Posts by tag: elezioni

Cronaca 5 Ottobre 2021

Elezioni Castel del Rio, Baldazzi dopo la vittoria: «Risultato soddisfacente». E l’avversario Morotti: «Opposizione senza barricate»

«È stato un risultato soddisfacente. Mi fa piacere soprattutto che i due candidati più votati siano stati i più giovani, Davide Righini e Annamaria Mazzini. Ad entrambi ho già proposto di diventare assessori e hanno accettato». Così Alberto Baldazzi, appena rieletto sindaco di Castel del Rio per la terza volta con quasi l’80% dei voti, commenta il responso delle urne. La notizia, però, è il calo dell’affluenza, superiore a quello registrato praticamente in tutta Italia. «C’è disaffezione e disimpegno – continua Baldazzi -, complice il tema Covid che ha generato disagio tra gli italiani. La politica deve recuperare un’attenzione verso le questioni che importano i cittadini, bisogna dare un senso alla democrazia elettiva e spostare il potere effettivo dalla sanità di nuovo alla politica». Il sindaco rieletto spende anche qualche parola per il suo avversario, Fabio Morotti, che si è fermato al 20,79%: «Onore ai vinti per il fair play dimostrato in campagna elettorale e per il coraggio di presentare una lista in così breve tempo».

Dal canto suo, il candidato del centrodestra non nasconde la delusione per il risultato. «Speravo meglio, puntavo almeno al 25% – ammette Morotti -. Purtroppo non è andato a votare nemmeno uno in più di quelli che avevo calcolato». Per l’esponente della Lega, però, il 2016 non si conta. «Noi non c’eravamo cinque anni fa, per noi è stato tutto in salita, una parte del paese non è stata rappresentata negli ultimi anni», sostiene. E a chi non è andato a votare dice: «L’elettore ha sempre ragione, ma chi non ha voluto votare si assumerà le responsabilità, non so che motivazioni possa avere chi sta a casa». Morotti ricambia la cortesia di Baldazzi: «Io e Alberto ci conosciamo bene, non ho voluto impostare la campagna elettorale in modo aggressivo, l’unico fine che avevamo era migliorare il nostro paese». Per questo, conclude, «faremo opposizione senza barricate. Abbiamo vedute politiche diverse, ma non buttiamo giù ponti né chiudiamo portoni». (mi.ta.) 

Approfondimenti su «sabato sera» del 7 ottobre.

Nella foto (Isolapress): Alberto Baldazzi dopo la vittoria

Elezioni Castel del Rio, Baldazzi dopo la vittoria: «Risultato soddisfacente». E l’avversario Morotti: «Opposizione senza barricate»
Cronaca 4 Ottobre 2021

Elezioni Castel del Rio, affluenza in calo: solo il 56,29% di votanti

In picchiata, come nel resto d’Italia, l’affluenza alle elezioni comunali di Castel del Rio. La percentuale alla chiusura delle urne, prevista per le 15 di oggi, si è attestata al 56,29%, quasi 14 punti in meno rispetto a cinque anni fa, quando i votanti raggiunsero il 70% tondo. Un dato in linea con quanto accaduto ieri, primo dei due giorni di voto, dove i dati erano già in calo rispetto al 2016. (mi.ta.)

Foto dalla pagina facebook del Comune di Castel del Rio

Elezioni Castel del Rio, affluenza in calo: solo il 56,29% di votanti
Cronaca 4 Ottobre 2021

Elezioni 2021, a Castel del Rio affluenza in netto calo nella prima giornata di voto

Urne di nuovo aperte questa mattina a Castel del Rio fino alle ore 15. Dai dati forniti dal sito Eligendo del ministero dell’Interno, nella prima giornata di voto si sono recati alle urne il 43,50% degli aventi diritto, affluenza in netto calo rispetto al 70% registrato nella prima giornata della scorsa tornata elettorale. (lo.mi.) 

Nella foto: veduta aerea di Castel del Rio

Elezioni 2021, a Castel del Rio affluenza in netto calo nella prima giornata di voto
Cronaca 2 Ottobre 2021

Elezioni Castel del Rio, Baldazzi cerca il tris ma Morotti vuole fermarlo

Fari puntati su Castel del Rio domenica 3 e lunedì 4 ottobre. Il più piccolo Comune del circondario imolese, 1.200 anime circa di cui 993 aventi diritto al voto, eleggerà infatti il suo sindaco e il nuovo Consiglio comunale.

A suo modo, sarà un’elezione storica: per la prima volta dall’avvento della legge che ha introdotto l’elezione diretta del primo cittadino, un sindaco uscente si candida infatti per il terzo mandato. Alberto Baldazzi, 56 anni, primo cittadino dal 2011, approfitta così della modifica di legge che consente questa possibilità nei piccoli Comuni per cercare il tris. Il suo avversario è Fabio Morotti, 58 anni, già segretario di Vallata della Lega, alla guida di una lista di centrodestra sostenuta, oltre che dal Carroccio, anche da Fratelli d’Italia e Forza Italia. Entrambe le liste sono composte di dieci candidati consiglieri, tanti quanti sono i seggi disponibili a cui si aggiunge il sindaco eletto.

Per quanto riguarda l’accesso al voto, le urne saranno aperte la domenica dalle 7 alle 23 e il lunedì dalle 7 alle 15. Si applicheranno le misure anti-Covid, pertanto ci si dovrà recare al seggio indossando la mascherina, muniti del documento d’identità e della tessera elettorale. Gli elettori non deambulanti, fisicamente impediti o affetti da gravissima infermità possono ottenere un certificato che consenta loro, a seconda dei casi, di farsi accompagnare in cabina da persone di fiducia o esprimere il voto a domicilio. Per informazioni si può chiamare lo 0542-604950. (mi.ta.)

Nella foto: da sinistra, Alberto Baldazzi e Fabio Morotti

Elezioni Castel del Rio, Baldazzi cerca il tris ma Morotti vuole fermarlo
Cronaca 25 Settembre 2021

Elezioni comunali a Bologna, il punto con i sindaci Fausto Tinti e Luca Lelli

Le elezioni comunali del 3 e 4 ottobre prossimo saranno uno snodo importante anche per il nostro territorio. Anche se nel circondario imolese si vota solo a Castel del Rio, l’esito del voto a Bologna ci riguarderà direttamente.

Sindaco Tinti, lei è in Consiglio metropolitano dal 2015 e ne è stato anche vicesindaco. Come vede la Città metropolitana alla vigilia delle elezioni comunali di Bologna?

«Il nuovo sindaco, insieme al Consiglio che sarà eletto dopo di lui, deve avere la sapienza di tenere insieme Bologna e un territorio più allargato. Pensiamo all’aeroporto, all’alta velocità, alla fiera: sono tutti hub polifunzionali di Bologna, ma da gestire in un’ottica più ampia. E il territorio allargato deve lavorare con Bologna».

Sindaco Lelli, ci sono aspetti sui quali ritiene si possano migliorare i rapporti tra Città metropolitana, la «grande» Bologna e gli altri Comuni?

«Si può migliorare, certo, sul tavolo ci sono alcune proposte, ma c’è già un’impostazione su questi temi. La Città metropolitana ha una funzione di cerniera tra il capoluogo, che rappresenta meno del 40% del milione di residenti dell’area e gli altri Comuni che hanno, ciascuno, proprie peculiarità. Questa relazione è una delle chiavi per stabilire se la Città metropolitana funziona o no». (mi.ta.)

Le interviste complete su «sabato sera» del 23 settembre.

Nella foto: da sinistra, il sindaco di Castel San Pietro Tinti ed il sindaco di Ozzano Lelli

Elezioni comunali a Bologna, il punto con i sindaci Fausto Tinti e Luca Lelli
Cronaca 3 Settembre 2021

Elezioni Castel del Rio, il centrodestra presenta la lista a sostegno di Fabio Morotti

Dopo il sindaco uscente Alberto Baldazzi, anche il candidato del centrodestra, Fabio Morotti, presenta la lista di candidati al consiglio comunale in vista delle elezioni comunali di Castel del Rio del 3 e 4 ottobre. “Centrodestra per Castel del Rio” è appunto il nome della lista, sostenuta da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia e formata di otto uomini e due donne, di età compresa tra i 19 ed i 72 anni.

Le due signore sono Mara Castaldi, pensionata e Flaviana Camaggi, ausiliaria alla vendita, mentre questa è la compagine maschile: Renzo Gasperini, agricoltore, Giovanni Linguerri, pensionato, Matteo Elia Luigi Iervolino detto Gigi, ortopedico, Franco Antimi, pensionato, Marco Ronchini, agricoltore, Mauro Fini, operaio metalmeccanico, Ivan Miani, impiegato e Federico Bitelli, studente e più giovane in lista. (r.cr.)

Nella foto: Fabio Morotti

Elezioni Castel del Rio, il centrodestra presenta la lista a sostegno di Fabio Morotti
Cronaca 29 Agosto 2021

Elezioni Castel del Rio, il sindaco uscente Baldazzi presenta la sua lista. Tutti i nomi

E’ iniziato il conto alla rovescia per le elezioni comunali a Castel del Rio, che si terranno il prossimo 3-4 ottobre. Il primo a presentare la sua lista è stato il sindaco uscente Alberto Baldazzi che dopo i due mandati punta al tris. Tra i nomi della lista civica «Per Castel del Rio», appoggiata dal Partito Democratico, figurano due membri dell’attuale giunta, ovvero la vicesindaca ed assessore a welfare e sanità Daniela Masi e l’assessore alla scuola Elisabetta Masi. Presenti anche i consiglieri Sergio Galeotti e Gabriele Ciarlatani.

Tra le new entry Annamaria Mazzini, educatrice e vicepresidente della Pro Loco alidosiana, Marco Dall’Osso, presidente dell’associazione cacciatori di Castel del Rio, Raffaella Cantagalli, titolare di un negozio bio a Imola, Davide Righini, imprenditore, Franca Poggiali, castanicoltrice in pensione ed ex dipendente del Comune di Imola, e Stefano Sabioni, direttore del Sistema Museale Alidosiano.

Nei prossimi giorni sarà presentata anche la lista di Fabio Morotti, l’altro candidato sindaco scelto dal centrodestra. (r.cr.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 2 settembre.

Nella foto: i componenti della lista «Per Castel del Rio» presentata dal sindaco uscente Alberto Baldazzi 

Elezioni Castel del Rio, il sindaco uscente Baldazzi presenta la sua lista. Tutti i nomi
Cronaca 26 Agosto 2021

Elezioni comunali, a Castel del Rio c’è una poltrona per due

Alberto Baldazzi, prima che fosse reso noto il nome del suo rivale, aveva auspicato la presenza di una seconda lista a Castel del Rio per «assicurare la dialettica democratica all’interno della comunità alidosiana». Il sindaco in carica corre per il terzo mandato (nei piccoli Comuni si può) e insieme alle forze della coalizione di centrosinistra sta compilando la lista «Per Castel del Rio» e definendo il programma per la consiliatura 2021-2026. «Abbiamo davanti quattro obiettivi fondamentali» anticipa Baldazzi.

La lunga trattativa nel centrodestra della vallata del Santerno ha portato alla scelta di Fabio Morotti come candidato sindaco nella lista «Centrodestra per Castel del Rio». «Ho accettato la candidatura con molta umiltà, riconoscendo i valori in campo – esordisce Morotti -. Sfidiamo Baldazzi per dare un’alternativa reale».

Per la presentazione delle liste ci sono due finestre: venerdì 3 settembre dalle 8 alle 20 e sabato 4 settembre dalle 8 alle 12. (mi.ta.)

Nella foto: a sinistra Alberto Baldazzi; a destra Fabio Morotti

Elezioni comunali, a Castel del Rio c’è una poltrona per due
Sport 26 Gennaio 2021

Atletica, il presidente della Sacmi Avis Massimo Cavini corre per la Fidal

«Una Federazione semplice per cambiare e libera per ascoltare»: è questo lo slogan di Stefano Mei, ex mezzofondista azzurro e campione europeo, che si candida per la seconda volta alla presidenza della Fidal. Elezioni in programma domenica 31 gennaio. Direte: cosa c’entra questo col territorio imolese? C’entra eccome, dal momento che nella squadra dello spezzino c’è anche Massimo Cavini, presidente dell’Atletica Imola Sacmi Avis. «La candidatura di 4 anni fa di Stefano Mei alla presidenza Fidal era stata un pochino improvvisata, visto che era stata pensata dopo la débacle alle Olimpiadi di Rio – spiega Cavini -. L’Atletica Imola si era già schierata con lui, perché ci piacevano le sue idee e il suo progetto: purtroppo però vinse Alfio Giomi, già presidente dal 2012, e la sua guida è rimasta passiva e personalistica».

Nella presentazione dei suoi candidati, Mei ti ha descritto come «esperto nella gestione degli impianti nell’area finanziaria».

«Stefano ha posto l’accento sulla gestione dell’impianto perché ha visto che noi ad Imola gestiamo lo stadio Romeo Galli, dove gioca l’Imolese, e per questo motivo siamo un po’ una mosca bianca nel panorama sportivo italiano, visto che generalmente accade il contrario. Il mio punto forte possono essere i regolamenti e la parte finanziaria. Ad oggi il bilancio Fidal parla di 4 milioni di euro all’anno di spese per consulenze esterne: decisamente troppi, qualcosa va tagliato e diretto verso l’attività tecnica». (an.cas.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 21 gennaio.

Nella foto: Massimo Cavini

Atletica, il presidente della Sacmi Avis Massimo Cavini corre per la Fidal
Cronaca 17 Novembre 2020

Un bando estivo per animare il parco dell’Osservanza

Tra le deleghe che il sindaco Marco Panieri ha attribuito all’assessora Elisa Spada c’è la Cura dei parchi cittadini e degli spazi verdi dell’Osservanza. Una tematica strettamente connessa alla delega all’Ambiente, anch’essa affidata all’esponente di Imola Coraggiosa.

Il primo progetto cui Spada accenna tuttavia, in relazione all’utilizzo e alla valorizzazione del parco dell’Osservanza (inaugurato nel 2016), la vede lavorare in sinergia con l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi. «La nostra intenzione – annuncia – è pubblicare un bando per la programmazione estiva, da giugno a settembre, al fine di animare il parco con un’offerta culturale, realizzata insieme a realtà artistiche e culturali del territorio, che si rivolga a tutti, dal bambino all’anziano. È importante riuscire a portare il bello in quel luogo e il fatto che lo spazio sia vissuto va di pari passo con la sicurezza: più un luogo è vissuto e presidiato, più diminuiscono certi episodi (l’accenno è agli atti di vandalismo che si sono verificati nei giorni scorsi, ndr). Al contrario, certe situazioni si verificano se un luogo appare come terra di nessuno. L’Osservanza, invece, è di tutti».

La programmazione dà inoltre la possibilità di coinvolgere realtà culturali e associazioni ora piuttosto in difficoltà a causa del Covid, che ha fermato corsi e spettacoli. In attesa dell’estate, comunque, Elisa Spada non esclude la possibilità di attivare iniziative già nel corso dei mesi invernali. (mi.ta.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 12 novembre.

Nella foto (Isolapress): l’assessora Spada in bici all’Osservanza

Un bando estivo per animare il parco dell’Osservanza

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast