Posts by tag: montanari

Economia 15 Marzo 2021

Tavolo delle imprese imolesi, Marco Gasparri subentra a Gianfranco Montanari alla presidenza

Passaggio di consegne alla presidenza di turno del Tavolo di coordinamento delle organizzazioni imprenditoriali del territorio imolese. Marco Gasparri, presidente della Delegazione imolese di Confindustria Emilia area centro, subentra a Gianfranco Montanari, vicepresidente di Confartigianato Imprese Bologna metropolitana. Resterà in carica per i prossimi due anni. «Nell’imolese è stata data una buona prova di resilienza – così Montanari commenta il suo mandato, che ha coinciso con la crisi istituzionale imolese e l’avvio della pandemia – pur non mancando le sofferenze nei comparti turistici, fieristici e del business legato alle aziende. Serviranno azioni di rilancio efficaci e massive una volta superata la crisi. La conferma del Gran Premio di F1 è importante, partiamo da questo per individuare nuove opportunità». 

Gasparri delinea così le priorità: «Va riequilibrato da subito il peso politico del Circondario imolese a livello metropolitano per presidiare i tavoli che contano. Occorre lavorare su una serie di temi del territorio rivolti alle istituzioni e di temi economici rivolti alle imprese. In questi anni poi si è persa un po’ l’abitudine di coinvolgere il Tavolo delle imprese prima di prendere le decisioni. In questo modo rischia di essere inefficace. Il modello è il Tavolo dell’economia metropolitana di Bologna, che viene convocato in forma preventiva. Bisogna quindi oliare quegli ingranaggi che si sono un po’ arrugginiti col tempo». (lo.mi.) 

Nella foto: Marco Gasparri e Gianfranco Montanari

Tavolo delle imprese imolesi, Marco Gasparri subentra a Gianfranco Montanari alla presidenza
Sport 7 Marzo 2021

Calcio serie C, oggi all’ora di pranzo si gioca Imolese-Triestina. Il d.g. Montanari: «Senza ferocia si va giù»

L’alternanza di risultati dell’Imolese non consente di dormire sonni tranquilli. Una cosa simile è capitata anche nel girone di andata, caratterizzato però da due periodi ben distinti. La storia sembra ripetersi nel ritorno, pur con variazioni di rendimento più frequenti. A Marco Montanari, direttore generale dell’Imolese, ovviamente non è sfuggito tutto questo. «Noi possiamo anche cercare delle giustificazioni sull’approccio e sul fatto che per ottenere i risultati utili a risollevarsi i giocatori avessero speso energie mentali importanti – ha iniziato la sua analisi il dirigente rossoblù -. Oppure metterla sulla difficoltà della squadra giovane che fatica a gestire tutti i momenti del match. Ma sta di fatto che non possiamo permetterci questi sbalzi di prestazione. Una volta usciti dal baratro era fondamentale riuscire ad affrontare tutte le partite con l’atteggiamento giusto. Purtroppo questo non è accaduto. E nel calcio se non pareggi almeno la determinazione della squadra avversaria, è inutile poi parlare di tecnica o di tattica».

Come si può giustificare un rendimento così oscillante?

«Non si giustifica. Certi cali si possono capire nel girone di andata, ma non dopo aver giocato 25 partite. Se uno vuole diventare un calciatore, certi concetti deve averli già messi dentro. Non si può con- tinuare con questa altalena di prestazioni. La paura però non tornerà, perché i nostri ragazzi cominciano ad avere una certa esperienza in questa categoria. Devono solo imparare a stare più concentrati».

Imolese che dopo la sconfitta nel turno infrasettimanale contro il Modena cercherà di fare punti oggi (ore 12.30) in casa contro la Triestina. (a.d.p.)

Convocati Imolese

Portieri. Rossi, Siano, Nannetti. Difensori. Alboni, Angeli, Aurelio, Boccardi, Carini, Cerretti, Rondanini. Centrocampisti. D’Alena, Lombardi, Masala, Onisa, Provenzano, Sabattini, Torrasi. Attaccanti. Laghi, Mattiolo, Morachioli, Piovanello, Polidori, Tommasini

Nella foto (Isolapress): Marco Montanari, direttore generale dell’Imolese, accanto al presidente Lorenzo Spagnoli e al d.s. Moreno Zocchi

Calcio serie C, oggi all’ora di pranzo si gioca Imolese-Triestina. Il d.g. Montanari: «Senza ferocia si va giù»
Sport 10 Gennaio 2021

Calcio serie C, il d.g. Montanari prima di Gubbio-Imolese: «L’obiettivo è la salvezza, senza snaturare i giovani»

Le sconfitte nei tre scontri diretti con Vis Pesaro in casa (1-2), a Legnago (2-1) e a Ravenna (3-2) hanno fatto toccare il fondo a questa Imolese. Inevitabile che dopo il tonfo contro il modesto Ravenna si arrivasse all’esonero del tecnico Roberto Cevoli. Al suo posto è stato chiamato il pugliese Pasquale Catalano, che mercoledì 23 dicembre, ha esordito con una sconfitta al Galli contro il Cesena. Oggi, però, nella prima gara del 2021 i rossoblù avranno modo di riscattarsi, sfidando in trasferta il Gubbio (ore 15)

L’esonero di un allenatore è sempre una decisione estrema.

«Quest’anno avevamo cercato di fare le cose nel migliore dei modi – ha detto Marco Montanari, direttore generale dell’Imolese -. Dando fiducia a Cevoli, che aveva mostrato idee chiare e capacità, prima salvandoci ai play-out giocati in circostanze non facili, e poi iniziando benissimo questo campionato. Abbiamo fatto di tutto per aiutarlo nei momenti difficili, concentrandoci solo sui problemi della squadra. Purtroppo i primi 70 minuti di Ravenna hanno evidenziato che non riusciva più a trasmettere ai giocatori quello che aveva dentro».

L’Imolese brillante che si era vista a inizio campionato ad un certo punto è sparita. Perché?

«Una squadra giovane presenta dei pro e dei contro. Sulle ali dell’entusiasmo può darti risultati inaspettati. Ma nel momento in cui sorgono delle difficoltà, le paure possono avere il sopravvento sulle qualità. Probabilmente non siamo stati bravi a valutare quel momento. Catalano dovrà essere bravo a toccare le corde giuste. E ne ha avuto tutto il tempo durante la pausa natalizia. Il resto poi verrà di conseguenza. Lui sa che i risultati sono ovviamente importanti, ma lo è anche il lavoro che gli chiediamo di fare sulla crescita mentale e tecnica dei ragazzi. Il progetto di far maturare i nostri giovani non lo abbandoniamo».

Ma non è la salvezza la priorità?

«Certo che lo è. Ma per uscire da questa situazione non possiamo chiedere ai ragazzi di fare cose che non hanno nelle corde. Sarebbe un grave errore. Però se vogliono diventare grandi in fretta devono trovare dentro di loro quel qualcosa che nel settore giovanile da dove provenivano non era necessario avere». (a.d.p.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 24 dicembre.

I convocati dell’Imolese

Portieri. Rossi, Siano. Difensori. Angeli, Boccardi, Carini, Cerretti, Mele, Pilati, Rondanini, Tonetto. Centrocampisti. Alboni, D’Alena, Lombardi, Masala, Morachioli, Provenzano, Torrasi. Attaccanti. Bentivegna, Mattiolo, Piovanello, Polidori, Sabattini, Sall, Ventola.

Nella foto (Isolapress): il d.g. Montanari

Calcio serie C, il d.g. Montanari prima di Gubbio-Imolese: «L’obiettivo è la salvezza, senza snaturare i giovani»
Cronaca 16 Novembre 2020

ConAmi, il presidente del Circondario imolese Matteo Montanari: «Un acceleratore per non perdere più occasioni»

Spenti i riflettori della Formula 1 e del ciclismo mondiale, è tempo di capire quale direzione prenderà nei prossimi anni il Consorzio Ami. Strumento propulsore di investimenti e sviluppo per tutti i 23 Comuni-soci a partire dai dieci del Circondario imolese, di fatto è noto alla maggior parte dei cittadini più per la prova di forza dell’ex sindaca di Imola Sangiorgi sulle nomine che l’ha ingessato per un anno e mezzo. Due mesi fa si sono svolte anche le elezioni amministrative nei due Comuni maggiori, Imola e Faenza.

Il Cda del presidente Fabio Bacchilega arrivato in primavera si è impegnato a presentare per novembre un nuovo piano industriale, aggiornamento del vecchio triennale dell’era Manara. Ma quali sono le richieste e le necessità ora dei territori? Abbiamo girato la domanda ai sindaci-soci. A partire da Matteo Montanari, primo cittadino di Medicina, nonché attuale presidente del Circondario di Imola, che racchiude metà del territorio del Consorzio. «Per prima cosa vorrei sottolineare che avere un autodromo pronto è stato fondamentale ma senza un ConAmi forte e un territorio unito dietro quei due eventi non sarebbero stati possibili. Tutti i Comuni sono stati d’accordo nel mettere risorse per realizzarli. Ma adesso dobbiamo parlare di cose serie, perché non facciamo dividendi per i nostri comuni con la F1 e il ciclismo, per quanto interessanti per il territorio». (l.a.)

Ulteriori apprendimenti e l’intervista a Matteo Montanari su «sabato sera» del 12 novembre.

Nella foto: Matteo Montanari davanti alla sede del Circondario, in via Boccaccio a Imola

ConAmi, il presidente del Circondario imolese Matteo Montanari: «Un acceleratore per non perdere più occasioni»
Sport 27 Settembre 2020

Calcio serie C, nel giorno dell’esordio parla il dg dell’Imolese Montanari: «Noi officina di giovani, provo sensazioni positive»

Il più strano e anomalo dei precampionati, per la prima volta orfano della Coppa Italia e con poche amichevoli, per altro giocate sempre in trasferta dall’Imolese, è praticamente terminato. Oggi, infatti, alle 15 inizierà da Padova il campionato dei rossoblù che all’Euganeo sfideranno la formazione del tecnico Mandorlini e dell’ex Saber. A farsi portavoce del club è il direttore generale Marco Montanari, che per primo ha commentato il girone B nel quale l’Imolese è inserita. «È ritenuto il più difficile dei tre. Sembrava che tutti avessero pagato lo scotto del Covid, e invece anche le squadre che l’anno scorso avevano il nostro budget si sono rinforzate. Non sarà una stagione al risparmio come si prevedeva. Comunque le ultime due stagioni ci hanno insegnato cose importanti per poter affrontare questa coi giusti concetti».

La tua fiducia su cosa si fonda?

«Dall’aver visto lavorare la squadra e il direttore sportivo Moreno Zocchi. E anche dall’ottimo mercato svolto finora. Ho sensazioni positive derivanti dalla giusta attenzione da parte di tutti i giocatori, consci delle difficoltà che li aspetta. L’anno passato, forse perché inebriati dal risultato del precedente, non c’era quella paura positiva che ti fa stare costantemente concentrato. Vedo nei nostri ragazzi quella voglia di confrontarsi e di misurarsi senza presunzione. Quando abbiamo ingaggiato Zocchi, la prima cosa che gli abbiamo chiesto è stata quella di far diventare l’Imolese un’officina del calcio, come ama definirla il presidente Spagnoli». (a.d.p.)

L’intervista completa su «sabato sera» del 24 settembre.

Nella foto: il dg Marco Montanari

La probabile formazione dell’Imolese  

Imolese (3-5-2): Siano; Boccardi, Rinaldi, Carini; Rondanini, Masala, Torrasi, Provenzano, Ingrosso; Sall, Ventola. A disposizione. Rossi, Angeli, Cerretti, Mele, Pilati, Tonetto, Alboni, D’Alena, Lombardi, Mattiolo, Morachioli, Polidori. All. Cevoli

Calcio serie C, nel giorno dell’esordio parla il dg dell’Imolese Montanari: «Noi officina di giovani, provo sensazioni positive»
Cronaca 3 Settembre 2020

Trasversale a Medicina, Montanari: «È una priorità per Bologna». Intanto controlli sui camion e un semaforo programmabile

Matteo Montanari, sindaco di Medicina e presidente del Circondario di Imola, non ha dubbi: «Il completamento della Trasversale è un’opera che Medicina aspetta da 50 anni ed è fondamentale per motivi di sicurezza, il tratto rimasto (via Olmo) è molto molto trafficato. Dobbiamo trovare una soluzione in questo mandato. È una priorità per Bologna».

Montanari ha incontrato nei giorni scorsi l’assessore regionale alle Infrastrutture Andrea Corsini insieme a Marco Monesi, consigliere delegato della Città metropolitana per Pianificazione, Mobilità sostenibile e Viabilità. A fine 2019 proprio la Città metropolitana ha consegnato lo studio di fattibilità finanziato dalla Regione che prevede un paio di opzioni; i costi vanno dai 20 ai 25 milioni (è previsto anche uno svincolo per il futuro collegamento con la zona industriale di Fossatone). «Sarà la Regione a decidere il progetto definitivo-esecutivo con l’ente realizzatore, probabilmente Anas» precisa Montanari.

La nuova viabilità sta creando code e malumori. «Capisco il disagio, ma è stato deciso per motivi di sicurezza – ricorda Montanari -. Dubito che la situazione si risolverà in fretta». E nel frattempo? «Faremo in modo che i nostri vigili facciano delle multe ai mezzi pesanti che continuano a passare, tutelando però i nostri agricoltori che devono arrivare ai campi. Inoltre chiederemo una soluzione più stabile del semaforo da cantiere, a cui si scarica la batteria e non è programmabile, invece il traffico al mattino è più intenso in direzione di Bologna e al contrario la sera». (l.a.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 3 settembre.

Nella foto: Matteo Montanari con l’assessore Corsini a Imola

Trasversale a Medicina, Montanari: «È una priorità per Bologna». Intanto controlli sui camion e un semaforo programmabile

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast