Posts by tag: scuola dell’infanzia

Ciucci (ri)belli 27 Febbraio 2022

Fantaveicoli, «biciclette d’autore» in mostra all’esterno della scuola d’infanzia Carducci a Imola

Dopo i calzini spaiati, le bici. In occasione del Carnevale dei Fantaveicoli, la recinzione della sede della scuola d’infanzia Carducci, in via Manfredi a Imola, è diventata… una galleria d’arte. In mostra, biciclette di tutti i tipi, rigorosamente fatte dai bambini e dai loro genitori con materiali di recupero. «È stata l’occasione per riprendere a partecipare alla vita e agli eventi di Imola – spiega Alice Rugiero, docente all’Istituto comprensivo 2 – mettendo insieme bambini, famiglie e scuola come da mesi non poteva più accadere. Non potevamo non partecipare al Carnevale dei Fantaveicoli di Imola. Bimbi e genitori dell’infanzia Carducci hanno reso possibile tutto questo. E dal vivo la nostra mostra è ancora meglio: passate a vederla in via Manfredi – conclude – e taggateci nei vostri selfie con sfondo di bici d’autore!».

Nelle foto: le «bici d’autore» dei bimbi della scuola d’infanzia Carducci a Imola

Fantaveicoli, «biciclette d’autore» in mostra all’esterno della scuola d’infanzia Carducci a Imola
Ciucci (ri)belli 9 Febbraio 2022

La gentilezza porta in radio la Scuola d’infanzia Campanella di Imola

La Scuola d’infanzia comunale Campanella di Imola sarà protagonista della trasmissione radiofonica Spazio Costruiamo gentilezza, voce del progetto nazionale Costruiamo gentilezza, che andrà in onda domani, giovedì 10 febbraio (ore 19-21) e che vedrà coinvolta l’intera comunità scolastica in una puntata dedicata a «Puliamo il Mondo con la Gentilezza» (argomento scelto dalla scuola). Di recente, infatti, insegnanti, bambini e genitori si sono dedicati a pulire i parchi cittadini, ultima di una serie di iniziative dedicate alla costruzione di pratiche di gentilezza, a beneficio della comunità scolastica e di quella locale.

Alla trasmissione parteciperanno con collegamenti telefonici i bambini con le loro famiglie, le insegnanti, il sindaco Marco Panieri e l’assessora alla Gentilezza, Elisa Spada (che hanno incontrato i bimbi il 7 febbraio), i cittadini. La puntata sarà seguita in tutta Italia sulla web radio www.radiospazioivrea.it, che trasmette dalle Officine H di Ivrea (ex fabbrica dell’Olivetti). Chi lo vorrà, potrà partecipare alla trasmissione attivamente rispondendo alla domanda «Come ti prendi cura della tua città?», con un messaggio vocale Whatsapp da inviare nella stessa giornata al 377 0837707. I messaggi ricevuti saranno trasmessi durante la diretta. Per le insegnanti Patrizia Albonetti e Annalisa Ravaldi, che sono anche ambasciatrici di Costruiamo gentilezza, «sarà un’esperienza che consentirà di fare comunità e sarà un bel ricordo per le famiglie». (lo.mi.)

L’iniziativa Puliamo il mondo con la gentilezza
La visita del sindaco Marco Panieri e dell’assessora alla Gentilezza Elisa Spada, il 7 febbraio
Le insegnanti Patrizia Albonetti e Annalisa Ravaldi, ambasciatrici del progetto Costruiamo gentilezza
La gentilezza porta in radio la Scuola d’infanzia Campanella di Imola
Imola 4 Febbraio 2022

Giornata dei calzini spaiati, l’iniziativa dei bimbi della scuola d’infanzia Carducci di Imola

Ogni anno il primo venerdì di febbraio si celebra la Giornata dei calzini spaiati, iniziativa nata una decina di anni fa in una scuola elementare di Terzo di Aquileia (Udine) per lanciare un messaggio di solidarità e inclusione verso tutti coloro che si sentono un po’ «spaiati».

Nell’occasione, oggi i bambini della scuola dell’infanzia Carducci di Imola hanno deciso di fare un regalo a tutti quelli che passavano nelle vicinanze della scuola: tanti calzini spaiati, colorati dai bambini stessi, sono stati appesi alla recinzione del giardino con l’invito, per i passanti, a staccarli e portarli con sè per ricordare sempre, spiegano le maestre, «che la diversità di ognuno è una ricchezza per tutti quanti. La giornata dei calzini spaiati nasce per parlare di accettazione e accoglienza delle diversità, ed è stata spunto di riflessione a scuola».

Nella foto: i calzini spaiati disegnati dai bimbi della scuola d’infanzia Carducci di Imola

Giornata dei calzini spaiati, l’iniziativa dei bimbi della scuola d’infanzia Carducci di Imola
Ciucci (ri)belli 11 Giugno 2021

Fiabe e blini bielorussi alla scuola d’infanzia Campanella di Imola

Questa mattina Raissa e Arena, dell’associazione imolese Insieme per un futuro migliore, hanno raccontato nella scuola dell’infanzia comunale Campanella una fiaba bielorussa, che le maestre, insieme alle bambine e ai bambini, hanno animato. Al termine del racconto, l’associazione ha fatto assaggiare i “blini”, focaccine tipiche della cucina bielorussa. Una opportunità di scambio e collaborazione molto apprezzata dai bimbi e da tutto il personale della scuola.

Dal 1996 l’associazione Insieme per un futuro migliore organizza l’accoglienza e il soggiorno in Italia di bambini provenienti da regioni bielorusse, in particolare Gomel e Moghilov, le cui popolazioni sono state colpite dalla contaminazione nucleare di Chernobyl.

“E’ molto bello che a 35 anni dal disastro di Chernobyl l’associazione Insieme per un futuro migliore continui a portare avanti i progetti verso le scuole e nelle scuole – sottolinea Fabrizio Castellari, vicesindaco con delega alla Scuola -. Quella di stamattina è stata una bella iniziativa che coinvolgendo i più piccoli, consolida l’attenzione e la solidarietà che da tanti anni tutta la comunità imolese e territoriale e le sue istituzioni per tramite dell’associazione portano a questo progetto di solidarietà. La scuola che accoglie e valorizza questi progetti crea sempre valore aggiunto per la comunità, costruendo un patrimonio importante per la qualità sociale”.

Nella foto: un momento della rappresentazione della fiaba bielorussa

Fiabe e blini bielorussi alla scuola d’infanzia Campanella di Imola
Ciucci (ri)belli 19 Novembre 2020

Diritti dei Bambini, i 150 volti delle Ercolani

Quest’anno, in occasione della Giornata internazionale dei Diritti dei Bambini, la scuola d’infanzia Ercolani di Castel San Pietro Terme ha organizzato una singolare iniziativa: bimbi e insegnanti hanno trasformato le finestre della scuola in una galleria d’arte. Su ogni finestra, ogni bimbo ha appeso il proprio ritratto, ben visibile dall’esterno. E’ nata così la mostra I 150 volti delle Ercolani.

“Un messaggio di speranza – spiegano le docenti della scuola – in questo triste momento storico. Con la loro spontaneità e vivacità i bambini ci hanno regalato riflessioni molto profonde e ricche di significato. E così, dal loro punto di vista: dobbiamo essere voluti bene dai grandi perchè abbiamo bisogno di loro… abbiamo diritto ad avere un nome altrimenti nessuno ci riconosce e ci sbagliamo… abbiamo diritto al gioco perchè abbiamo ancora 5 anni e ci dobbiamo divertire…  ogni bimbo deve mangiare per diventare più forte del virus… pi bimbi devono andare a scuola perchè devono imparare… devono avere una casa perchè è bello stare in famiglia… hanno diritto ad essere curati perchè così sparisce il virus”. Impariamo dai bambini a focalizzarci sulle cose importanti, e solo così potremmo restiruire al nostro futuro uun mondo migliore” concludono le insegnanti.

Qui la galleria completa

Diritti dei Bambini, i 150 volti delle Ercolani
Cronaca 30 Dicembre 2019

Alle scuole dell'infanzia di Dozza arriva il post-scuola a carico del Comune

Come già annunciato in occasione dell’approvazione del Bilancio di previsione 2020 in Consiglio comunale, nel 2020 l’Amministrazione di Dozza avvierà un percorso per rivolto incentivare l’utilizzo del servizio del post-scuola per la fascia di età 3/6 anni.

Nelle scuole dell’infanzia (Materne) di Dozza e Toscanellla sarà garantito un adeguato e concorrenziale servizio, finanziato interamente dal Comune di Dozza. I dettagli del servizio (organizzazione e  scelta del gestore) verranno definiti in accordo con la dirigenza dell’Istituto Comprensivo, al fine di assicurare la migliore qualità.

«Questa scelta dell’Amministrazione rientra nella politica di inclusione e di attenzione verso le famiglie che hanno bimbi piccoli, cercando di intercettare e venire incontro alle esigenze che questo comporta – commentano Sandra Esposito, assessore ai Servizi scolastici, e Luca Albertazzi, primo cittadino –. Per questi motivi il Comune ha deciso di assumere il servizio con fondi a carico del bilancio dell’ente». (r.cr.)

Nella fotografia di Marco Isola/Isolapress, il primo cittadino di Dozza Luca Albertazzi

Alle scuole dell'infanzia di Dozza arriva il post-scuola a carico del Comune

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA