Posts by tag: sagra

Sport 6 giugno 2018

Medaglia d'oro alla carriera per Carlotta Giovannini durante la Sagra dell'Agricoltura di Mordano

Durante la Sagra dell’Agricoltura di Mordano è stata premiata la ginnasta olimpica Carlotta Giovannini, con una medaglia d’oro alla carriera. Il palmares della 28enne imolese, che da 3 anni abita nel comune di Mordano, è di assoluto prestigio, culminata con il 6º posto nella finale al Volteggio alle Olimpiadi di Pechino 2008. Senza dimenticare l’argento al Volteggio agli Europei nell’aprile 2008; il titolo europeo al volteggio nel 2007; l’oro al Volteggio nella prova di Coppa del Mondo a Parigi nel marzo 2007; l’oro agli Europei a squadre a Volos, in Grecia, nel 2006.

Complimenti e orgoglio da parte di Renato Folli (patron della Sagra) e di Stefano Golini (sindaco di Mordano). Carlotta, che dal 2014 è tecnico federale e dal 2016 giudice nazionale, sta avviando un progetto di ginnastica artistica alle elementari di Bubano. 

r.s.

Nella foto: la consegna della medaglia d”oro a Carlotta Giovannini

Medaglia d'oro alla carriera per Carlotta Giovannini durante la Sagra dell'Agricoltura di Mordano
Economia 2 giugno 2018

Gran finale alla Sagra dell'Agricoltura di Mordano con sfilata, sbandieratori e Palio

A Mordano c”è grande l’attesa domani per il gran finale della Sagra dell”Agricoltura col 35º Palio dei Borghi, che si disputerà in gara unica, su 3 giri di campo, alle ore 20.30, con 10 cavalli al via, cavalcati «a pelo» da alcuni fra i migliori specialisti del settore, presenti ai palii più importanti in Italia, da Siena a Ferrara, da Asti a Legnano. I fantini saranno abbinati ai dieci borghi di Mordano ed ai dieci sponsor: Banca di Imola, Valfrutta, Tor Meccanica, Cecchini Service, Eta Beta, Autogas Nord, Lisam, Wienerberger, Folli Breeding Farm e Bmc. Ma fin dal mattino Mordano sarà animata dalla Sagra.

Si partirà alle ore 9 con il mercatino degli ambulanti allestito in via Bacchilega; alle 12 apertura stand gastronomico; alle 18.30 corteo storico con l’esibizione degli sbandieratori di Castiglion Fiorentino, per la prima volta al Palio; alle 19.30, presso il campo sportivo, corsa dei somari con biroccino, che vedrà sfidarsi quattro somari di razza romagnola; alle 20 i dieci borghi di Mordano sfileranno davanti alle tribune con la presentazione dei fantini in gara e il sorteggio dell’ordine di partenza al canapo, con mossiere Antonio Gagliardi, da Asti. Poi alle 20.30 giù il canapo, per la partenza del 35º Palio dei Borghi, e cavalli al galoppo.

Madrina dell’evento sarà Ilaria De Angelis, attrice e cantante. Con importanti presenze televisive, teatrali, l’anno scorso terza classificata al Festival di Castrocaro, la De Angelis vanta una qualificata partecipazione nei più importanti musical degli ultimi anni, fra cui Il Libro della Giungla, Dirty Dancing, Ghost e Notre Dame de Paris (opera di Riccardo Cocciante per la regia di Gilles Maheu e Wayne Fowkes) nella parte di Fiordaliso. Nel suo ruolo di madrina è prevista l’interpretazione di alcuni brani proprio dal musical Notre Dame de Paris.

r.c.

Nella foto: il Palio dei Borghi

Gran finale alla Sagra dell'Agricoltura di Mordano con sfilata, sbandieratori e Palio
Cultura e Spettacoli 26 maggio 2018

A Ozzano due giorni nel medioevo con la Sagra della Badessa

L”amore lungo che secondo la leggenda nacque tra la Beata Lucia da Settefonti e il cavalier Rolando, soldato di ventura bolognese che si innamorò della Badessa nel 1097 e ne venne ricambiato da lontano e con tormento, è al centro della Sagra della Badessa che si tiene a Ozzano oggi e domani. La leggenda ricorda che l”amore non fu spezzato nemmeno dalla morte di Lucia, avvenuta durante il periodo in cui Rolando era alle Crociate: al suo ritorno, dopo aver a lungo sostato in preghiera sulla sua tomba, il cavaliere vide le sette fonti di acqua cristallina del luogo, che si erano seccate alla morte di Lucia, tornare a zampillare copiosamente.

La Sagra di questo weekend porta mostre, accampamenti, mercati, sbandieratori, musici, spettacoli e giochi. La rievocazione comincia oggi alle 17 con l’apertura del mercato medievale, dei banchi gastronomici, delle dimostrazioni di antichi mestieri, delle esibizioni di giullari e giocolieri e dei giochi per grandi e piccoli, seguita alle 17.30 dalla visita all’accampamento militare con conseguente dimostrazione di falconeria alle 18. alle 18.30 ci sarà uno spettacolo degli sbandieratori e dei musici de La Terra del Sole e alle 19 una dimostrazione delle antiche tecniche cartiere e di stampa seguita alle 19.30 dallo spettacolo de L’Ordallegri con giullare e mangiafuoco. Alle 20 si terranno la partenza dei tre terzieri (le tre zone di Ozzano: i Blu del Monte, i Rossi dell’Antica Via e i Verdi della Bassa) e la sfilata del corteo storico medievale, con benedizione in Sant”Ambrogio alle 20.30 e arrivo al campo di viale della Repubblica alle 21. Qui, dopo i saluti delle autorità, si terranno tre spettacoli: quello della Compagnia d’Arme delle Spade «La storia di Lucia la Badessa» alle 21.30, quello degli sbandieratori e dei musici de La Terra del Sole alle 21.45 e uno finale alle 22.

Domani dalle 10 saranno aperti i banchetti degli antichi mestieri, il mercato medievale e un mercato straordinario. Dalle 12 si potrà pranzare negli stand gastronomici, mentre nel pomeriggio, alle 16, ritornano gli spettacoli con giullari, giocolieri e mangiafuoco itineranti, nonché le «scaramucce d’arme» e la visita all’accampamento militare. Ancora giochi medievali per tutti i bambini alle 17, dimostrazione di falconeria alle 18, dimostrazione delle antiche tecniche cartiere e di stampa alle 19, spettacolo degli Sbandieratori e Musici de La Terra del Sole alle 19.30 e gara di tiro con l’arco alle 20. Alle 20.30 partirà la sfilata del Corteo Storico Medievale della Badessa che entrerà nel campo alle 21 per l’assegnazione del Palio dell’Oca accompagnato da spettacoli. Dopo la premiazione, alle 22, L”Ordallegri darà vita a Phoenix, show di fuoco, luci e suono, e alle 22.45 i fuochi artificiali chiuderanno la sagra. (r.c.)

Nella foto la cena medievale di una passata edizione

A Ozzano due giorni nel medioevo con la Sagra della Badessa
Economia 24 maggio 2018

Parte domani la Sagra dell’Agricoltura di Mordano. 10 giorni tra incontri, Miss, Palio e buon cibo

Miss, trattori e buona cucina romagnola. Comincia con un fine settimana ad alta intensità la 37ª Sagra dell’Agricoltura, in programma a Mordano da domani a domenica 3 giugno, giorno in cui si correrà il 35º Palio dei Borghi. Dieci giorni di appuntamenti pensati per tutta la famiglia, fra spettacoli, bellezza, cavalli e gastronomia di qualità. «Oltre alla rievocazione delle tradizioni storiche, dei vecchi mestieri, dei momenti culturali, dei convegni economici la Sagra è una grande occasione di festa e di incontro per tutta la famiglia», sottolinea Renato Folli, presidente del Comitato Sagra Agricoltura, che organizza la manifestazione, che continua da anni a destinare gli utili dell’evento a scopi benefici.

Una Sagra ben radicata nel territorio, che quest’anno ha perduto il suo fondatore e primo presidente, Giorgio Ravaglia. «Una persona determinata negli impegni che si assumeva, un “forgiatore” delle persone che aveva intorno», racconta commosso Folli. Da parte sua, il sindaco di Mordano, Stefano Golini, spiega che «la Sagra dell’Agricoltura rappresenta per la comunità di Mordano un appuntamento atteso per incontrarsi attorno ad un buon piatto di cucina romagnola, nel clima di festa e di comunità che si propaga spontaneo e coinvolgente ad ogni occasione di incontro. Una solida tradizione, una iniziativa della comunità che fa bene alla comunità per mantenere legami, relazioni, tradizioni, cultura, per promuovere il territorio e fare conoscere ad un pubblico più ampio le proprie eccellenze enogastronomiche, produttive e culturali».

r.c.

Il programma della Sagra dell”Agricoltura su «sabato sera» del 24 maggio.

Nella foto: da sinistra Stefano Golini, sindaco di Mordano, Renato Folli e Silvia Ercolani del Comitato Sagra dell”Agricoltura

Parte domani la Sagra dell’Agricoltura di Mordano. 10 giorni tra incontri, Miss, Palio e buon cibo
Cultura e Spettacoli 12 maggio 2018

A Fabbrica ritorna la Sagra del friggione, cipolle pomodori e i segreti delle arzdore

Un weekend al gusto di friggione, con cipolle, pomodori e… i segreti delle arzdore. La Sagra del friggione al centro sociale di Fabbrica di Imola, in via del Santo 1/m, torna con un secondo appuntamento di sapori da ieri sera fino a lunedì 14 maggio. Lo stand gastronomico apre dalle 19 e domenica anche dalle 12 (dalle 11.30 alle 12 solo asporto). Non mancheranno gli spettacoli: questa sera sabato 12 liscio con Malpezzi e Angela, domenica 13 spettacolo Rock ”n” roll Avenue in serata mentre a mezzogiorno Conrad intratterrà i bambini. Lunedì 14 ci sarà spazio pe runa cena a base di pesce (solo su prenotazione, entro venerdì 11): cozze alla tarantina, spaghetti allo scoglio e sorbetto al limone a 22 euro (da asporto, 18 euro). Verrà effettuata una raccolta fondi occasionale da destinare all”ampliamento della struttura. (r.c.)

A Fabbrica ritorna la Sagra del friggione, cipolle pomodori e i segreti delle arzdore
Cultura e Spettacoli 2 maggio 2018

33^ Sagra del Friggione, quintali di cipolle e pomodori sulle tavole del Centro Sociale di Fabbrica. IL VIDEO

Quintali di cipolle, pomodori e qualche immancabile segreto delle azdore imolesi sono ciò che troverete nei piatti del friggione, vera star alla tradizionale sagra nel Centro Sociale di Fabbrica.

Tanta gente e buona musica hanno animato il primo weekend di festa che tornerà anche dall”11 al 14 maggio nella frazione imolese, in via del Santo 1/M.

r.c.

Nella foto: il friggione

33^ Sagra del Friggione, quintali di cipolle e pomodori sulle tavole del Centro Sociale di Fabbrica. IL VIDEO
Cultura e Spettacoli 3 aprile 2018

Sagra della Pié fritta, migliaia di persone hanno invaso il centro storico e l'asinodromo. IL VIDEO

La 62^ edizione della Sagra della Piè fritta di Fontanelice ha fatto il pieno. Complice la bella giornata di sole a Pasquetta migliaia di persone hanno animato il centro storico e l”asinodromo, teatro dell”esilante corsa dei somari presentata dal comico Andrea Vasumi.

Il palio è stato vinto dal borgo Parioli con il somaro Giuliano cavalcato da Homer e Bart, sul podio anche Posseggio-Santa Margherita con Fontana Heard guidato da Luca ed Emanuele e, terzo, Fornione con il somaro Turbo. «Sono stati distribuiti oltre dodici quintali di croccante Piè fritta – ha dichiarato il sindaco di Fontanelice Athos Ponti – ed è stata l”edizione più partecipata dell”ultimo decennio. Anche le numerose bancarelle, spostate dalla via Montanara, hanno riscosso consensi».

r.c.

Nella foto: la tradizionale Piè fritta

Sagra della Pié fritta, migliaia di persone hanno invaso il centro storico e l'asinodromo. IL VIDEO
Cultura e Spettacoli 1 aprile 2018

A Pasquetta torna la Sagra della Pié fritta di Fontanelice

Pasquetta a Fontanelice è, da sessantadue anni, Sagra della Pié fritta. E così anche quest’anno, lunedì 2 aprile, sarà dedicato al profumo della piadina fritta accompagnata da formaggio, salame e vino locale, con lo stand che apre alle 9 insieme al mercato lungo il paese.

Il pomeriggio, sarà tutto per la corsa dei somari, con il raduno alle 12 all’impianto sportivo, la partenza in sfilata alle 14 dal municipio accompagnati dal Corpo Bandistico «S. Ambrogio» di Castel del Rio, l’arrivo in piazza Roma alle 14.15 e la successiva partenza per l’asinodromo dove, alle 15.45, si terrà la gara dei rioni con i somari, quest’anno condotta dall’attore comico Andrea Vasumi (saranno anche estratti biglietti d’ingresso).

Dopo la premiazione del rione vincitore, alle 17, si può ancora continuare a gustare pié fritta fino alle 19, quando la festa darà l’appuntamento al prossimo anno. Durante la sagra ci sarà anche un’esposizione di opere pittoriche degli allievi di Nevio Galeotti al museo Mengoni.

r.c.

Nella foto: la gustosa Piè fritta di Fontanelice

A Pasquetta torna la Sagra della Pié fritta di Fontanelice
Cultura e Spettacoli 17 marzo 2018

Sagra del raviolo, due giorni di festeggiamenti a Casalfiumanese

La Sagra del raviolo di Casalfiumanese, che si terrà domenica 18 marzo, festeggerà nel 2025 ledizione numero cento, un traguardo a cui il paese inizia già a guardare con soddisfazione e curiosità per quanto di speciale verrà programmato. Anche perché, per quanto antica, la sagra di Casalfiumanese è riuscita a rimanere viva e giovane, nel tempo. Da qualche anno, infatti, oltre alla tradizionale domenica con limmancabile lancio dei ravioli, nel programma della sagra sono previsti festeggiamenti anche per lattesa della notte prima, chiamata appunto, parafrasando la canzone di Antonello Venditti, «Notte prima del raviolo». «Si tratta di un momento dedicato ai più giovani che però affonda le radici ad alcuni decenni orsono, quando già si festeggiava lattesa della sagra in una sorta di veglione spiega lassessore alla Cultura, Beatrice Poli . Nella nostra formula, realizzata in collaborazione con il gruppo dei giovani della Pro Loco cittadina, la serata del sabato è pensata per il pubblico giovane e giovanile, con il concerto della band di adolescenti della scuola di musica Federica Negri, i Mad Skulls, alle 20 e poi dj dalla torre e lintrattenimento di Radio Bruno fino a notte».

Laltra novità che accompagna e segue il clou domenicale del tradizionale lancio dei ravioli dalla torre (dalle ore 16) è il lancio per i più piccoli, «che nella calca faticano a guadagnarsi i loro ravioli continua Poli : abbiamo pensato di dedicare loro un lancio apposito, finito quello tradizionale, a base di ravioli alla Nutella, di cui si occuperanno volontari travestiti da personaggi dei cartoni animati. Sia chiaro però che per tutti gli altri la ricetta è rigorosamente quella originale, di cui andiamo fieri!».

Il programma della sagra di domenica 18 marzo prevede anche uno stand gastronomico dalle 12 (anche sabato dalle 19), lo stand della sagra con ravioli, vino e i piatti della sagra realizzati dalla Ceramica di Imola (apertura ore 10.30), il grande mercato dalle 10 e lo spettacolo musicale con lorchestra Omar Lambertini e Nearco alle 15.

Lingresso alla sagra è libero, il parcheggio adiacente costa 2 euro per auto. In caso di maltempo la sagra sarà interamente rimandata alla domenica successiva, 25 marzo.

mi.mo.

NELLA MATTINATA DI SABATO 17 MARZO IL COMUNE DI CASALFIUMANESE HA COMUNICATO CHE, VISTE LE PREVISIONI METEO, SI E” DECISO DI PROCEDERE COMUNQUE CON LA SERATA, CIOE” CON LA NOTTE PRIMA DEL RAVIOLO, MENTRE LA SAGRA VERA E PROPRIA E” STATA RINVIATA A DOMENICA 25 MARZO. 

Nella foto (Isolapress): un momento dell”edizione 2017

Sagra del raviolo, due giorni di festeggiamenti a Casalfiumanese

SPECIALE GOCCE DI MUSICA 2018

banner_gocce_2018_piccolo

Cerca

PROMO

Seguici su Facebook

PROMO

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast