Posts by tag: sindaca

Sport 28 Ottobre 2019

Serie C: mentre la sindaca annuncia le dimissioni l'Imolese torna a vincere

Difficile dire qual è la notizia più clamorosa del lunedì sera: le dimissioni della sindaca Manuela Sangiorgi o la prima vittoria dell”Imolese. Noi vi dobbiamo raccontare la seconda è allora partiamo dalla panchina dove Belcastro e Padovan hanno guardato quasi un”ora di dominio del Carpi. Poi si sono alzati e hanno siglato la prima vittoria in campionato dei rossoblù in questa stagione. Non succedeva da 6 mesi con un 2-0 all”Alto Adige datato il 28 aprile. L”Imolese non è più ultima e ora sa che si può anche vincere. Speriamo.
Il prepartita è particolare. Tra cavi televisivi, tecnici, commentatori, bambini in divisa sportiva, le woman dell”Imolese e ospiti vari non c”è più posto al Romeo Galli con più di 900 presenti (ma pagano solo in 145) oltre ai 262 abbonati.
Nella serata in cui arriva il Carpi dell”ex Saber e c”è la diretta su Raisport arriva anche l”annuncio delle dimissioni della sindaca Manuela Sangiorgi
Non c”è tempo per commentare questa bomba perché Mattia Pascarella di Nocera Inferiore sta per fischiare l”inizio. Leggendo la disinta delle formazioni, la novità di Atzori è Valeau come mezzala per lasciare invariata la difesa a tre, certezza da cui intende partire il tecnico di natali frusinati (Collepardo), radici sarde e residenza ravennate.
Si comincia. L”Imolese è intraprendente, il Carpi corre dietro ad un pallone che i rossoblù con la terza maglia blu notte quasi nera, ma quando Saber parte dritto per dritto verso la porta ci vuole un fallo (da giallo) di Carini per fermarlo. La punizione è innocua. Siamo al nono.
Al quarto d”ora appena passato Maurizi non trova lo specchio dopo che Saber e Jelenic hanno infilzato il fianco sinistro dell”Imolese. Quasi al ventesimo Alimi si dimentica l”arte dello stop e dalla tre quarti Jelenic tira una castagna che sbatte sul palo alla sinistra di Rossi. Marcucci infila tre svirgoloni uno di seguito all”altro. Non è un buon segno per i due mediani imolesi.
Il Carpi sembra superiore, ma non fa male. Si fa male invece la bandierina del calcio d”angolo vicino agli spogliatoi, abbattuta da Rossoni, entrato al posto dell”infortunato Pellegrini.
Da quella bandierina, sostituita, si batte il primo corner della partita maturato grazie ad una intesa Valeau – Ingrosso che Sabotic interrompe prima del tape in del romanista. Il corner è un vano tentativo di azione.
Vano, quello del Carpi, invece è sostanzioso al 43” quando Jelenic saluta Della Giovanna sulla destra e il centravanti stende il gambone senza opposizione alcuna. Era quasi scontato.
A cambiare la storia della partita è l”ingresso di Belcastro dopo 13 minuti del secondo tempo. Lui segna il gol, su punizione conquistata da Vuthaj prima del ventesimo. Un gioiello, il secondo in casa su punizione (gli unici gol al Romeo Galli quest”anno). Una emozione forte che fa saltare un gruppo di fari alla sinistra della tribuna. Luci soffuse come il Carpi.
Belcastro non ha finito lo show e dal suo piede fa partire la fuga vincente di Padovan che l”attaccante scuola Juventus chiudeva con un sinistro al sette da fuori area. C”è tempo per far alzare la pagella anche di Rossi che negava il pareggio a Jelenic su un colpo di testa da sottomisura.
Va bene così (Paolo Bernardi)

Questo il tabellino:
IMOLESE – CARPI 2-1
MARCATORE Vano (C) al 43” p.t.; Belcastro (I) al 19”, Padovan (I) al 35” s.t.
IMOLESE (3-5-2) Rossi; Boccardi, Carini, Della Giovanna; Schiavi (dal 13” s.t. Tentoni), Marcucci (dal 47” s.t. Artioli), Alimi, Valeau (dal 13” s.t. Belcastro), Ingrosso; Vuthaj (dal 25” s.t. Padovan), Bismark (Libertazzi, Seri, Alboni, Maniero, Bolzoni, Provenzano, Latte Lath, Sall). All. Atzori.

Serie C: mentre la sindaca annuncia le dimissioni l'Imolese torna a vincere
Cronaca 10 Ottobre 2019

Piscina Ruggi, proroga a Geims o nuovo bando? Cambiando la gestione rischia lo sport imolese

Il 31 maggio 2020 scadrà la concessione che nel 2014 ha assegnato a Geims la gestione del Ruggi, il complesso sportivo comunale composto da palazzetto e piscina. Concessione che sarebbe prolungabile per altri 3 anni, ma non è detto che la proroga sia così scontata. Da settimane infatti si rincorrono voci che vorrebbero l’assegnazione separata di palazzetto e piscina attraverso più bandi. Una roba complicata da farsi e poi da gestire e che, per di più, comporterebbe dei rischi anche dal punto di vista sportivo, poiché gli atleti dell’Imolanuoto, che lì si allenano, entreranno nella stagione preparatoria alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Inoltre la Federnuoto ha appena concesso alla società del presidente Mirco Piancastelli il privilegio di diventare Centro federale per lo stile a rana, finanziando la copertura della piscina esterna da 50 metri, operazione che potrebbe diventare a rischio se il gestore dovesse cambiare nei prossimi mesi.

Dunque, perché di punto in bianco si vorrebbe cambiare? In un video pubblicato su Facebook nel tardo pomeriggio di giovedì 3 ottobre il sindaco di Imola, Manuela Sangiorgi, ha attaccato sia Area Blu, la società partecipata che si occupa del patrimonio impiantistico comunale, sia Geims, sottolineando pecche nella gestione e scatenando reazioni immediate da parte di Lorenzo Muscari (Geims). «Siamo mortificati per l’affermazione che è stata fatta sulla nostra gestione del complesso sportivo Amedeo Ruggi. Non pensiamo di aver creato dei disservizi in tutti questi anni ma di aver aumentato la collaborazione con clienti e società sportive cercando di andare sempre incontro alle nuove e crescenti esigenze di ognuno di loro. Abbiamo sempre mantenuto con l’Ufficio Sport del Comune di Imola un rapporto di lavoro costante, collaborativo e qualitativo e non sono mai emersi segnali di mal-gestione».

Ma anche di Mirco Piancastelli: «Da maggior utente dell’impianto – precisa il presidente dell’Imolanuoto – confermo che la gestione è stata buona; girando le piscine di tutta Italia, la nostra è tra quelle tenute meglio e mi piacerebbe che il nostro sindaco venisse a vedere per rendersene conto». E dell’atleta imolese Alessia Polieri, che considera l’impianto di via Graziadei la sua seconda casa: «Vorrei sottolineare la professionalità, la gentilezza, la disponibilità e l’accoglienza che trovo ogni volta che entro in questo impianto super e che avrebbe bisogno di aiuto da parte dell’Amministrazione e non di critiche di interesse. Per chi mette in discussione il nostro impianto, sarebbe utile visitare i luoghi della nostra comunità, parlando con chi li vive ogni giorno». (p.z.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 10 ottobre.

Nella foto (Isolapress): la piscina Ruggi

Piscina Ruggi, proroga a Geims o nuovo bando? Cambiando la gestione rischia lo sport imolese
Cronaca 14 Marzo 2019

Segnali di distensione sull'autodromo tra la sindaca Sangiorgi e Formula Imola

Dopo i giorni delle polemiche furenti, a sorpresa è arrivato quello della distensione fra l’autodromo e l’Amministrazione comunale. A creare l’occasione per un incontro (effettuato in Comune, martedì 12 marzo) fra la sindaca Manuela Sangiorgi e Uberto Selvatico Estense (presidente di Formula Imola) è stato l’arrivo del presidente della Federazione Motociclistica Italiana, Giovanni Copioli. L’obiettivo dichiarato era proprio quello di riaprire un dialogo e mettere l’impianto sportivo più importante della città al centro di una serie di attività sportive e non solo, che per Imola rappresentano un importante ritorno economico sulla città e di grande interesse a livello internazionale. La Fmi ha presentato non solo la piena volontà di collaborare per permettere al circuito di continuare la sua stagione sportiva, ma ha presentato anche gli ultimi aggiornati studi relativi all’impatto ambientale eseguiti dalla Commissione Ambiente della Federazione. Proprio l’ingegner Giancarlo Strani, che presiede la stessa Commissione, ha presentato il progetto di monitoraggio acustico dei maggiori autodromi italiani che prenderà il via prossimamente.

La sindaca Manuela Sangiorgi ha dichiarato: «Non c’è dubbio che l’autodromo sia la struttura sportiva più importante della città. Abbiamo ripreso un dialogo che deve tener conto anche delle esigenze dei cittadini, ma ho trovato un nuovo spirito di collaborazione». Il presidente di Formula Imola, Uberto Selvatico Estense: «Sono soddisfatto e ottimista. Grazie alla mediazione del presidente Copioli, abbiamo ricucito un rapporto che potrà portare a risultati concreti e di reciproca soddisfazione». Ha parlato anche lo stesso presidente della Fmi: «Siamo venuti ad Imola per testimoniare il nostro interesse per le attività di un autodromo che è un punto di riferimento internazionale non solo a livello sportivo. Ho trovato interlocutori propositivi e pronti ad un dialogo costruttivo. I nostri studi e lavori sull’impatto ambientale delle attività motoristiche sono, in questo senso, strumento davvero utile e produttivo». (r.c.)

Nella foto: l”incontro in Comune tra la sindaca Manuela Sangiorgi, Uberto Selvatico Estense (presidente di Formula Imola) ed il presidente della Federazione Motociclistica Italiana, Giovanni Copioli.

Segnali di distensione sull'autodromo tra la sindaca Sangiorgi e Formula Imola
Sport 14 Dicembre 2018

Calcio serie C, l'Imolese donerà la maglia del Centenario alla sindaca Sangiorgi

100 anni e… non sentirli. Mancano ormai pochi giorni al 2019, anno in cui l”Imolese festeggerà un compleanno assolutamente speciale. Per l”occasione la società rossoblù ha deciso di consegnare la maglia del Centenario alla città.

Prima della partita di campionato, in programma domani al Galli contro la Fermana (fischio d”inizio alle 18.30) infatti il presidente Lorenzo Spagnoli e la dirigenza doneranno alla sindaca di Imola, Manuela Sangiorgi, la divisa numero 100. (d.b.)

Nella foto (dal profilo Instagram dell”Imolese): il presidente Lorenzo Spagnoli

Calcio serie C, l'Imolese donerà la maglia del Centenario alla sindaca Sangiorgi
Cultura e Spettacoli 27 Settembre 2018

Il nuovo cartellone di prosa dello Stignani e il sogno della sindaca Sangiorgi: «Teatro aperto anche d'estate»

«Il teatro Ebe Stignani aperto anche d’estate». E’ uno dei grandi sogni della sindaca Manuela Sangiorgi, così come annunciato da lei stessa a margine della presentazione della prossima stagione teatrale di prosa. Sogno che in un futuro non troppo lontano potrebbe anche diventare realtà. «Ci piacerebbe regalare a questa stupenda struttura e alla città di Imola eventi anche nei mesi estivi – ha spiegato la prima cittadina -, un po’ come succede già in altri teatri italiani. E’ necessario però un impianto di condizionamento per ovviare al problema del grande caldo e, nonostante abbiamo ereditato a bilancio una situazione non proprio delle migliori, siamo al lavoro per trovare le risorse necessarie che ci permettano d’installarlo. Negli anni, purtroppo, tutto questo è stato rimandato troppe volte ma la spesa, per quanto abbiamo potuto constatare, non è impossibile da sostenere. Lo Stignani è già predisposto sia per il riscaldamento che per il raffrescamento, ma è privo di un impianto esterno che, viste le sue non piccole dimensioni, ha bisogno di un corretto posizionamento».

Difficile valutare l’appetibilità di una stagione teatrale estiva al chiuso (da notare che Imola ha già il teatro Osservanza con l’impianto di condizionamento), comunque potrebbe interessare a molti dei tanti spettatori che l’anno scorso hanno riempito i palchi e la platea dell’Ebe Stignani, tanto da raggiungere, come certificato dai dati ufficiali Siae, numeri davvero record di pubblico. «Nella passata stagione c’è stato un notevole aumento di spettatori anche tra gli under 30 e gli under 20 – conferma la sindaca – e siamo orgogliosi dell’attività svolta. Guai però ad affermare di aver fatto il massimo perché bisogna sempre puntare in alto e porsi ogni volta obiettivi maggiori. Quest’anno l’offerta che il direttore Luca Rebeggiani e il suo staff  hanno perfezionato è addirittura migliore -, con tantissimi grandi attori presenti».

Per la prossima stagione nel programma della prosa sono presenti otto pièces da dicembre 2018 ad aprile 2019. Se vogliamo individuare il «pezzo forte» è sicuramente La notte poco prima delle foreste di Bernard-Marie Koltès, protagonista Pierfrancesco Favino. Poema che il celebre attore romano ha presentato in un piccolo estratto durante l’ultimo festival di Sanremo commuovendo milioni di italiani. «Siamo uno dei principali teatri dell’Emilia Romagna e anche le compagnie vedono Imola come una piccola fetta di Paradiso, rimanendo sempre impressionate dall’accoglienza che ricevono – rivendica il direttore dello Stignani, Luca Rebeggiani -. Lo Stignani è un ‘guscio di noce’ perfetto per la prosa e il rapporto che si crea tra gli attori e il pubblico è molto forte. Da noi le compagnie arrivano il mercoledì e partono la domenica – spiega Rebeggiani – con un doppio spettacolo al sabato e tutti gli attori sono felici ed orgogliosi di collaborare con un teatro ricco di tradizioni come il nostro».

d.b.

Il cartellone completo della stagione di prosa del teatro Stignani su «sabato sera» del 27 settembre.

Nella foto: Manuela Sangiorgi e Luca Rebeggiani

Il nuovo cartellone di prosa dello Stignani e il sogno della sindaca Sangiorgi: «Teatro aperto anche d'estate»
Imola 28 Giugno 2018

I primi passi della sindaca Sangiorgi: «Priorità sicurezza e urbanistica». Uno spazio per ascoltare i cittadini

La sindaca Manuela Sangiorgi è consapevole che l’aspettativa presa all’inizio di maggio dal Patronato Ital-Uil si allungherà quantomeno di cinque anni e l’impegno sarà tanto. Le prime ore sono state un frullatore di interviste e telefonate. Congratulazioni e primi abboccamenti, ma soprattutto le tv e i giornali nazionali che reclamavano un’intervista con la prima sindaca 5 Stelle, riuscita nell’impresa di interrompere la lunga tradizione di sinistra e centrosinistra di Imola. Una spilla da 70 mila abitanti per il bavero del Movimento, che ora guarda con ottimismo all’anno prossimo quando andranno al voto la Regione e gli altri Comuni del Circondario (Castel del Rio escluso).

Fatti due calcoli è indubbio che ha vinto il ballottaggio grazie ai voti delle destre.
«C’era una volontà di cambiamento generalizzata da parte dell’opposizione. Ma il Movimento 5 Stelle per sua genesi si rivolge a tutto l’elettorato e sia chiaro che non c’è stato un contratto di Governo con la Lega: Roma è una cosa, Imola un’altra. Nei programmi, però, ci sono dei punti in comune, ad esempio su ospedale e discarica».

Quali sono le priorità su cui pensa di concentrarsi?
«Prima sulla sicurezza perché c’è richiesta da parte dei cittadini».

La commissaria straordinaria Cogode si è detta molto soddisfatta del progetto per implementare la videosorveglianza.
«In effetti. Però io mi riferisco soprattutto a nuove assunzioni per la municipale, non per fare le multe come dice Palazzolo (il candidato sindaco del centrodestra, ndr), bensì per presidiare il territorio perché oggi ci sono difficoltà per coprire i tre turni giornalieri».

Altre priorità immediate?
«Vogliamo approvare il Poc (il Piano operativo comunale) con le eventuali varianti e capire come implementare la digitalizzazione dell’ufficio tecnico. Il nostro obiettivo è creare strumenti semplici per tutto quello che ruota attorno all’edilizia sul fronte della rigenerazione e riqualificazione dell’esistente, sgravi nei costi per le ristrutturazioni, per i cambi di destinazione d’uso, per il suolo pubblico. Così puoi creare lavoro a 360°. Pensiamo in particolare al centro storico. Vogliamo fare subito anche un censimento del cemento, alloggi sfitti o invenduti, capannoni industriali e aree inutilizzate».

La tabella di marcia ora prevede venti giorni complessivi per poter convocare e riunire per la prima volta il Consiglio. Ci sarà davvero da pedalare per sindaca e Giunta. Purtroppo a Sangiorgi hanno rubato l’amata bicicletta proprio domenica notte, mentre stava festeggiando la vittoria con amici e sostenitori in municipio. L’aveva lasciata chiusa con il lucchettino accanto alla sede del comitato elettorale in piazza Gramsci. «Ma non c’è problema, ne ho già un’altra…» assicura decisa. (l.a.)

L”intervista completa sul “sabato sera” del 28 giugno.  

Nelle foto Manuela Sangiorgi in municipio

I primi passi della sindaca Sangiorgi: «Priorità sicurezza e urbanistica». Uno spazio per ascoltare i cittadini

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast