Posts by tag: polemica

Cronaca 7 Maggio 2020

Al Piratello riesumate salme senza avvisare i parenti, il Comune chiarisce dopo le accuse della Lega

Botta e risposta tra Lega e Comune di Imola in merito all”operazione di traslazione di salme avvenuta nei giorni scorsi nell”area Gran Campo, lato ovest del cimitero del Piratello, senza aver precedentemente avvisato i parenti. Ad innescare la miccia della polemica è stato Marco Casalini, segretario della Lega imolese, che in un comunicato stampa ha attaccato il Comune per quanto accaduto. «Molti visitatori, che dopo molti mesi non riuscivano a incontrare i propri morti ospiti al Piratello, si sono trovati davanti ad una brutta sorpresa – scrive Casalini -. Molti loculi erano infatti aperti e senza salme che, si è scoperto in un secondo momento, sono state spostate per motivi di sicurezza. Centinaia le salme riesumate senza avvisare i parenti». 

A Casalini risponde l”Amministrazione con una nota nella quale si precisa che la decisione è scaturita dalla relazione tecnica di Area Blu dalla quale emergeva l”aggravamento del dissesto di quella zona del camposanto. «La prima ordinanza è stata adottata dal Commissario in forma contingibile e urgente, a seguito di un sopralluogo anche degli uffici tecnici del Comune – spiegano dal municipio – poiché il cedimento strutturale avrebbe potuto danneggiare le persone in visita al cimitero o gli addetti alla manutenzione ed avrebbe potuto provocare il crollo delle strutture di separazione tra i diversi spazi della struttura». Due i rischi dunque da scongiurare: quello strutturale per l”immobile e quello di compromettere l”integrità delle salme e dei resti mortali.

Questo il motivo che ha spinto a interdire la zona al pubblico e a procedere subito alla traslazione delle salme. «Tenuto conto dell”urgenza di provvedere, Area Blu è stata incaricata di porre avvisi presso i cimiteri e sul sito internet – prosegue il comunicato – e di reperire indirizzi dei congiunti se possibile nel giro di 48 ore, mentre le singole pratiche di traslazione, con i nominativi e le tombe di prima allocazione e le postazioni di destinazione, sono disponibili presso l”Ufficio cimiteri di Area Blu. In frangenti ordinari, per reperire i nominativi dei congiunti sono necessari mesi di ricerche, in questa occasione non è stato possibile il rispetto delle tempistiche per l”urgenza di provvedere». Tra l”altro, aggiunge l”Amministrazione, «erano pochi i nominativi di congiunti che sono stati reperiti nell”archivio informatizzato del servizio cimiteriale. Prosegue l”impegno a completare quanto prima la ricollocazione delle salme traslate e la ricerca dei congiunti a cui comunicare la dislocazione delle nuove sepolture». (r.cr.)

Nella foto Isolapress un momento del lavoro di rimozione delle tombe

Al Piratello riesumate salme senza avvisare i parenti, il Comune chiarisce dopo le accuse della Lega
Cronaca 10 Ottobre 2019

Piscina Ruggi, proroga a Geims o nuovo bando? Cambiando la gestione rischia lo sport imolese

Il 31 maggio 2020 scadrà la concessione che nel 2014 ha assegnato a Geims la gestione del Ruggi, il complesso sportivo comunale composto da palazzetto e piscina. Concessione che sarebbe prolungabile per altri 3 anni, ma non è detto che la proroga sia così scontata. Da settimane infatti si rincorrono voci che vorrebbero l’assegnazione separata di palazzetto e piscina attraverso più bandi. Una roba complicata da farsi e poi da gestire e che, per di più, comporterebbe dei rischi anche dal punto di vista sportivo, poiché gli atleti dell’Imolanuoto, che lì si allenano, entreranno nella stagione preparatoria alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Inoltre la Federnuoto ha appena concesso alla società del presidente Mirco Piancastelli il privilegio di diventare Centro federale per lo stile a rana, finanziando la copertura della piscina esterna da 50 metri, operazione che potrebbe diventare a rischio se il gestore dovesse cambiare nei prossimi mesi.

Dunque, perché di punto in bianco si vorrebbe cambiare? In un video pubblicato su Facebook nel tardo pomeriggio di giovedì 3 ottobre il sindaco di Imola, Manuela Sangiorgi, ha attaccato sia Area Blu, la società partecipata che si occupa del patrimonio impiantistico comunale, sia Geims, sottolineando pecche nella gestione e scatenando reazioni immediate da parte di Lorenzo Muscari (Geims). «Siamo mortificati per l’affermazione che è stata fatta sulla nostra gestione del complesso sportivo Amedeo Ruggi. Non pensiamo di aver creato dei disservizi in tutti questi anni ma di aver aumentato la collaborazione con clienti e società sportive cercando di andare sempre incontro alle nuove e crescenti esigenze di ognuno di loro. Abbiamo sempre mantenuto con l’Ufficio Sport del Comune di Imola un rapporto di lavoro costante, collaborativo e qualitativo e non sono mai emersi segnali di mal-gestione».

Ma anche di Mirco Piancastelli: «Da maggior utente dell’impianto – precisa il presidente dell’Imolanuoto – confermo che la gestione è stata buona; girando le piscine di tutta Italia, la nostra è tra quelle tenute meglio e mi piacerebbe che il nostro sindaco venisse a vedere per rendersene conto». E dell’atleta imolese Alessia Polieri, che considera l’impianto di via Graziadei la sua seconda casa: «Vorrei sottolineare la professionalità, la gentilezza, la disponibilità e l’accoglienza che trovo ogni volta che entro in questo impianto super e che avrebbe bisogno di aiuto da parte dell’Amministrazione e non di critiche di interesse. Per chi mette in discussione il nostro impianto, sarebbe utile visitare i luoghi della nostra comunità, parlando con chi li vive ogni giorno». (p.z.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 10 ottobre.

Nella foto (Isolapress): la piscina Ruggi

Piscina Ruggi, proroga a Geims o nuovo bando? Cambiando la gestione rischia lo sport imolese

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast