Cronaca

Coronavirus, ritornano a zero i nuovi casi nell'imolese e appena 16 in tutta la regione. Sieroprevalenza, 154 nell'indagine nazionale

Coronavirus, ritornano a zero i nuovi casi nell'imolese e appena 16 in tutta la regione. Sieroprevalenza, 154 nell'indagine nazionale

La giornata odierna non registra novità sul fronte Covid-19 per il circondario di Imola: nessun caso positivo e nessun guarito rispetto a ieri. Rimangono così inalterate le statistiche: i casi refertati sono 393, di cui 18 ancora attivi, cioè positivi (5 medicinesi, 8 imolesi, 1 guelfese e 4 residenti fuori territorio). Ancora 3 i ricoveri in ospedale a Imola.

Anche nel resto della regione i numeri sono decisamente positivi e fanno ben sperare per la riguadagnata “normalità”: i nuovi contagi oggi sono oggi appena 16 (2 nel bolognese). Il bollettino sanitario parla anche di 157 ulteriori guarigioni e 7 morti (2 nel bolognese). Dall’inizio della pandemia i casi registrati in Emilia Romagna salgono così a 27.627, ma quelli ancora attivi sono 3.998, le guarigioni 19.547 (quelle clon doppio tampone neegativo 18.365). Il totale dei morti sale a 4.083. 

Nel frattempo lunedì la Croce rossa ha cominciato le telefonate per lo studio di sieroprevalenza nazionale voluto dal ministero della Salute in collaborazione con l’Istat. Nel circondario di Imola l’avvio è previsto non prima della prossima settimana. Sono 354 i nominativi individuati tra Imola, Dozza, Medicina, Castel Guelfo e Castel San Pietro. Spetta alle singole Aziende usl, infatti, organizzare i prelievi di sangue e Gabriele Peroni, direttore della Sanità pubblica a Imola, mette le mani avanti: “Dobbiamo ancora definire alcuni aspetti operativi”.

E forse non è un male dato che pare ci siano un paio di intoppi: le adesioni scarseggiano (fare il test è volontario), sia perché il numero unico nazionale 06.5510 non è stato pubblicizzato a sufficienza e molti non rispondono pensando sia il solito call center con un’offerta commerciale, sia perché non è chiaro come giustificare l’eventuale assenza dal lavoro.Il campione complessivo comprende 150 mila persone in duemila comuni, distribuite per sesso, attività e sei classi di età, bimbi piccolissimi compresi. L’obiettivo è capire quante persone nel nostro Paese hanno sviluppato gli anticorpi dell’infezione da virus Sars-CoV-2 (nome tecnico del Covid-19).

Nel frattempo, a metà mese è cominciato anche l’analogo studio sulla popolazione delle tre zone più colpite Il test viene effettuato con un normale prelievo di sangue. dell’Emilia Romagna voluto dalla Regione, dopo Piacenza ora si è passati a Rimini e poi toccherà a Medicina. La Regione ha previsto circa 100 mila test, tra positivi e contatti stretti. Nella città del Barbarossa potrebbero essere un migliaio.

Questa campagna si andrà a sovrapporre con quelle di screening avviate da metà aprile sempre dalla Regione per verificare la presenza di positivi al Coronavirus o eventuali asintomatici tra tutto il personale sanitario e socio sanitario regionale, con oltre 87 mila test sierologici già fatti è stato fatto il primo giro (circondario di Imola compreso), ora si sta completando quello su forze dell’ordine, vigili del fuoco, volontari, e se ne prevedono altri due. «Su 1.800 dipendenti abbiamo avuto 26 casi, uno solo con necessità di ricovero in terapia intensiva, è uno dei dati più bassi in Emilia Romagna» sottolinea Andrea Neri, direttore sanitario dell’Ausl di Imola. (l.a.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020

Campagna Abbonamenti

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast