Cronaca

Aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2023-2024 dalla materna alle superiori, interessati quasi 1.800 nuovi alunni a Imola

Aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2023-2024 dalla materna alle superiori, interessati quasi 1.800 nuovi alunni a Imola

Con il rientro dalle vacanze natalizie si apre la finestra per l’iscrizione dei propri figli e figlie alle scuole del territorio imolese. Si tratta nello specifico della possibilità data a nuovi alunni per la scuola dell’Infanzia, al primo anno della scuola primaria ed al primo anno della scuola secondaria di primo grado. Le famiglie potranno presentare le domande fino al 30 gennaio. I bandi sono disponibili nel sito del Comune.

Interessati sono quasi 1.800 nuovi alunni. Si tratta di circa 550 alunni/e nella scuola dell’infanzia (nati negli anni 2018-2019-2020 residenti nel Comune di Imola), circa 600 iscritti al primo anno della scuola primaria (residenti/domiciliati nel Comune di Imola nati nel 2017, per i quali vi è l’obbligo di iscrizione e dei nati dall’1 gennaio al 30 aprile 2018, i cosiddetti anticipatari, che possono scegliere di iscriversi già nell’anno scolastico 2023/2024) e circa 600 iscritti al primo anno della scuola secondaria di primo grado (alunni e delle alunne che attualmente frequentano la classe quinta della scuola primaria, residenti/domiciliati nel Comune di Imola).

L’offerta dei posti per l’Infanzia è suddivisa tra tre gestori del servizio: il Comune, con 22 sezioni proprie; la scuola statale, con 27 sezioni e il privato paritario con 18 sezioni. Per la scuola primaria l’offerta si suddivide in tempo ordinario – dalle 27 alle 30 ore settimanali – e tempo pieno – 40 ore settimanali – e riguarda i 6 istituti comprensivi statali e l’istituto comprensivo paritario Bosco. Per le scuole secondarie di primo grado l’offerta è articolata prevalentemente su 6 giorni, dal lunedì al sabato, con alcuni corsi anche su 5 giorni, dal lunedì al venerdì. Inoltre, c’è la possibilità per le scuole secondarie di primo grado di scegliere la seconda lingua straniera offerta dai singoli corsi, oppure l’inglese potenziato, stante che la prima lingua straniera per tutti è l’inglese.

«Ci stiamo mettendo alle spalle gli anni più complicati, segnati dalla pandemia sottolinea il vice sindaco ed assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari – e guardiamo al prossimo anno scolastico con la speranza di poter finalmente essere liberi da ogni vincolo» (r.cr.)

Nella foto di repertorio attività in una scuola dell’infanzia di Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SCARICA L’APP GRATUITA DI SABATO SERA

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook