Posts by tag: selleri

Sport 24 Dicembre 2020

«Un Mondiale Unico», è uscito il libro fotografico della rassegna iridata di ciclismo curato da Pavarini, Selleri e Isola

Nella settimana dell’annuncio dei Campionati Italiani, arriva anche il libro fotografico dedicato ai Mondiali dello scorso settembre. A cura di Marco Pavarini, Marco Selleri e Marco Isola, il libro «Un Mondiale Unico» racconta in circa 200 pagine la «corsa nella corsa», il grande lavoro di squadra che è stato necessario per organizzare la rassegna iridata in soli venti giorni.

«Un miracolo sportivo», come riconosciuto dal presidente Cio Thomas Bach al termine dei Mondiali. Gioco di squadra è anche alla base del libro, che raccoglie le foto di oltre 10 fotografi accreditati ai Campionati del Mondo; a coordinare la raccolta delle foto è stato il nostro fotografo Marco Isola.

Per acquistare il libro: online sul sito dell’editrice La Mandragora, in centro a Imola nella libreria Mondadori Bookstore (via Emilia, 71), o contattando direttamente Marco Isola (ma.ma.)

Nella foto: da sinistra, Marco Pavarini, Marco Selleri e Marco Isola col libro sui Mondiali 2020

«Un Mondiale Unico», è uscito il libro fotografico della rassegna iridata di ciclismo curato da Pavarini, Selleri e Isola
Sport 2 Dicembre 2020

Ciclopista Mordano-Castel del Rio, Marco Selleri: «Per il prossimo anno propongo una pedalata in notturna»

La consegna della targa che riproduce lo stemma del Comune di Imola a Marco Selleri e Marco Pavarini, direttore generale e presidente del comitato organizzatore dei Mondiali di ciclismo, ha riportato l’attenzione su una vera e propria impresa organizzativa, certificata anche dai complimenti di Thomas Bach, presidente del Cio (Comitato olimpico internazionale). Un riconoscimento che il sindaco Marco Panieri e l’assessore all’Autodromo Elena Penazzi hanno consegnato invitando a «pensare ad organizzare nuove gare, nuovi traguardi da raggiungere». 

E a Marco Selleri, mordanese, le idee non mancano mai. «Il Circondario e la Città di Imola in particolare anche nel 2021 saranno un perno importante per eventi legati alla bicicletta – anticipa Selleri -. Stiamo lavorando a diversi progetti, ma ci sono anche tante altre idee». Ad esempio? «Una segnaletica per proporre ai cicloturisti, come percorsi permanenti, i due circuiti dei Mondiali 1968 e 2020. Altra idea nel cassetto: un sabato all’anno in cui pedalare sul percorso con il traffico veicolare limitato (come fanno una volta all’anno sullo Stelvio), ma anche con accesso aperto all’autodromo». Altre idee? «Una cicloturistica in notturna, dal prossimo 10 agosto e ripetendola ogni anno, sulla nuova ciclopista nella Valle del Santerno: Mordano – Castel del Rio e ritorno. Avendo maturato l’esperienza della Strade Bianche di Romagna in notturna, vorremmo proporlo e chiedere collaborazione e autorizzazioni ai 6 Comuni toccati: Mordano, Imola, Casalfiumanese, Fontanelice, Borgo Tossignano e Castel del Rio». (ma.ma)

Nella foto: Marco Selleri con la maglia iridata dell’ultimo Campionato del mondo di ciclismo disputato a Imola

Ciclopista Mordano-Castel del Rio, Marco Selleri: «Per il prossimo anno propongo una pedalata in notturna»
Sport 3 Ottobre 2020

Mondiali ciclismo «Imola 2020», è stato l’evento di Marco Selleri: «Territorio straordinario, tutti hanno fatto squadra»

Il Marco Selleri organizzatore si è sempre dimostrato vulcanico, una idea dopo l’altra. Ma forse l’impresa di realizzare un Campionato del Mondo su strada professionisti in soli 20 giorni sarebbe stata giudicata fantascienza anche da lui, fino a un mese fa. E invece, insieme al gruppo organizzativo denominato «Extragiro» del Giro d’Italia Under 23, un insieme coordinato da Selleri e dal compagno di viaggio Marco Pavarini, che della Nuova Ciclistica Placci 2013 di Mordano sono presidente e vicepresidente, questa volta ha fatto un vero e proprio colpaccio. Lo attestano i consensi unanimi del gotha del ciclismo internazionale: dal presidente del Cio Thomas Bach ai migliori giornalisti stranieri presenti in sala stampa, fino al pubblico a bordo strada e a chi, seguendo alla televisione, non ha potuto fare altro che restare a bocca aperta davanti alle meravigliose inquadrature dall’elicottero della regia internazionale.

Marco, cosa resta di questa corsa e della sua «lucida follia»?

«Resta il fatto che viviamo in un territorio straordinario. E che se non fai squadra non vai da nessuna parte: istituzioni, forze dell’ordine, volontari, professionisti, ognuno ha dato il proprio contributo e i complimenti che stiamo raccogliendo in questi giorni dicono tutto». (n.v.)

L’intervista completa su «sabato sera» dell’1 ottobre.

Nella foto (Isolapress): Marco Selleri con Julian Alaphilippe, medaglia d’oro nella prova in linea maschile

Mondiali ciclismo «Imola 2020», è stato l’evento di Marco Selleri: «Territorio straordinario, tutti hanno fatto squadra»
Sport 17 Agosto 2020

Ciclismo, Marco Selleri dopo il «Warm-up» si prepara per il Giro d’Italia U23

La vera e propria ripartenza del ciclismo italiano è andata in scena all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola con «Warm Up Ciclismo 2020», iniziativa all’insegna della multidisciplinarietà che dal 17 al 26 luglio ha visto complessivamente in gara ben 2.200 atleti e atlete tra pista, cronometro, strada e mountain bike. Un grande ruolo in questo progetto lo ha giocato la «Nuova Ciclistica Placci 2013» presieduta da Marco Selleri, la società mordanese che in collaborazione con Communication Clinic di Marco Pavarini ha anche rilanciato a partire dal 2017 il Giro d’Italia Giovani U23. La realizzazione del progetto «Warm Up Ciclismo» è stata la conclusione di un ottimo lavoro di squadra, partito dall’impulso della Federazione Ciclistica Italiana e del direttore tecnico delle squadre nazionali di ciclismo Davide Cassani, oltre all’impegno delle istituzioni e di tutti gli uffici competenti; ruolo importante anche per la Regione Emilia Romagna e Imola Faenza Tourism Company.

Quando «sabato sera» tornerà in edicola, giovedì 27 agosto, mancherà già davvero poco al via del Giro d’Italia Under 23, altro grande appuntamento firmato «Nuova Ciclistica Placci 2013». L’edizione 2020, rinviata a giugno, è in programma dal 29 agosto al 5 settembre. (ma.ma.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 30 luglio.

Nella foto: Marco Selleri tra Rivi e Aleotti, protagonisti sui Monti Coralli sabato 25 luglio tra gli Elite-U23

Ciclismo, Marco Selleri dopo il «Warm-up» si prepara per il Giro d’Italia U23
Sport 21 Maggio 2020

Ciclismo, il Giro d’Italia U23 di Marco Selleri ha trovato posto in calendario

Nel ciclismo, dopo la fase acuta dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, si riparte dalla nuova data del Tour de France (dal 29 agosto al 20 settembre) e dei principali appuntamenti riorganizzati in calendario dall’Unione ciclistica internazionale (Uci). Tante critiche dagli appassionati di ciclismo del nostro Paese per la collocazione del Giro d’Italia (dal 3 al 25 ottobre), a detta di molti «schiacciato» dalla sovrapposizione con le principali classiche del Nord.

Tra le date annunciate in settimana, anche quella del Giro d’Italia Giovani, che si dovrebbe svolgere (Coronavirus permettendo dopo il rinvio annunciato a marzo) da sabato 29 agosto a domenica 6 settembre. La principale corsa a tappe per ciclisti Under 23 al mondo, organizzata dalla mordanese Nuova Ciclistica Placci 2013 presieduta da Marco Selleri in collaborazione con Communication Clinic di Marco Pavarini, dovrebbe svolgersi su 9 tappe, in gran parte confermate rispetto al percorso già presentato a Milano lo scorso gennaio. «Ad oggi – spiega Marco Selleri, direttore generale del Giro U23 – è presto per sapere quali saranno i protocolli medici da rispettare per gare internazionali (le squadre invitate provengono da 10 nazioni, ndr) e l’andamento della situazione sanitaria. È importante sottolinearlo: noi faremo il possibile per aiutare i giovani U23 a correre e cercare di coronare il sogno di diventare ciclisti professionisti anche nel 2020, ma il contesto sanitario è fondamentale e prioritario rispetto a tutto, compreso ovviamente lo sport». (ma.ma.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 21 maggio.

Nella foto (scattata prima dell’emergenza Coronavirus): da sinistra Marco Selleri, Renato di Rocco (presidente Federciclismo), Stefano Bonaccini (presidente Regione) e Davide Cassani (Ct Nazionale)

Ciclismo, il Giro d’Italia U23 di Marco Selleri ha trovato posto in calendario
Sport 29 Marzo 2020

Ciclismo, Marco Selleri e i rinvii di tutte le corse più importanti: «La salute è la priorità per tutti»

Anche il Giro d’Italia è finito nel turbine degli eventi sportivi annullati, sospesi o rinviati in seguito al diffondersi del Coronavirus in Italia e in Europa. Non ci sarà la grande partenza il 9 maggio a Budapest; ancora presto però per sapere se la «corsa rosa» si svolgerà in formato ridotto, se sarà posticipata o se salterà. Tutto dipende dall’evolversi dell’emergenza sanitaria: al momento il ciclismo agonistico è fermo, seguendo le direttive dell’Unione ciclistica internazionale (Uci) e della Federazione ciclistica italiana (Fci) che hanno già confermato lo «stop» almeno fino al 30 aprile.

Una data che sarebbe stata importante anche per il ciclismo romagnolo, con la partenza della prima delle quattro tappe del nuovo Giro di Romagna per Dante Alighieri, nuova gara a tappe per Elite e Under 23 lanciata quest’anno dalla Nuova Ciclistica Placci 2013 di Mordano, presieduta da Marco Selleri, in collaborazione con Com- munication Clinic di Marco Pavarini. «Al momento la gara è sospesa, in accordo con le giuste disposizioni di Uci e Fci, ma noi siamo pronti e appena ci saranno le condizioni cercheremo di identificare una nuova data. Ora, però, riteniamo sia opportuno e doveroso che lo sport agonistico resti fermo per affrontare al meglio l’emergenza sanitaria. La salute è la priorità per tutti e lo sport passa in secondo piano». (ma.ma.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 26 marzo.

Nella foto: da sinistra Davide Cassani (ct azzurro) e il mordanese Marco Selleri (presidente della Nuova Ciclistica Placci 2013)

Ciclismo, Marco Selleri e i rinvii di tutte le corse più importanti: «La salute è la priorità per tutti»
Sport 31 Gennaio 2020

Calcio serie C, l'ex rossoblù Selleri presenta Imolese-Ravenna: «Sarà una battaglia intensa»

Alfonso Selleri è l’ex più apprezzato del Ravenna, che domani, sabato 1 febbraio alle ore 20.45, scenderà al Romeo Galli per un derby che si annuncia elettrizzante. Per la classifica in primo luogo, ma anche per il campanilismo che caratterizza da sempre le due squadre.

Che partita dobbiamo aspettarci sabato?

«Sarà una battaglia, perché ci giochiamo tanto – ha risposto Selleri -. Né noi e neppure l’Imolese avremmo voluto trovarci in questa situazione. E dobbiamo tirarci fuori in qualche modo. Prevedo velocità, intensità e molto agonismo. Entrambe ci siamo rinforzate ed entrambe veniamo da buoni risultati. Penso che possa venire fuori una partita simile a quelle giocate in queste ultime stagioni».

Voi siete davanti in classifica e al momento fuori dai play-out. Tutto sommato potrebbe andarvi bene anche un pareggio.

«Il nostro modo di pensare è diverso, non ci acconten- tiamo. E poi non siamo una squadra in grado di difenderci solamente. Abbiamo preso tanti gol quest’anno, anche se ultimamente molti meno, perciò tatticamente cerchiamo soluzioni offensive per provare sempre a vincere». (a.d.p.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 30 gennaio.

Nella foto (tratta dal suo profilo Instagram): Alfonso Selleri

Calcio serie C, l'ex rossoblù Selleri presenta Imolese-Ravenna: «Sarà una battaglia intensa»
Sport 3 Dicembre 2019

Ciclismo, la nuova «creatura» di Marco Selleri: nella prossima stagione il «Giro di Romagna» per Elite e U23

Il calendario ciclistico Elite e Under 23 nella prossima stagione si arricchirà con una nuova importante corsa a tappe. Si tratta del «Giro di Romagna per Dante Alighieri», che si dovrebbe correre dal 30 aprile al 3 maggio 2020. Ad organizzarlo sarà la «Nuova Ciclistica Placci 2013», società sportiva di Mordano presieduta da Marco Selleri, in partnership con «Communication Clinic» di Marco Pavarini. E’ lo stesso gruppo di lavoro che organizza il Giro d’Italia Under 23, la più importante corsa a tappe al mondo per ciclisti U23, rilanciata nel 2017 grazie a questo team dopo quattro anni di «stop». Anche l’impegno organizzativo per il Giro d’Italia U23 è confermato: si correrà poco più di un mese dopo, dal 4 al 14 giugno, con l’obiettivo di lanciare altri talenti, magari anche italiani, dopo le tre recenti edizioni dominate da russi (Sivakov e Vlasov) e colombiani (Ardila).

La nuova «creatura» è una corsa a tappe di quattro giorni che si svolgerà interamente in Romagna e che, anche se non è ancora definito il percorso, toccherà il nostro territorio. Per le edizioni 2020 e 2021, il Giro di Romagna omaggerà Dante Alighieri nell’anniversario dei 700 anni dalla morte (1321) avvenuta a Ravenna, città che sarà al centro delle celebrazioni dei prossimi anni. La corsa prenderà il via proprio da Ravenna, e non sarà l’unico ammiccamento al ricordo del grande poeta italiano: nelle prossime settimane gli organizzatori sveleranno il progetto di comunicazione e le novità proposte da una corsa nuova ma già molto attesa. Nei prossimi mesi, infine, ci saranno anche più informazioni sulle formazioni al via del Giro di Romagna, che saranno composte prevalentemente da ciclisti Under 23 (che nel 2020 saranno i nati tra il 1998 e il 2001), ma anche da Elite. (ma.ma.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 28 novembre.

Nella foto: Marco Selleri (primo da sinistra) con Renato Di Rocco (presidente Federazione Ciclistica Italiana), Stefano Bonaccini (presidente Regione Emilia-Romagna) e Davide Cassani (Ct azzurro) alla presentazione del Giro d”Italia U23 a Fico a Bologna

Ciclismo, la nuova «creatura» di Marco Selleri: nella prossima stagione il «Giro di Romagna» per Elite e U23
Sport 25 Dicembre 2018

Serie C, Lanini titolare nel derby di Santo Stefano con il Ravenna di Selleri

Serve il festito della festa per l”ultima giornata del girone di andata del girone B di serie C. Festa perché è Santo Stefano, festa perché è stato comunque una prima metà di campionato positiva per l”Imolese, festa perchè si gioca il derby con il Ravenna, festa perché sono due squadre che si trovano nella parte altissima della classifica (Ravenna secondo a 29 punti, Imolese a quota 27). Due stagioni fa la partita finì in parità e segnò probabilmente l”esito finale del campionato di serie D che vide i giallorossi superare l”Imolese nella corsa promozione. Quest”anno le due squadre si sono già incontrate in Coppa Italia allo stadio Romeo Galli, finì 5 a 3 per l”Imolese una gara dal punteggio altalenante. Sarà più abbottonata la sfida di Santo Stefano.
«E’ un derby, una gara molto sentita dall’ambiente – dice il tecnico imolese Alessio Dionisi -. Noi dobbiamo essere bravi ad andare oltre a questo: la pressione ce la mettiamo da soli, perché vogliamo fare il massimo ad ogni partita. Sappiamo che, alle volte, gli avversari non ci mettono in condizione di essere noi stessi, ma sappiamo anche di avere tutto per mettere in difficoltà il Ravenna. La loro è una squadra importante, che viene da due grandi risultati (vittorie a Trieste e in casa contro la Ternana, Ndr.). Questo la dice lunga sulla qualità del Ravenna: se non bastasse, guardare la classifica. Sono contento perché arriviamo a questa gara in salute. Non perdiamo di vista da dove siamo partiti e chi vogliamo diventare».
La partita che si gioca alle 20.30 sotto la direzione arbitrale di Matteo Gariglio di Pinerolo assistito da Tiziana Trasciatti e Francesco Gentileschi. L”Imolese ritrova Saber dopo la squalifica e il centrocampista italo-tunisino potrebbe partire titolare a centrocampo con Carraro e Gargiulo per sfidare un reparto dove spicca l”esperienza del mordanese Alfonso Selleri. In difesa Checchi dovrebbe affiancare al centro Carini mentre in avanti toccherà a Lanini, capocannoniere rossoblù con 5 reti, partire titolare con Rossetti come spalla. (Paolo Bernardi)

PROBABILE FORMAZIONE IMOLESE
IMOLESE (4-3-1-2) 22 Rossi; 18 Garattoni, 26 Carini, 5 Checchi, 25 Fiore; 24 Saber, 21 Carraro, 20 Gargiulo; 10 Belcastro; 27 Rossetti, 17 Lanini. (1 Zommers, 2 Sciacca, 4 Bensaja, 6 Tissone, 8 Valentini, 11 Giannini, 14 Zucchetti, 19 Boccardi, 23 Rinaldi, 28 Giovinco, 29 Mosti, 30 De Marchi). All. Dionisi.

Nella foto di Isolapress@ Valentini nella partita di Coppa Italia

Serie C, Lanini titolare nel derby di Santo Stefano con il Ravenna di Selleri
Sport 2 Settembre 2018

Calcio serie C, parla l'ex rossoblù Selleri: «L’Imolese farà bene e durerà a lungo, sono professionisti»

Il suo sogno era quello di riportare l’Imolese tra i professionisti, ma è successo l’opposto. Poco più di un anno fa, con la maglia giallorossa del Ravenna, condannò i rossoblù ad un’altra stagione nel purgatorio dei Dilettanti. Adesso però, che l’Imolese è stata ripescata nella terza serie nazionale, l’ex Alfonso Selleri al «Galli» ci tornerà nuovamente da avversario, per una sfida che profuma già di nostalgia. «Personalmente sono molto contento per loro – ha ammesso il centrocampista di Mordano -. E’ il giusto premio per gli sforzi profusi dal presidente e dalla dirigenza e il risultato di un importante lavoro svolto in questi anni».

Questa categoria la conosci bene, visto che l’hai giocata in passato con il Pavia (si chiamava ancora C1) e con il Ravenna l’anno scorso, quando, da neopromossi, avete sfiorato i play-off.

«Nonostante il fallimento del Modena e i problemi del Vicenza ci saremmo salvati lo stesso. E’ stata una stagione dove abbiamo imparato tanto e faticato, soprattutto nei primi tre mesi. Questa non è una categoria semplice: ci sono squadre forti, dai budget importanti e con giocatori esperti. In campo non bisogna mai allentare la concentrazione, nemmeno per un minuto. Rispetto al passato è un po’ calato il livello tecnico e fisico e manca un po’ di qualità, ma è così un po’ in tutte le categorie. Ora per mandare avanti una squadra in serie C si cercano giovani dal campionato Primavera, anche per beneficiare dei premi di valorizzazione. Così c’è poca meritocrazia e va a discapito della crescita del movimento calcistico italiano».

Due estati fa, però, senza il tuo addio «forzato» da Imola, probabilmente Ravenna non sarebbe mai arrivata.

«Andar via fu un grosso dispiacere, ma le scelte della società bisogna rispettarle e non nutro rancore verso nessuno. La mia partenza mi ha portato a vincere un campionato da un’altra parte quasi per caso e, forse anche per questo, è stato ancora più bello».

E’ vero che in questa sessione di mercato sei stato vicino a indossare di nuovo la maglia rossoblù?

«Sinceramente non ci sono mai state reali possibilità. Ho solo fatto quattro chiacchiere con Spagnoli e Ghinassi e ho visitato il Centro Sportivo Bacchilega che non era ancora stato completato quando me ne andai. Ci siamo lasciati dicendo che nella vita non si può mai sapere, ma se ci fossero state le basi concrete per un trasferimento non sarei mai tornato a Imola senza prima parlare con il Ravenna, che per me è una famiglia e una seconda casa».

Dove può arrivare secondo te l’Imolese ora?

«Come ho detto al presidente, questa squadra può fare meglio in serie C che in D, perché la società ha una mentalità più da professionisti che da dilettanti. Hanno costruito una buona squadra e possono togliersi molte soddisfazioni a patto che restino con i piedi per terra. Sono comunque convinto che l’Imolese rimarrà a lungo in questa categoria».

Tra poche ore si gioca Imolese – Ravenna. Che sapore avrà?

«Spero in una bella partita. L’Imolese ce l’ho nel cuore e, anche se ho giocato in campi prestigiosi, è sempre speciale tornare al Romeo Galli».

d.b.

L”articolo completo su «sabato sera» del 30 agosto.

Nella foto: Alfonso Selleri in maglia giallorossa del Ravenna

Calcio serie C, parla l'ex rossoblù Selleri: «L’Imolese farà bene e durerà a lungo, sono professionisti»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast