Cultura e Spettacoli

Per la Sagra di Casalfiumanese sette giorni di tortelli e uno di albicocche

Per la Sagra di Casalfiumanese sette giorni di tortelli e uno di albicocche

La Sagra del tortello di Casaliumanese è una garanzia enograstonomica che si ripete anche quest”anno. Nella piazzetta della Solidarietà di Casale di sopra, gli stand saranno aperti in due fasi: dal 22 al 24 giugno e dal 28 giugno al 1° luglio. La cucina sarà aperta ogni sera (a pranzo le domeniche) con le specialità culinarie, mentre musica e spettacoli completano le serate. Venerdì 22 alle 21 concerto di Lokarock, sabato 23 sempre alle 21 liscio e balli di gruppo con Attenti a noi due.

Domenica 24 al tortello si affiancherà la Sagra dell”Albicocca con convegno, mostra pomologica e altri appuntamenti legati al frutto simbolo del paese. «Sarà una giornata di festa e che vedrà momenti di approfondimento dedicati sia all’albicocca, un prodotto di assoluto rilievo e qualità del territorio della valle del Santerno, sia alle peculiarità geologiche del nostro territorio montano», spiega l’assessore all’Agricoltura Cesare Ronchi.Si inizia sin dal mattino con la tavola rotonda in programma alle ore 9.30, presso il teatro comunale di via 2 Giugno, su Varietà e valorizzazione dell’albicocca, durante la quale si parlerà a tutto campo delle caratteristiche organolettiche del gustoso frutto: dal breeding al consumatore, dallo sviluppo di ideotipi varietali e loro valorizzazione commerciale. Interverranno produttori locali, le associazioni di categoria ed esperti del Centro ricerche produzioni vegetali di Cesena. Alle ore 11.30, inaugurazione della mostra pomologica allestita presso la sala consiliare, dove saranno esposti campioni di nuove varietà di albicocche. Poi la sera, alle ore 20, consegna dell’attestato agli agricoltori. Alle ore 17, apertura della mostra allestita presso il teatro comunale, dedicata alle aree carsiche gessose dell’Emilia Romagna (nella foto), candidate ad entrare nella lista Unesco dei patrimoni dell’umanità. La vena del gesso è un vero e proprio monumento geologico caratteristico dell’Appennino imolese, faentino e bolognese. «Siamo molto ottimisti che la richiesta venga accolta – commenta Massimo Ercolani, presidente della Federazione speleologica regionale, che interverrà alle 17.30 -. Abbiamo alcuni punti di vantaggio rispetto alle altre richieste: benché l’Unesco mondiale abbia riconosciuto oltre cinquanta siti carsici come patrimonio dell’umanità nessuno di questi è rappresentato da “gessi”. E questa cosa rende sicuramente unica la nostra candidatura». Alle 20.30 la sfilata di moda concluderà il programma. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast