Posts by tag: rfi

Cronaca 25 Luglio 2022

Entrano nel vivo i lavori di realizzazione del nuovo sottopasso ferroviario Bucci-Ortignola

Entrano nel vivo i lavori di realizzazione del nuovo sottopasso ciclo-pedonale a nord della stazione di Imola, che consentirà di collegare due parti della città storicamente separate dai binari.
L’opera, realizzata a cura e spese dell’amministrazione comunale, prevede l’intervento di Rfi-Rete ferroviaria italiana nella delicata fase di posizionamento del monolite che costituisce il sottopasso, sotto i binari della linea Bologna-Imola. Saranno oltre 60 i tecnici di Rri e delle imprese appaltatrici, con l’ausilio di mezzi d’opera, impegnati nelle attività di competenza della società ferroviaria.

La notte fra ieri e oggi e quella fra oggi e domani, Rfi posizionerà sotto i binari travi di sostegno funzionali a garantire continuità e sicurezza della circolazione dei treni durante la fase successiva dei lavori. Per fare questo, verranno inizialmente rimossi e poi riposizionati sia la linea di alimentazione elettrica dei treni che i binari e la massicciata.
Da oggi al 31 luglio la ditta incaricata dal Comune di Imola provvederà alla spinta sotto i binari del sottopasso, un monolite costruito vicino alla sede ferroviaria, che verrà posizionato con l’ausilio di martinetti idraulici.
Completata questa seconda fase, Rfi rimuoverà le travi di sostegno dei binari e ripristinerà definitivamente l’infrastruttura ferroviaria (linea di alimentazione elettrica, binari e massicciata). Quest’ultima attività sarà effettuata nelle notti 31 luglio/1 agosto e 1/2 agosto. (r.cr.)

Nella fotografia di Rfi, i lavori in corso

Entrano nel vivo i lavori di realizzazione del nuovo sottopasso ferroviario Bucci-Ortignola
Cronaca 29 Aprile 2020

Intesa Città metropolitana-Rfi per progettare i Centri di mobilità. Interessate Imola, Castel San Pietro e Medicina

Il primo cittadino metropolitano Virginio Merola e l’amministratore delegato di Rete ferroviaria italiana Maurizio Gentile hanno firmato il protocollo d’intesa per l”elaborazione delle linee di indirizzo che guideranno la progettazione dei trenta Centri di mobilità previsti dal Pums-Piano urbano della mobilità sostenibile.

«Collocati prevalentemente in corrispondenza delle stazioni ferroviarie, i Centri di mobilità sono nuovi hub urbani, tecnologicamente attrezzati, in cui poter offrire un elevato livello di servizi diversificati – ricorda la Città metropolitana –. Luoghi pensati per garantire intermodalità e multi modalità, fornire adeguati spazi di sosta per i diversi mezzi (velostazioni, velopark, parcheggi scambiatori) e per la ricarica elettrica, prioritariamente per i veicoli pubblici e condivisi. Inoltre i Centri permetteranno di promuovere servizi innovativi, mobility on demand, sharing (car-scooter-bike-monopattini), smart parking, pick point per l’e-commerce, e garantire a tutti i cittadini l”accesso a servizi diversificati in modo chiaro, facile e sicuro».
Nel circondario, sono interessate dal progetto Imola, Castel San Pietro e Medicina.

«Una buona progettazione dei Centri di mobilità consentirà di favorire l’interscambio e di sfruttare al meglio le potenzialità del trasporto pubblico, migliorandone l’offerta – sottolinea Marco Monesi, consigliere metropolitano con delega alla Mobilità sostenibile –. Potenziare il trasporto pubblico e la mobilità sostenibile e attiva puntando alla sicurezza dei passeggeri sono temi previsti nel Pums e ora più che mai centrali nelle politiche di rilancio superata la fase di emergenza Covid-19». (r.cr.)

Intesa Città metropolitana-Rfi per progettare i Centri di mobilità. Interessate Imola, Castel San Pietro e Medicina

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA