Posts by tag: intech imola

Sport 6 Settembre 2020

Basket C Gold, il ds Carlo Marchi e le ambizioni della Vsv Imola: «Siamo tra le favorite»

Il raduno della Vsv Imola è stato fatto lunedì 31 agosto, seguiranno test sierologici e tamponi rapidi per scongiurare positivi al Covid-19. Barattini e Murati in play, Dalpozzo coi croati Begic e Percan in guardia, Salsini in ala, Ramilli e Aglio che staranno vicino a canestro assieme a Locci, unico «5» puro della rosa, oltre ad uno stuolo di giovani. Questa è la rosa che Regazzi dovrà plasmare in vista di una stagione strana, osservata dall’alto da un virus intraducibile e che, se tutto andrà come previsto, potrebbe iniziare solo a fine ottobre, mettendo di fronte 14 squadre, tra le quali la Virtus Spes Vis Imola si schiera tra le assolute protagoniste, forse come mai in passato, a caccia di una promozione in serie B a lungo sfiorata dal 2009 in poi, anno di nascita di questo sodalizio tricefalo. Di tutto questo ci parla Marchi, direttore sportivo per una decina di stagioni, nonché ultimo allenatore ad avere vinto un campionato, nel lontano 2010.

Carletto, è l’anno buono?

«Il nostro obiettivo è arrivare nelle prime quattro, perché tante squadre si sono rinforzate. Sono consapevole che non ci sono più due pretendenti alla vittoria finale come Bologna e Fiorenzuola, però non sarà facile ugualmente, nonostante abbiamo allestito una squadra molto più forte rispetto allo scorso anno. Noi favoriti? È più corretto dire tra i favoriti. Sono molto competitive anche Quattro Torri Ferrara, Scandiano, Medicina e Castel San Pietro. Senza dimenticarsi della novità Modena, un’incognita, dove il patron è Livio Proli, ex presidente dell’Armani Milano». (p.z.)

L’intervista completa su «sabato sera» del 3 settembre.

Nella foto: Carlo Marchi

Basket C Gold, il ds Carlo Marchi e le ambizioni della Vsv Imola: «Siamo tra le favorite»
Sport 1 Aprile 2020

Basket, Paolo Sgorbati e l’idea di una sola squadra a Imola: «Meglio iniziare dai giovani, come volevamo fare nel 2015»

Parlare con Paolo Sgorbati è come sfogliare un’enciclopedia della pallacanestro imolese. Ha passione, si sente. Ha competenza, si capisce. Ha idee ed è giusto ascoltarle. «Mi considero super partes nei confronti delle due realtà principali imolesi e posso dire di conoscere tutti i dirigenti dei settori giovanili della città».

Classe 1956, imolese ma nato a Grosseto, il fuoco dei cesti è divampato ben presto, fin dai tempi della scuola, quando il compagno di banco era Roberto Ravaglia. Sgorbati, ex giocatore di entrambe le sponde cittadine negli anni Settanta, nel 2015 fece parte di quel gruppo che tentò di unificare i settori giovanili imolesi. Il sindaco Daniele Manca e l’imprenditore Alessandro Curti chiamarono a raccolta i vari dirigenti, ma dopo alcuni incontri il tentativo sfumò. «Facemmo una riunione dove erano presenti tutti: presidenti delle prime squadre e responsabili dei settori giovanili. Parliamo di Andrea Costa, Virtus Spes Vis, Grifo, International e anche Uisp in un secondo tempo, perché era l’unica che si dedicava al femminile. Tutti erano d’accordo in linea di massima con l’idea di partenza, ovvero quella più logica di unificare i settori giovanili. Si organizzarono 4-5 tavoli tecnici per scendere nel dettaglio e si arrivò fino alla presentazione di una struttura. Non fino al punto di unire le società, ma almeno di avere una gestione unica sui giovani, per creare un appeal diverso non solo su Imola, ma anche sulle zone limitrofe. Però non riuscimmo a fare nulla, senza motivi reali, solidi e importanti».

La proposta di Regazzi parte da un altro punto di vista. Chiudere le due vecchie società principali e creare una nuova realtà, partendo dalle prime squadre.

«Conoscendo bene Imola, penso che sarebbe un’impresa ancora più ardua della nostra di 5 anni fa. Una parte dei tifosi da entrambe le sponde si metterebbe contro e la ricerca degli sponsor sarebbe più difficile rispetto ai settori giovanili, visto che si eliminereb- bero due storie importanti. Sarebbe la maniera sbagliata per iniziare, soprattutto in un momento dove la situazione finanziaria del basket imolese è molto precaria e mettere insieme realtà in difficoltà non migliorerebbe di certo la situazione. Inoltre ritengo che ci sia più competenza dirigenziale, organizzativa e tecnica nelle realtà delle giovanili». (p.z.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 26 marzo.

Nella foto: da sinistra Paolo Sgorbati oggi, a destra la Virtus Imola nella stagione 1974/75 (serie C). Sgorbati (numero 8) è accosciato (il secondo da destra),

Basket, Paolo Sgorbati e l’idea di una sola squadra a Imola: «Meglio iniziare dai giovani, come volevamo fare nel 2015»
Sport 29 Febbraio 2020

Squadra unica di basket a Imola, il parere del presidente della Vsv Stefano Loreti: «Ipotesi lontana nei fatti»

La proposta lanciata la scorsa settimana da Marco Regazzi sulle colonne di «sabato sera», ovvero che a Imola sarebbe arrivato il momento di superare le antiche rivalità e puntare tutto su una realtà cestistica unica, sta suscitando parecchie reazioni. Dopo aver sentito il parere «biancorosso» per bocca di Gianpiero Domenicali, spetta ora alla sponda giallonera replicare. «Marco Regazzi – spiega il presidente della Virtus Spes Vis Stefano Loreti – ci aveva informati sulle sue intenzioni e noi non abbiamo avuto nulla in contrario rispetto alla sua iniziativa. Però, ripeto, Marco ha parlato da privato cittadino, anche se certamente non uno qualunque, perché lui conosce la nostra realtà sportiva come pochi altri e sicuramente aveva i titoli per lanciare quella proposta, a prescindere dal giudizio che se ne dà.

Una società unica sarebbe una strada utile da percorrere?

«Ci sono diverse valutazioni da fare. La prima è che in effetti al momento non penso che una realtà come Imola si possa permettere di avere due società di vertice. Questa città ormai ospita tantissime realtà sportive, il basket è ancora la disciplina di punta, ma la concorrenza è tanta e sempre più forte, quindi molto probabilmente nell’ottica delle gestione delle risorse, una sola squadra potrebbe avere senso. Detto questo in realtà non penso che sarebbe utile. Innanzitutto è sostanzialmente una barzelletta che ci siano realtà economiche che non ci aiutano perché siamo due società diverse. Secondo me chi non vuole investire nel basket e non lo sta facendo, non farebbe nemmeno se si presentasse un solo interlocutore. La seconda è legata alla tradizione». (ma.ba.)

Nella foto: Stefano Loreti, presidente della Vsv Imola

Squadra unica di basket a Imola, il parere del presidente della Vsv Stefano Loreti: «Ipotesi lontana nei fatti»
Sport 23 Febbraio 2020

Basket C Gold, l’ex Tassinari regala un dispiacere alla Intech Imola

Ko in trasferta per la Intech Imola che è caduta 85-79 in casa di Scandiano, dell’ex coach Tassinari.

Gialloneri costretti ad inseguire per tutto il primo tempo con Begic che prima li ha tenuti a galla e poi ha guidato la rimonta dopo l’intervallo lungo. La tripla di Barattini a poco più di 4 minuti dalla sirena illude la squadra di Regazzi che, però, nella volata finale lascia strada ai forti padroni di casa. 

Approfondimenti su «sabato sera» del 27 febbraio. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): Dalpozzo

Tabellini

Scandiano-Intech Imola 85-79 (28-19, 46-32, 68-60)

Scandiano: Cunico 10, Bianchi 2, Sakalas 22, Germani 1o, Magni 10, Brevini ne, Astolfi 13, Bertolini, Canovi ne, Pini 18, Caiti ne, Piccinini ne. All. Tassinari.

Imola: Dalpozzo 1, Errera 11, Planinic 17, Barattini 11, Begic 29, Colombo, Marcone 3, Agatensi 3, Orlando 2, Biandolino 2, Piani Gentile ne, Savino ne. All. Regazzi.

Basket C Gold, l’ex Tassinari regala un dispiacere alla Intech Imola
Sport 20 Febbraio 2020

La proposta del coach della Vsv Marco Regazzi: «Per il futuro del basket imolese serve una squadra sola»

Partiamo dal passato. Da un’intervista pubblicata a metà luglio. Così rispondeva Marco Regazzi, appena insediato sulla panchina della Virtus Spes Vis. «Avere una sola squadra di basket a Imola è una cosa fondamentale per il futuro. Se esiste ancora un iceberg tra l’Andrea Costa e il mondo giallonero, ma anche tra le società giovanili, credo sia ora di provare a scioglierlo. Mi sfilo per un attimo la giacchetta del tifoso e dico che deve essere un sentiero obbligatorio da percorrere, per di più in tempi brevi. Siamo agli sgoccioli da entrambe le parti e i vari dirigenti dovranno sedersi attorno ad un tavolo per creare una società sola, che apra uno sbocco unico per i ragazzi. Gli egoismi vanno messi da parte se si vuole evitare la morte sportiva e guardare al futuro con più ottimismoDopo 10 stagioni sono tornato quest’anno nella mia Imola, ma in questo periodo si è sentito di tutto. Dove stia la verità esattamente non lo so, ma qualcosa di reale deve esserci».

Stai parlando dell’Andrea Costa, che naviga in acque turbolente dal punto di vista finanziario come annunciato in conferenza stampa da Gianpiero Domenicali.

«Certo, ma anche in campo si è visto poco a livello di programmazione tecnica, a parte salvare il titolo sportivo e continuare a giocare in A2. Credo che questo sia il momento di sfruttare tutte le opportunità». (p.z.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 20 febbraio.

Nella foto: Regazzi (Intech Imola) e Di Paolantonio (Andrea Costa)

Imola

La proposta del coach della Vsv Marco Regazzi: «Per il futuro del basket imolese serve una squadra sola»
Sport 16 Febbraio 2020

Basket C Gold, l’Olimpia Castello firma l’impresa a casa della capolista. Scivolone al Ruggi per la Intech Imola

Impresa dell’Olimpia Castello che espugna 94-82 il parquet della capolista Fiorenzuola. Scivolone interno, invece, per la Intech Imola, superata 82-72 al Ruggi da Molinella.

La squadra di Serio ha comandato le operazioni fin dalla palla due, trascinata da Ranocchi e Tomesani in serata di grazia. Inutile nell’ultimo quarto il tentativo di rimonta di Fiorenzuola. Ko, invece, un po” a sorpresa per i gialloneri di Regazzi che, nonostante il solito Begic, non riescono a trovare il bandolo della matassa contro Molinella. All’ultimo riposo erano riusciti a rimettere in piedi la partita, ma le energie spese hanno permesso agli ospiti di portarsi a casa i due punti. 

Nel prossimo turno l’Olimpia Castello ospiterà Castel Guelfo (sabato 22, ore 21), mentre la Intech Imola farà visita a Scandiano (domenica 23, alle 18). 

Approfondimenti su «sabato sera» del 20 febbraio. (da.be.)

Nella foto: Ranocchi dell’Olimpia Castello

Tabellini

Intech Imola-Molinella 72-82 (16-21, 30-46, 52-57)

Imola: Dalpozzo 5, Errera 12, Planinic 5, Barattini 11, Begic 24, Colombo, Marcone, Agatensi 10, Orlando 5, Biandolino, Piani Gentile ne, Savino ne. All. Regazzi.

Molinella: Ranzolin 7, Gianninoni 11, Lanzi 8, Manojlovic 2, Gu. Giuliani 8, Guazzaloca ne, Brandani 11, Zuccheri, Frignani 8, Bonanni 17, Tedeschi 10, Caloia. All. Ga. Giuliani.

Fiorenzuola-Olimpia Castello 82-94 (18-28, 36-48, 57-71)

Fiorenzuola: Bracci 8, Marchetti 7, Livelli 5, Fowler 8, Maggiotto 2, Galli 19, Sichel 9, Rigoni ne, Dias, Giancarli 3, Fellegara ne, Ricci 21. All. Galetti.

Castel San Pietro: Benedetti 9, Magagnoli 12, Ranocchi 24, Albertini 10, Trombetti 11, Sangiorgi 2, Dall’Osso ne, Tomesani 20, Sabattani, Procaccio 6, Malverdi, Righi. All. Serio.

Basket C Gold, l’Olimpia Castello firma l’impresa a casa della capolista. Scivolone al Ruggi per la Intech Imola
Sport 8 Febbraio 2020

Basket C Gold, alla Intech Imola il derby della «via Emilia». Colpo esterno di Castel Guelfo, cade a sorpresa Medicina

Sabato sera che ha visto in campo tutte le nostre squadre di C Gold. La Intech Imola vince 88-82 il derby della «via Emilia» in casa dell’Olimpia Castello, mentre Medicina cade 73-71 a Molinella. Successo esterno, infine, per Castel Guelfo che passeggia 91-54 a Montecchio.

I gialloneri di Regazzi comandano fin dalla palla due e, trascinati da Errera e Begic, mettono alle corde la squadra di Serio. Nell’ultimo parziale i padroni di casa cercano di rientrare fino al -2 dell’ex Ranocchi a trenta secondi dalla sirena, ma ci pensano Orlando e Colombo a chiudere la sfida. Medicina, invece, è sempre costretta ad inseguire, nonostante un super Casadei, ed impatta con Polverelli a meno di un minuto dalla fine. Quando, però, tutti pensano ai supplementare Molinella con Gianninoni trova il canestro della vittoria sul filo di lana. I ragazzi di Cavicchioli, infine, hanno vita facile a Montecchio, scappando via subito e chiudendo il match già all’intervallo lungo. 

Nel prossimo turno si parte venerdì 14 con Castel Guelfo-Castelnovo Monti (ore 21), mentre sabato 15 il calendario propone Medicina-Scandiano (alle 21). Domenica 16 (palla a due alle 18) chiude il programma Fiorenzuola-Olimpia Castello ed Intech Imola-Molinella. 

Approfondimenti su «sabato sera» del 13 febbraio. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): la Intech Imola

Tabellini

Olimpia Castello-Intech Imola 82-88 (17-22, 38-44, 57-67)

Castel San Pietro: Sangiorgi 11, Benedetti 14, Magagnoli 8, Ranocchi 11, Trombetti 10, Righi ne, Tomesani 10, Sabattani 7, Procaccio 9, Malverdi ne, Torreggiani ne, Albertini 2. All. Serio.

Imola: Dalpozzo 3, Errera 23, Planinic 7, Barattini 13, Begic 26, Colombo 6, Marcone, Agatensi 2, Orlando 4, Biandolino 4, Piani Gentile ne, Savino ne. All. Regazzi. 

Molinella-Medicina 73-71 (19-16, 47-35, 58-53)

Molinella: Brandani 5, Ranzolin 10, Gianninoni 14, Giuliani 12, Tedeschi 12, Guazzaloca ne, Zuccheri 4, Frignani 8, Bonanni ne, Lanzi 1, Manojlovic 4, Caloia 3. All. Giuliani.

Medicina: Galassi 6, Poluzzi 8, Polverelli 11, Casagrande 13, Casadei 17, Curione 2, Rossi 2, Allodi 11, Stellino ne, Lorenzini 1, Poli ne, Agriesti. All. Curti.

Montecchio-Prosic 54-91 (13-23, 18-40, 38-64)

Montecchio: Tognato 17, Vecchi 2, Degli Esposti Castori 5, Amadio 7, Negri, Ramenghi 6, D’Amore 4, Giannini 3, Pedrazzi 3, Trobbiani, Bovio 7. All. Martinelli.

Castel Guelfo: Bernabini 13, Musolesi 16, Pieri 7, Govi 16, Amoni 15, Wiltshire 5, Bonetti, Baccarini 5, Bonazzi, Murati 10, Bergami 2, Pederzini ne. All. Cavicchioli.

Basket C Gold, alla Intech Imola il derby della «via Emilia». Colpo esterno di Castel Guelfo, cade a sorpresa Medicina
Sport 19 Gennaio 2020

Basket C Gold, ko onorevole per l’Intech Imola contro la capolista

Ko onorevole al Ruggi per Intech Imola che si arrende 91-80 contro la capolista Fiorenzuola.

Partita dai punteggi alta ed, in equilibrio, per tutto il primo tempo. Se da una parte è Begic a fare la differenza, a trascinare gli ospiti è la mano calda di Maggiotto. Nel terzo parziale Fiorenzuola scappa e Imola non riesce più a riprenderla, nonostante un ottimo quarto super in attacco.

Nel prossimo turno l’Intech Imola sarà impegnata sul campo di Castel Guelfo (venerdì 24 ore 21).

Approfondimenti sul numero di «sabato sera» del 23 gennaio.

Nella foto (della Intech Imola): coach Regazzi 

Tabellino

Intech Imola-Fiorenzuola 80-91 (21-30, 43-48, 55-67)

Imola: Dalpozzo 16, Errera 17, Planinic 2, Barattini 3, Begic 26, Colombo 2, Marcone, Agatensi 9, Orlando 3, Biandolino 2, Fusella ne, Savino ne. All. Regazzi.

Fiorenzuola: Bracci 8, Marchetti 20, Livelli 4, Zucchi, Maggiotto 32, Galli 19, Sichel, Rigoni, Dias, Fowler 3, Fellegara, Ricci 5. All. Galetti.

Basket C Gold, ko onorevole per l’Intech Imola contro la capolista
Sport 11 Gennaio 2020

Basket C Gold, importante vittoria esterna per l'Olimpia Castello. L'Intech Imola fa un viaggio a vuoto

Trasferte dal sapore opposto per Olimpia Castello e Intech Imola. La squadra di Serio ha, infatti, violato 93-86 il campo di Ferrara, mentre i gialloneri di Regazzi sono caduti 72-67 a Montecchio. 

Castellani che, guidati da Ranocchi, Magagnoli e Tomesani hanno tenuto il match in bilico nel primo tempo, salvo piazzare il break decisivo nel terzo parziale e resistere nel finale al rientro dei padroni di casa. Imola, invece, dopo un primo quarto non al massimo ha preso in mano le redini del gioco, trascinata da Begic, chiudendo avanti all’ultimo riposo. Nel parziale decisivo, però, Montecchio si è dimostrata più precisa e cinica in attacco e ha regalato un dispiacere a Dalpozzo e compagni.

Nel prossimo turno l’Olimpia Castello sarà di scena a Bertinoro (sabato 18, alle 18.30), mentre l’Intech Imola ospiterà Fiorenzuola (domenica 19, ore 18). (da.be.)

Nella foto: Ranocchi dell’Olimpia Castello

Tabellino

Montecchio-Intech Imola 72-67 (21-18, 32-34, 43-46)

Montecchio: Vecchi 8, Degli Esposti Castori 2, Amadio 6, Lusetti 16, Negri 10, Ramenghi, D’Amore 11, Tognato 7, Giannini 6, Pedrazzi ne, Trobbiani ne, Bovio 6. All. Martinelli.

Imola: Dalpozzo 6, Errera 4, Planinic 8, Barattini 3, Begic 24, Colombo 12, Marcone 4, Agatensi, Orlando, Biandolino 6, Piani Gentile ne, Savino ne. All. Regazzi.

Ferrara-Olimpia Castello 86-93 (26-27, 48-48, 63-71)

Ferrara: Cortesi 16, Percan 22, Seravalli 5, Pusic 18, M. Ghirelli 5, T. Benedetti ne, Cattani 4, Legnani 2, Fortini, Poli, Zaharie 14, L. Ghirelli ne. All. Furlani. 

Castel San Pietro: Sangiorgi 7, Procaccio 6, Magagnoli 15, Ranocchi 15, Trombetti 10, Righi ne, Tomesani 16, Sabattani 8, Pedini ne, L. Benedetti 7, Torregiani ne, Albertini 9. All. Serio. 

Basket C Gold, importante vittoria esterna per l'Olimpia Castello. L'Intech Imola fa un viaggio a vuoto
Sport 22 Dicembre 2019

Basket C Gold, nel derby al palaRuggi a sorridere è la Virtus Medicina dell'ex Casadei

Importante vittoria, nell”ultima del girone d”andata, per la Virtus Medicina che espugna 83-72 il palaRuggi e fa suo il derby contro la Intech Imola.

Squadra di Regazzi che approccia molto bene il match e mette in scena tutto il meglio del suo repertorio offensivo, concedendo però qualcosa agli ospiti. Dalpozzo, Errera, Planinic, Barattini e Begic sono in serata, ma dopo i primi 10’ Medicina prende le misure in difesa e rimane attaccata alla partita, trascinata da Casagrande e l”ex Casadei. Dopo l’intervallo lungo i ragazzi di Curti cambiano marcia e non si fanno più raggiungere, conquistando un meritatissimo referto rosa.

Nella prima del girone di ritorno l”Intech Imola farà visita a Montecchio (sabato 10 gennaio 2020, ore 21), mentre la Virtus Medicina sarà ospite di Fiorenzuola (domenica 11, alle 18). (r.s.)

Nella foto: Daniele Casadei

Tabellino

Intech Imola-Virtus Medicina 72-83 (28-22, 45-45, 57-65)

Imola: Dalpozzo 10, Errera 14, Planinic 12, Barattini 14, Begic 12, Colombo 5, Marcone 3, Agatensi 2, Orlando, Biandolino, Piani Gentile ne, Savino ne. All. Regazzi.

Medicina: Poluzzi 9, Polverelli 9, Casagrande 16, Allodi 14, Casadei 12, Galassi 13, Curione 4, Dall’Osso, Stellino ne, Lorenzini 6, Poli ne, Agriesti ne. All. Curti.

Basket C Gold, nel derby al palaRuggi a sorridere è la Virtus Medicina dell'ex Casadei

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast