Cronaca

Cronaca 20 Luglio 2022

Lavori in corso per il nuovo ponte di via Guazzaloca a Medicina

MEDICINA

Sono partiti i lavori di rifacimento del ponte di via Guazzaloca che garantisce il collegamento con via Buda a Medicina. La struttura in muratura è stata demolita completamente perché pericolante e verrà costruito un nuovo ponte in struttura metallica.

L’Amministrazione comunale medicinese ha finanziato l’intero progetto che ammonta a circa 300 mila euro e ha sottoscritto un accordo con la Bonifica Renana per la progettazione dell’opera ed esecuzione dei lavori che saranno ultimati indicativamente entro la fine di ottobre 2022.

Il ponte, realizzato subito dopo la II Guerra Mondiale, già nel 2020 era stato chiuso al traffico a causa di un cedimento delle fondazioni che aveva compromesso la spalla, l’imposta e parte dell’intradosso dell’arcata creando danni piuttosto consistenti.

“Si tratta di un intervento di messa in sicurezza importante per i residenti della zona e per tutte le attività agricole che in questi mesi sono state limitate dall’interruzione della viabilità” dice il sindaco Matteo Montanari. (r.cr.)

Lavori in corso per il nuovo ponte di via Guazzaloca a Medicina
Cronaca 20 Luglio 2022

Caldo record in aumento almeno fino a venerdì, disagio bioclimatico in pianura e zona pedecollinare

I 35.8 registrati dall’Arpae alle ore 17 di oggi a Castel San Pietro e i 36.4 di Imola delle ore 14-15 rischiano di essere solo un assaggio di quello che vedremo nei prossimi giorni. Le previsioni dell’Agenzia regionale avvertono che per domani e dopodomani avremo situazioni di disagio bioclimatico che venerdì interesserà quasi tutta l’area di pianura della regione Riviera compresa. Bologna è tra le città da bollino rosso per il rischio elevato di ondate di calore e lo rimarrà sicuramente a venerdì. Come previsto da giorni l’ondata di calore che sta imperversando in Europa si è allargata anche al nostro Paese. 

“Nella giornata di domani e nei giorni successivi è previsto un ulteriore aumento delle temperature, sulla pianura e nella fascia pedecollinare emiliana le temperature potranno raggiungere valori superiori a 38 gradi” ha rilanciato il sindaco di Imola, Marco Panieri sul suo canale Telegram.

L’Ausl di Imola ricorda che “Quando la temperatura e l”umidità dell”aria aumentano, le capacità dell”organismo di raffreddarsi diminuiscono considerevolmente, aumentano traspirazione e sudorazione – meccanismo peraltro fondamentale che il nostro corpo mette in atto per disperdere calore – e si incorre nel pericolo maggiore: la disidratazione”. E occorre fare attenzione soprattutto per anziani e bambini: uscire di casa preferibilmente al mattino presto e dopo il tramonto, mentre tra le ore 11 e le 17 “sole, calore, umidità ed ozono rendono pericolosa qualsiasi attività all”aperto”. (r.cr.)

Caldo record in aumento almeno fino a venerdì, disagio bioclimatico in pianura e zona pedecollinare
Cronaca 20 Luglio 2022

Ozzano sempre più «green», al via il progetto di forestazione urbana

Il progetto di forestazione urbana presentato dal Comune di Ozzano alla Regione per il bando «Settore aree protette, forestazione, cura del territorio e dell”ambiente» si è classificato al secondo posto della graduatoria per importo ottenuto. In pratica, il contributo ottenuto è di 42.917,67 euro (pari al 75% del totale dei costi ammessi).

Il bando emanato dalla Regione e rivolto ai Comuni di pianura ha, come finalità, quella di prevedere interventi di forestazione urbana mettendo a dimora arbusti e piante autoctone ed adeguate all’assorbimento dei principali agenti inquinanti atmosferici e resistenti ai cambiamenti climatici con l”obiettivo di dare più spazio, all”interno delle città e in genere, dei centri abitati, al polmone verde rappresentato dagli alberi. Nel complesso il progetto prevede la messa a dimora di ben 1298 alberi, tra cui lauri, carpini bianchi, pioppi bianchi, frassini, ciliegi selvatici, aceri campestri e roveri, e 1149 arbusti (ginestre, frangoli, sanguinelle e rosa canina) per un totale complessivo di ben 2447 fra alberi e arbusti messi a dimora sul territorio.

«Nello specifico abbiamo previsto di intervenire su alcune aree di proprietà comunale collocate in contesti differenti – precisa la vicesindaca Mariangela Corrado-. Alcune sono situate a confine tra le costruzioni delle zone produttive e il contesto agricolo, in particolare nelle zone industriali di Mercatale e di Quaderna, dove la forestazione proposta avrà la funzione di filtro a mitigazione degli effetti dell’urbano (come inquinanti e calore), valorizzando porzioni del territorio ora non utilizzate. Il progetto prevede qui le operazioni di annaffiatura di soccorso per i primi due anni così da garantire l’attecchimento. L’area invece dove si interviene maggiormente con le nuove piantumazioni interessa i parchi pubblici lungo il Rio Marzano: l’area intitolata ai Donatori di Sangue e la nuova porzione a sud. Qui l’intervento è finalizzato a potenziare la dotazione di alberature e arbusti a fini ambientali e fruitivi, creando anche zone in ombra vicino ai camminamenti e alle piattaforme di sosta. In questo contesto è prevista la realizzazione dell’impianto di irrigazione».

Nella foto: il parco pubblico del Rio Marzano intitolato ai «Donatori volontari di sangue Avis»  

   

Ozzano sempre più «green», al via il progetto di forestazione urbana
Cronaca 20 Luglio 2022

Lega di Salvini, Riccardo Sangiorgi segretario a Imola. La sfida a Vacchi (FdI) per la leadership del centrodestra

La Lega di Salvini riscrive i suoi vertici nell’imolese. Il congresso di lunedì ha indicato Riccardo Sangiorgi segretario ed eletto nel direttivo Marco Casalini, Federico Bitelli, Maria Grazia Villani e Sonia Caroli. La serata è stata anche l”occasione per il congresso della sezione della Valle del Santerno, che sarà guidata dalla segretaria Flaviana Camaggi con Iliano Berti e Maurizio Ronchini nel direttivo. A sovrintendere ai congressi il deputato Iacopo Morrone, segretario della Lega Romagna.

«La scelta della mia candidatura – ha detto Sangiorgi, consigliere comunale a Imola – è il risultato naturale di un percorso nato circa un anno fa, quando ho avuto l”opportunità di rappresentare la Lega Imola come referente locale».

Sangiorgi annuncia un nuovo percorso per la Lega Imola e annuncia di voler «creare un progetto vincente e credibile agli occhi della cittadinanza»  in vista delle elezioni politiche e di quelle amministrative.

Sangiorgi dovrà mantenere alla Lega la leadership nel centrodestra, messa in discussione dalla crescita del partito Fratelli d’Italia guidato a Imola da Nicolas Vacchi. (r.cr.)

Lega di Salvini, Riccardo Sangiorgi segretario a Imola. La sfida a Vacchi (FdI) per la leadership del centrodestra
Cronaca 19 Luglio 2022

Stop al prelievo di acqua dai fiumi Santerno e Sillaro, gli aggiornamenti ogni martedì sul sito www.arpae.it

Semaforo rosso al prelievo di acqua dai fiumi Santerno e Sillaro. Le ordinanze che regolamentano gli attingimenti sono state sostituite da una pagina web sul sito www.arpae.it, che ogni martedì alle ore 19 aggiorna l’utenza sullo stato idrologico dei fiumi in Emilia Romagna e sui conseguenti divieti di prelievo, un sistema introdotto in via sperimentale nel 2021 e che quest’anno è diventato pienamente operativo. I bacini idrici risultano colorati di verde, giallo o rosso a seconda del superamento o meno del livello minimo vitale del corso d’acqua.

«In riferimento ai bacini relativi al torrente Sillaro – spiega  Donatella Bandoli, responsabile del servizio Gestione demanio idrico di Arpae – la transizione di colore dal giallo al rosso è iniziata il 21 giugno scorso. Al 12 luglio tutti i bacini del Sillaro risultavano rossi. Per quanto riguarda il Santerno, alcuni bacini son diventati rossi il 12 luglio. Allo stato attuale, la colorazione dominante rimane rossa, a meno di alcuni bacini situati nella parte alta del Santerno che risultano gialli». Quando non può essere effettuato alcun prelievo devono essere rimosse dal corpo idrico anche le opere mobili per il prelievo della risorsa. Le violazioni alle disposizioni sono punite con una sanzione amministrativa. (lo.mi.)

Stop al prelievo di acqua dai fiumi Santerno e Sillaro, gli aggiornamenti ogni martedì sul sito www.arpae.it
Cronaca 19 Luglio 2022

Nuovi dirigenti scolastici a Imola: all’Alberghetti arriva l’ex sindaco Marco Macciantelli, all’IC4 ecco Manuela Muscherà

«Un pensiero di benvenuto e di buon lavoro ai nuovi dirigenti scolastici nominati per il nostro territorio, insieme a tutti coloro che continueranno la loro esperienza nelle scuole di Imola ed un ringraziamento ai dirigenti che lasciamo le scuole cittadine, destinati a nuovi incarichi in altri territori». È questo il pensiero del vicesindaco ed assessore alla Scuola del Comune di Imola, Fabrizio Castellari, alla luce delle nuove nomine disposte dall’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna. 

Tra le novità vi è la nomina del professor Marco Macciantelli, ex sindaco di San Lazzaro dal 2004 al 2014, come nuovo dirigente scolastico dell’Istituto Alberghetti (ad oggi il ruolo era ricoperto ad interim dal professor Gian Maria Ghetti, dirigente dello Scarabelli, che aveva la reggenza per l’Alberghetti), mentre all’IC4 arriva la nuova dirigente professoressa Manuela Muscherà, residente ad Imola, che in precedenza è stata dirigente ad Argenta, che prende il posto della prof.ssa Laura Santoriello che dall’IC4 passa al Cpia. Infine, il trasferimento a Bologna della professoressa Angela Rita Iovino, fino a ieri dirigente dell’IC1, che al momento resta «scoperto» in attesa della nomina di un nuovo dirigente. (r.cr.)

Nella foto: il professor Marco Macciantelli

Nuovi dirigenti scolastici a Imola: all’Alberghetti arriva l’ex sindaco Marco Macciantelli, all’IC4 ecco Manuela Muscherà
Cronaca 19 Luglio 2022

Castel San Pietro festeggia la riqualificazione di via Matteotti con negozi aperti e mercato

Grande festa a Castel San Pietro, domani sera, dopo la fine della prima parte dei lavori di riqualificazione del centro storico, che hanno interessato la parte alta di via Matteotti, compresa tra piazza XX Settembre e piazza Vittorio Veneto, con il rifacimento delle sottostanti reti di acqua e gas e degli allacci alle utenze da parte di Hera, e della pavimentazione in porfido a cura del Comune.

«Siamo molto contenti della conclusione dei lavori della prima tranche dell’imponente intervento di riqualificazione del centro storico durati quasi cinque mesi – commenta Fausto Tinti, primo cittadino –. Festeggiare questo importante risultato con i cittadini e con gli operatori commerciali che hanno dimostrato tanta pazienza in questi lunghi mesi di chiusura al traffico e di disagi per la mobilità ci sembrava il minimo che potessimo fare. Il rifacimento della pavimentazione in porfido, che ha previsto anche il più impegnativo rinnovo delle sottostanti reti di acqua e gas e degli allacci alle utenze, rende il cuore della nostra città ancora più bello e caratteristico. In attesa di concederci il bis quando sarà riqualificata anche via Cavour, prendiamoci questa serata e alziamo i calici per brindare tutti insieme». (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune di Castel San Pietro, il brindisi con tecnici e commercianti del 12 luglio

Castel San Pietro festeggia la riqualificazione di via Matteotti con negozi aperti e mercato
Cronaca 18 Luglio 2022

Dimissioni Draghi, anche i sindaci del Circondario e di Ozzano firmano la lettera per chiedere al premier a restare

Al di là di come andrà a finire l’ennesima crisi di Governo che interessa il nostro mondo politico, e prima del discorso alle Camere di mercoledì 20 luglio in cui il presidente del Consiglio Mario Draghi scioglierà le riserve e deciderà confermare le sue dimissioni dopo la mancanza del voto di fiducia del Movimento 5 Stelle sul decreto Aiuti o fare retromarcia, anche i sindaci del Circondario imolese, a cui si è aggiunto Ozzano Emilia, si sono schierati perché il premier resti al proprio posto a capo del Governo.

Per dimostrarlo hanno firmato, così come oltre mille primi cittadini in tutta Italia, una  lettera aperta. A sottoscrivere il documento quindi, oltre al sindaco di Imola Marco Panieri, anche Fausti Tinti (Castel San Pietro), Matteo Montanari (Medicina), Luca Abertazzi (Dozza), Beatrice Poli (Casalfiumanese), Mauro Ghini (Borgo Tossignano), Gabriele Meluzzi (Fontanelice), Alberto Baldazzi (Castel del Rio), Nicola Tassinari (Mordano), Claudio Franceschi (Castel Guelfo) e Luca Lelli (Ozzano Emilia).
«L’Italia non può permettersi una crisi di governo incomprensibile e la perdita di una risorsa preziosa come Mario Draghi – spiega il sindaco di Imola e presidente del Circondario Marco Panieri -. Le forze politiche che hanno sostenuto il Governo e che sono responsabili verso il Paese chiedano al presidente di proseguire il lavoro: Pnrr, inflazione, legge di bilancio, caro-bollette. Le necessità e le emergenze sono tante. Nel quadro delicatissimo di oggi, i Comuni e le Amministrazioni locali hanno bisogno di una guida solida, autorevole e competente». Un commento su quanto sta succedendo in Italia è stato rilasciato anche dal sindaco di Dozza, Luca Albertazzi. «In questo particolare momento critico e difficile, a prescindere da come la si pensi dal punto di vista politico, è inconcepibile che il Paese venga trascinato nell’ennesima crisi di Governo.  La politica deve dare prova di serietà anteponendo agli interessi di parte quelli collettivi. Questo principio dovrebbe essere sempre valido ma ora, dinnanzi alle difficoltà e alle sfide che ci spettano, diventa ancora più importante. Concretezza e serietà devono prevalere sulle polemiche sterili e superficiali».

Il testo della lettera
«Con incredulità e preoccupazione assistiamo alla conclamazione della crisi di Governo generata da comportamenti irresponsabili di una parte della maggioranza. Le nostre città, chiamate dopo la pandemia e con la guerra in corso ad uno sforzo inedito per il rilancio economico, la realizzazione delle opere pubbliche indispensabili e la gestione dell’emergenza sociale, non possono permettersi oggi una crisi che significa immobilismo e divisione laddove ora servono azione, credibilità, serietà. Il presidente Mario Draghi ha rappresentato fino ad ora in modo autorevole il nostro Paese nel consesso internazionale e ancora una volta ha dimostrato dignità e statura, politica e istituzionale. Draghi ha scelto con coraggio e rigore di non accontentarsi della fiducia numerica ottenuta in aula ma di esigere la sincera e leale fiducia politica di tutti i partiti che lo hanno sostenuto dall’inizio.  Noi sindaci, chiamati ogni giorno alla difficile gestione e risoluzione dei problemi che affliggono i nostri cittadini, chiediamo a Mario Draghi di andare avanti e spiegare al Parlamento le buone ragioni che impongono di proseguire l’azione di governo. Allo stesso modo chiediamo con forza a tutte le forze politiche presenti in Parlamento che hanno dato vita alla maggioranza di questo ultimo anno e mezzo di pensare al bene comune e di anteporre l’interesse del Paese ai propri problemi interni. Queste forze, nel reciproco rispetto, hanno il dovere di portare in fondo il lavoro iniziato in un momento cruciale per la vita delle famiglie e delle imprese italiane. Se non dovessero farlo si prenderebbero una responsabilità storica davanti all’Italia e all’Europa e davanti alle future generazioni. Ora più che mai abbiamo bisogno di stabilità, certezze e coerenza per continuare la trasformazione delle nostre città perché senza la rinascita di queste non rinascerà neanche l’Italia». (r.cr.)

Nella foto: i sindaci del Circondario imolese

Dimissioni Draghi, anche i sindaci del Circondario e di Ozzano firmano la lettera per chiedere al premier a restare
Cronaca 18 Luglio 2022

Dozza rifà il look all’asfalto delle sue strade. Lavori fino a venerdì

Hanno preso il via oggi gli interventi di manutenzione straordinaria di più di 5 chilometri di strade del Comune di Dozza, per una spesa complessiva di circa 65.000 euro.
I lavori interesseranno via Nuova Sabbioso, nel tratto dal civico n.19 al civico n.2, oggi e domani, via Felicione, nel tratto dalla via Vigne nuova per 150 metri verso est, e il piazzale d’ingresso del cimitero, mercoledì mattina, via Ferraruola, nel tratto dalla via Gardengo al civico n.4, mercoledì pomeriggio, e via Valsellustra, dal cartello doppia curva pericolosa adiacente al civico n.62 per un tratto di 250 metri verso sud, giovedì e venerdì.

«Proseguiamo la nostra opera di messa in sicurezza delle strade comunali seguendo un filone di priorità – spiega Luca Albertazzi, primo cittadino di Dozza –. Si parte dal completamento dell’intervento di riqualificazione del manto di via Nuova Sabbioso, un lungo lavoro iniziato ormai da qualche tempo, che è il principale collegamento d’unione tra la frazione di Toscanella e Dozza. Gli altri tratti coinvolti nella manutenzione straordinaria sono stati individuati dopo un’attenta analisi delle criticità e dei flussi di traffico. Anche se viviamo in un’epoca in cui le risorse disponibili non sono direttamente proporzionali ai molteplici problemi da risolvere, proseguiamo con forza quegli investimenti dedicati al mantenimento ed alla cura dei comparti strategici del nostro paese. La sicurezza stradale è uno di questi». (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune di Dozza, i lavori in via Sabbioso di questa mattina

Dozza rifà il look all’asfalto delle sue strade. Lavori fino a venerdì

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA