Posts by tag: festa della repubblica

Cronaca 22 Giugno 2019

Commendatori e cavalieri, le onorificenze del 2 Giugno che hanno interessato personaggi di Imola e Ozzano

Il 2 giugno è stata la giornata di celebrazione nazionale della nascita della Repubblica italiana. Giornata in cui si sono svolte cerimonie ufficiali organizzate dalle prefetture un po’ su tutto il territorio nazionale, con parate militari passate in rassegna dai prefetti nelle veste di più alta autorità governativa in provincia. E nell’occasione si sono svolte anche le cerimonie di consegna delle onorificenze al merito della Repubblica italiana. Ebbene tra i 64 neoinsigniti che hanno partecipato alla cerimonia solenne svoltasi a palazzo Caprara Montpensier, sede della prefettura di Bologna, c”erano gli imolesi Stefano Domenicali (presidente e amministratore delegato della Lamborghini) e Libero Calamosca (impegnato nel sindacato degli agenti immobiliari), il primario dell”Oncologia di Imola, ma conselicese d”origine Antonio Maestri e l”ozzanese Gianluca Migliozzi, tenente colonnello dei carabinieri. 

Stefano Domenicali. Attuale presidente e amministratore delegato della Lamborghini, la casa automobilistica di Sant’Agata Bolognese produttrice di auto di lusso, di proprietà della tedesca Audi, è stato insignito del titolo di Commendatore della Repubblica, onorificenza che va ad aggiungersi al titolo di Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana assegnatogli nel 2002. «Sono molto orgoglioso di ricevere questo riconoscimento in questo giorno di festa nazionale – ha commentato il neocommendatore – perché, da italiano, sento molto certi valori e certe responsabilità». Prima del passaggio al gruppo Audi, Domenicali ha avuto un ruolo di primo piano nei successi della scuderia Ferrari nei campionati di Formula 1 degli anni 2000, divenendo direttore della gestione sportiva della casa di Maranello in sostituzione di Jean Todt dal 2008 al 2014.

Libero Calamosca. Personaggio noto a Imola per via dell’attività di agente immobiliare, lo scorso 2 giugno è stato insignito invece del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica italiana. «E’ stata una grande emozione, che ancora porto dentro nonostante i giorni già trascorsi dalla cerimonia in prefettura – commenta -. Alla mia età ricevere un simile riconoscimento per ciò che si è fatto durante la vita è sicuramente motivo di orgoglio e di grande soddisfazione». I meriti di Calamosca non si limitano alla lunga attività libero professionale ma anche all’impegno profuso in ambito sindacale nella categoria degli agenti e dei consulenti immobiliari.

Antonio Maestri. E” un nome noto della sanità imolese, dal dicembre 2010 direttore del dipartimento dell’Azienda Usl di Imola comprendente il reparto di oncologia dell’ospedale Santa Maria della Scaletta, il day hospital oncologico e l’hospice di Castel San Pietro.

Gianluca Migliozzi. E” stato nominato Cavaliere al merito della Repubblica italiana, riconoscimento proposto dal sindaco di Ozzano, Luca Lelli, per il servizio prestato dall’ufficiale, con il grado di capitano, tra il 2005 e il 2009, alla guida della compagnia di San Lazzaro di Savena. «Ricordo molto bene l’esperienza e la grande disponibilità del capitano Migliozzi ed i rapporti continui e costanti che riusciva a tenere con gli amministratori del territorio – ha raccontato il sindaco di Ozzano dell’Emilia -. Fu grazie al suo prezioso apporto che si riuscì ad intensificare i servizi di controllo, riuscendo a disarticolare sodalizi criminali dediti allo sfruttamento della prostituzione e al traffico internazionale di droga». (r.cr.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 20 giugno

Nella foto sopra il prefetto di Bologna Patrizia Impresa con Stefano Domenicali e il sindaco metropolitano Virginio Merola. Sotto, a sinistra Libero Calamosca con il prefetto e a destra Gianluca Migliozzi con il prefetto e il sindaco di Ozzano Luca Lelli

Commendatori e cavalieri, le onorificenze del 2 Giugno che hanno interessato personaggi di Imola e Ozzano
Cronaca 1 Giugno 2018

A Ca' Malanca un'iniziativa per commemorare la 72° festa della Repubblica

Domani, per le celebrazioni del 72° anniversario della festa della Repubblica , sono varie le cerimonie in programma. Un’iniziativa che coinvolge più istituzioni è quella organizzata dall’associazione Ca’ di Malanca e dall’Anpi di Faenza, con il patrocinio dell’Unione dei Comuni della Romagna Faentina e della Regione Emilia Romagna, la Festa della Repubblica, che, in questa occasione, rappresenta anche il 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione.

Il programma prevede alle ore 12.30 il pranzo del partigiano; alle 14 la prima parte del concerto del gruppo musicale Figli dell’oblio, Nomadi tribute band. Alle 15 l’intervento di Alberto Baldazzi, sindaco di Castel del Rio, sul tema Attualità della Costituzione italiana. Seguirà la presentazione del libro La Linea Gotica, i luoghi dell’ultimo fronte di guerra in Italia di Gabriele Ronchetti; Gualtiero Malpezzi e Alberto Baldazzi ne parleranno con l’autore. Seguirà la seconda parte del concerto del gruppo musicale. Nel corso della manifestazione si può visitare il Centro documentazione della Resistenza – Ca’ di Malanca, con ingresso a offerta libera.

Ca’ di Malanca si raggiunge in auto dalla provinciale Brisighellese, deviando per San Martino in Gattara – Monte Romano – Croce Daniele. Quindi si prosegue su stradello in parte sterrato per circa tre chilometri, parcheggiando lungo la strada e facendo attenzione a non ostruire il passaggio. A piedi si raggiunge seguendo i sentieri n. 505 Cai da Croce Daniele, n. 579 Cai da Purocielo, n. 2 Uoei da San Cassiano. Chi sceglie di usare il treno scende alla stazione di San Cassiano e segue il sentiero n. 2 Uoei. 

r.c.

Il programma degli eventi a Imola e Medicina su «sabato sera» del 30 maggio.

Nella foto: Ca” Malanca

A Ca' Malanca un'iniziativa per commemorare la 72° festa della Repubblica

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast