Posts by tag: maltempo

Cronaca 23 Dicembre 2019

Maltempo, numerosi gli interventi dei vigili del fuoco. A Castello un albero è caduto sui cavi della luce

Una domenica di lavoro per i vigili del fuoco, chiamati per far fronte al maltempo che ha colpito ieri il nostro territorio, con pioggia e forti raffiche di vento.

Numerose, infatti, le chiamate da Imola fino ad Ozzano e in tutto il Circondario, anche se per fortuna non si sono registrati danni ingenti o feriti. A Castel San Pietro, in via Stanzano, un albero è caduto su dei cavi della luce e i vigili del fuoco del distaccamento di Medicina sono dovuti intervenire con un”auto pompa serbatoio e un”autoscala per tagliare l”arbusto e liberare i cavi.

La pioggia, infine, ha un pò ingrossato i corsi d”acqua, ma i livelli raggiunti non hanno destato alcun tipo di preoccupazione. (r.s.)

Nella foto: l”intervento del 115 a Castel San Pietro

 

Maltempo, numerosi gli interventi dei vigili del fuoco. A Castello un albero è caduto sui cavi della luce
Cronaca 14 Dicembre 2019

Maltempo, neve da Imola ad Ozzano. A Medicina crolla un albero, camion incastrato tra le case a Giugnola

Dopo i primi fiocchi caduti nella mattinata di giovedì, anche ieri la neve ha interessato Imola e tutto il Circondario fino ad Ozzano, con precipitazioni più intense che hanno imbiancato, con qualche centimetro di coltre bianca, strade e campi.

Il Comune di Imola, come si legge sul proprio sito, nel pomeriggio ha attivato il codice arancione del Piano Neve, facendo entrare in azione i mezzi spazzaneve in diverse zone della città, in particolare nelle colline e nella parte verso Bologna. Situazione meteo che poi è migliorata in serata, facendo scendere il livello di allerta a giallo. Nella notte, comunque, per evitare la formazione del ghiaccio lungo le strade è stata predisposta la salatura dei punti più critici. Operazioni che hanno interessato anche gli altri Comuni del Circondario fino ad Ozzano Emilia.

Per fortuna, però, la nevicata non ha creato troppi disagi e problemi. A Medicina, intorno alle 16.45, un grosso albero è caduto in via Salvador Allende, invadendo completamente la strada senza, però, causare danni e feriti. Sul posto sono intervenuti i vigli del fuoco del distaccamento volontario di Medicina con un”autopompa e un”autoscala. Per ripristare la viabilità ci sono volute diverse ore. Sempre nel pomeriggio, invece, in località Giugnola, frazione di Castel del Rio al confine con la Toscana, un mezzo pesante è rimasto incastrato tra le case, lungo la SP21, senza riuscire più a procedere nè avanti nè indietro anche a causa del ghiaccio. A dirigere le operazioni i vigili del fuoco e i carabinieri, ma per spostare l”autocarro sono servite un camion gru ed alcune ore di lavoro. (r.cr.)

Nella foto: l”albero caduto a Medicina

Maltempo, neve da Imola ad Ozzano. A Medicina crolla un albero, camion incastrato tra le case a Giugnola
Cronaca 2 Dicembre 2019

Maltempo, Santerno e Sillaro sorvegliati speciali. Attesa in queste ore la piena dell'Idice a Budrio

Un lunedì all”insegna del maltempo, quello che sta interessando il nostro territorio, così come annunciato dall”allerta meteo emessa dalla Protezione civile dell”Emilia-Romagna per la giornata odierna e prolungata fino a domani (per saperne di più). Le forti piogge che, fin da questa notte, stanno cadendo copiose hanno alzato i livelli dei corsi d”acqua senza, però, al momento creare danni o disagi. A Imola l”Amministazione comunale ha comunque attivato, in queste ore, il Centro operativo comunale (Coc), pre-allertando i volontari locali che stanno monitorando la situazione del fiume Santerno, soprattutto nelle zone più critiche. Finora non si registrano interventi dei vigili del fuoco. Piogge che, però, hanno provocato alcune infiltrazioni in due punti del tetto della scuola primaria «Rubri» di Zolino, già soggetto a lavori in questi giorni. Per questo motivo da domani mattina gli alunni della classe 3 C saranno trasferiti nell’aula di informatica per lo svolgimento della normale attività didattica. 

A Castel San Pietro, invece, gli occhi sono puntati sul Sillaro. Secondo quanto riferito dalla polizia municipale, la situazione al momento è sotto controllo e non ci sono state chiamate o segnalazioni d”emergenza. Stesso discorso, fanno sapere dal Comune, anche a Medicina dove è ancora viva negli occhi della gente l”esondazione del torrente Quaderna nella giornata di domenica 17 novembre (leggi qui). A Budrio, con un post sulla pagina Facebook del Comune, il sindaco ha comunicato come «a causa dell”abbondante pioggia il livello dell”Idice si sta alzando. Siamo in attesa del colmo di piena che dovrebbe arrivare verso le ore 18.30. Chiediamo a tutti i cittadini di prestare la massima attenzione. Appena avremo novità vi aggiorneremo». Idice che risulta essere «sorvegliato da vicino anche ad Ozzano. Per fortuna per ora non ci sono problemi» ha commentato il sindaco Lelli. (r.cr.)

Nella foto (scattata da Giuseppe Di Gioia): la piena del Santerno oggi pomeriggio in via Tiro a Segno

Maltempo, Santerno e Sillaro sorvegliati speciali. Attesa in queste ore la piena dell'Idice a Budrio
Cronaca 23 Novembre 2019

Maltempo, scatta l'allerta meteo arancione per piene dei fiumi e frane

Dopo il maltempo che ha sferzato il nostro territorio lo scorso weekend, la Protezione civile ha emesso una nuova allerta meteo, valida per tutta la giornata di domani, domenica 24 novembre.

Nello specifico, allerta arancione per le piene dei fiumi e per frane e piene dei corsi minori. Previsti anche venti forti sul crinale appenninico (65-70 km/h e raffiche prossime ai 90km/h) e venti sostenuti sulla pianura occidentale (50-60km/h e raffiche prossime ai 70 km/h). Previste precipitazioni persistenti, a tratti intense, su Appennino centro-occidentale con valori medi areali di 40-50 mm nelle 24h ma con valori locali sul crinale fino a 80-100 mm, che potranno generare piene moderate sui corsi d”acqua. (r.s.)

Nella foto: la mappa dell”allerta emessa dalla Protezione civile

Maltempo, scatta l'allerta meteo arancione per piene dei fiumi e frane
Cronaca 20 Novembre 2019

Maltempo, chiusa nella notte la falla sull'argine dell'Idice a Budrio. Cessata l'allerta rossa

Dopo ore e ore di lavoro da parte dei volontari della Protezione civile, militari dell”esercito e tecnici della Regione, nella notte è stata chiusa la breccia nell”argine dell”Idice che ha causato allagamenti nel territorio del Comune di Budrio. Ora, nonostante l’acqua non esca più, rimane aperto il cantiere per la messa in sicurezza definitiva della zona.

Nel frattempo anche il maltempo ha concesso una tregua, con un miglioramento delle condizioni meteo. Nelle prossime ore, infatti, è previsto uno stop delle precipitazioni. Cessata, infatti, l’allerta rossa nella bassa modenese, bolognese e nel ravennate. Per la giornata di domani, giovedì, sono previste solo deboli piogge, localmente anche a carattere di rovescio, sull’Appennino centro-occidentale. L’allerta rimane, comunque, arancione per la pianura nelle province emiliane, da Parma a Ferrara, e lungo la costa ferrarese. Allerta gialla, invece, nel piacentino e nell’Appenino, dal parmense al ravennate. Allerta verde in Romagna.

Prosegue, comunque, il monitoraggio arginale su tutti i principali corsi d’acqua del bolognese, modenese e ferrarese grazie all’opera del volontariato di Protezione civile e al supporto garantito dall’esercito. (r.cr.)

Nella foto:

Maltempo, chiusa nella notte la falla sull'argine dell'Idice a Budrio. Cessata l'allerta rossa
Cronaca 19 Novembre 2019

Maltempo, esonda ancora l'Idice a Budrio. A Medicina si lavora per ultimare la chiusura della falla sul Quaderna

Continua ad imperversare il maltempo sul nostro territorio, tanto che la Protezione civile ha emesso una nuova allerta arancione (e rossa in alcune zone)  per tutta la giornata di domani, mercoledì 20 novembre (leggi qui).

A Medicina, intanto, proseguono i lavori di volontari ed alpini che stanno provvedendo a ripristinare completamente la seconda falla creatasi nell”argine del Quaderna che, tra domenica e lunedì, aveva causato l”esondazione del torrente e la conseguenze evacuazione, poi rientrata, di alcune famiglie in via San Salvatore. Più preoccupante la situazione, invece, a Budrio dove oggi è avvenuta la seconda esondazione dell”Idice, dopo quella avvenuta domenica, a causa delle piogge della notte. Secondo quanto comunicato dal Comune sulla propria pagina facebook è stata ordinata l”evacuazione immediata delle strade in prossimità degli argini. (r.cr.)

Nella foto (dalla pagina facebook del Comune di Budrio):  la falla sull”argine dell”Idice

Maltempo, esonda ancora l'Idice a Budrio. A Medicina si lavora per ultimare la chiusura della falla sul Quaderna
Cronaca 18 Novembre 2019

Maltempo nel week-end, a Medicina tracimato il torrente Quaderna. Evacuate alcune famiglie

Il maltempo che ha sferzato il nostro territorio tra sabato 16 e domenica 17 e che, come da allerta meteo della protezione civile, interesserà le nostre zone fino alla giornata di domani, non ha risparmiato nemmeno l”area del Comune di Medicina.

Nella giornata di domenica, infatti, l”emergenza ha interessato alcune tracimazioni e rotture sul torrente Quaderna che ha allagato le campagne circostanti. Sul posto è intervenuta l’Autorità di Bacino, mentre si è proceduto ad evacuare le famiglie più esposte in via San Salvatore e la chiusura di un tratto della SP3, poi riaperta. La situazione, comunque, è rimasta sotto controllo e i tecnici della Regione sono al lavoro per sistemare l”argine e le criticità.

Dal Comune di Medicina, come si legge sulla pagina facebook, fanno sapere come «sentiti i tecnici regionali e i responsabili della protezione civile, si è ritenuto che al momento non ci sia situazione di pericolo in via San Salvatore e di conseguenza è stata sospesa l’ordinanza relativa l’evacuazione per rischio esondazione del torrente Quaderna». In caso di emergenza, comunque, l’ordinanza riprenderà la sua validità. (r.cr.)

Nella foto (della protezione civile di Medicina): danni del maltempo a Medicina

Maltempo nel week-end, a Medicina tracimato il torrente Quaderna. Evacuate alcune famiglie
Cronaca 20 Maggio 2019

Maltempo, una frana fa crollare una casa a Borgo Tossignano, il proprietario esce appena in tempo

Questa mattina, poco dopo le 9, un’enorme frana, con un fronte di circa un centinaio di metri, ha fatto scivolare varie migliaia di metri cubi di terra a valle per oltre 150 metri. L’episodio si è verificato su un crinale al confine tra Borgo Tossignano e Fontanelice, dove via Siepi San Giovanni svolta in via Raggi. Sulla sommità della collina c’era un’abitazione che è crollata, letteralmente sbriciolata, inghiottita dalla voragine apertasi. Per fortuna, l’uomo che vi abita, ed era presente all’interno, è riuscito ad uscire in tempo, allertato da alcuni scricchiolii. 

Sul posto sono accorsi anche i carabinieri che hanno fatto evacuare, a scopo precauzionale, alcune abitazioni considerate all’interno dell’area a rischio, ovvero circa tredici famiglie. In tarda mattinata è stato fatto poi il punto della situazione. «I geologi hanno rassicurato sulla distanza di sicurezza tra le abitazioni e la frana, così le persone hanno potuto far ritorno nelle loro case già dopo l’1». 

Carlo Arcangeli, dell’ufficio tecnico spiega: «Con il geologo del servizio tecnico di Bacino della Regione stiamo verificando, ma pare ci sia stato un “effetto sapone” causato dall’acqua piovuta in queste settimane, cioè delle arenarie sono scivolate sopra delle argille grigie». Arcangeli ha predisposto due ordinanze, una per l’abitazione, ovviamente di inagibilità, ma anche per interdire la zona affinché non vi si avventuri nessuno, e l’altra per la chiusura di via Raggi (in quel tratto di fatto una strada a fondo cieco). 

«La frana è ancora in movimento» dicono i vigili del fuoco. In accordo con la Regione la frana verrà monitorata un paio di volte al giorno per tutta la settimana ma «ad oggi non non c’è pericolo per le altre abitazioni» conferma Arcangeli. Con la speranza che la pioggia di questo pazzo mese di maggio non ricominci a scendere, dopo aver ha imperversato per il terzo weekend consecutivo. (l.a. d.b.)

La frana e l”abitazione distrutta nelle foto di Isolapress


Maltempo, una frana fa crollare una casa a Borgo Tossignano, il proprietario esce appena in tempo
Cronaca 20 Maggio 2019

Maltempo, la pioggia manda in tilt canali e fossi della pianura, cantine allagate a Ozzano e Castel Guelfo

Strade allagate, scantinati pieni d”acqua e campi zuppi e inondati. La pioggia del fine settimana ha fatto tracimare fossi e canali in particolare nelle frazioni e località di pianura di Imola (tra Giardino, Casola Canina e Sasso Morelli), a CastelGuelfo e a Ozzano. I guai maggiori sono arrivati dalla rete dei corsi d”acqua minori, come il Centonara a Ozzano o il canale in via Muraglione nell”imolese che è esondato, con alcune criticità per gli scantinati e le abitazioni più basse in alcune zone di Ozzano e Castel Guelfo. In azione vigili del fuoco, protezione civile e volontari, forze dell”ordine.

I vigili del fuoco dalle prime ore del pomeriggio di sabato fino alla tarda avevano effettuato oltre 80 interventi per eventi legati alla criticità idrogeologica, in prevalenza nei comuni di Bologna, Castel Guelfo e Imola, soprattutto per allagamenti. L’esondazione del canale in via Muraglione ha provocato la chiusura temporanea di alcuni tratti di strada comunale e provinciale; chiusi al transito per sicurezza il ponte Bettola sul Sillaro al confine tra Imola e Castel Guelfo e il sottopassaggio di via Trentola-via Di Mezzo verso Toscanella. Ieri era chiusa al transito la rotonda fra via Nuova e via Dozza nel comune di Castel Guelfo.

Il sindaco di Ozzano Luca Lelli sabato nel tardo pomeriggio ha affidato alla sua Pagina Fb il resoconto di una giornata complicata: ha fatto “In poche ore sono caduti 40 mm di pioggia quindi il reticolo idrico, in particolare quello minore è andato in difficoltà”. Ad esempio “abbiamo avuto qualche danno per fortuna contenuto (una abitazione in via Panzacchi con qualche cm di acqua, cantine allagate perché la rete non riceveva e qualche tombino “saltato” che dopo un po’ ha ripreso a tirare). La Centonara è arrivata molto in alto nel tratto tra Via Emilia e Ferrovia ed è uscita vicino agli Stradelli Guelfi facendoci chiudere via Marconi ed allagando un paio di campi vicino alla provinciale. Problemi in capoluogo nelle zone di via Nardi e via degli Orti (quest’ultima una novità, dovremo capire cosa succede nell’area privata a monte degli orti da cui proveniva una grande quantità di acqua). Qualche problema anche in zona Tolara di Sotto/Industriale Quaderna dove però ha funzionato lo scolo fatto nel 2014/15 allagando la vasca di laminazione di Via della Grafica. Bene il sottopasso di Via Frate Giovanni, chiuso invece il guado sullo Stradello Maggio”.

Le foto sono di Isolapress (Marco Isola), Milena Monti e Luca Lelli

Maltempo, la pioggia manda in tilt canali e fossi della pianura, cantine allagate a Ozzano e Castel Guelfo

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast