecciano tradizioni, storia, arte, cultura, paesaggio ed enogastronomia: una sintesi perfetta di quello che il turista cerca».

Dozza in lizza al concorso “Il borgo dei borghi”, il 30 e 31 luglio in paese la troupe di Rai 3
Cronaca 21 Giugno 2018

L’Associazione «Manuela Ghini» e il concorso d'auto d'epoca «Gianni Berti» donano 5.000 euro all’Oncologia di Imola

Quando le auto d”epoca incontrano la beneficenza il risultato non può che essere positivo. L”Associazione «Manuela Ghini», infatti, grazie al 2° «Concorso di Eleganza Coppa Gianni Berti», riservato a vetture storiche fino al 1979 e tenutosi sabato scorso a Budrio, ha devoluto al Day Hospital Oncologico di Imola, guidato dal Dottor Antonio Maestri, la cifra di 5.000 euro.

Al termine della manifestazione, dove erano presenti ben 31 auto d”epoca, il presidente dell’Associazione «Manuela Ghini», Fausto Governato, ha proceduto alla consegna alla dott.ssa Rosalba Poggi, presente in rappresentanza dell’Oncologia di Imola, dell’assegno simbolico.

r.c.

Nella foto: la consegna dell”assegno da 5.000 euro

L’Associazione «Manuela Ghini» e il concorso d'auto d'epoca «Gianni Berti» donano 5.000 euro all’Oncologia di Imola
Cronaca 24 Maggio 2018

Concorso «Ezio Pirazzini», la classe «quinta G» del Paolini ha sbaragliato la concorrenza

Lunedì 21 maggio c’è stato l’appuntamento finale per la 6ª edizione del concorso «Ezio Pirazzini, protagonista di una passione», riservato agli studenti delle scuole superiori del Circondario imolese. Gli organizzatori sono sempre loro da sempre: la sezione locale degli Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia, la figlia Gabriella Pirazzini, Marco Isola e Vinicio Dall’Ara, insieme ad altri amici e colleghi del giornalista. Il sottotitolo di questa edizione era «Highlanders o meteore? Stili di vita, stili di sport». E gli studenti dovevano formulare tali concetti attraverso articoli o filmati. Novità di quest’anno la partecipazione dell’istituto alberghiero Bartolomeo Scappi di Castel San Pietro. Notevole anche la giuria tecnica, composta da Giuseppe Tassi (editorialista Qn), Pino Allievi (inviato Gazzetta dello Sport), Raffaele Dalla Vite (giornalista ex Gazzetta dello Sport), Renato D’Ulisse (ex Gazzetta dello Sport e Stadio), Stefano Mei ( presidente nazionale Azzurri d’Italia) e Gianfranco Bernardi (presidente del comitato organizzatore).

La sezione articolo è stata vinta da Lorenzo Di Palma (5ªG del Paolini) con «No; provare no! Fare o non fare: non c’è provare! Quando l’allenatore fa la differenza». Ha partecipato anche nel multimediale con il video «Dietro a grandi atleti… grandi allenatori». Per lui 300 euro, un ingresso per il Crame e un «pass» valido per 2 persone per il fine settimana del Mondiale di Motocross. Secondo premio per Lorenzo Franzoni (5ªG Paolini) con «E’ tutta colpa delle stelle?», dedicato alla figura di Giancarlo Falappa, pilota di Superbike. Salgono sul podio (a pari merito) anche Martina Panieri (5ªG Paolini) con «Lo star system dello sport. Gossip e pubblicità creano i veri campioni di oggi» e Riccardo Barone (3ªC Scappi) che ha prodotto un articolo su Giacomo Perini, atleta paralimpico di canottaggio. Le menzioni sono state per Alessandro Negroni (5ªD Scarabelli), Marco Gerardi (4ªG Sia Paolini), per il gruppo «Sick for Sport» (3ªBS Luca Ghini) composto da Omorinsola Doyinsola Oladejo, Giovanni Merli, Lucio Oriani, Giorgia Paruolo, infine per Gaia Russo (5ªG Paolini), quarta per un soffio, con il tema: «Se non hai paura di perdere, non meriti di vincere».

La sezione multimediale ha visto come vincitore Alessandro Cappello (5ªG Paolini) con il video «L’arte nello sport», un suggestivo parallelismo tra arte, musica e sport. Secondo premio pari merito per Giulia De Martinis (4ªG Paolini) con il video «Tanto tempo fa» e per Sara Cristallo (3ªC Scappi) con il sito web «Our healthy life». Chiude il podio il gruppo composto da Andrea Fabiloni (capofila), Martino Filippone, Amanda Costa e Susanna Amadei (3ªBS Ghini), che si sono messi in gioco con un video del quale sono stati registi e attori riflettendo sull’importanza dell’allenamento costante nel determinare i risultati. Menzioni per il gruppo composto da Giulia Tedesco, Alesia Dragoti e Elisa Draghetti (1ªBC Ghini), per il gruppo composto da Giorgia Titone, Claudia Scavella, Miriam Pinto e Aicha Bouhamadi (1ªBC Ghini), infine per Mara Leonardi, Pamela Rossetti e Dana Toma (5ªH Scappi).

r.c.

Nella foto: il gruppo dei premiati del concorso

Concorso «Ezio Pirazzini», la classe «quinta G» del Paolini ha sbaragliato la concorrenza
Cultura e Spettacoli 26 Aprile 2018

L'amicizia è stato il tema della quarta edizione del concorso di poesia del San Giovanni Bosco

Novanta inni all’amicizia hanno partecipato quest’anno alla quarta edizione del concorso di poesia Giacomo Pierotti, organizzato dalle scuole San Giovanni Bosco e rivolto agli studenti delle classi terze delle scuole medie di Imola e circondario. «La poesia ha un linguaggio che spesso allontana chi non la conosce – spiega l’insegnante Tania Vannini, referente organizzativa del premio -. Il tema di questa edizione era l’amicizia e i ragazzi ci hanno colpiti, perché hanno ricercato con cura le immagini e le parole, sono stati proprio attenti a dire le cose in un modo giusto e quindi vero. Con la poesia hanno fatto quello che noi ci auguravamo quando abbiamo organizzato il primo concorso dedicato a Giacomo Pierotti: hanno cercato di capire la vita. Con la poesia hanno dato concretezza all’amicizia, accorgendosi di più della sua presenza, l’hanno inseguita e si sono chiesti il perché di questo rapporto. Hanno verificato a modo loro la veridicità di quello che afferma Gilbert Keith Chesterton, “l’abisso che corre fra l’essere soli e l’avere un alleato. Si può concedere ai matematici che quattro è due volte due; ma due non è due volte uno: due è duemila volte uno”».

Era infatti questa una delle citazioni proposte come spunto di riflessione, assieme ai versi dell’Inferno di Dante, con le parole pronunciate da Ulisse nel canto XXVI, a proposito dell’avventuroso viaggio compiuto con i suoi compagni oltre la fine del mondo: «…ma misi me per l’alto mare aperto, sol con un legno e con quella compagna picciola da la qual non fui diserto». Il concorso è dedicato allo studente Giacomo Pierotti. «Durante la terza si ammalò molto gravemente – ha ricordato il presidente della cooperativa Il Bosco, Gianni Montroni -. Il panorama, gli alberi e il bosco attorno all’ospedale di Montecatone, dove era ricoverato, gli fecero capire il valore dell’“Infinito” di Leopardi. Fece una parafrasi della poesia e invitò i compagni di classe a fare altrettanto. Questi furono colpitissimi dal ragazzo, che nonostante la malattia aveva domande, bisogno di significato e attraverso la poesia è riuscito a esprimere tutto questo. Non vogliamo dimenticarlo. Vi auguro – ha poi aggiunto rivolgendosi agli studenti – di essere poeti sempre, aperti a voi stessi e a quello che avete davanti, fino a scoprire lo stupore e il significato che le cose portano».

I componimenti sono stati valutati dallo scrittore e poeta Davide Rondoni, dalla critica letteraria Irene Mezzaluna e da un’insegnante di Lettere della scuola. Lo scorso 20 aprile, a palazzo Sersanti, sono stati premiati i vincitori, che hanno ricevuto bonus di vari importi per le spese scolastiche, e la scuola con il maggior numero di partecipanti, l’Istituto comprensivo 6 (scuola media Andrea Costa), che ha presentato 26 componimenti, aggiudicandosi così i 500 euro in palio. Alla premiazione hanno partecipato anche Irene Mezzaluna e il poeta Riccardo Frolloni, direttore del Centro di poesia contemporanea di Bologna. 

lo.mi.

Le prime tre poesie classificate su «sabato sera» in edicola dal 25 aprile.

Nella foto (Isolapress): i primi tre classificati. Da sinistra Gaia Tufano, Matilde Mongardi e Francesco Cassani insieme alla critica letteraria Irene Mezzaluna e il poeta Riccardo Frolloni

L'amicizia è stato il tema della quarta edizione del concorso di poesia del San Giovanni Bosco
Cultura e Spettacoli 6 Aprile 2018

Premiazione con sorpresa per Anna Gaspari, che ha vinto il concorso “Silvia Lucchese'- IL VIDEO

E” Anna Gaspari della III D la vincitrice della ventiduesima edizione del concorso «Silvia Lucchese», iniziativa riservata agli alunni e alle alunne delle classi terze della scuola secondaria di primo grado statale «Fratelli Pizzigotti» di Castel San Pietro. La giovane studentessa ha conquistato l”assegno di 650 euro riservato a chi realizzava l”intervista migliore su un tema che, quest”anno, riguardava l”amicizia.

Il concorso, nato per onorare la memoria di Silvia Lucchese (stimata collaboratrice del settimanale “sabato sera” scomparsa il 4 aprile 1996), consiste nella realizzazione di un”intervista a persone residenti a Castel San Pietro su un tema deciso dall”organizzazione del concorso (che vede il coinvolgimento della scuola Pizzigotti, del Comune di Castel San Pietro e della cooperativa Bacchilega che edita il “sabato sera”). 

L”intervista di Anna Gaspari è risultata la più apprezzata, sia per lo stile accurato della composizione che per la curiosità delle domande rivolte all”intervistato, il cantante Nearco. E proprio l”artista castellano – dopo che la giovane è stata premiata ieri al teatro Jolly dal presidente del Consiglio comunale, Stefano Trezzi, e da Marina Zanotti, amica di Silvia Lucchese – ha fatto una sorpresa alla sua intervistatrice, salendo sul palco per complimentarsi con lei e per leggere a tutti gli studenti delle terze il lavoro di Anna.

Nel pomeriggio di festa al Jolly, sono stati premiati con un attestato anche gli studenti che hanno realizzato l”intervista più meritevole di ogni classe, e  le ragazze hanno dominato: Ginevra Zanotti per la III A, Marta Crini per la III B, Emma Veronesi per la III C, Giorgia Zattoni per la III E, Greta Pagani per la III F e Gaia Lepri per la III G.

r.c.

Nella foto Anna Gaspari con Nearco durante la premiazione

Premiazione con sorpresa per Anna Gaspari, che ha vinto il concorso “Silvia Lucchese'- IL VIDEO
Ciucci (ri)belli 12 Marzo 2018

Piedoni e Piedini, il concorso Bacchilega Junior

La festa del papà si avvicina e Bacchilega Junior, ispirandosi al libro Il viaggio di Piedino, scritto da Elisa Mazzoli e illustrato da Marianna Balducci (Bacchilega Junior 2018), ha deciso di proporre un simpatico esperimento.

Piedoni e Piedini fotogenici sono invitati a partecipare all’estrazione di una copia del libro, inviando una loro foto insieme. La foto può assomigliare all’immagine riportata qui sopra oppure no e può coinvolgere Piedoni-papà ma anche mamme, nonni, fratelli e così via.Il viaggio di Piedino

Come si partecipa

– Scattate una foto in cui il vostro Piedone e il vostro Piedino compaiano assieme.

– Mettete like alla pagina Facebook di Bacchilega Junior https://www.facebook.com/bacchilegajunior/

– Condividete su Facebook la vostra foto entro le 23.59 del 19 marzo 2018 taggando la pagina Bacchilega Junior e usando l’hashtag #ilviaggiodipiedino (attenzione, il vostro profilo deve essere pubblico o non si riuscirà a vedere e ricondividere la vostra foto).

Che vincano i Piedoni e Piedini migliori!!!

 

Piedoni e Piedini, il concorso Bacchilega Junior
Sport 3 Marzo 2018

Danza sportiva, domani si balla Low Cost alla Cavina

Domani presso la palestra Cavina si terrà Il primo Concorso sociale Low Cost di danza sportiva organizzato dalla Dea, Dance Evolution Academy, e patrocinato dal Comune di Imola, che ha concesso l’utilizzo gratuito della struttura.

Il concorso prevede la mattina le competizioni tra adulti, mentre dal primo pomeriggio i protagonisti saranno i bambini. «Lavoriamo a Imola da un paio d’anni – spiega Letizia Ingrosso che, insieme al suo ballerino Marco Cavallaro, ha fondato l’associazione – e la città ha risposto molto bene alle nostre iniziative. Ci aspettiamo una buona partecipazione anche stavolta. Ci saranno ballerini provenienti da tutta Italia, le iscrizioni non sono ancora chiuse ma pensiamo di raggiungere tra le 150 e 200 coppie di partecipanti».

Il concorso imolese, inserito in un circuito promosso da Promodanza e Asc, è aperto dai 6 anni in su per tutte le specialità di danza sportiva: standard, latino americano e liscio unificato e per le classi B, C e D. Parteciperanno anche due coppie italiane di fama internazionale come Domenico Aliberti accompagnato da Giulia De Maio e Francesco Esposito con la sua ballerina Svetlana Kostenko che terranno due esibizioni nel corso della giornata. Anche la Dance Evolution Academy avrà dei propri partecipanti: «Sono cinque coppie di piccoli atleti – conclude Letizia Ingrosso – che hanno già partecipato a concorsi nazionali e sono molto eccitati all’idea che se ne tenga uno anche a Imola».

re.co.

Nella foto: la fondatrice dell”associazione Dea Letizia Ingrosso insieme ad alcuni atleti

Danza sportiva, domani si balla Low Cost alla Cavina

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast