Blog

Ciucci (ri)belli 3 Giugno 2020

Farmacie di turno a Imola e circondario: 4-12 giugno 2020

FarnacieInformazioni sulle farmacie di turno: tel. 0542/604760 (24 ore su 24).
Modalità di servizio delle farmacie di turno: funzionano 24 ore su 24. Dalle ore 22 alle ore 8.30 a battenti chiusi con diritto di chiamata. Il servizio può essere svolto a battenti chiusi senza diritto di chiamata, anche dalle 12.30 alle 15.30 e dalle 20.30 alle 22.

IMOLA
Da giovedì 4 a domenica 7 giugno 2020 Annunziata (via Emilia 216, tel. 0542/23460). Sabato 6 giugno di turno anche Ai Cappuccini (viale D’Agostino 13, tel. 0542/27003) e Montericco (via Zaccherini 28/m, tel. 0542/690608).
Da lunedì 8 a venerdì 12 giugno F.lli Bartolotti (via Mazzini 30, tel. 05 42 /23 461).

DOZZA
Farmacia Lanzoni (via Calanco 6/a, tel. 0542/678228) domenica 7 giugno aperta dalle 8.30 alle 12.30.

CASTEL SAN PIETRO
Dalle 8.30 dell’1 giugno alle 8.30 dell’8 giugno Sarti (via Matteotti 26/28, tel. 051/941234). Dalle 8.30 dell’8 giugno alle 8.30 del 15 giugno Salus di Osteria Grande (via Grassi 9g-9h, tel. 051/9 45272).

VALLATA DEL SANTER-NO e PIANURA
Dalle 8.30 dell’1 giugno alle 8.30 dell’8 giugno Ponticelli (tel. 0542/682639) e Sesto Imolese (tel. 0542/76386). Dalle 8.30 dell’8 giugno alle 8.30 del 15 giugno Borgo Tossignano (tel. 0542/91249) e Comunale di Medicina (tel. 329/2105731).

MEDICINA
Sabato 6 e domenica 7 giugno Sesto Imolese (tel. 0542/76386).

OZZANO EMILIA
Dalle 8.30 dell’1 giugno alle 8.30 dell’8 giugno Ghigi di Ozzano Emilia (via Emilia L. 113, tel. 051/799355). Dalle 8.30 dell’8 giugno alle 8.30 del 15 giugno Host di San Lazzaro di Savena (via Emilia 406, tel. 051/6255148)

Farmacie di turno a Imola e circondario: 4-12 giugno 2020
Ciucci (ri)belli 28 Maggio 2020

Lo Spunk è tornato, nuovi numeri dopo il lockdown

Lo sapete che anche le piante hanno un cervello? E cosa si mangia in India per colazione? Come si preparano i biscotti della fortuna? E che cos’è una manticora? Se siete curiosi, allora provate a leggere Lo Spunk. Dopo il lockdown, i numeri di aprile e maggio sono usciti insieme.

Che cos’è Lo Spunk?

Per chi ancora non lo conoscesse, Lo Spunk è il giornale delle bambine e dei bambini da 6 a 11 anni, realizzato da una redazione di scrittrici e illustratrici di libri per bambini (e non). E’ pubblicato dalla Coop. Corso Bacchilega, editrice del settimanale «sabato sera» e del nostro blog Ciucci (ri)belli.

Lo Spunk prende il nome dalla parola misteriosa che inventa Pippi Calzelunghe, protagonista dell’omonimo libro di Astrid Lindgren, spunk, appunto. Nelle sedici pagine piene di contenuti originali e illustrati c’è spazio per notizie alla portata di giovani lettori, rubriche scientifiche e artistiche, giochi, ricette, fumetti, barzellette e molto altro ancora.

Dove si acquista?
A Imola nella redazione di Sabato Sera, in viale Zappi 56/c.

E se vi piace, è possibile abbonarsi per riceverlo direttamente a casa. Due anni di Spunk costano 40 euro: oltre agli otto numeri cartacei del 2020 e 2021 riceverete anche gli arretrati digitali di tutto il 2019 e dei primissimi numeri del 2017 oggi introvabili. Per informazioni: ordini@bacchilegaeditore.it.

 

Lo Spunk è tornato, nuovi numeri dopo il lockdown
Ciucci (ri)belli 27 Maggio 2020

Farmacie di turno a Imola e dintorni: 28 maggio-5 giugno 2020

Informazioni sulle farmacie di turno: tel. 0542/604760 (24 ore su 24).

Modalità di servizio delle farmacie di turno: funzionano 24 ore su 24. Dalle ore 22 alle ore 8.30 a battenti chiusi con diritto di chiamata. Il servizio può essere svolto a battenti chiusi senza diritto di chiamata, anche dalle 12.30 alle 15.30 e dalle 20.30 alle 22.

IMOLA

Da giovedì 28 maggio a domenica 31 maggio 2020 Dell’Autostrada (via del Lavoro, tel. 0542/641676). Sabato 30 maggio di turno anche S. Prospero (via Benedetto Croce 24, tel. 0542/34757) e Comunale Cavour (via Cavour 1/a, tel. 0542/32386).
Da lunedì 1 a venerdì 5 giugno Annunziata (via Emilia 216, tel. 0542/23460).

DOZZA

Farmacia Lanzoni (via Calanco 6/a, tel. 0542/678228) domenica 31 maggio aperta dalle 8.30 alle 12.30. Martedì 2 giugno chiusa.

CASTEL SAN PIETRO

Dalle 8.30 del 25 maggio alle 8.30 dell’1 giugno San Nicolò di Osteria Grande (via Emilia Ponente 6329/c, tel. 051/ 946656). Domenica 31 maggio ComunaleBertella (piazza Papa Giovanni XXIII 34/b, tel. 051/941407). Dalle 8.30 dell’1 giugno alle 8.30 dell’8 giugno Sarti (via Matteotti 26/28, tel. 051/941234).

VALLATA DEL SANTERNO e PIANURA

Dalle 8.30 del 25 maggio alle 8.30 dell’1 giugno Castel del Rio (tel. 0542/95907) e Mordano (tel. 0542/51428). Dalle 8.30 dell’1 giugno alle 8.30 dell’8 giugno Ponticelli (tel. 0542/682639) e Sesto Imolese (tel. 0542/76386).

MEDICINA

Sabato 30 e domenica 31 maggio Mordano (tel. 0542/51428). Martedì 2 giugno Sesto Imolese (tel. 0542/76386).

OZZANO EMILIA

Dalle 8.30 del 25 maggio alle 8.30 dell’1 giugno Della Cicogna di San Lazzaro di Savena (via Emilia 237, tel. 051/462030). Dalle 8.30 dell’1 giugno alle 8.30 dell’8 giugno Ghigi di Ozzano Emilia (via Emilia L. 113, tel. 051/799355).

Farmacie di turno a Imola e dintorni: 28 maggio-5 giugno 2020
Motosapiens 27 Maggio 2020

Circoli virtuosi anticrisi fra aziende e gruppi di motociclisti: il caso Mupo-Kawalieri di Akashi-Kawasaki Versys 650 Italia

L’emergenza sanitaria mondiale causata dal Coronavirus ha mandato in lockdown l’Italia (e non solo). Tutto si è fermato per un po’: la produttività, la cultura, le moto. La creatività però no, quella non si è fermata. Molte aziende si sono messe a disposizione delle necessità altrui in molti modi diversi, e tutti abbiamo riscoperto l’importanza di stare insieme, di fare rete, secondo la filosofia che insieme tutto vale di più.

Ne è esempio anche la recente convenzione che l’azienda Mupo, specializzata in sospensioni per il mondo delle due ruote da corsa, ha firmato con i gruppi di motociclisti “Kawasaki Versys 650 Italia” e “I Kawalieri di Akashi”. Perchè sì, Mupo ha fatto tanta strada nel settore del motociclismo veloce, ma non si è dimenticata dei motociclisti che battono le strade del mondo mossi dalla pura passione.

L’azienda, che da anni offre ai propri clienti un servizio tanto artigianale quanto tecnicamente specializzato, studia da anni soluzioni per massimizzare l’esperienza di guida in totale sicurezza. Adesso, grazie alla convenzione, i motociclisti che si ritrovano insieme sotto la stessa passione (ne dettaglio, per le Kawasaki Versys 650 e per le iniziative del gruppo I Kawalieri di Akashi) potranno usufruire di tutta l’esperienza di Mupo grazie a un canale preferenziale.

Perchè insieme.. Di più.

mi.mo

Foto: Massy Momard

Circoli virtuosi anticrisi fra aziende e gruppi di motociclisti: il caso Mupo-Kawalieri di Akashi-Kawasaki Versys 650 Italia
Ciucci (ri)belli 21 Maggio 2020

Gravidanza e lavoro al tempo del Covid-19. Cosa cambia?

Cosa cambia per le lavoratrici in gravidanza ai tempi del Coronavirus? Di base, le regole restano le stesse di sempre, ma vale comunque la pena ricordarle. Ce le spiega l’Ausl di Imola:

  • In caso di gravidanza a rischio, per particolari condizioni patologiche della mamma o del nascituro, la lavoratrice deve fare richiesta di astensione anticipata dal lavoro tramite un apposito modulo ed allegando un certificato rilasciato da un ginecologo pubblico (dipendente del Servizio Sanitario Nazionale), anche in regime di libera professione o un certificato rilasciato da un ginecologo libero professionista privato, ma seguito da accertamento del ginecologo di struttura pubblica. Per l’Azienda Usl di Imola la documentazione va presentata al Dipartimento Cure Primarie. https://www.ausl.imola.bo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/5939
  • In caso invece di lavoratrice in gravidanza fisiologica, ma che svolge mansioni a rischio in periodo di gestazione e l’allattamento, sono possibili due percorsi al fine di ottenere l’allontanamento dal rischio lavorativo:
    • Di norma, la lavoratrice comunica il proprio stato di gravidanza al datore di lavoro presentando il certificato di gravidanza. Il datore di lavoro, in presenza di rischi per la salute della donna e/o del nascituro, può modificare temporaneamente l’orario di lavoro e/o spostare la lavoratrice ad altro reparto/mansione non a rischio per tutto il periodo della gravidanza, fino all’inizio del periodo di interdizione obbligatoria dal lavoro ed eventualmente fino a 7 mesi dopo il parto, con comunicazione scritta all’ Ispettorato Territoriale del Lavoro (ITL). Oppure il datore di lavoro, per mancanza di mansioni alternative, deve può determinare l’astensione anticipata dal lavoro e/o prolungamento del periodo di astensione obbligatoria fino a 7 mesi dopo il parto con contestuale richiesta scritta alla DTL.
    • Un secondo percorso è quello per cui è la lavoratrice che chiede l’allontanamento dal lavoro a rischio alla DTL, nel caso in cui il DL non abbia provveduto direttamente ad effettuare l’astensione (https://www.ausl.imola.bo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/6695)

Se queste sono le regole sempre valide, cosa cambia al tempo del Coronavirus?

“Effettivamente in periodo di pandemia  – spiega l’Ausl di Imola – ci sono indicazioni diverse dal solito. Quindi il datore di lavoro, sentito il medico competente, può aggiornare o modificare la valutazione del rischio ed inserire anche questo, che è un rischio specifico per operatore sanitario e generico, ma presente, per altre mansioni, ad esempio per lavoratori esposti al pubblico. Se viene valutata la presenza di rischio, ed il rischio è riportato nel Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), il datore fa richiesta di astensione dal lavoro (pre-parto o pre e post parto) alla DTL come per gli altri lavori a rischio, ma con riferimento al periodo di pandemia. In tutti i casi ITL, se lo ritiene opportuno, prima di emettere il provvedimento può attivare i medici dei Servizi Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (Spsal) delle Ausl, come organo tecnico, per fare l’accertamento medico. In questi casi, lo Spsal esegue un sopralluogo in azienda per verificare le mansioni della lavoratrice e la documentazione sui rischi e emette un provvedimento che viene inviato alla DTL. ll rischio associato alla modalità di trasporto per/da il luogo di lavoro non è oggetto di valutazione, in analogia con il pendolarismo, in quanto non è rischio connaturato alla attività lavorativa”.

Gravidanza e lavoro al tempo del Covid-19. Cosa cambia?
Motosapiens 11 Maggio 2020

Scoprire la Motor Valley.. da casa: conferenze, visite e curiosità online dal 14 al 17 maggio

Si riaccendono i motori, con il Motor Valley Fest digitale. 

Dal 14 al 17 maggio si consumerà l’edizione digitale, per ovvi motivi di distanziamento, del Motor Valley Fest, con un ricco palinsesto di eventi per tutti con i protagonisti delle quattro e due ruote. Un programma davvero ricco e vario a cura di Regione Emilia Romagna – APT Servizi, Comune di Modena, Comune di Maranello, Associazione Motor Valley Development, Meneghini & Associati, e con il supporto di numerose realtà.

Di seguito il programma dettagliato.

mi.mo

I LIVE STREAMING DAI MUSEI DELLA MOTOR VALLEY 

Il 16 e 17 maggio attraverso dirette Facebook sarà possibile visitare i templi delle case automobilistiche emiliano- romagnole. “Viaggio al Museo” sarà un vero e proprio live streaming per scoprire a fondo i Musei aziendali della Motor Valley in compagnia dei loro curatori e di guide specializzate. Sette musei dei più celebri brand della Terra dei Motori emiliano romagnola (Dallara Academy, MUDETEC – Museo delle Tecnologie Automobili Lamborghini, Museo Enzo Ferrari di Modena e Museo Ferrari di Maranello, Museo Ducati, Museo Horacio Pagani, Maserati Innovation Lab) apriranno le loro porte con altrettanti live streaming. Gli spettatori avranno l’opportunità, nel corso delle dirette, di rivolgere domande in tempo reale ai curatori o alle guide. La virtual experience consentirà agli spettatori di soddisfare la loro curiosità varcando la soglia della Dallara Academy, con la sua “rampa espositiva” che ospita le celebri Miura, X1/9, le Indycar e la “Dallara Stradale”; del MUDETEC con le prime visionarie creazioni del genio di Ferruccio Lamborghini come la Miura e la Countach; il Museo Enzo Ferrari con i suoi due simulatori semiprofessionali e un’esposizione dei propulsori che hanno fatto la storia del Cavallino Rampante; e ancora, il Museo Ferrari di Maranello che, con la sua sezione dedicata al mondo delle competizioni, celebra oltre 90 anni della Scuderia di Formula1. Il Museo Ducati, che ospita modelli esemplari quali Monster, la 916 ideata dal compianto designer motociclistico Massimo Tamburini o la leggendaria 750 SS; il Museo Horacio Pagani dove si ripercorre invece la storia del suo fondatore, ideatore di modelli unici, dalla Zonda all’ultima Huayra senza dimenticare l’esclusiva Zonda Aether, la Zonda più quotata di sempre; infine il Maserati Innovation Lab, dove si progettano le auto del Tridente, ospita al suo interno i due simulatori, lo statico e dinamico, che consentono di vivere un’esperienza unica.

Gli orari:

Sabato 16 maggio

LIVE DALLARA: 11 – 11.30

LIVE LAMBORGHINI MUDETEC: 15.30 – 16

LIVE FERRARI MEF: 17.30 – 18

Domenica 17 maggio

LIVE DUCATI: 10 – 10.30

LIVE FERRARI MARANELLO: 12.30 – 13

LIVE MASERATI: 15.30 – 16

LIVE PAGANI: 17.30 – 18

ALLA SCOPERTA DEGLI AUTODROMI

Sul sito di Motor Valley Fest digital sarà possibile andare alla scoperta degli autodromi della Motor Valley: Autodromo di Imola, Autodromo di Modena, Autodromo di Varano, Misano World Circuit Marco Simoncelli.
Sulla pista di quest’ultimo sarà possibile effettuare un appassionante viaggio virtuale, per scoprire il dietro le quinte di un teatro mondiale dei due maggiori campionati di motomondiale – MotoGP e SBK – oltre a importanti eventi dedicati alle quattro ruote. Un tributo ai quattro autodromi della Motor Valley verrà poi reso da Scuderia Tricolore e Canossa Events, che hanno realizzato video tematici e pillole legate ad alcune leggende dell’automobilismo, a partire dalla Ferrari 250 SWB e la Maserati 250S, mentre Scuderia de Adamich proporrà i video del Master Maserati e del suo 20° anniversario.

LA BELLEZZA DELLA VIA EMILIA

La Terra dei Motori emiliano romagnola “corre” lungo una via millenaria di origine romana che dà il nome, unica in questo in Italia, ad un’intera regione: la Via Emilia. Spesso proprio su questa storica strada – che taglia tutta l’Emilia Romagna collegando Piacenza a Rimini – sono stati testati e messi a punto alcuni dei bolidi più belli e desiderati della Motor Valley. Sul sito di Motor Valley Fest digital una sezione dedicata permetterà di andare alla scoperta virtuale della Via Emilia e delle sue eccellenze. Un viaggio cadenzato dalle Città d’Arte emiliano romagnole con i loro territori, che fungono da tappe. Per ognuna di esse, tante “tips interattive”: dalle suggestive salite virtuali alle cupole piacentine dipinte da Guercino e Pordenone alla visita street view della Mostra “Fellini 100 Genio Immortale” allestita a Castel Sismondo a Rimini, dai video immersivi nelle più belle opere del Verdi Festival di Parma alla possibilità di sfogliare virtualmente i codici millenari custoditi nella Biblioteca Malatestiana di Cesena, Memoria del Mondo UNESCO. E ancora, la visita interattiva ai monumenti UNESCO della città di Modena e alla millenaria Abbazia di Nonantola, le foto a 360 gradi dei mosaici di Ravenna, anch’essi Patrimonio UNESCO; passando per le lezioni di cinema della Cineteca di Bologna, i videoracconti di alcuni dei più amati Cammini per Viandanti e Pellegrini dell’Emilia Romagna e la visita alla mostra “Ferrara Ebraica” allestita all’interno del MEIS, il Museo Nazionale dell’Ebraismo di Ferrara. E poi ancora food, storia e natura.

FOOD VALLEY DELL’EMILIA ROMAGNA

Tantissime le esperienze di gusto che il territorio della Motor Valley proporrà direttamente on line per scoprire l’eccellenza enogastronomica, l’arte, la cultura e i paesaggi del territorio. Un patrimonio che ha attirato, lo scorso anno, oltre 2 milioni di visitatori (cui il 46% italiani e il 54% stranieri), con un giro d’affari di 320 milioni di euro. Piacere Modena proporrà dei video dedicati all’enogastronomia modenese. “Modena in un panino” comprenderà video ricette con protagonista Daniele Reponi, il non-chef dei panini della “Prova del Cuoco” di RAI 1. Gli Chef di Modena a Tavola mixeranno motori e tipicità gastronomiche in un racconto emozionante: “I menu dei Motori”. Piacere Modena racconterà attraverso un video il legame storico-culturale che il territorio ha con il mondo dei motori e dell’enogastronomia. Ci sarà MuSa (Museo della Salumeria Villani) di Castelnuovo Rangone. Uno spazio espositivo che rende omaggio all’arte salumiera ed alle eccellenze gastronomiche del territorio.

ARTE E CULTURA ONLINE

LE GALLERIE ESTENSI

Le Gallerie Estensi esporranno una selezione digitale degli storici periodici “La Scuderia Ferrari” (annate 1935-36) e “Alfa Corse” (1939). A corredo delle riviste anche dei video, visibili dal 14 al 17 maggio, dell’Istituto Luce sulle celebri corse raccontate nelle riviste. Un ulteriore video guiderà il visitatore alla scoperta dei periodici e del loro apparato fotografico e grafico.

LA FAMIGLIA SCHEDONI: DA 140 ANNI ARTIGIANI DEL CUOIO

Una storia tutta modenese quella della famiglia Schedoni, icona dell’artigianato automotive, che produce vere opere d’arte in cuoio, interamente realizzate a mano, per le Super Car delle più prestigiose case automobilistiche. In occasione di Motor Valley Fest digital un video racconterà l’eccellenza dell’artigianalità che ha reso il pellettiere di Modena uno dei più famosi e apprezzati dai marchi del lusso dell’automotive mondiale.

“PAOLINO E I SUOI AMICI – I FORMIGINESI DELLA FORMULA 1”

In occasione del Motor Valley Fest dal 14 al 17 maggio sarà possibile fermarsi “virtualmente” a Formigine, città di molti meccanici della Formula 1, per conoscere attraverso la mostra “Paolino e i suoi amici – i formiginesi della Formula 1” i protagonisti del “dietro alle quinte” di una scuderia.

I VIDEO ON DEMAND DELLA MOTOR VALLEY

Saranno disponibili sul sito www.motorvalleyfest.it esclusivi video on-demand realizzati dalle redazioni motoristiche italiane. La Motor Valley prende vita attraverso oltre 20 video dedicati ad aziende, personaggi, autodromi e musei che fanno grande la Terra dei Motori. Una produzione esclusiva realizzata da APT Servizi Emilia Romagna, in collaborazione con l’associazione Motor Valley Development, accessibile gratuitamente sulla piattaforma digitale dell’evento dal 14 maggio, ma anche sul canale YouTube della Motor Valley per conoscere lo stato dell’arte di chi crea, pilota e preserva l’eccellenza del motorismo italiano.

Made in Motor Valley è la Webserie internazionale per far conoscere da vicino le eccellenze della Terra dei Motori incontrando chi le auto e le moto le costruisce, le progetta e le disegna in prima persona. Le prime 4 puntate sono dedicate a Dallara, Lamborghini, Maserati e Pagani.

Scoprire la Motor Valley.. da casa: conferenze, visite e curiosità online dal 14 al 17 maggio
Motosapiens 6 Maggio 2020

Motociclismo, motociclette e Coronavirus. La lettera di Fmi e Ancma al Governo italiano

Motociclismo, motociclette e Coronavirus – fase2. Quali problemi? Quali soluzioni?

In un periodo delicato, difficile e critico come questo sono più le domande che le risposte.

Pubblichiamo volentieri, integralmente, la lettera che il presidente della Federazione Motociclistica Italiana Giovanni Copioli e il presidente di Confindustria ANCMA Paolo Magri hanno inviato al Governo.

page2image789092880 page2image789568512

Nella foto: forze dell’ordine in moto durante l’emergenza Covid-19

mi.mo

Egregio Presidente,

siamo i rappresentanti del mondo motociclistico italiano: Giovanni Copioli, Presidente della Federazione Motociclistica Italiana (FMI), e Paolo Magri, Presidente dell’Associazione Nazionale Costruttori Motocicli e Accessori (ANCMA).

FMI vanta 110.000 Tesserati (motociclisti praticanti), affiliati tramite 1.740 Moto Club diffusi sull’intero territorio nazionale.

ANCMA rappresenta Aziende che operano in Italia attraverso 13.500 dipendenti diretti i cui prodotti sono venduti tramite 6.000 Punti Vendita diffusi sull’intero territorio nazionale, generando occupazione per un indotto di 90.000 persone.

Nell’anno 2019 sono stati immatricolati in Italia 250.000 tra motoveicoli e scooter, mentre gli utenti delle due ruote a motore sono attualmente circa 8.000.000 milioni di persone.

La Federazione Motociclistica Italiana ha in corso importanti collaborazioni con le più importanti Istituzioni nazionali, dalla Protezione Civile all’Arma dei Carabinieri a diversi Ministeri, cui si aggiunge tra l’altro la firma di un recentissimo accordo con Federfarma per la distribuzione di medicinali alle persone in difficoltà.

Ci rendiamo perfettamente conto delle difficoltà operative in cui è costretto a lavorare il Governo Italiano in queste settimane.

Desideriamo però attirare con forza la Sua attenzione verso alcuni argomenti di particolare importanza, proprio a fronte dei numeri sopra elencati.

1) Situazione Economica, Mobilità e Circolazione.
La prolungata chiusura obbligata delle Aziende e degli Esercizi Commerciali ha provocato un fortissimo calo dei rispettivi fatturati. E’ dunque assolutamente importante individuare soluzioni per aiutare il settore a risollevarsi il più velocemente possibile. Lo strumento degli incentivi economici è indispensabile per favorire l’accesso dei cittadini a un mezzo di spostamento sostenibile e per aiutare aziende e concessionari a smaltire gli stock di veicoli euro 4 formatisi a causa del lockdown. Moto e scooter anche elettrici, hanno un ruolo decisivo nel risolvere i problemi di traffico e certamente rispettano il fondamentale distanziamento sociale. In più sulle medie e lunghe distanze (tangenziali e strade a grande percorrenza) risultano decisamente più idonei. Nel momento in cui si chiede alla popolazione il massimo rispetto riguardo il distanziamento fisico, favorire nel modo più ampio possibile l’utilizzo del mezzo a due ruote a motore, a basso livello di inquinamento, a ridotto “consumo” di spazio in movimento ed in parcheggio, è un elemento che dovrebbe essere preso in concreta considerazione da parte del Governo, così come anche incentivare gli indispensabili supporti di sicurezza (casco e abbigliamento tecnico), attraverso una defiscalizzazione per incoraggiarne l’acquisto. Anche le 1740 società affiliate alla Federazione Motociclistica Italiana, spina dorsale delle attività turistico\sportive in Italia, avranno poi bisogno di un aiuto economico per garantire la loro stessa sopravvivenza.

2) Discrezionalità Regionali, Attività sportiva individuale e Atleti di Interesse Nazionale.
Siamo costretti a lamentare con Lei, che sicuramente ne è perfettamente cosciente, la grande discrezionalità delle disposizioni emanate dalle singole Autorità Regionali, riguardo l’uso delle motociclette sia per la pratica del “Mototurismo” che di quella più propriamente “Sportiva”. Questo genera grande confusione nei nostri utenti, che faticano a districarsi in una enorme mole di norme diverse, spesso in contrasto tra loro, alimentando le loro proteste anche nei confronti dell’Autorità di Governo. Dal 4 maggio si possono effettuare attività sportive individuali, ma nei documenti ufficiali non riusciamo a trovare la chiarezza che auspichiamo riguardo l’uso delle motociclette, strumento a guida singola e distanziata per eccellenza. Siamo invece fermamente convinti che l’uso sportivo della motocicletta, in pista o in fuoristrada, abbia caratteristiche decisamente simili a quello della bicicletta o del cavallo. Dal punto di vista sportivo la Federazione Motociclistica si è immediatamente adeguata alle richieste governative, identificando un gruppo di Atleti di Interesse Nazionale e dando precise Linee Guida per l’utilizzo degli Impianti. Ma proprio per la natura del mezzo tecnico utilizzato, sia in gara sia in allenamento, limitarne l’uso ad un gruppo ristretto di utenti ci appare una discriminazione nongiustificata dalla situazione, visto altresì che il motociclismo conta ben 23 diverse discipline; limitare pertanto gli allenamenti agli atleti di interesse nazionale trascura la maggioranza degli appassionati che formano una base consolidata e indispensabile per le nostre attività.

Da ultimo evidenziamo che la FMI ha iscritte al proprio Registro Storico oltre 250.000 motociclette. In molte parti del nostro Paese ci sono limitazioni e divieti per la loro circolazione o nei centri cittadini. In questa fase, ma anche all’auspicato ritorno alla normalità, si potrebbero sospendere questi divieti perché anche le moto storiche, se ufficialmente certificate, possono rappresentare una valida alternativa alla mobilità.

Fiduciosi di potere ottenere la Sua attenzione, e nella certezza che queste osservazioni possano essere recepite dai Ministeri competenti, restiamo ovviamente a piena disposizione per ogni possibile confronto, in qualunque momento riterrete di volerci coinvolgere.

Motociclismo, motociclette e Coronavirus. La lettera di Fmi e Ancma al Governo italiano
Ciucci (ri)belli 2 Maggio 2020

Teatro ragazzi in streaming, l’idea di Legacoop Culturmedia Romagna

Legacoop Culturmedia Romagna, in collaborazione con Accademia Perduta Romagna Teatri e con le cooperative dello spettacolo associate, porta il teatro per bambini e ragazzi direttamente nelle case delle famiglie, in modalità streaming.

«È il nostro modo per stare vicini ai bambini e alle famiglie, perché la cultura e il teatro, anche quando sono digitali, aiutano a vincere tutte le paure – dice il presidente di Legacoop Romagna, Mario Mazzotti -. Ma è anche l’occasione per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica su un settore che ancor più di altri sta pagando la grave crisi conseguente alla pandemia».

La cultura e lo spettacolo dal vivo, infatti, sono stati tra i primi settori a fermarsi, a febbraio. Ancora non è possibile sapere quando e come sarà possibile tornare alla normalità. Non solo per concerti ed esibizioni in pubblico, ma anche per la parte educativa con le scuole e i ragazzi. Migliaia di lavoratori del settore sono fermi e non sanno quando potranno tornare a operare. Artisti e Persone di Cultura che stanno facendo la loro parte, con responsabilità e in silenzio.

DOVE SI POSSONO VEDERE GLI SPETTACOLI?
In contemporanea su:

** canale Facebook di Legacoop Romagna
https://www.facebook.com/legacoopromagna

** canale Youtube di Legacoop Romagna
https://www.youtube.com/user/legacoopromagna

I video sono rimossi subito dopo la trasmissione, per restituire al massimo la sensazione dello spettacolo dal vivo.
Per essere inseriti nella newsletter e ricevere una mail con il link prima dell’inizio è possibile registrarsi alla newsletter di Legacoop qui o inviare una email a e.gelosi@legacoopromagna.it.

PROGRAMMA DEI PROSSIMI SPETTACOLI

Zuppa di sasso (Tcp Teatro)

SABATO 2 E DOMENICA 3 MAGGIO

ore 16 • Un topo… due topi… tre topi… Un treno per Hamelin (regia di Claudio Casadio)

Tecnica utilizzata: Teatro d’attore, canzoni e musica dal vivo
Età consigliata: 4-10 anni
Durata: 60′

ore 17 • Zuppa di sasso (compagnia TCP Tanti Cosi Progetti)

Tecnica utilizzata: teatro d’attore, teatro d’oggetti§
Età consigliata: 3–8 anni
Durata: 50′

SABATO 9 E DOMENICA 10 MAGGIO

ore 16 • L’Acciarino Magico (compagnia Il baule volante)

Tecnica utilizzata: teatro di narrazione e accompagnamento sonoro dal vivo
Età consigliata: 5 – 10 anni
Durata: 1 ora

ore 17 • Nico cerca un amico (compagnia Il baule volante)

Tecniche utilizzate: teatro d’attore e pupazzi animati a vista
Età consigliata: dai 3 anni
Durata: 50′

Un topo… due topi… tre topi… Un treno per Hamelin (Claudio Casadio)

Teatro ragazzi in streaming, l’idea di Legacoop Culturmedia Romagna
Ciucci (ri)belli 29 Aprile 2020

Giocamuseo a domicilio, gli appuntamenti di maggio

Giocamuseo a domicilio è un’occasione di svago per bambini e genitori, attraverso alcuni video pubblicati sul canale YouTube e sui social dei Musei civici di Imola. “Diamo continuità alle proposte educative di Giocamuseo – spiegano dai Musei civici di Imola – il già consolidato calendario di appuntamenti pensati per avvicinare i bimbi all’arte, alla storia, alla cultura del proprio territorio in maniera divertente e giocosa. L’invito alle famiglie è quello di mandare una foto dei lavori realizzati dai bambini a musei@comune.imola.bo.it, con il nome e l’età del bambino: le immagini saranno pubblicate in una galleria virtuale sulle pagine social”.

Nel mese di maggio, al momento sono due gli appuntamenti per imparare e divertirsi insieme.

Domenica 3 maggio 2020 – Birdwatching: al museo e attorno a noi

Si parte dall’osservazione delle collezioni ornitologiche dello Scarabelli, per poi passare all’osservazione, direttamente dalle nostre abitazioni, della natura e degli uccelli presenti in questo periodo primaverile. Utilizzando materiali semplici e disponibili in casa realizziamo una mangiatoia per i nostri piccoli amici.

Domenica 17 maggio 2020 – Wedding planner alla corte di Caterina

Si è sparsa la voce dell’imminente matrimonio tra Caterina Sforza e Girolamo Riario. La fanciulla ha bisogno dell’aiuto di un wedding planner per organizzare gli ultimi ritocchi per il ricevimento che si terrà alla rocca di Imola. Il visitatore virtuale può contribuire a rendere questo evento ancora più fiabesco.

Giocamuseo a domicilio, gli appuntamenti di maggio
Ciucci (ri)belli 27 Aprile 2020

Accompagnamento alla nascita, ripartono i corsi in videoconferenza

Ripartono, a distanza, i corsi di accompagnamento alla nascita organizzati dal Consultorio familiare dell’Ausl di Imola per le donne o le coppie già iscritte. Nel rispetto della regola del distanziamento sociale, infatti, il corso si svolgerà in videconferenza a partire da lunedì 4 maggio e sarà quindi possibile interagire e fare domande alla psicologa e all’ostetrica che conduce il gruppo.

Sempre da lunedì 4 maggio, pur nel rispetto di tutte le misure di protezione, si riavviano le attività dello Spazio Giovani, dedicato a ragazze/i di età compresa fra i 14 e i 19 anni per colloqui psicologici, visite ginecologiche e distribuzione gratuita di contraccettivi.

Da lunedì 27 aprile sarà attivo il servizio di prenotazione e valutazione della richiesta.

  • Per prenotare un consulenza psicologica telefonare il mercoledì pomeriggio, dalle ore 14 alle 17 al numero 0542 604194.
  • Per prenotare una visita ginecologica o un appuntamento per la consegna gratuita dei contraccettivi, telefonare il lunedì ed il mercoledì dalle ore 14 alle 16 al numero 0542 604190.

Ricordiamo che non è consentito l’accesso al Consultorio familiare ad accompagnatori; salvo casi precedentemente concordati.

Accompagnamento alla nascita, ripartono i corsi in videoconferenza

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast