Cronaca

Coronavirus, 2 morti a Medicina e 9 positivi in più nel circondario. Venturi: “Crescono anche i tamponi negativi, è una buona notizia'

Coronavirus, 2 morti a Medicina e 9 positivi in più nel circondario. Venturi: “Crescono anche i tamponi negativi, è una buona notizia'

Brutte notizie per il circondario di Imola oggi. Il conteggio dei morti si allunga con altri due persone: una 88enne e un 79enne entrambi di Medicina. Il numero dei positivi al Coronavirus, invece, ne vede 9 in più: 3 residenti a Imola, 4 a Castel San Pietro, 1 a Medicina e 1 a Mordano. Da ricordare che questi sono, come sempre, i dati ufficiali della Regione e dell’Ausl di Imola, che coprono le ventiquattrore da mezzogiorno di ieri a mezzogiorno di oggi.  

Il dato complessivo del circondario sale a 228  (comprese le 4 persone guarite clinicamente e i 21 decessi). Nel dettaglio parliamo di 149 uomini e 79 donne; 135 residenti a Medicina, 59 a Imola, 16 a Castel San Pietro Terme, 3 a Dozza, 3 a Castel Guelfo, 2 a Casalfiumanese, 2 a Mordano, 1 a Borgo Tossignano e 7 persone residenti fuori dal Circondario (5 sono pazienti di Montecatone). 

Attualmente sono 3 le persone positive ricoverate nel nuovo reparto sub-intensivo Ecu, 15 in terapia intensiva e 59 nel reparto dedicato dell’ospedale, infine 3 sono stati trasferiti al post-acuti all’Osco di Castello in viale Oriani. 

In tutta l’Emilia Romagna ci sono 762 positivi in più per un totale di 10.816 poco meno della metà sono in isolamento a casa poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere o sono prive di sintomi (415 in più rispetto a ieri). Altro dato positivo solo 7 pazienti in più in terapia intensiva (in totale 301), i guariti che continuano ad aumentare e pressoché metà delle persone che si stanno curando a casa loro. Ma crescono purtroppo i decessi, 97, quindi, quelli nuovi, di cui 64 uomini e 33 donne, er un totale oggi di 1.174. 

Il commissario all’Emergenza Sergio Venturi ha tenuto a segnalare come nota positiva che “oggi i tamponi refertati sono stati  5.403 referti e solo 2.130 sono positivi, significa che la grandissima parte dei tamponi comincia ad essere negativa. Una cosa che si registrava solo all’inizio poi man mano che l’epidemia è cresciuta c’era una predominanza dei positivi praticamente al 90%, oggi questa distanza si sta nuovamente riducendo ed è un segno positivo per l’evoluzione dell’infezione. Quando i guariti, ora 960, supereranno il numero dei decessi vorrà dire ceh abbiamo svoltato”. (l.a.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast