Posts by tag: partito democratico

Cronaca 2 Settembre 2019

FestUnità Medicina, serata «La libertà è sicurezza» con il senatore ed ex ministro dell'Interno Marco Minniti

Il senatore, ed ex ministro dell”Interno del Governo Gentiloni, Marco Minniti sarà ospite questa sera, lunedì 2 settembre, a partire dalle 20, alla FestUnità organizzata dal Partito Democratico al centro ricreativo Ca”Nova (via San Carlo 1331).

In una recente intervista rilasciata a “La Repubblica” Minniti ha criticato Salvini, suo successore al Viminale. Minniti, autore degli accordi con la Libia per limitare gli sbarchi, ritiene che quel Paese oggi non sia «un porto sicuro». E punta il dito contro il Governo gialloverde: «Le Ong – ha affermato – sono oggetto di una drammatica interdizione. Con questa logica spietata e brutale si è lasciato un gigantesco buco nero nel Mediterraneo, rischioso anche per la sicurezza italiana».

La serata, dal titolo «La libertà è sicurezza», sarà introdotta da Valentina Baricordi, segretaria dell”Unione comunale Pd di Medicina. (r.cr.)

Nella foto Marco Minniti

FestUnità Medicina, serata «La libertà è sicurezza» con il senatore ed ex ministro dell'Interno Marco Minniti
Cronaca 7 Luglio 2019

La Festa dell'Unità all'Osservanza chiude con il presidente Bonaccini e i fuochi artificiali

Chiude stasera la Festa dell”Unità della federazione imolese del Partito Democratico. La kermesse era cominciata il 21 giugno e per la prima volta si è svolta nel parco dell”Osservanza.

La serata conclusiva prevede due iniziative: alle 20.30 avrà luogo la proiezione di video fotografici e racconti dal vivo “Esterno in interno”, con Massimo Golfieri e Giovanni Angioli, il tutto accompagnato dalle improvvisazioni musicali di Maurizio Lesmi e Roberto Bartoli; alle 21.30 iniziativa di chiusura con il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il segretario dell”Unione territoriale del Pd Marco Panieri.

A seguire, alle 22.30, gran finale con il tradizionale spettacolo pirotecnico.

La Festa dell'Unità all'Osservanza chiude con il presidente Bonaccini e i fuochi artificiali
Cronaca 6 Luglio 2019

Alla Festa del Pd le politiche economiche del Governo al centro dell'iniziativa con Maria Elena Boschi

Penultima serata ricca di iniziative alla Festa dell”Unità del Partito Democratico di del circondario imolese che si sta svolgendo nel parco dell”Osservanza. Alle 18.30, nello spazio dibattiti della festa, è in programma «Dal manicomio alla recovery, passato presente e futuro della salute mentale», incontro che darà l”occasione, a più di quaranta anni dall”approvazione della Legge Basaglia, per riflettere sullo stato di fatto della malattia mentale. Ne discuteranno Valter Galavotti, Alba Natali, direttore del dipartimento di Salute mentale e Luisa Cimatti, presidente dell”associazione di volontariato “E pas e temp”.

Alle 20 è prevista invece la presentazione del libro “Eppure non mi hanno mangiato!” Crescere con i genitori comunisti, scritto da Marco Ortolani. Nel periodo della Guerra fredda e dei blocchi contrapposti, Unione Sovietica e Paesi comunisti da una parte, Stati Uniti e Paesi occidentali dall”altra, lo scontro politico tra le due parti, rappresentate in Italia soprattutto dal Pci e dalla Dc, era molto aspro, con uscite propagandistiche che rasentavano l”assurdo, come il detto che «i comunisti mangiano i bambini», così surreale da divenire proverbiale. Il libro sarà presentato dall”autore e da Giuliano Poletti, che ne ha scritto la prefazione.

Alle 21, infine, sarà presente Maria Elena Boschi, intervistata dal caporedattore Rai Antonio Farnè sul tema “Il fallimento delle politiche economiche Lega-M5S e le proposte del Partito democratico”. L’Italia che rischia seriamente una procedura di infrazione da parte dell’Unione europea, la crescita del disavanzo dei conti pubblici, il Tesoro che sta cercando di racimolare risorse da tutte le parti, nell’ambito della strategia messa in campo per ridurre il deficit del 2019 e cercare così di disinnescare l’aut aut europeo, il vicepremier Matteo Salvini che rilancia la sua sfida all’Unione europea chiedendo all’alleato di governo di anticipare la manovra economica all’estate. Di tutto questo si parlerà con l”onorevole Boschi,  già ministro nel governo Renzi e sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri nel Governo Gentiloni, naturalmente nello spazio dibattiti della Festa nel parco Osservanza. (r.cr.)

Alla Festa del Pd le politiche economiche del Governo al centro dell'iniziativa con Maria Elena Boschi
Cronaca 5 Luglio 2019

Alla Festa del Pd di Imola al parco dell'Osservanza iniziativa sul tema dell'alternanza scuola-lavoro

Ultimo fine settimana per la Festa dell”Unità dell”Unione territoriale imolese del Partito Democratico. Stasera, venerdì 5 luglio, è in programma un”iniziativa politica sul tema dell”alternanza scuola-lavoro, modalità didattica innovativa che, attraverso l’esperienza pratica, aiuta gli studenti a consolidare le conoscenze acquisite a scuola, a testare sul campo le proprie attitudini e ad arricchirne la formazione.

Nell”occasione, dalle ore 21 al parco dell”Osservanza (spazio dibattiti della Festa dell”Unità) il direttore del «sabato sera» Fulvio Andalò intervisterà Vincenzo Colla, vicesegretario nazionale della Cgil, Vanna Monducci, dirigente dell’Istituto tecnico-industriale Giuseppe Alberghetti, Gianmaria Balducci, presidente della cooperativa meccanica Cefla e Francesca Marchetti, consigliera regionale. (r.cr.)

Alla Festa del Pd di Imola al parco dell'Osservanza iniziativa sul tema dell'alternanza scuola-lavoro
Cronaca 29 Giugno 2019

Un giro tra gli stand della Festa dell'Unità imolese per la prima volta nel parco dell'Osservanza

La rinata Festa del Partito democratico imolese viene chiamata con più d’un nome. Nomi diversi per raggiungere utenti con storie ed età diverse. «Festa de l’Unità», «Festa dell’Unità», «Festa Unità», ma anche – essendo la festa di Federazione – «la festa dei dieci comuni del circondario» e «hashtag la mia festa Imola» (scritto #lamiafestaimola per i frequentatori dei social network, dove il cancelletto è un carattere speciale con cui raggruppare commenti riferiti ad un medesimo argomento). Per la prima volta organizzata all’interno del parco dell’Osservanza, la festa del Pd del circondario imolese è tornata alla formula «classica» a base di gastronomia, stand, mercatini, spettacoli e dibattiti politici (tutte le sere, fino a domenica 7 luglio) concentrati in un unico luogo.

Nell’info point, oltre a fornire informazioni e a svolgere il tesseramento, i volontari del Pd raccolgono anche la disponibilità di coloro che fossero interessati a far parte delle consulte tematiche che verranno programmate a partire dall’autunno. «Chiunque voglia portare il proprio contributo ad un tema è ben accetto», spiegano le volontarie. I temi? Si spazia dall’agricoltura all’ambiente, dall’Europa all’immigrazione, dal lavoro all’associazionismo, dal welfare alla sanità. «Tutti quanti, insieme, facciamo tutto con umiltà – commenta Roberto Visani, ex vicesindaco della Giunta Manca, impegnato a distribuire programma e a fornire informazioni -. Abbiamo bisogno di recuperare le relazioni dal basso e ci stiamo provando non solo a parole».

«Venite alla pesca». In una sorta di tributo alla voce storica della pesca della Festa dell’Unità di Imola, quella di Germano Martelli, ad invitare al celeberrimo gioco a premi è nientepopodimeno che l’ex ministro Giuliano Poletti. T-shirt casual e microfono alla mano, Poletti invita a cimentarsi con la fortuna per vincere il prosciutto in palio. «Ho chiesto io di poter stare alla pesca. E” un pezzo di storia, ricordo ancora quella che facevo da ragazzino al mercato ortofrutticolo e che era aperta anche alla mattina; insieme a frutta e verdura, le donne compravano anche qualche biglietto». (mi.mo.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 27 giugno

Nella foto l”ex ministro Giuliano Poletti nella sua veste di responsabile della pesca

Un giro tra gli stand della Festa dell'Unità imolese per la prima volta nel parco dell'Osservanza
Cronaca 20 Giugno 2019

Torna nel parco dell'Osservanza la Festa dell'Unità: al via venerdì 21 giugno e conclusione il 7 luglio

Le elezioni amministrative dello scorso 26 maggio hanno visto il centrosinistra mantenere nel circondario imolese il governo di 7 comuni sugli 8 complessivi andati al voto. E senza nemmeno dover subire il ballottaggio nei due comuni, Castel San Pietro e Medicina, con più di 15 mila abitanti. Un risultato che, dopo lo spoglio delle concomitanti elezioni europee, nessuno avrebbe immaginato. Insomma, verrebbe da dire, prima prova superata più che brillantemente dal giovane segretario (28 anni soli) della Federazione dem di viale Zappi, Marco Panieri, eletto dal congresso territoriale soltanto pochi mesi fa, a dicembre 2018. Che però minimizza, preferendo ad una gloria (per ora) effimera un sano realismo e condividere la vittoria. «Il timore – dice – era che, dopo la scioccante sconfitta subita ad Imola a giugno 2018, il centrosinistra perdesse altri Comuni. Timore che i risultati usciti dalle urne delle europee avevano amplificato. E invece i cittadini hanno premiato il valore e la credibilità delle nostre proposte. Però – aggiunge – non bisogna esaltarsi troppo, bisogna tenere i piedi per terra. Il risultato poco brillante ottenuto per le europee non autorizza infatti facili ottimismi. I problemi sono ancora tutti sul tappeto e le cose da fare sono tante e impegnative: ora c’è la festa, poi le elezioni regionali…».

Ecco, la festa. Per quest’anno cosa dobbiamo aspettarci?
«In questi mesi abbiamo avviato una riorganizzazione del partito e la festa di Federazione, la festa grossa, ovviamente, torneremo a farla. Inizierà venerdì 21 giugno, e durerà 17 giorni, fino a domenica 7 luglio compresa. E, ovviamente, si svolgerà in un unico luogo…»

All’Osservanza…
«Sì, all’Osservanza. Il trasferimento era già nell’aria due anni fa e ora si concretizza».

Perché proprio lì?
«Cercavamo un luogo che esprimesse la nostra idea di partito nuovo. E l’Osservanza è il luogo individuato, il luogo ritenuto giusto per più motivi. Lo è dal punto di vista urbanistico e della fruibilità, in quanto è un po’ il Central park di Imola. Lo è dal punto di vista dell’indissolubilità dell’appartenenza dell’ex ospedale psichiatrico, realizzato alla fine dell’ottocento e rimasto funzionante per un secolo, alla storia della nostra città, tanto da esservi stata nella memoria collettiva una sorta di identificazione tra l’uno e l’altra e viceversa. E lo è rappresentando anche un punto di svolta nell’inclusione sociale delle persone lì ospitate dopo l’approvazione della legge Basaglia che ha decretato la chiusura dei manicomi.Un luogo rimasto chiuso e vuoto per tanto tempo, avulso dalla città viva che lo circondava, che la precedente Amministrazione comunale di centrosinistra ha fermamente voluto riaprire alla comunità cittadina e oggi, dopo gli investimenti effettuati, divenuto un luogo sempre più vissuto, dove si svolgono iniziative non solo ludiche ma anche con finalità sociali».

La festa di Federazione che festa sarà?
«La festa graviterà attorno al viale delle palme, che è la via principale e snodo nevralgico del parco dell’Osservanza, è avrà diverse caratterizzazioni tematiche. Noi abbiamo immaginato una festa aperta e molto inclusiva, rispettosa del luogo, ma che apra gli ambienti alla loro fruizione. Una delle novità sarà costituita infatti dall’utilizzo di un paio di padiglioni per allestirvi mostre a tema e tenervi iniziative culturali. Ci sarà poi anche una libreria. Potrà sembrare una scelta un po’ retrò, ma noi pensiamo che il tema della cultura e dell’informazione, in una fase storica dove prevalgono slogan e superficialità, diventerà sempre più prevalente. Il “gruppo festa” ha poi fatto un grande lavoro per recuperare la pesca a premi, una grande attrattiva del passato che torna. E’ un po’ di anni che non la si allestiva più e la riproporremo sotto la supervisione di Giuliano Poletti e Marina Martelli». (fu.an.)

Un ampio approfondimento è su «sabato sera» del 20 giugno

Nelle foto: sopra il segretario dem Marco Panieri con alle spalle i primi allestimenti per la festa dell”Unità nel parco dell”Osservanza, sotto la mappa della festa

Torna nel parco dell'Osservanza la Festa dell'Unità: al via venerdì 21 giugno e conclusione il 7 luglio
Cronaca 20 Dicembre 2018

Il nuovo segretario del Pd Marco Panieri: «Puntiamo a vincere le prossime elezioni amministrative»

Come abbiamo scritto la scorsa settimana, Marco Panieri, 28 anni, laureato in Economia, impiegato in una azienda privata, consigliere comunale, è il nuovo segretario della Federazione di viale Zappi. Di seguito l”intervista di cui anticipiamo una parte e che si può leggere integralmente su «sabato sera» da oggi in edicola.

Panieri, i cittadini imolesi hanno sempre visto l’uomo forte del partito di viale Zappi nel sindaco e non nel segretario. Anzi, in altri tempi ricoprire la carica di segretario era più che altro funzionale a diventare poi sindaco. Ora che il primo cittadino di Imola è espressione del Movimento-5Stelle, l’uomo forte del Pd a cui tutti guarderanno sarà lei e solo lei. Nessuno le farà ombra dal palazzo di piazza Matteotti, ma nemmeno da parafulmine. Preoccupato?
«Più che preoccupato mi sento motivato. Mi sono candidato alla segreteria per cambiare e migliorare il Partito democratico, premesse indispensabili per vincere le prossime elezioni amministrative nei comuni del circondario e a Imola. Certo, ora siamo all’opposizione, a Imola come a Roma. Ma stiamo lavorando per costruire un’alternativa ai gialloverdi, ai sovranisti/populisti, a quanti usano la paura per carpire il consenso».

Cambiare il partito, in che modo?
«Lavorando sui due versanti: dal punto di vista di valori, contenuti e proposte; e dal punto di vista organizzativo. Dobbiamo recuperare i valori fondanti del Partito democratico, come la solidarietà e l’uguaglianza. E dobbiamo mettere al centro del rilancio un progetto politico che dia risposte a temi importanti per le persone, quali il lavoro, la sanità, l’ambiente, la sicurezza, la scuola, la cultura…».

E dal punto di vista organizzativo?
«Procedendo anzitutto alla riorganizzazione dei Circoli. E poi coordinamenti tematici, coordinamenti degli amministratori, direzione e segreteria esecutiva, dove portare idee e concordare azioni. Però sia chiaro, il percorso da compiere non è già stato scritto, ma tutto è ancora da condividere».

Tra le tante cose di cui si dovrà occupare, ci sarà anche la festa di partito. La sua idea al riguardo?
«E’ nostra intenzione portare la festa del Partito democratico nel parco dell’Osservanza, già dal prossimo anno. Nuovo format e nuova location, per motivare gli iscritti, ma anche per stimolare la curiosità tra cittadini che in passato guardavano a noi». (fu.an.)

L”intervista completa è su «sabato sera» del 20 dicembre

Nella foto Marco Panieri davanti alla sede del Partito Democratico in viale Zappi

Il nuovo segretario del Pd Marco Panieri: «Puntiamo a vincere le prossime elezioni amministrative»
Cronaca 14 Dicembre 2018

Marco Panieri eletto alla guida dell'Unione territoriale del Pd di Imola con il 72,83% dei voti: «Sarò il segretario di tutti»

E” Marco Panieri il nuovo segretario dell”Unione territoriale del Partito Democratico di Imola. Al termine delle 33 assemblee di circolo che si sono svolte nei giorni scorsi, Panieri ha riportato il 72,83 per cento dei voti (603 voti assoluti e 44 delegati all”assemblea territoriale), mentre il suo rivale, Marcello Tarozzi, ha raccolto il 27,17 per cento (225 voti e 16 delegati).

Ieri sera il neo segretario è stato ufficialmente designato alla guida del Pd imolese dall”assemblea territoriale che si è tenuta nella sede di viale Zappi. Nel suo intervento, Panieri ha ringraziato, oltre ai suoi sostenitori, anche Tarozzi e l”altro avversario iniziale, Antonio Colucci, che aveva avanzato la sua candidatura alla segreteria ma non era poi riuscito a raccogliere le firme sufficienti per correre al congresso.

«Sarò il segretario di tutti – ha affermato Panieri – e insieme faremo un ottimo lavoro. Mai dimenticare che i nostri avversari sono fuori da noi, sicuramente non sono tra noi né tra i tanti che hanno sempre investito e creduto nel Pd. Dobbiamo volerci un po” più bene affinché anche parole belle come compagno non vengano picconate alla radice in una insopportabile lotta interna. I sovranisti, la Lega e i 5 Stelle, i giallo-verdi sono i nostri avversari e dovremo lavorare tanto e fuori da qui per ricostruire alleanze di centrosinistra indispensabili per vincere». Panieri ha infine concluso ricordando i prossimi appuntamenti elettorali: «Ripartiamo dai territori che andranno al voto a maggio insieme alle Europee».

Marco Panieri, 28 anni, si è laureato in Economia all”Università di Bologna e ha conseguito un master in Economia e Gestione delle Imprese a Milano, alla Business School del Sole 24 Ore. Lavora come responsabile commerciale e amministrativo per un”impresa edile specializzata in restauri conservativi e consolidamenti strutturali. Per quanto riguarda la carriera politica è stato eletto in consiglio comunale la prima volta nel 2013, ricoprendo poi nel corso del mandato il ruolo di consigliere delegato del sindaco Daniele Manca per il marketing territoriale e la promozione della città. Rieletto nel giugno scorso, è attualmente capogruppo del Partito Democratico. (m.t.)

Nella foto Marco Panieri durante l”assemblea del Circolo Pd Pedagna

Marco Panieri eletto alla guida dell'Unione territoriale del Pd di Imola con il 72,83% dei voti: «Sarò il segretario di tutti»
Cronaca 21 Novembre 2018

Congresso Unione territoriale Pd: tre al momento i candidati alla segreteria, giovedì 22 alle 13 il termine per presentare le firme

Il congresso dell’Unione territoriale del Partito democratico si svolgerà da sabato 24 novembre a martedì 11 dicembre. E fino a oggi risultano tre candidature alla carica di segretario dell’Unione territoriale. Mercoledì della settimana scorsa, 14 novembre, si era riunita infatti la direzione territoriale per l’approvazione del regolamento congressuale. E in quella sede tre dei componenti presenti avevano esplicitato l’intenzione di candidarsi: si tratta di Marco Panieri, attuale capogruppo dem nel Consiglio comunale di Imola; di Marcello Tarozzi, già capogruppo dem nel Consiglio comunale di piazza Matteotti nella precedente legislatura; e di Antonio Colucci, responsabile digitale e della comunicazione politica del Pd di viale Zappi.

Candidature che, però, per diventare effettive devono essere formalizzate (entro le ore 13 di domani, giovedì 22 novembre) presso la commissione congressuale, nella sede di viale Zappi 58, corredate dalle firme di almeno il 3% degli iscritti all’Unione territoriale alla data del 31 dicembre 2017, corrispondente all’incirca ad una sessantina di firme. Dopo di che la commissione congressuale dovrà verificare sussistenza dei requisiti e autenticità delle firme, ammettendo i candidati.

Il congresso dell’Unione territoriale imolese riguarderà i Circoli dei dieci comuni del circondario: ovvero Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Castel Guelfo, Castel San Pietro Terme, Dozza, Fontanelice, Imola, Medicina e Mordano. Come detto, i congressi di Circolo si svolgeranno dal 24 novembre all’11 dicembre. Vi potranno partecipare iscritti e simpatizzanti.

Ogni Circolo, oltre a rinnovare i propri organismi dirigenti (segretario e comitato direttivo), dovrà esprimere i propri componenti sia alle Assemblee delle Unioni comunali sia all’Assemblea territoriale. I candidati, sia a segretario di Circolo sia a segretario dell’Unione territoriale, avranno a disposizione 15 minuti per presentare le proprie proposte politico-organizzative. Potranno votare, a scrutinio segreto, solo gli iscritti. Potranno votare sia i tesserati 2017 che abbiano rinnovato l’iscrizione per il 2018 entro il giorno di svolgimento della riunione del proprio Circolo, sia i nuovi tesserati iscrittisi almeno 12 giorni prima dell’inizio dello svolgimento delle riunioni di Circolo.Terminati i congressi di Circolo si insedierà l’assemblea dell’Unione territoriale, già convocata per giovedì 13 dicembre, alle ore 18.

Un servizio più ampio si potrà leggere su «sabato sera» del 22 novembre

Congresso Unione territoriale Pd: tre al momento i candidati alla segreteria, giovedì 22 alle 13 il termine per presentare le firme
Cronaca 18 Luglio 2018

Futuro del Pd, nove uomini e quattro donne nel coordinamento per preparare il congresso

Sono nove uomini e quattro donne i componenti del coordinamento del Pd di Imola che accompagneranno il reggente Roberto Visani fino al congresso del partito previsto per ottobre. I nominativi sono stati presentati lunedì sera all”Assemblea degli iscritti dopo un ascolto dei territori durato un paio di settimane. Visani aveva chiesto di segnalare dei nomi che tenessero conto “anche del pluralismo interno che abbiamo nel Pd”.

“Si tratta di persone rappresentative delle diverse realtà presenti nel territorio del nostro Circondario” ha rimarcato il reggente. I nomi sono: Francesca Marchetti, Roberto Poli, Valentina Baricordi, Mauro Scheda, Gigliola Poli, Marco Cavina, Ennio Scheda, Marco Panieri, Giacomo Gambi, Fabrizio Castellari, Pierpaolo Mega, Pietro Taraborrelli e Selena Mascia.

Nella foto Roberto Visani

Futuro del Pd, nove uomini e quattro donne nel coordinamento per preparare il congresso

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast