Posts by tag: Scuola

Cronaca 18 Giugno 2019

Libri di testo gratis per le primarie e materiale scolastico scontato, accordo rinnovato tra Comune e commercianti

E’ stato rinnovato nei giorni scorsi il protocollo d’intesa tra l’Amministrazione comunale imolese e le associazioni di categoria Confcommercio Ascom, Confesercenti e Cna di Imola per la fornitura dei libri di testo agli alunni delle scuole primarie per gli anni scolastici 2019-2020, 2020-2021 e 2021-2022. Il protocollo, che dà continuità alla collaborazione avviata nel 2016 dalla precedente Amministrazione, regolamenta il sistema di distribuzione delle cedole e della fornitura dei libri per i bambini delle classi elementari, di cui usufruiscono gratuitamente ogni anno oltre 3.200 alunni, per una spesa a carico del Comune di circa 110.000 euro. L’intesa promuove inoltre un’azione a sostegno delle piccole realtà commerciali: sono infatti ben 16 gli esercizi che vendono libri nel nostro territorio e sono interessati all’applicazione del protocollo.   

La stessa delibera conferma inoltre l’iniziativa “Equo scuola”, questa volta per tutti gli studenti di ogni ordine e grado. Grazie a questo progetto, le famiglie hanno la possibilità di acquistare, nelle cartolibrerie che aderiscono al protocollo, materiale scolastico a prezzi particolarmente scontati.  Per sapere quali siano queste rivendite, nei prossimi giorni un depliant contenente l’elenco sarà distribuito nelle scuole e nei punti informativi della città, mentre gli stessi negozi potranno esporre una vetrofania con il logo dell’iniziativa in modo che i cittadini possano individuarli facilmente.

Queste le cartolibrerie imolesi che aderiscono ad “Equo scuola”, iniziativa che durerà per l’intero periodo di apertura delle scuole: C. Arcangeli (via Emilia, 148); F.lli  Arcangeli (via Emilia, 156/158); Blu Notte (via Cavour, 20); Carta e Penna (Via San Francesco d’Assisi, 36); Edicola Montericco (via Zaccherini, 32/B); Galeati srl (via Romagnoli, 3); Giotto (via Pisacane, 70); Il Globo (via Rossini, 21); Imola Ufficio srl (via Puccini, 42); Libreria Mondadori Store (via Emilia, 71); Lo Scoiattolo (via B. Croce, 26); Marondoli (via Emilia, 90); Pambera (via Pambera, 59/A); Pigreco (via Pacinotti, 10); Snoopy (viale Carducci, 107/A).

Per informazioni su queste ed altre iniziative comunali per aiutare le famiglie a sostenere i costi scolastici dei figli (buoni libro, agevolazioni tariffarie): Comune di Imola, Servizio Diritto allo Studio (Via Pirandello, 12 – Tel. 0542 602181); dirittostudio@comune.imola.bo.it (r.cr.)

Libri di testo gratis per le primarie e materiale scolastico scontato, accordo rinnovato tra Comune e commercianti
Cronaca 15 Giugno 2019

Oro per Leonardo Morotti del Liceo scientifico Alberghetti alle Olimpiadi di Scienze. Conquistato il pass per i Mondiali

Le competizioni nazionali svoltesi a Pavia hanno decretato i migliori studenti italiani nelle Olimpiadi delle scienze naturali ed ancora una volta uno studente del liceo scientifico Alberghetti ha primeggiato. Leonardo Morotti ha conquistato il diritto a disputare la prova nazionale dopo essersi piazzato al primo posto alla gara regionale, dove ha affrontato una prova teorica con quesiti di Scienze della Terra e Scienze della vita. Alla gara nazionale, organizzata quest’anno dall’Anisn (Associazione nazionale insegnanti di scienze naturali) nella prestigiosa sede dell’Almo collegio Borromeo dell’Università di Pavia, sono giunti come sempre i migliori studenti di tutte le regioni, a rappresentare diverse centinaia di licei italiani, che approntano ogni anno le prove d’istituto per individuare gli studenti più preparati da far partecipare alle fasi successive.

Per designare i vincitori nazionali, coloro che hanno ottenuto i migliori risultati nelle prove teoriche hanno affrontato una prova pratica, al termine della quale Leonardo Morotti, studente della classe 2ª Cls, è stato premiato con la Medaglia d’oro, ovvero il migliore studente d’Italia nelle Olimpiadi delle scienze naturali riservate al biennio.«Ho sempre avuto una grande passione per le materie scientifiche e quando mi si è presentata a scuola l’occasione di partecipare alle Olimpiadi delle scienze ho deciso di provare – racconta Leonardo -. Le domande della prova scritta nazionale erano piuttosto difficili e, al momento dell’annuncio dei primi dieci classificati, che avrebbero potuto accedere alla prova pratica, ero abbastanza agitato, ma non appena sono stato chiamato mi sono sentito molto sollevato. La prova pratica l’abbiamo sostenuta alla facoltà di Geologia, dove erano stati preparati diversi materiali, che comprendevano interpretazione di mappe e riconoscimento di rocce, cose già viste a scuola, e ciò mi ha sicuramente aiutato».

Grazie a questo ottimo risultato Leonardo farà parte della squadra nazionale italiana e rappresenterà l’Italia alle prossime Olimpiadi internazionali di scienze della terra – Ieso (International Earth Science Olympiad) che si svolgeranno in Corea del Sud a fine agosto, insieme ad altri tre studenti provenienti da licei scientifici di Puglia, Sicilia e Friuli Venezia Giulia. (r.cr.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 13 giugno

Nella foto Leonardo Morotti con la sua insegnante di Scienze Sonia Manaresi

Oro per Leonardo Morotti del Liceo scientifico Alberghetti alle Olimpiadi di Scienze. Conquistato il pass per i Mondiali
Cronaca 12 Giugno 2019

Medaglia di bronzo alle Olimpiadi di informatica di Mosca per le “Arachidi veloci' del liceo tecnologico Alberghetti

Gli studenti del Liceo scientifico delle scienze applicate dell’Istituto Alberghetti, con la squadra delle «Arachidi veloci», conquistano una prestigiosa medaglia di bronzo alla terza edizione delle Olimpiadi internazionali di Informatica, che si sono svolte a Mosca dal 20 al 23 maggio, con la gara il giorno 22, ottenendo un risultato che non era arrivato lo scorso anno, quando la squadra aveva partecipato alla seconda edizione, che si era svolta in Romania.

La squadra delle «Arachidi veloci» è nata nel 2016 e da allora ha riportato numerosi successi, così come alcuni dei suoi componenti, premiati più volte con medaglia, d’oro, d’argento o di bronzo alle Olimpiadi nazionali; i principali successi della squadra, invece, sono due secondi posti assoluti (medaglia d’argento) alle Olimpiadi nazionali e il terzo assoluto (medaglia di bronzo) alle Olimpiadi internazionali dello scorso mese, che si aggiungono alle tante medaglie già ottenute in questa specialità dai ragazzi dell’Alberghetti.

La medaglia di bronzo a Mosca è il giusto riconoscimento per una squadra che ha saputo mantenersi solida e coesa col passare del tempo, inserendo nuovi studenti man mano che i più grandi ottenevano il diploma di maturità e dovevano lasciare il gruppo. Va dato merito all’Istituto Alberghetti di aver creato una solida base per le gare di informatica, privilegiando la formazione dei gruppi e la condivisione della conoscenza e delle abilità. Per raggiungere questo risultato è stato importante il contributo degli insegnanti coordinatori, prima Antonio Di Girolamo e ora Chiara Bergamaschi, e quello degli studenti più esperti, compresi gli ex, che trasmettono le loro competenze, ma anche l’entusiasmo e lo spirito di squadra a chi si avvicina a questo tipo di competizione.

La squadra delle «Arachidi veloci» che ha partecipato alle Olimpiadi internazionali era composta da Davide Bartoli (II Cls), Tommaso Carcioffi (V Cls) Michael Chelli (V Cls), Diego Manzoni (V Als), Rebecca Monti (V Als) ed Eugenio Tampieri (V Cls); di questi, quattro gareggiavano e due erano di riserva. (r.cr.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 6 giugno

Nella foto il momento della premiazione

Medaglia di bronzo alle Olimpiadi di informatica di Mosca per le “Arachidi veloci' del liceo tecnologico Alberghetti
Cronaca 11 Giugno 2019

Nasce a Sasso Morelli un nuovo polo infanzia 0-6 anni: alla materna saranno accolti sei bimbi da 18 a 24 mesi

L’Amministrazione comunale di Imola comunica la nascita dal prossimo anno scolastico a Sasso Morelli di un nuovo polo scolastico 0-6 anni. Per la prima volta, infatti, nella scuola d’infanzia della frazione saranno inseriti sei bambini dai 18 ai 24 mesi. La decisione, assunta su proposta delle docenti e del responsabile del Servizio infanzia, è legata alla diminuzione di iscrizioni nella scuola dell’infanzia comunale a causa del calo demografico e consentirà alle famiglie di Sasso, dove non è presente un nido d’infanzia (0-3 anni), di avere questo servizio vicino a casa. Il nuovo polo si aggiunge a quello già esistente a Sesto Imolese ed è in linea con l’intenzione del Comune di procedere alla costruzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita ai 6 anni, disegnato dal decreto legislativo 65/2017, che prevede la costruzione di poli per l’infanzia che superano la divisione attuale tra nidi e scuole dell’infanzia. Nell’aprile scorso la Giunta aveva approvato a tal fine un’apposita delibera contenente questo indirizzo per il periodo 2019-2023.

 Intanto, nei giorni scorsi è stata pubblicata la graduatoria definitiva delle domande per i nidi d’infanzia. In tutto le domande sono state 375 contro le 349 del 2018, quindi in aumento nonostante il calo degli aventi diritto (i bambini in età sono infatti diminuiti di 16 unità da 1235 a 1219). Il trend si conferma in crescita per il quarto anno consecutivo, dopo il calo provocato dalla crisi economica nel periodo 2012-2014. Nel 2019 sono aumentati di cinque unità i più piccoli (da 35 a 40) e soprattutto i medi (da 197 a 226), mentre sono diminuiti i grandi (da 117 a 109): la crescita dei più piccini testimonia probabilmente una certa tenuta dell’occupazione, mentre per la fascia d’età maggiore il calo è dovuto dal minor numero di bambini ancora a casa. Gli iscritti totali, vecchi e nuovi, sono 593, di cui 63 del 2019, 212 del 2018, 318 del 2017.  

Nelle preferenze espresse dalle famiglie il nido tradizionale (con molti bambini per classe) prevale sui piccoli gruppi educativi (fino a otto bambini), richiesti dal 7% degli utenti. Per far fronte alle domande e mantenere la lista di attesa sotto le 40 unità, l’Amministrazione comunale ha aumentato di 33 posti la disponibilità dei servizi a gestione diretta, mantenendo un numero di posti convenzionati superiore di 22 unità rispetto al consolidato storico 2009/2017 (253 invece di 231). La lista d’attesa attuale è di 33 bambini, in linea con quella dell’anno scorso ed è da considerare fisiologica: per effetto del turn-over, legato a motivi di salute del bambino o alla dinamica lavorativa dei genitori, queste domande saranno infatti accolte nei prossimi mesi.  

L’offerta di servizi sarà inoltre più flessibile. In particolare, oltre al già citato polo di Sasso Morelli che accoglierà bimbi da 18 a 24 mesi (con la garanzia che questi piccoli potranno continuare a frequentare questa scuola anche negli anni successivi), la flessibilità sarà garantita dalla possibilità per tutti i nidi comunali di accogliere bambini sotto l”anno di età (fino allo scorso anno solo 4 su 6) e bambini part-time (fino allo scorso anno solo 3 su 6) e dal fatto che un nido di nuova realizzazione andrà ad arricchire l”offerta di servizi privati convenzionati. I 593 posti totali a disposizione, tra pubblici e convenzionati, sono pari al 48,65% degli aventi diritto, la più alta copertura di sempre (lo scorso anno erano 580, pari al 47%) e una delle più alte, se non la più alta, della regione. Ci sono inoltre, a completamento del quadro, 57 posti privati nei servizi che hanno anche posti convenzionati e 48 posti nei servizi totalmente privati (soggetti all’autorizzazione al funzionamento e al controllo di qualità). In totale i posti infanzia nel territorio comunale di Imola sono 698 (57,26% degli aventi diritto), mentre il Comune di Imola continua a studiare al sperimentazione di nuovi tipi di servizi per la prima infanzia, più accessibili ad alcune tipologie di famiglie, da attivare a partire dagli ultimi mesi del 2019, grazie ad un finanziamento dell’impresa sociale “Con i Bambini”. (r.cr.)

Nasce a Sasso Morelli un nuovo polo infanzia 0-6 anni: alla materna saranno accolti sei bimbi da 18 a 24 mesi
Ciucci (ri)belli 10 Giugno 2019

A Sasso Morelli la scuola d’infanzia sarà anche nido

A partire da settembre la scuola d’infanzia di Sasso Morelli accoglierà anche 6 bambini di età da 18 ai 24 mesi, residenti della frazione di Imola. Data la diminuzione di iscrizioni nella locale scuola dell’infanzia comunale a causa del calo demografico, dietro proposta delle docenti e del responsabile del Servizio infanzia, l’Amministrazione comunale ha deciso di accogliere, nel prossimo anno scolastico, anche bambini più piccoli.

Per la frazione, dove non è presente un nido d’infanzia (0-3 anni), sarà un notevole vantaggio, perché i residenti potranno disporre di un servizio vicino a casa. Verrà così creato un nuovo polo 0-6 anni. Come spiega l’assessore alla Scuola, Claudia Resta, “l’Amministrazione ha voluto accogliere le richieste delle famiglie ed organizzare un servizio di nido d’infanzia, all’interno di un polo 0-6, nella frazione di Sasso Morelli, dedicato ai più piccoli”.

Questo nuovo polo 0-6 anni si affiancherà a quello attivato formalmente dal Comune a Sesto Imolese, e si inserisce appieno nell’obiettivo che l’Amministrazione comunale si è data di procedere con determinazione alla costruzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino ai 6 anni, previsto dal D.lgs. 65/2017, superando la divisione attuale tra nidi d’infanzia e scuole dell’infanzia e puntando a realizzare veri e propri Poli per l’Infanzia. Ricordiamo che a tale proposito nell’aprile scorso la Giunta comunale ha approvato una apposita delibera che definisce le “Linee di indirizzo per la promozione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino ai sei anni nel territorio comunale – periodo 2019-2023”.

A Sasso Morelli la scuola d’infanzia sarà anche nido
Cronaca 4 Giugno 2019

Inaugurata all'istituto superiore Giordano Bruno di Medicina la nuova aula 3.0 attrezzata con tablet e computer

Una nuova aula 3.0 è stata ufficialmente inaugurata presso l’Istituto statale di istruzione superiore «Giordano Bruno». Si tratta di un ambiente appositamente riconfigurato per l’utilizzo delle tecnologie moderne nell’ambito di approcci didattici innovativi.

«Il progetto “Aula 3.0” ha l’obiettivo di creare ambienti di apprendimento attivi dove gli studenti abbiano l’opportunità di diventare sempre più soggetti positivi della propria formazione. Un percorso che permetterà di migliorare ed incrementare il successo scolastico di ciascun studente».

In pratica, l’Aula 3.0 è dotata di tablet e computer inseriti in un contesto di arredi particolare dove gli studenti potranno lavorare interagendo continuamente fra loro. Il Comune di Medicina ha finanziato l’acquisto di una parte dei tablet per la nuova aula 3.0. (r.cr.)

Inaugurata all'istituto superiore Giordano Bruno di Medicina la nuova aula 3.0 attrezzata con tablet e computer
Ciucci (ri)belli 4 Giugno 2019

Una Aula nel verde del parco del Sante Zennaro

Un’aula didattica all’aperto. E’ l’Aula nel verde  che sarà inaugurata mercoledi 5 giugno 2019 (ore 17) all’interno del complesso Sante Zennaro, in via Pirandello 12, a Imola.

L’Aula nel verde nasce dalla richiesta della Consulta delle ragazze e dei ragazzi ed è stata realizzata con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Imola, grazie al lavoro congiunto dei membri della Consulta, di esperti del Ceas del circondario imolese e dell’architetto paesaggista Roberto Bacchilega.

“L’Aula nel verde – precisa il sito del Comune di Imola – sarà una risorsa educativa per tutte le scuole del territorio e per l’intera comunità e contribuisce al percorso più complessivo di riqualificazione e valorizzazione del complesso Sante Zennaro”.

Il progetto prevedeva:

  • la realizzazione di hotel” per insetti per le osservazioni dal vivo,
  • la piantumazione di siepi e varie specie arbustive gradite agli insetti e di siepi aromatiche,
  • la piantumazione di alberi da frutto,
  • la realizzazione di casette per uccelli e tane per mammiferi e l’arricchimento dell’area con capanne di salice vivo, per offrire riparo dal sole e dalla pioggia.

Ragazze e ragazzi, assieme ai propri compagni di scuola, si sono inoltre impegnati in attività laboratoriali nelle quali hanno realizzato concretamente gli “hotel” per gli insetti, le casette  per gli uccelli e le pietre identificative delle diverse specie vegetali presenti.

Aula verde Sante Zennaro

La planimetria del progetto

Una Aula nel verde del parco del Sante Zennaro
Cronaca 30 Maggio 2019

Tutti i vincitori di Vitamina C, il concorso che premia le migliori idee d'impresa degli studenti delle scuole superiori

Pensiamo a quanta plastica in meno si produrrebbe se i contenitori per alimenti e bevande, dai bicchieri per le feste alle coppette per il gelato, fossero anch’essi, come il loro contenuto, commestibili e compostabili. E’ questa l’idea sulla quale punta «Drink Health», il progetto d’impresa presentato da Caterina Dotti, Giulia Folli, Beatrice Franchini, Francesca Gambetti e Ilaria Tagliavini, stu-denti delle 4ª A e B dell’Istituto Agrario Scarabelli (docente referente Roberta Giacometti), che ha vinto l’edizione 2019 di Vitamina C, il concorso promosso da Alleanza delle Cooperative Italiane di Imola, Legacoop di Bologna e Imola e Confcooperative Bologna.

L’idea alla quale i ragazzi hanno lavorato in questi mesi è stata valutata dalla giuria «molto attuale come risposta alla legislazione europea ed alle problematiche di sostenibilità ambientale», anche dal punto di vista commerciale, aspetto che secondo la commis-sione è stato «trattato in modo adeguato con valutazioni interessanti». «Drink Health» ha avuto la meglio su «Fast&Healthy», presentato da Alexandru Stoian, Amelia Graziano, Catalin Bitca e Leonardo Rasca della 4ª Asues dell’Istituto Alessandro da Imola e su ZooEnergy, il progetto creato da Mattia Marangoni, Alessandra Zirondelli, Jacopo Rambaldi e Giulia Guerra della 4ª E dello Scarabelli. I secondi classificati hanno scelto, per il loro progetto, di produrre una linea di alimentazione sana, pensata in particolare per gli sportivi, mentre i terzi vorrebbero confezionare alimenti per animali riutilizzando gli scarti di frutta e verdura.

Tutti e tre i gruppi parteciperanno al viaggio che, come ogni anno, rappresenta il premio più ambito. La meta scelta per questa edizione è Milano, capitale economica d’Italia, che accoglierà i ragazzi imolesi in uno dei periodi più smaglianti: la settimana della moda. «Andremo a visitare start-up e imprese create da giovani – sottolinea la responsa-bile di Vitamina C, Rita Linzarini – e ci sarà tempo anche una fuga per un giorno sul lago Maggio-re». Per quanto riguarda gli altri riconoscimenti, «Drink Health» si è aggiudicato anche il premio per il progetto più votato sul web.

«Avete fatto un bellissimo percorso formativo che vi ha mostrato come si forma, si costruisce e si mette in pratica un progetto imprenditoriale e questo è già positivo», ha detto ai ragazzi in occasione della premiazione Domenico Olivieri, presidente di Alleanza delle Cooperative di Imola, invitandoli a studiare e a riflettere, nelle scelte sugli indirizzi di studio, guardando alla città e alle opportunità che offre. «La cooperazione è uno dei soggetti ai quali potrete rivolgervi. A Imola esiste da ben oltre cent’anni. Abbiamo cooperative che hanno 140 anni, che ci sono ancora, che hanno accolto generazioni di lavoratori. Eccellenze che girano il mondo, sono protagoniste della competizione globale e che hanno bisogno dei giovani, non proprietà di chi vi lavora, ma che qualcuno ha ricevuto e che dovrà passare poi a qualcun altro. Non credete a chi vi dice che la cooperazione non ha futuro: la storia dimostra che non è vero». (mi.ta.)

Il servizio completo su Vitamina C è su «sabato sera» del 23 maggio

Nella foto i gruppi vincitori con organizzatori e componenti della giuria

Tutti i vincitori di Vitamina C, il concorso che premia le migliori idee d'impresa degli studenti delle scuole superiori
Cronaca 29 Maggio 2019

Si è conclusa la quinta edizione del concorso di poesia delle scuole San Giovanni Bosco, 139 gli studenti partecipanti

L’attesa è finita per i 139 studenti che hanno partecipato alla quinta edizione del concorso di poesia organizzato dalle scuole San Giovanni Bosco e intitolato alla memoria di Giacomo Pierotti e Anna Raspanti. Lo scorso 10 maggio, al Sersanti, sono stati premiati i vincitori del concorso che quest’anno aveva per tema, appunto, «l’attesa» e per traccia la poesia di Clemente Rebora “Dall’imagine tesa”, tratta dalla raccolta “Canti anonimi”.

«In questi anni – spiegano gli organizzatori – abbiamo scoperto quello che i ragazzi hanno sperimentato scrivendo i loro testi, cioè che la poesia può diventare strumento privilegiato di ricerca e di verità; per far questo, però, tutta la vita e tutta l’esperienza devono entrarvi. Così ha fatto anche l’autore al quale ci siamo ispirati per il titolo del concorso. Quest’anno abbiamo chiesto agli studenti di raccontarci attraverso un componimento poetico una delle loro attese, un’occasione in cui hanno aspettato che venisse realizzata una promessa che era stata loro fatta: un incontro, una giornata bella, augurando di scoprire che la promessa più bella è la loro stessa vita».

Il numero dei partecipanti della quinta edizione, alunni delle classi terze delle scuole medie del territorio, ha avuto «un incremento di oltre il 50 per cento rispetto all’anno precedente – sottolineano gli organizzatori -. Siamo grati anche a tutti i presidi e agli insegnanti che hanno scelto di promuovere il nostro concorso tra i loro alunni». L’Andrea Costa (Ic6) si è aggiudicata il premio per la scuola con più partecipanti. Oltre al San Giovanni Bosco, hanno aderito anche le scuole Luigi Orsini (Ic7) e Visitandine Malpighi di Castel San Pietro. Ai vincitori sono stati consegnati bonus da destinare a spese scolastiche. (r.cr.)

Sul «sabato sera» del 23 maggio le poesie vincitrici

Nella foto i vincitori del concorso

Si è conclusa la quinta edizione del concorso di poesia delle scuole San Giovanni Bosco, 139 gli studenti partecipanti
Cronaca 27 Maggio 2019

«Emilia 4», il modello di veicolo ad energia solare studiato dagli studenti dell'istituto Paolini-Cassiano

«Onda Solare» è il progetto realizzato dagli studenti della classe 3ªG Sistemi informativi aziendali dell’Istituto Paolini-Cassiano da Imola assieme alla professoressa Monica Zanotti. Progetto che mutua il nome dal progetto che da qualche anno a questa parte vede Università di Bologna e alcune aziende private (anche di Castel San Pietro e Imola) collaborare nell’ideazione, progettazione e realizzazione di veicoli innovativi funzionanti ad energia solare.

Diversi i prototipi sin qui realizzati e che si sono cimentati in competizioni internazionali. Sino ad «Emilia 4», il modello di auto a quattro posti che nel 2018 ha trionfato all’American Solar Challenge, competizione riservata a veicoli solari sviluppati dalle università di tutto il mondo. E gli studenti imolesi hanno preso in esame proprio questo innovativo veicolo multiposto realizzato grazie a finanziamenti del Fondo europeo di sviluppo regionale Por Fesr. Gli studenti hanno potuto toccare con mano l’avveniristica vettura visitando l’azienda Grafite-Compositi di Castel San Pietro, sede del team Onda Solare, e attraverso l’incontro con l’ingegnere Giangiacomo Minak, professore associato del dipartimento di Ingegneria industriale, e col ricercatore Cristiano Fragrassa hanno approfondito gli aspetti economici, di cui poi hanno relazionato nell’ambito di “A scuola di opencoesione”, innovativo progetto di didattica sperimentale che promuove principi di cittadinanza attiva e consapevole attraverso la realizzazione di attività di ricerca e monitoraggio civico sull’uso dei finanziamenti pubblici tramite l’impiego di tecnologie di informazione, comunicazione e data journalism.

I risultati dell’indagine sono poi stati presentati il 9 maggio a Bologna, presso la sede della Regione, alla presenza di una folta platea costituita da studenti di altri istituti dell’Emilia Romagna.

Nella foto gli studenti del Paolini-Cassiano in visita nella sede di Onda Solare accanto all”avveniristica vettura

«Emilia 4», il modello di veicolo ad energia solare studiato dagli studenti dell'istituto Paolini-Cassiano

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast