Archivio multimediale

Foto 2 Marzo 2017

Carnevale dei bambini, la vittoria a Capitan Flacone

IMOLA
Diego Gaddoni, 7 anni, con il costume da “Capitan Flacone”, ha vinto il Concorso “La maschera più creativa” riservato ai bambini e ragazzi che si è svolto questo pomeriggio in piazza Matteotti nell’ambito del Carnevale dei Bambini e dei Ragazzi che, come ogni anno, ha visto premiati i tre costumi più creativi ed originali. Il costume è stato tutto fatto in casa, utilizzando vari materiali di recupero. Al secondo posto si è classificato Marco Palermo, 9 anni, vestito da “Campana del vetro”, per la raccolta differenziata. Anche in questo caso si è trattato di un “costume” cucito in casa. Al terzo posto Simona Boi, 7 anni, con il costume “Mongolfiera”, anche in questo caso con un costume realizzato in casa, con l’aggiunta di palloncini.

Ai primi tre classificati, premiati fra gli altri dall’assessore alla Cultura Elisabetta Marchetti, sono andati rispettivamente 150 euro, 100 euro e 50 euro tutti in buoni acquisto alla Coop Alleanza 3.0, torte e dolci offerte da Opera Dulcis e una targa in ceramica offerto dalla Coop Ceramica di Imola.

In totale sono stati 80, fra bambini e bambine, dai 9 mesi fino agli 11 anni, che hanno partecipato al concorso “La maschera più creativa”, con tantissimi costumi fatti a mano, riciclando materiali come stoffe e cartone, frutto della propria fantasia.

Foto di Isolapress

Carnevale dei bambini, la vittoria a Capitan Flacone
Foto 28 Febbraio 2017

Carnevale solidale, tra Cappuccetto rosso e i giocattoli per i bimbi terremotati

MEDICINA
Domenica 26 febbraio Medicina ha festeggiato il Carnevale. Immersi in uno splendido sole di primavera il centro storico si è animato. Protagonista indiscusso, come ogni anno, il concorso mascherato con tema i cartoni animati. La giuria, composta da Cappuccetto rosso, il Lupo, il Drago, la Fata Turchina e il Principe Azzurro, ha decretato la maschera più bella, quella più originale e il gruppo più numeroso.

Il Carnevale ha voluto essere anche qualcosa di più oltre che una giornata dedicata al divertimento e alle risate. Il ricavato dello stand gastronomico, allestito grazie alle donazioni degli esercenti e al lavoro dei volontari, sarà donato alle popolazioni colpite da terremoto nel Centro Italia. Si tratta di 820 euro, che si uniranno ai giocattoli raccolti tra i bambini medicinesi (quindici scatoloni) da inviare ai coetanei nelle aree colpite dal sisma.

Carnevale solidale, tra Cappuccetto rosso e i giocattoli per i bimbi terremotati
Foto 27 Febbraio 2017

Carnevale, premi per il cavaliere, lo scudiero e l’Armata Branca

CASTEL SAN PIETRO
Divertimento e allegria per i bambini che sabato scorso hanno partecipato al Carnevale castellano e al concorso per le maschere. La giuria, per la prima volta itinerante, ha selezionato in tutto una sessantina di maschere fra le quali ha scelto poi i vincitori. Il premio per la miglior maschera è andato a Mattia “Cavaliere del Torneo”, quello di miglior maschera baby a Matteo “Scudiero”, miglior gruppo è risultato “I Verdi per sempre” composto da bambini di varie età accompagnati da alcuni adulti, con la maschera “Armata Branca Castrum”, in più premio speciale a Daniela e Rebecca mascherate da “Strega e Biancaneve”.

Al termine della premiazione è stata aperta al primo piano del municipio la mostra dei disegni che hanno partecipato al concorso per la locandina del Carnevale (quest’anno dedicato al medioevo) che ha coinvolto le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado. Oltre alla classe 5ªB della primaria Sassatelli, che ha realizzato il disegno vincitore, sono state proclamate le classi prime classificate nei tre ordini scolastici partecipanti: per la scuola dell’infanzia è stato scelto il disegno della sezione H della Ercolani, per la primaria quelli della classe 1ªB della scuola Serotti di Osteria Grande, per la secondaria di primo grado quello della classe I1ªE delle Pizzigotti. Premi speciali a alla 4ªB della scuola Serotti e alla 4ª della Don Luciano Sarti.

Carnevale, premi per il cavaliere, lo scudiero e l’Armata Branca
Foto 27 Febbraio 2017

Carnevale, Fantaveicoli da record, tra sfilata, pubblico e sole

IMOLA
Pubblico da record per una sfilata da record. La ventesima edizione del Carnevale dei Fantaveicoli va in archivio con ben 50 partecipanti (l’anno scorso furono 45) e migliaia di persone ad assistervi, anche dalle finestre delle case lungo il percorso, tra autodromo, viale Dante fino a piazza Matteotti, merito della bella giornata di sole.

Per quanto riguarda i premi, nella categoria Maxi Fantaveicoli (i mezzi di lunghezza superiore a 3.5 mt) la vittoria è andata, a pari merito, a “Caleidoscopio” di Vittorio Tassoni di Imola e ad “Enigma” di Rino Savini, di Faenza. Terzo classificato “Il cubo” di Sante Belluoccio di Imola. Ai primi 1.000 euro e 500 al terzo, in buoni acquisto.

Nella categoria Fantaveicoli la vittoria è andata a “Il burattinaio del mostro di latta” di Biagio Bianchi di Casola Valsenio; secondo posto per “Moto di Tron” di Roberto Torelli di Coloreto (Parma). Terzo posto per “La miniera dei sette nani” di Silvano Gandini, di Pandino (Cremona). Al primo classificato vanno 500 euro; 300 al secondo e 200 al terzo in buoni acquisto.

Nella categoria Gruppi mascherati a vincere è stato “Esprimi un desiderio” de La Compagnia dei babbi e delle mamme di Imola; secondo “Emoticoni” del gruppo Emoticon di Imola; terzo “Gli dei dell’Olimpo – Siamo mitici!” del gruppo “Le arachidi imolesi” di Imola. Nella categoria “Scuole” la vittoria è andata alla scuola primaria Pelloni Tabanelli con il fantaveicolo “Sol la si .., Una musica così!”; al secondo posto la materna Giardino d’infanzia con “Un’avventura al cioccolato”. Alla scuola vincitrice va il Grifon d’Oro, che verrà conservato per un anno, oltre ad una targa della Cooperativa Ceramica d’Imola. Alle scuole partecipanti un contributo economico da parte della Bcc Credito Cooperativo ravennate e imolese.

Il premio di Radio Bruno come fantaveicolo più musicale (biglietti omaggio per concerti offerti da Radio Bruno) è andato al Maxi fantaveicolo “Se senti cantare e suonare … Fermati … Gli uomini malvagi non amano la musica” di Renato Mancini, di Massa Lombarda; il Premio Hera, che consiste in una “Ricicletta”, city bike costruita in alluminio riciclato e che premia il fantaveicolo più riciclato è andato al Maxi fantaveicolo “I giramondo” di Vassilli Borsow.

Foto di Isolapress

Carnevale, Fantaveicoli da record, tra sfilata, pubblico e sole
Foto 14 Febbraio 2017

Donne in piazza contro violenza e sfruttamento

IMOLA
Il 14 febbraio non è solo la festa degli innamorati. Anche quest’anno, infatti, è una giornata mondiale di mobilitazione contro la violenza maschile sulle donne e lo sfruttamento. Anche in piazza Matteotti a Imola questo pomeriggio c’è stato il flash mob “One Billion Rising”, che tradizionalmente unisce danza e impegno.

Foto Isolapress

Donne in piazza contro violenza e sfruttamento
Foto 19 Gennaio 2017

Ricordi di F1, il giornalista Pino Allievi: “A Imola aveva un altro sapore…'

IMOLA
Metti una sera all’autodromo Enzo e Dino Ferrari a motori spenti, ma immaginando di sentire le storiche monoposto in mostra all’interno del Museo Checco Costa accendersi improvvisamente, ed ecco che la voglia di F.1 riesplode rumorosamente, trascendendo passato e presente, perdendosi nel sogno sempre vivo di riportare la massima formula automobilistica in riva al Santerno. Se poi a condurre la serata, organizzata lunedì 16 gennaio da Formula Imola e dal Crame, in sinergia con IF ImolaFaenza tourism company, c’è un Pino Allievi (Gazzetta dello Sport e opinionista Rai) in gran forma, ecco che i ricordi riaffiorano in tutta la loro grandezza. Momento culminante della mostra che nelle scorse settimane ha visto esposte diverse monoposto da F1.

I 27 anni della F.1 a Imola dal 1980 al 2006, i Gran Premi non titolati del ’63 e del ’79, ormai cristallizzati nella memoria di chi li ha vissuti, più ancora di quelli iridati, sono stati passati in rassegna con le testimonianze di personaggi come il manager Giancarlo Minardi, l’ex pilota Pierluigi Martini e l’ingegner Gabriele Tredozi, per tante stagioni direttore tecnico della Minardi in F.1. Il team faentino in pratica si è ricostituito per una sera, con la luccicante Minardi del 1994 in bella mostra davanti ai loro occhi intrisi di nostalgia. Col sindaco di Imola Daniele Manca fra il numerosissimo pubblico intervenuto, col presidente di Formula Imola, Uberto Selvatico Estense, a fare gli onori di casa e con un raggiante

«Io so che Ecclestone è ben disposto nei confronti di Imola quindi datevi da fare per cercare di organizzare un altro Gran Premio come in passato – ha detto Allievi -, io lo spero perché ricordo le la F1 a Imola aveva “un altro sapore”, mi sono sempre divertito tanto insieme al mio amico Ezio Pirazzini». Allievi viene sempre a Imola in occasione della premiazione del premio dedicato agli studenti e intitolato al grande giornalista imolese scomparso.

Durante la serata si sono avvicendati al microfono anche Gianni Torelli, storico restauratore di monoposto di F.1 d’epoca e il giornalista Daniele Buzzonetti.

Foto di Isolapress

Ricordi di F1, il giornalista Pino Allievi: “A Imola aveva un altro sapore…'
Foto 9 Gennaio 2017

La Befana vola sulla piazza con la scopa (o con la teleferica)

IMOLA
Befane che svolazzano e befane sche scendono lungo la facciata del palazzo comunale. Befane per tutti i gusti venerdì scorso in piazza a Imola. Un appuntamento che nonostante il freddo ha portato in piazza tante famiglie e bambini per ricevere la tradizionale calza. A svolazzare a cavallo della scopa grazie ad una teleferica non era una vecchietta però, bensì un vigile del fuoco.

Befane anche in ospedale, in pediatria per far felici i bambini ricoverati.

Foto di Isolapress

La Befana vola sulla piazza con la scopa (o con la teleferica)
Foto 4 Gennaio 2017

Medicina a Capodanno ha bruciato… la violenza contro le donne

MEDICINA
Capodanno particolare a Medicina. Come da tradizione è culminato con il rogo del vecchione, cioè di ciò che si vuole lasciare alle spalle per guardare al futuro con speranza. E quest’anno è toccato alla violenza contro le donne: “Il 2016 è stato anno bisestile e sempre per tradizione il vecchione è rappresentato dalla donna – spiega Amerigo Setti presidente della Pro Loco di Medicina – quest’anno, in accordo con l’Associazione “Per le Donne” e grazie al lavoro dei volontari Riccardo Benelli e Marisa Galli, è stata raffigurata una donna purtroppo vittima di violenza. Lasciare questa immagine all’anno vecchio vuole essere di buon auspicio affinché l’anno a venire non porti più violenza sulle donne”.

Ai piedi della “vecchia” è stato posto lo striscione fatto dagli studenti del liceo Giordano Bruno e dell’istituto Canedi in occasione della fiaccolata dell’8 marzo scorso contro la violenza sulle Donne.

Medicina a Capodanno ha bruciato… la violenza contro le donne
Foto 3 Gennaio 2017

Capodanno con fuochi e applausi a Imola e Castel San Pietro

IMOLA-CASTEL SAN PIETRO
L’arrivo del 2017 è stato festeggiato con i fuochi d’artificio a Imola e a Castel San Pietro.

La Rocca di Imola è stata lo scenario di un vero e proprio spettacolo pirotecnico-musicale al quale hanno assistito davvero migliaia di persone culminato con un lungo e spontaneo applauso finale. Con i fuochi che nel gran finale illuminavano a giorno il cielo stellato e la rocca, sulle emozionanti note di Ennio Morricone dal film “Il buono, il brutto e il cattivo”. Il tema scelta era Caterina, signora di Imola, indomita guerriera e carismatica personalità che legò in maniera indelebile il proprio nome a queste terre. Dopo i fuochi la festa è continuata al mercato ortofrutticolo con la musica di Natale Zero Pare.

A Castel San Pietro protagonisti i comici Zelig, Henry Zaffa, Duo Torri, Fra’ Gaudenzio e Osvaldo Fresia, che al termine dello spettacolo al Cassero si sono recati nella piazza di fianco al teatro, e tra vin brulè e panettoni hanno continuato a divertire il pubblico con le loro battute. A mezzanotte hanno preso il via i fuochi d’artificio dalla torre del Cassero caratterizzati dalla suggestiva cascata di luce. La mattina dell’1 gennaio la città si è poi svegliata con i tradizionali auguri del Corpo bandistico che ha suonato lungo le strade della città e in piazza XX Settembre, dove i cittadini hanno brindato al nuovo anno con il saluto dell’Amministrazione Comunale.

Foto di Isolapress

Capodanno con fuochi e applausi a Imola e Castel San Pietro

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast