Cronaca

Caro bollette, fondi per le famiglie da Casalfiumanese, Fontanelice e Borgo Tossignano. Castel del Rio: “Stiamo cercando risorse'

Caro bollette, fondi per le famiglie da Casalfiumanese, Fontanelice e Borgo Tossignano. Castel del Rio: “Stiamo cercando risorse'

Anche Casalfiumanese, Borgo Tossignano e Fontanelice hanno deciso di stanziare dei fondi per aiutare le famiglie più in difficoltà ad abbattere i costi delle bollette di luce e gas. Nell’accordo, siglato dai tre Comuni della vallata del Santerno con i sindacati Cgil, Cisl e Uil, ci sono 10.000 euro complessivi, pochini ma “la situazione economica dei comuni della Vallata è particolarmente difficile ed è necessario anche un confronto al Circondario” viene messo su bianco nell’accordo con i sindacati. Comunque, potranno fare domanda per i contributi i nuclei familiari con un Isee fino a 18.000 euro con priorità agli Isee più bassi fino ad esaurimento risorse; verrà erogato un contributo massimo di 250 euro per nucleo a fronte della maggiore spesa sostenuta per il pagamento di una bolletta per utenze di energia elettrica e gas; non potrà fare domanda chi ha percepito nel corso del 2022 contributi analoghi per il pagamento delle utenze o non è in regola con il pagamento dei tributi e delle tariffe comunali. Ora mancano solo i bandi che verranno pubblicati dall’Asp del circondario imolese poi si potranno presentare le domande. A questo punto solo il Comune di Castel del Rio non ha previsto contributi per aiutare le famiglie con i rincari delle bollette: è “l’unica amministrazione che ci ha detto che per il 2022 non c’è un euro per aiutare le famiglie ad affrontare i rincari energetici e che in ogni caso sul proprio territorio il problema si risolveva accendendo i camini” annotano con rammarico Giuseppe Rago della Uil, Mirella Collina della Cgil e Enrico Bassani della Cisl. “Nulla ci era stato riferito circa lo stanziamento di 18-19.000 ad esclusivo vantaggio delle sole aziende del territorio. Il sindaco è evidente che non ha voluto informarci di una disponibilità delle casse comunali che aveva unilateralmente deciso di destinare solo alle attività e nulla alle famiglie”. Il sindaco Alberto Baldazzi però non ci sta e ribatte: “Tutti e tre sanno benissimo, perché già frutto di precedente comunicazioni, che il bando per le attività commerciali è del Ministero ed è vincolato alle partite Iva colpite dal caro energia, anche Castel del Rio – rilancia -, sta cercando, attraverso la ragioneria associata, di reperire risorse per famiglie”. (r.cr.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SCARICA L’APP GRATUITA DI SABATO SERA

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook