Posts by tag: politica

Cronaca 6 Aprile 2020

Coronavirus, nasce il Tavolo metropolitano per la sicurezza sul lavoro. L’onorevole Soverini: «Ripartire il più velocemente possibile»

E’ stato attivato questa mattina il Tavolo metropolitano per la sicurezza sul lavoro promosso dalla Città metropolitana e dal Comune di Bologna. Si tratta della prima esperienza del genere a livello nazionale nata a seguito della situazione emergenziale di questo periodo allo scopo di promuovere e sostenere le imprese nella messa a norma di piani di sicurezza da Covid-19 sui posti di lavoro, anche al fine di assicurare il prima possibile la ripresa delle attività non appena le condizioni lo consentiranno. 

All’incontro, che si è svolto in videoconferenza presieduto dal vicesindaco metropolitano Fausto Tinti, hanno partecipato, tra gli altri, Francesca Puglisi (sottosegretario di Stato al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali), Vincenzo Colla (assessore regionale allo Sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione), il parlamentare Serse Soverini, i direttori o presidenti dell’Ausl di Imola, della Cna di Bologna e Imola, di Confartigianato Imprese Bologna metropolitana, di Confersecenti Bologna e Imola, di Ascom Bologna e Imola, di Legacoop Bologna e Imola, di Cia Bologna e Imola, di Coldiretti Bologna ed i Segretari di Cgil, Cisl, Uil. «L’obiettivo è quello di consentire alle imprese di ripartire il più velocemente possibile ma, contemporaneamente, assicurando la massima sicurezza possibile ai propri dipendenti – spiega l’onorevole Serse Soverini –. Più di qualsiasi altra cosa, è necessario garantire la semplificazione e la chiarezza delle procedure di riapertura e l’efficientamento del supporto alle imprese, a cominciare dalla fornitura delle mascherine. Diventa quindi fondamentale far fruttare queste settimane di attesa del via libera alla “fase 2” da parte del Governo per condividere e uniformare regole e protocolli di intervento. Non ci possiamo permettere il lusso di aspettare, dobbiamo anticipare i tempi. Questo tavolo di confronto dell’area metropolitana, condiviso fra le parti datoriali, le organizzazioni sindacali e le istituzioni, diventa più che mai significativo per Imola e il circondario. E il nostro territorio potrà vantarsi di avere fatto da apripista a livello regionale e nazionale».

 «Al lavoro in sicurezza» è lo slogan scelto con l’obiettivo di individuare, attraverso le competenze di tutti gli attori partecipanti, il percorso per arrivare ad una ripartenza del nostro sistema economico con i lavoratori in completa sicurezza velocizzando e semplificando l’iter delle regole e delle procedure, a beneficio del sistema delle imprese che ha bisogno di ripartire. Il Tavolo vuole quindi essere un ambito territoriale con funzioni operative, in collegamento con il Tavolo di coordinamento nazionale, e, come anticipato durante l’incontro dall’assessore Colla, riceverà un sostegno economico della Regione come progetto pilota. (da.be.)

Nella foto: l’onorevole Serse Soverini

Coronavirus, nasce il Tavolo metropolitano per la sicurezza sul lavoro. L’onorevole Soverini: «Ripartire il più velocemente possibile»
Cronaca 10 Marzo 2020

Il messaggio di cordoglio di Articolo Uno per la scomparsa di Massimo Marchignoli

«Tutta la nostra comunità di Articolo Uno è triste per la scomparsa di Massimo Marchignoli. Un militante appassionato, un parlamentare competente, un amministratore amato e rispettato». Con queste parole Vladimiro Ferri e Antonio Borghi, a nome di Articolo 1-Mdp della Città metropolitana di Bologna e del Circondario imolese, ricordano l”ex sindaco di Imola.

«Abbiamo già espresso alla famiglia le nostre più sincere condoglianze, anche attraverso un telegramma del nostro segretario nazionale e ministro della Salute Roberto Speranza – proseguono Ferri e Borghi -. Tuttavia ci preme rendere pubblico il nostro cordoglio per il nostro “compagno” di avventura politica. Massimo aveva aderito da subito ad Articolo Uno e non aveva fatto mancare il suo prezioso contributo. Massimo, nella sua attività di parlamentare, come da sindaco di Castel del Rio, consigliere provinciale, segretario politico, poi sindaco di Imola, ha dedicato tutta la sua vita per il bene delle nostre comunità, per rafforzarne l’autonomia, che non è mai stata chiusura».

«La sua passione politica traspariva in ogni atto e anche per questo è stato molto amato dai suoi concittadini – aggiungono i rappresentanti di Articolo Uno -. Oggi non è possibile, a causa delle doverose limitazioni per contenere il contagio del Coronavirus, effettuare un funerale degno della sua statura di uomo politico, e per questo ci impegniamo, e lo chiediamo anche alle istituzioni che ha rappresentato, ad un momento pubblico che ne ricordi l’impegno e la figura appena sarà possibile programmarlo». (r.cr.) 

Il messaggio di cordoglio di Articolo Uno per la scomparsa di Massimo Marchignoli
Cronaca 9 Marzo 2020

Moltissimi messaggi di cordoglio per la scomparsa di Massimo Marchignoli

Il mondo politico, civile ed economico imolese continua a ricordare Massimo Marchignoli, scomparso la sera dell”8 marzo a causa di un malore improvviso.

Comune di Imola
«A nome dell’attuale governo della Città, esprimo il più profondo cordoglio per la scomparsa di Massimo Marchignoli – dichiara Nicola Izzo, commissario straordinario del Comune di Imola -. Nel rendere omaggio alla figura di questo importante sindaco di Imola, la Città si unisce al dolore della famiglia».

Fabrizio Castellari
«Nove anni fianco a fianco lasciano un segno profondo – aggiunge Fabrizio Castellari, vicesindaco di tutte e due le giunte Marchignoli -. Prima di tutto un segno di amicizia e di stima, sempre ricambiate. Per me e per molti altri Massimo è stato un amico, prima ancora che un bravo sindaco. Una persona capace di costruire relazioni forti. Amministratore concreto e pragmatico, senza paura di decidere, senza timidezze o tentennamenti. E’ la lezione più grande che ho appreso da lui, assieme a tutti coloro che hanno condiviso l’esperienza di Giunta al suo fianco. E’ stata un’esperienza straordinaria, che ci ha insegnato il valore della responsabilità unita alla fiducia reciproca. Massimo si fidava di noi, della sua squadra. Ci delegava e ci metteva la faccia e questo avveniva sempre, anche nelle scelte più difficili. Come quando decidemmo di non arretrare sulla riqualificazione della Piazza Matteotti. “Se anche voi ci credete, allora avanti insieme”».

Cgil
«Marchignoli, nel suo percorso politico e istituzionale, si è sempre mostrato interprete dei bisogni della comunità che rappresentava – continua la segreteria della Cgil imolese -, attento alle questioni del mondo del lavoro, sempre presente alle nostre iniziative e mobilitazioni, sempre disponibile al confronto per trovare soluzioni ai problemi da affrontare».

Confartigianato
«Lo voglio ricordare innanzitutto come persona, perché quei tratti personali li ha trasferiti nel suo fare politica – prosegue Amilcare Renzi, segretario di Confartigianato Bologna Metropolitana -. Ricordo uno dei suoi primi interventi come sindaco di Imola quando affermò ‘Voglio un palazzo aperto alla città’. E nei fatti dimostrò una forte capacità di ascolto verso tutta la sua comunità e verso tutti coloro che cercavano un momento di confronto con lui. Un rapporto che è poi proseguito nella sua attività da parlamentare, durante la quale ha sempre mantenuto un legame forte con il territorio e con le sue espressioni associative. Quando lo incontravi in occasioni pubbliche, e spesso anche per telefono, chiedeva informazioni sulla situazione locale, sui bisogni del territorio, su ciò che si poteva fare meglio per tutta la comunità». (r.cr.)

Moltissimi messaggi di cordoglio per la scomparsa di Massimo Marchignoli
Cronaca 9 Marzo 2020

Coronavirus: salta il referendum sul taglio dei parlamentari. Ipotesi amministrative in autunno

Il nuovo decreto del Governo Conte sulle misure per il contenimento della diffusione del coronarvirus, che ha stabilito il blocco delle attività fino a venerdì 3 aprile, sancisce di fatto la cancellazione e il posticipo a data da destinarsi del referendum costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari previsto per domenica 29 marzo.

E Imola comincia a interrogarsi anche sulle elezioni amministrative previste fra la fine di maggio e l’inizio di giugno. Nel caso in cui l’emergenza non dovesse rientrare in tempo utile, l’ipotesi allo studio del Governo è uno slittamento all’autunno, probabilmente in contemporanea con le elezioni regionali in Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana e Veneto, di cui si attende l’indizione. (r.cr.)

Coronavirus: salta il referendum sul taglio dei parlamentari. Ipotesi amministrative in autunno
Cronaca 9 Marzo 2020

La politica ricorda Massimo Marchignoli

La politica ricorda Massimo Marchignoli scomparso la sera di domenica 8 marzo all”età di 61 anni a causa di un malore improvviso.

Daniele Manca
«Sono sconvolto – commenta Daniele Manca, ex primo cittadino di Imola e attualmente senatore, attraverso un post pubblicato sulla propria pagina Facebook –. Proprio mercoledì ero stato a Castel del Rio per scendere insieme e porgere a Bruno l”ultimo saluto. Siamo stati insieme ricordando le fasi di un”intera vita politica, fatta di vittorie e sconfitte. Da non credere: era tanto affaticato ed emotivamente provato da tanti dispiaceri, ma mai avrei pensato che in poco tempo ci avrebbe lasciato. Ora non ci sono parole se non un dispiacere immenso. Ci mancherà tantissimo il tuo amore per la politica, una vita spesa per la politica».

Daniele Montroni
«Tanti anni passati insieme – scrive Daniele Montoni, assessore in tutte e due le Giunte di Marchignoli ed ex deputato, in un post pubblicato sul proprio profilo Facebook –. Abbiamo condiviso vittorie, sconfitte, vita pubblica e privata. Momenti felici e tristi. Un’amicizia nata nel 1983, complice la passione per la politica. Come fratelli.
Ciao Massimo».

Anna Pariani
A Marchignoli Anna Pariani, segretaria dei Ds subito dopo l’ex sindaco, ha voluto dedicare la canzone My Way di Frank Sinatra, accompagnandola con il messaggio «I lived a life that’s full…. il tuo inno… addio».

Giuseppina Brienza
«La scomparsa di Massimo Marchignoli è una notizia che ci ha sorpreso molto – aggiunge Giuseppina Brienza, ex assessore e presidente dell’associazione Futuro in Comune Imola –. A pochi giorni dall’addio a Bruno Solaroli, che aveva scosso profondamente Marchignoli, Imola perde un altro protagonista importante della storia politica cittadina, locale (penso ai due mandati da sindaco di Castel del Rio e a quello da consigliere provinciale) e nazionale».

Marcello Tarozzi
«Negli ultimi tempi avevamo recuperato un rapporto – scrive Marcello Tarozzi, ex consigliere comunale e capogruppo del Partito democratico –. Qualche volta sono andato a Castel del Rio a trovarlo. Era una persona con tanti difetti e dei vizi. Sapeva fare davvero politica e aveva una profonda passione che dimostrava ancora con tanti post su Facebook. Qualche anno fa era caduto in disgrazia dopo avere gestito il potere per anni in città, con il consenso di tutti noi. Era un uomo di potere, di quelli che non lasciavano scampo a chi non si allineava. Per questo e per le sue debolezze umane note ha pagato un prezzo alto. È stato un bravo sindaco nelle comunità che ha amministrato e molti lo sanno. Non siamo sempre stati d”accordo e anche io non lo sostenni al momento della possibile ricandidatura al parlamento nel 2012/13. Forse perché a tutti noi, quelli del suo partito, faceva comodo non sostenerlo dopo averlo fatto per tanti anni. Era forse facile riversare su quella figura tutti i nostri errori. Dopo averlo riverito per anni, quando cadde dal trono, non tutti lo abbiamo cercato. Chiedergli scusa ora è probabilmente retorico e sbagliato, ma voglio farlo lo stesso. Quando ci siamo visti a Castel del Rio mi ha dato dei consigli e mi chiesto la mia opinione politica su Imola. Non mi mancherà l”uomo di potere che è caduto per colpa dei suoi errori, mi mancherà quell”uomo fragile che ha rivelato la sua solitudine». (r.cr.)

Fotografia tratta dal profilo Facebook di Massimo Marchignoli

La politica ricorda Massimo Marchignoli
Cronaca 8 Marzo 2020

Marco Panieri: «Con Marchignoli scompare un uomo di grandi relazioni, che seppe coniugare sviluppo e crescita»

«E” una notizia molto triste per la nostra comunità, per il nostro partito». Così il segretario territoriale del Partito Democratico di Imola, Marco Panieri, commenta a caldo la scomparsa di Massimo Marchignoli.

«A soli sette giorni dalla scomparsa dell”onorevole Bruno Solaroli ci lascia anche l”onorevole Marchignoli, giá sindaco di Imola e Castel del Rio, deputato e segretario – continua Panieri -. E” stato un uomo di grandi relazioni, che ha saputo coniugare sviluppo e crescita. Tante le opere da lui cantierizzate, ad esempio la “bretella”, la ristrutturazione del teatro Ebe Stignani e del teatro Osservanza. Nel rendere omaggio alla figura di Massimo Marchignoli, il Partito Democratico si unisce al dolore della famiglia e in particolare alla moglie Serena e alla mamma Ottaviana». (r.cr.)

Imola

Marco Panieri: «Con Marchignoli scompare un uomo di grandi relazioni, che seppe coniugare sviluppo e crescita»
Cronaca 8 Marzo 2020

E' scomparso improvvisamente Massimo Marchignoli, ex sindaco di Imola e deputato

E” scomparso improvvisamente poco fa, all”età di 61 anni, Massimo Marchignoli. Nato a Bologna il 5 dicembre 1958, diplomato al liceo classico, era stato sindaco di Imola dal 1999 al 2008 e deputato del Partito Democratico dal 2008 al 2013.

In passato aveva ricoperto anche le cariche di segretario della Federazione di Imola del Partito Democratico della Sinistra, poi Democratici di Sinistra (1995-99) e di sindaco di Castel del Rio, il paese dove era tornato ad abitare da qualche anno, dal 1991 al 1999. E” stato inoltre presidente della Comunità Montana della Valle del Santerno dal 1992 al 1995 e consigliere provinciale nel quadriennio 1995-1999. Lascia la moglie Serena e la mamma Ottaviana. (r.cr.)

E' scomparso improvvisamente Massimo Marchignoli, ex sindaco di Imola e deputato
Cronaca 5 Marzo 2020

Il consigliere Michele Cattani bussa alla porta con un obiettivo: «Conoscere e coinvolgere tutti i nuovi medicinesi»

Cene di vicinato, un festival di cittadinanza attiva il fine settimana del 16 e del 17 maggio e, per gli stranieri in particolare, il potenziamento della scuola di italiano gestita dal Cpia-Centro provinciale per l’istruzione degli adulti di Imola e attività innovative per l’apprendimento della lingua. Sono solamente alcuni fra i progetti a cui l’Amministrazione di Medicina sta lavorando per migliorare l’accoglienza e l’integrazione dei nuovi residenti, arrivati in paese soprattutto per trovare condizioni di lavoro migliori. «Medicina ha il dovere e il compito di accogliere i nuovi cittadini – spiega Michele Cattani, consigliere comunale della lista civica «Matteo Montanari sindaco» a cui il primo cittadino ha conferito la delega alla valorizzazione dei rapporti e al coinvolgimento dei nuovi medicinesi, e che fin dalla settimana successiva all’insediamento della nuova Giunta ha cominciato a fissare appuntamenti –. L’obiettivo di questi incontri informali è capire quali siano, secondo loro, gli aspetti positivi e critici del paese». (lu.ba.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 27 febbraio.

Nella foto: Michele Cattani

Il consigliere Michele Cattani bussa alla porta con un obiettivo: «Conoscere e coinvolgere tutti i nuovi medicinesi»
Cronaca 2 Marzo 2020

Il ricordo di Bruno Solaroli della Cooperativa Bacchilega

Anche la Cooperativa Bacchilega ricorda Bruno Solaroli, scomparso nella notte fra domenica 1 e lunedì 2 marzo all”età di 81 anni a causa di un malore improvviso, e la cui camera ardente verrà allestita in Comune mercoledì mattina.

«Bruno, fra le altre cose giornalista pubblicista, è stato alla guida della nostra cooperativa di giornalisti dal 2005 al 2013 – ricorda il Consiglio di amministrazione -, portando all”interno della nostra azienda le sue idee sempre rivolte allo sviluppo della testata Sabato sera e attente a cogliere occasioni per lanciare nuovi progetti e nuove iniziative che superassero anche i confini del circondario imolese. La sua voglia di innovare, la sua attenzione costante alla qualità dei contenuti e al giornalismo utile allo sviluppo sociale e culturale dei territori, rappresentano per noi un punto di riferimento. Bruno, anche dopo il termine del suo mandato di presidente, ci è stato vicino con i suoi consigli e si è rivelato attento critico, sempre costruttivo, del nostro lavoro».

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Il ricordo di Bruno Solaroli della Cooperativa Bacchilega
Cronaca 2 Marzo 2020

Moltissimi messaggi di cordoglio per la scomparsa di Bruno Solaroli

Il mondo politico, civile ed economico imolese continua a ricordare Bruno Solaroli, scomparso nella notte fra domenica 1 e lunedì 2 marzo all”età di 81 anni a causa di un malore improvviso, e la cui camera ardente verrà allestita in Comune mercoledì mattina.

Massimo Marchignoli
«La mia lunga vita con Bruno Solaroli è stata caratterizzata da mille colori che ricordo tutti – ha scritto Massimo Marchignoli, ex primo cittadino e deputato, in un post pubblicato sul proprio profilo Facebook –. Sono cominciati nel 74 alla Festa dell’unità di Castel del Rio e si sono conclusi il 20 luglio dell’anno scorso nello stesso luogo per dedicarlo ad Enrico Berlinguer (l’ultima volta che ci siamo visti e naturalmente parlati). Bruno carissimo, nella mia vita sei stato protagonista di splendide mie gioie ed di alcune cocenti amarezze. Ma oggi mi hai dato il più grande è definitivo dolore. Ti ho voluto, ti voglio e ti vorrò bene per sempre. Ciao caro amico e compagno».

Serse Soverini
«La scomparsa di Bruno Solaroli è una perdita per l’intera comunità imolese – commenta Serse Soverini, deputato del Partito democratico eletto nella circoscrizione uninominale di Imola –. Purtroppo non ho avuto la fortuna di conoscerlo in maniera approfondita come altri: l’ho incontrato quando era sottosegretario ed io ero capo-segreteria al ministero dell’Agricoltura, poi nuovamente nel corso della campagna elettorale per le elezioni politiche di due anni fa, ed è da quel momento che ho avuto la possibilità di instaurare un contatto più stretto. Solaroli rappresentava la classe politica che ha ricostruito le istituzioni di questo Paese dopo la Seconda guerra mondiale e ha creduto profondamente nel loro valore. Una politica fatta di idee e di qualità».

Condoglianze alla famiglia di Solaroli sono state espresse anche dal Movimento 5 stelle cittadino.

Accademia pianistica
«Bruno Solaroli era, oltre che un caro amico, uno uomo eccezionale prima che un politico, uno che aiutava tutti sostenendo le iniziative dei giovani e delle persone – aggiunge Franco Scala, fondatore e direttore della Fondazione Accademia pianistica “Incontri col maestro” –. Io posso testimoniare il suo operato di politico che lotta per realizzare i progetti in cui crede, anche mettendosi contro gli altri. Alla fine degli anni ’80, quando gli parlai del progetto dell’Accademia e gli chiesi di poterla insediare nella Rocca sforzesca, lui mi diede subito fiducia, anche forse senza capire fino in fondo cosa volesse essere questa Accademia. Da quel momento Bruno si è battuto in Consiglio comunale per diversi giorni per ottenere la fondazione dell’Accademia nella Rocca ed è dal suo impegno che è partito, due anni dopo, il viaggio di questa Istituzione che ha sempre continuato a crescere arrivando oggi al livello universitario. Senza di lui l’Accademia non sarebbe nata. Per questo e per l’amicizia che mi ha legato a Bruno per tutti questi anni, l’Accademia tutta oggi è in lutto vicina alla moglie e ai figli ai quali esprime il proprio sentito cordoglio».

Anpi Imola
«L’Anpi di Imola e le sezioni del circondario, i loro volontari e i loro iscritti non dimenticheranno mai i suoi insegnamenti, il suo impegno e il suo entusiasmo nel perseguire gli obiettivi dell’Anpi – continua Gabrio Salieri, presidente della sezione cittadina – di mantenere e rinnovare la memoria della Resistenza e dei suoi ideali, di difendere la Costituzione, di combattere il razzismo, la discriminazione nei confronti delle donne e dei diversi, l’antisemitismo ed il rinascere di rigurgiti neofascisti».

Legacoop Imola
«Con Bruno Solaroli per me è venuto a mancare, oltre che un grande amico, un punto di riferimento per la mia vita – prosegue Raffaele Mazzanti, presidente della Lega delle cooperative imolese-. Per tutte le scelte di carattere personale, legate a proposte di lavoro e di incarichi, mi rivolgevo a Bruno per un consiglio e quando stavamo un po’ senza sentirci era lui a chiamare per sentire come andava la banca, la coooperativa. E la telefonata si chiudeva con la frase: Se hai bisogno ci sono sempre. Abbiamo fatto insieme tante battaglie, ricordo quelle per mantenere la banca e la scuola elementare a Sassoleone. E abbiamo anche viaggiato tanto, negli Stati Uniti, in Cina, in vari paesi europei. Era un uomo vicino alla cooperazione, sensibile e attento ai nostri valori. Si informava sempre, anche da onorevole voleva sapere come andavano le cose». (r.cr./mi.ta)

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Moltissimi messaggi di cordoglio per la scomparsa di Bruno Solaroli

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast