Posts by tag: medicina

Economia 21 Gennaio 2021

Cesac lancia la sua linea di pasta con grano duro prodotto anche a Medicina e Castel Guelfo

Non solo cereali, vino e servizi per l”agricoltura. La cooperativa agricola Cesac di Conselice, storica realtà con stabilimenti anche a Castel Guelfo e Medicina, ha anche messo le mani in pasta. Letteralmente. Novità di fine 2020 sono infatti le pennette e i rigatoni prodotti con il grano duro dei soci del territorio. Per la cooperativa si tratta di un’operazione di diversificazione ma, al tempo stesso e soprattutto, di un progetto di identità. Prossimo passo, la certificazione della filiera. «Dopo alcuni anni di difficoltà – spiega il presidente Michele Filippini, medicinese – oggi la cooperativa si è ripresa e sta vivendo una nuova volontà di andare avanti non solo economicamente, ma anche riconoscendo il lavoro e il valore dei soci».

Ulteriori dettagli su «sabato sera» del 21 gennaio.

Nella foto: Niccolò Lenzi, neoassunto allo stabilimento Cesac di Sant’Antonio di Medicina, mostra le pennette e i rigatoni

Cesac lancia la sua linea di pasta con grano duro prodotto anche a Medicina e Castel Guelfo
Cronaca 23 Dicembre 2020

Il dottor Enzo Veronese va in pensione, il saluto dell’Amministrazione comunale di Dozza

Ieri, l’Amministrazione comunale di Dozza ha salutato il dottor Enzo Veronese che, dopo oltre trent’anni di attività come medico di base a Dozza e Toscanella, andrà prossimamente in pensione.

Il sindaco Luca Albertazzi ed il vicesindaco Giuseppe Moscatello hanno consegnato al dottor Veronese un piccolo omaggio in segno di stima e di ringraziamento per il lodevole lavoro svolto a favore di tutta la comunità, per la sua grande professionalità e le spiccate doti di umanità che ha sempre dimostrato in tanti anni di servizio.

Nella foto: da sinistra il sindaco di Dozza Luca Albertazzi, il dottor Enzo Veronese ed il vicesindaco Giuseppe Moscatello 

Il dottor Enzo Veronese va in pensione, il saluto dell’Amministrazione comunale di Dozza
Cronaca 12 Dicembre 2020

«Centri commerciali naturali», dalla Città metropolitana 824 mila euro ai comuni. Tra loro Imola, Castel San Pietro e Medicina

La Città metropolitana di Bologna ha approvato la graduatoria 2020 per il finanziamento di progetti di intervento locali per la promozione e l’attivazione dei «Centri commerciali naturali» con lo scopo di fornire un supporto concreto ed immediato ai territori e alla rete del piccolo commercio nel difficile contesto economico derivante dalla pandemia Covid-19.

Le risorse disponibili, pari a 824.443,70 euro, hanno consentito di finanziare 6 Comuni, di cui 5 integralmente e 1 parzialmente. Tutti i Comuni beneficiari hanno presentato progetti di tipo A, ovvero programmi nei quali, mediante una convenzione tra Comune e operatori privati, all”intervento pubblico si affiancano azioni promosse dalle imprese del commercio e dei servizi presenti nell”area. Tra loro: Imola, che ottiene un contributo di 150 mila euro per il programma «Imola Centro storico», che riguarda la riqualificazione di viale Andrea Costa, ed in particolare il rinnovamento dell’arredo urbano del viale, interventi infrastrutturali (cordolature e pavimentazione), adeguamento delle fermate di Tpl; gli interventi previsti sono progettati per garantire la totale accessibilità e fruibilità degli spazi a persone con impedita o ridotta capacità motoria; Medicina che, nell”ambito di un più vasto programma denominato «Programma di intervento per la valorizzazione del centro storico di Medicina», ottiene 11.310 euro per la riqualificazione del voltone del Pillio e Castel San Pietro che ottiene 200 mila euro per il progetto «Castel San Pietro Terme fa centro», che riguarda la realizzazione di un ascensore panoramico nel parcheggio dell’ospedale, porta di ingresso al centro storico. (da.be.)

Nella foto: il centro di Imola

 

«Centri commerciali naturali», dalla Città metropolitana 824 mila euro ai comuni. Tra loro Imola, Castel San Pietro e Medicina
Cronaca 3 Ottobre 2020

Domenica 4 ottobre torna la mostra mercato a Medicina, ma niente bancarelle sotto i portici

Dopo otto mesi di stop, domenica 4 ottobre si riparte con la mostra mercato «I Portici» di Medicina. Un altro passo verso la normalità ritrovata per la Città del Barbarossa, dopo la batosta di marzo scorso causata dal focolaio epidemico da Coronavirus e la conseguente chiusura della cittadina all’interno della zona rossa. Il mercatino di Medicina, che riunisce quasi 400 bancarelle, riapre dunque i suoi battenti dopo l’ultimo appuntamento che si tenne nel febbraio scorso.

Naturalmente, sono state previste delle norme per evitare la diffusione del Coronavirus, a partire dall”obbligo di indossare la mascherina sempre, sia per espositori che per i visitatori e dal gel igienizzante sui banchi per la pulizia delle mani prima di toccare gli oggetti esposti.

Inoltre, per evitare assembramenti, i portici saranno lasciati liberi dalla bancarelle, che saranno posizionate in un’unica fila su via Libertà.

Sempre domenica 4, dalle ore 10 sarà possibile ammirare il plastico del Castello di Medicina nella sua nuova collocazione, ossia l”ex sala d”arte a fianco della chiesa del Crocifisso.

Su «sabato sera» in edicola da giovedì 1 ottobre l”intervista a Ettore Peli, referente dell”associazione I Portici, che organizza il mercatino

Nella foto (d”archivio): una precedente edizione della mostra mercato

Domenica 4 ottobre torna la mostra mercato a Medicina, ma niente bancarelle sotto i portici
Cronaca 2 Ottobre 2020

A Castello e Medicina continui guasti alla rete idrica, i disagi dei cittadini e la replica di Hera

Paese che vai, perdita d’acqua che trovi. A Castel San Pietro e Medicina nelle ultime settimane non sono certo mancati i disagi, più volte segnalati dai cittadini, dovuti all’assenza d’acqua dai rubinetti e relativi cantieri in strada del gestore della rete idrica (Hera) per riparare le condotte.

A Castello, ad esempio, negli ultimi giorni gli operai sono intervenuti più volte in via Caduti di Cefalonia, con corollario di rappezzi di asfalto. A Medicina, invece, un grosso guasto nel capoluogo, in via Battisti angolo via Resistenza, ha lasciato per diverse ore tante famiglie senz’acqua o quasi in attesa del ripristino.

Il gestore della rete idrica nei due comuni è Hera. L’abbiamo interpellato per capire le motivazioni di queste continue rotture. «La situazione nei due comuni rientra nella norma – dicono dalla multiutility -. Nel periodo estivo si osserva fisiologicamente un incremento di guasti nelle reti idriche. La causa principale delle rotture non è correlata alla vetustà, come a volte si è portati a pensare, quanto invece a indici di siccità del terreno, a variazioni di portata/pressione dovute all’aumento della domanda da parte dei clienti e alle caratteristiche del materiale delle condotte».

Ulteriori informazioni e l”elenco degli interventi in programma e in corso sulla rete idrica su «sabato sera» del 1° ottobre

Nella foto (d”archivio): intervento dei tecnici Hera su una condotta d”acqua

A Castello e Medicina continui guasti alla rete idrica, i disagi dei cittadini e la replica di Hera
Cronaca 29 Luglio 2020

In cinque uffici postali dell’imolese il proprio turno si prenota su WhatsApp

In tre uffici postali di Imola -via Grieco (nella foto), via Orsini e via Croce Coperta- e in quelli di Castel San Pietro e Medicina è possibile prenotare il proprio turno allo sportello tramite WhatsApp direttamente dal proprio cellulare.
I nuovi Gestori delle attese installati da Poste italiane infatti, oltre a erogare i biglietti per le operazioni allo sportello e ottimizzare la gestione dei flussi dei clienti in sala, consentono di prenotare il proprio turno acquisendo da remoto un ticket elettronico utilizzando direttamente la più diffusa piattaforma di messaggistica.

Richiedere il ticket elettronico con WhatsApp è molto semplice. Dopo aver memorizzato sul proprio smartphone il numero 3715003715, il cliente dovrà avviare una chat digitando qualsiasi testo al quale Poste Italiane risponderà in automatico proponendo alcune opzioni, tra queste la prenotazione del ticket.
A quel punto, digitando comune, indirizzo e numero civico di riferimento, al cliente sarà proposto l’ufficio postale più vicino con l’indicazione del primo appuntamento disponibile per la prenotazione.
Accettata la prenotazione, sarà inoltrata in automatico mostrando sul display del cliente il relativo codice. (r.cr.)

In cinque uffici postali dell’imolese il proprio turno si prenota su WhatsApp
Cronaca 24 Luglio 2020

La «Pastasciutta antifascista» 2020 di Medicina sarà (anche) virtuale

Torna a Medicina, sabato 25 luglio (anniversario della caduta del fascismo), la Pastasciutta antifascista organizzata dall’Anpi.
Il programma della giornata, organizzata nel giardino della biblioteca, prevede musica con i Taverna de Rodas e letture a cura di Lorenzo Monti. Ingresso su prenotazione al 338/2893111.

La pastasciutta, invece, sarà “vituale”: «Questo 2020 ci sta mettendo di fronte alla necessità di reinventarci occasioni nelle quali far vivere la memoria – osserva l’Anpi –. Perché non possiamo smettere di ricordare».
L’invito è quello di fotografare il proprio piatto di pasta, pubblicare una storia taggando la pagina Facebook Istituto Alcide Cervi o il profilo Instagram @istitutocervi e usando l”hashtag #pastaliberatutti. (r.cr.)

Foto tratta dalla pagina Facebook dell”Istituto Alcide Cervi

La «Pastasciutta antifascista» 2020 di Medicina sarà (anche) virtuale
Cronaca 22 Luglio 2020

A Medicina parte il processo partecipativo per riqualificare l'ex chiesa del Carmine

Comincia la campagna Io c’ero-Foto e racconti sul Carmine per raccogliere racconti e foto che ripercorrano la storia dell’ex chiesa di Medicina, prima azione del percorso partecipato previsto per il recupero dell’edificio, fortemente danneggiato dal terremoto del 2012, in partenza a settembre.

«La partecipazione è per il Comune di Medicina un valore fondante e uno strumento essenziale – commenta la Giunta – attraverso il quale i cittadini prendono parte al discorso politico, affiancando l’Amministrazione nella costruzione di un percorso comune di sviluppo e rigenerazione per la città. Da diversi anni ormai, i medicinesi sperimentano nuove modalità di partecipazione a decisioni che riguardano la comunità, seguendo i diversi percorsi con dedizione e continuando a proporre all’Amministrazione nuovi terreni di potenziale applicazione di queste pratiche». (r.cr.)

A Medicina parte il processo partecipativo per riqualificare l'ex chiesa del Carmine
Cronaca 20 Luglio 2020

Medicina ha ricordato pubblicamente le vittime del Covid

Primo momento pubblico di commemorazione delle vittime del coronavirus a Medicina, sabato scorso.
«Ci eravamo promessi che avremmo pianto insieme e che ci saremmo stati, tutti, per loro – scrive Matteo Montanari, primo cittadino, in un post publicato sulla propria pagina Facebook –. Vado orgoglioso di questa comunità che è stata all’altezza della sfida. Noi non molleremo di un centimetro, anche per le persone che non ci sono più. Ripartiremo ancora più uniti di prima, perché la vita è più forte di ogni cosa». (r.cr.)

Fotografia tratta dalla pagina Facebook del sindaco Matteo Montanari

Medicina ha ricordato pubblicamente le vittime del Covid
Cronaca 16 Luglio 2020

La stazione ecologica di Medicina si rinnova

A partire da metà luglio, la stazione ecologica di Medicina (nella foto) sarà oggetto di un intervento di rinnovo, concordato da Hera con l’Amministrazione comunale, per la sistemazione e manutenzione degli spazi che renderà più agevole per i cittadini utilizzare questo servizio.
L’intervento si concluderà, salvo inconvenienti, entro l’anno. In questo lasso di tempo i lavori saranno organizzati per permettere alla stazione ecologica di funzionare senza interruzioni, a parte alcuni giorni di chiusura strettamente indispensabili per poter effettuare dei lavori di scavo e che saranno comunicati per tempo.

Gli interventi di maggiore impatto previsti sono la sostituzione completa dell’attuale guardiania, dei box per i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche e per i rifiuti urbani pericolosi e il rifacimento completo della pavimentazione dell’area.
Hera installerà anche un sistema di pesatura con una pesa ponte carrabile, per consentire ai mezzi che trasportano quantitativi voluminosi di materiali di passarvi agevolmente sopra sia in entrata, a pieno carico, che in uscita, con la registrazione automatica del peso conferito.
Accanto a questi progetti principali, saranno effettuate alcune opere di manutenzione straordinaria, ad esempio il rifacimento dell’impianto d’illuminazione e una nuova recinzione perimetrale. (r.cr.)

La stazione ecologica di Medicina si rinnova

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast